ADSL slitta ancora nel buio

TIN annuncia tra gli equivoci che ritarda le prime attivazioni a dopo il prossimo 26 gennaio. E intanto, tra i fornitori ADSL, c'è chi inizia a lamentarsi per i ritardi Telecom

ADSL slitta ancora nel buioRoma - Telecom Italia Net aveva annunciato in pompa magna che dal 10 gennaio avrebbe iniziato a trasmettere i contratti agli utenti interessati ad attivare una connessione ADSL nelle 25 principali città italiane. Il 10 non è successo granché e si è saputo, solo in questi giorni, che TIN.it ha spostato al 26 la data dell'inizio delle "danze".

Sulle pagine dedicate all'offerta TIN, è apparso infatti un messaggio secondo cui "il nuovo servizio di Tin.it sarà attivo nelle principali città italiane e, su disposizione dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, non sarà commercializzato prima del 26 gennaio 2000".

Ciò che colpisce è che nella delibera dell'Authority, che risale al 21 dicembre e in base alla quale TIN fece i suoi annunci sul 10 gennaio, non c'è traccia di alcuna disposizione che preveda uno "slittamento" al 26. Probabilmente, invece, ci sono problemi di tempistica e di tipo "tecnico", visto che, secondo qualcuno, soltanto adesso Telecom avrebbe iniziato ad adeguare le infrastrutture alle necessità dell'ADSL.
Il punto chiave è capire se il 26, finalmente, TIN partirà. E questo perché anche gli altri fornitori ADSL, gli operatori che da tempo hanno investito in strutture per arrivare a poter definire proprie offerte, devono attendere che Telecom Italia sia pronta, ovvero che centraline e infrastrutture siano state "aggiornate" per "ospitare" l'ADSL.

Questo è il caso di Telvia, l'operatore romano con cui abbiamo parlato e che è intenzionato a lanciare ADSL su Roma e nelle più grandi città italiane. Nella chiacchierata con Salvatore Privitera, IT Manager dell'azienda, sono emersi alcuni dei punti nodali e dei problemi relativi all'offerta ADSL.
TAG: adsl