Acerbo (PRC): no alle censure online

Dichiarazione

Roma - Il parlamentare di Rifondazione Comunista/Sinistra Europea Maurizio Acerbo ha diffuso in queste ore il comunicato che segue con cui si oppone a prese di posizione censorie che in questi giorni si moltiplicano sulla rete italiana:

"Ho letto le preoccupanti dichiarazioni del ministro Fioroni pubblicate sul Messaggero a proposito del video girato da chi ha abusato di un disabile, pubblicando poi il filmato su Youtube. Comprendo che l'indignazione abbia spinto il ministro Fioroni a conclusioni così sbrigative, ma non posso che esprimere un netto dissenso. Rilevo che un problema reale (reprimere la vessazione di persone indifese) si è tradotto nella promessa (o meglio, minaccia) di un "giro di vite" sui diritti di imprese e cittadini".

"Le prime (specie quelle del settore telecomunicazioni) rischiano di essere, a tutti gli effetti, trasformate in censori e sceriffi privati, e dunque costrette a violare pesantemente la riservatezza e la libertà di espressione degli utenti della rete. I secondi, vedono ulteriormente compressi gli spazi di libertà nell'utilizzo di nuovi mezzi di comunicazione. E tutto, senza aumentare di un milligrammo il peso della protezione dei più deboli".
"La più totale condanna nei confronti degli autori di gesti inaccettabili come quelli di cui parlano le cronache non giustifica il fatto che, sull'onda dell'emozione suscitata dall'evento, vengano promosse leggi liberticide che non risolvono il problema dell'abuso dei mezzi di comunicazione, ma schiacciano ingiustamente soggetti del tutto estranei all'illegalità".
15 Commenti alla Notizia Acerbo (PRC): no alle censure online
Ordina
  • Il sig. Acerbo, come il sig. Di Pietro, hanno pronunciato splendide parole nel nome della libertà. Ma voglio ricordare che senza il voto dei loro due partiti, a meno di una trasversalità bi-partisan che mi pare molto improbabile, non passa nessuna legge, almeno dal senato.
    Vedremo se alle parole seguiranno i fatti oppure se la salvaguardia del cadreghino prevarrà ancora una volta.

  • - Scritto da: scribble
    > Il sig. Acerbo, come il sig. Di Pietro, hanno
    > pronunciato splendide parole nel nome della
    > libertà. Ma voglio ricordare che senza il voto
    > dei loro due partiti, a meno di una trasversalità
    > bi-partisan che mi pare molto improbabile, non
    > passa nessuna legge, almeno dal
    > senato.
    > Vedremo se alle parole seguiranno i fatti oppure
    > se la salvaguardia del cadreghino prevarrà ancora
    > una
    > volta.

    Non credo che nessuno avrà la volontà di porre la fiducia su provvedimenti di questa natura, sarebbe decisamenteun abuso dello strumento parlamentare.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: scribble
    > > Il sig. Acerbo, come il sig. Di Pietro, hanno
    > > pronunciato splendide parole nel nome della
    > > libertà. Ma voglio ricordare che senza il voto
    > > dei loro due partiti, a meno di una
    > trasversalità
    > > bi-partisan che mi pare molto improbabile, non
    > > passa nessuna legge, almeno dal
    > > senato.
    > > Vedremo se alle parole seguiranno i fatti oppure
    > > se la salvaguardia del cadreghino prevarrà
    > ancora
    > > una
    > > volta.
    >
    > Non credo che nessuno avrà la volontà di porre la
    > fiducia su provvedimenti di questa natura,
    > sarebbe decisamenteun abuso dello strumento
    > parlamentare.

    Con una maggioranza così risicata ogni volta che si va sotto su una legge si rischia scoppi il putiferio. Certo c'è sempre l'arma del governo tecnico (o del D'Alema bis).
    Scusa ma... che schifo.
  • Quel genio della moglie di Fassino (che fino a stasera reputavo una delle poche persone serie fra l'immondizia politica generale, ma visto che ha sposato 'sta tizia, inizio seriamente a dubitarne) propone nel frattempo:

    a) Un Authority per sorvegliare i videogiochi

    b) Una censura che si spinga fino al divieto di commercializzazione perchè "c'è il problema del download illegale: per questo motivo bisogna bloccare la commercializzazione." (scusaaaa????????????)

    c) Condanna i videogiochi in genere

    e... (la chicca)

    d) Confessa di non saper accendere nemmeno la Playstation e di non sapere un cacchio di nulla di informatica e qualsiasi cosa gli vada attorno!

    Quest'improbabile parlamentare è stata nominata pure Presidente della commissione bicamerale per l'infanzia. Ovviamente solo per una coincidenza lei è moglie di Fassino.

    Il tutto in un parlamento in cui il suo comodo cu7o è lì solo grazie al voto giovane che ha fatto la differenza permettendo una maggioranza alla Camera!!!

    Io sono ormai sinceramente disgustato oltremisura da questa feccia politica, da destra a sinistra.
  • Fassino è il segretario politico dei DS, il partito del malaffare.
    Come può essere una persona seria?
    Vieni a vedere come gestiscono gli appalti della sanità in Emilia Romagna.
    non+autenticato
  • > che fino a
    > stasera reputavo una delle poche persone serie

    Ecco, a me invece ha sempre dato l'impressione di un simulacro di persona seria, un sepolcro imbiancato, una mummia i cui arti conservano un minimo di flessibilità per via di misteriose iniezioni.
    non+autenticato
  • E la pianti di dire castronerie su Internet e di fare proposte censorie idiote sulla Rete.
    Non sa nemmeno di cosa parla e farebbe bene a stare zitto sulle cose che non conosce per evitare di fare figure di merda con il solo scopo di far parlare i MEDIA cacciatori di "scoop" tanto per riempire le pagine dei loro giornali e riempire la testa di falsità al gregge delle tv ITALIOTE.
    non+autenticato
  • > E la pianti di dire castronerie su Internet e di
    > fare proposte censorie idiote sulla
    > Rete.

    Se pensa alla scula come pensa alla rete, le prossime generazioni saranno composte di asini buoni per fare i politici.
    non+autenticato
  • Bisognava aspettare un parlamentare di Rifondazione Comunista perchè uscissero dichiarazioni sensate su Internet e sulle solite prese di posizioni idiote di chi della Rete non sa nulla e vuole solo tenerla sotto controllo per succhiare meglio tangenti dalle Multinazionali dell' Impero del Male del tipo MAJOR o dalle miriadi di associazioni di invasati giustizieri che pervadono la penisola e che si ergono a "paladini" del cosa fare e cosa dire in Rete.
    Questi "paladini" sono il vero cancro della Rete e vanno combattuti perchè penso che non siano nemmeno in buona fede dicendo le castronerie che dicono sulla Rete, e le loro IDIOTE proposte censorie che continuamente fanno a ruota libera ad ogni occasione sono da respingere con forza e con sdegno.
    non+autenticato
  • Io personalmente censurerei il blog del ministro fioroni.
    http://www.giuseppefioroni.margheritaonline.it/mod...

    Leggete i commentiSorride (a chi interessa il porno).

    Chi apre un sito su internet è cmq responsabile del contenuto anche se messo da terzi.
    Non si fa così, un ministro che ha link a siti porno sul suo blog.
  • E' coerente! Ha chiuso il blog!A bocca aperta
    (Almeno, in questo momento recita un fantomatico "Sito in aggiornamento")
  • si ho visto...

    Per i fans accaniti che vogliono cmq visitare l'elenco dei siti porno presenti come commenti sul blog del ministro può farlo attraverso la bella cache di googleSorride
    http://72.14.221.104/search?q=cache:gCYphPhodr8J:w...

    Mi sa che per censurare questa deve metterci qualche tempo in +Sorride
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)