PSP, l'homebrew ha il suo DRM

Nel panorama dei software amatoriali per PSP se n'è aggiunto uno che può essere utilizzato dagli sviluppatori per proteggere le proprie applicazioni homebrew, le stesse che girano su PSP aggirando le protezioni di Sony. Un paradosso?

Roma - Un programmatore della comunità homebrew di PSP ha sviluppato un programma proof of concept per dimostrare come sia possibile proteggere le applicazioni per PSP "fatte in casa". Lo scopo del programma, sviluppato da un certo Xart, è quello di crittare l'immagine di un'applicazione per impedire ad altri di modificarne il codice attraverso un editor esadecimale.

Alcuni hanno definito il programma una sorta di "DRM degli hacker", sottolineando così in modo ironico il paradosso insito nell'uso, da parte degli sviluppatori di software homebrew, di sistemi di protezione simili a quelli da loro stessi bypassati per far girare i propri programmi su PSP.

Xart afferma di aver sviluppato il proprio sistema di crittazione, chiamato Data Array Scrambling (DAS), con la sola intenzione di proteggere il software amatoriale da coloro che lo copiano e ne cancellano le attribuzioni di proprietà (credit), ridistribuendolo magari sotto un proprio nick.
Lo sviluppatore ha anche precisato che il proprio tool non è completo, ed è stato creato solo a titolo dimostrativo. Nonostante questo, il software può essere utilizzato per crittare e decrittare l'immagine di un programma homebrew per PSP.

DAS può essere scaricato da qui.
8 Commenti alla Notizia PSP, l'homebrew ha il suo DRM
Ordina