MS sfida Adobe con Expression Studio

Arriva Expression Web, primo pezzo della prima suite integrata per la grafica e lo sviluppo web targata BigM. Aggiornate anche le versioni di test delle altre applicazioni Expression

Redmond (USA) - All'inizio della settimana Microsoft ha introdotto sul mercato Expression Web, primo componente di una suite di prodotti, nota come Expression Studio, con cui il prossimo anno BigM tenterà di insidiare Adobe là dove questa è storicamente più forte: il mercato della grafica e dello sviluppo di siti e applicazioni web.

Precedentemente noto con il nome in codice Quartz, Expression Web è un software per il web authoring professionale che si affianca al giovane erede di FrontPage, SharePoint Designer. Mentre quest'ultimo è profondamente integrato con Office e con SharePoint Server, e include funzionalità per il lavoro di gruppo, Expression Web si rivolge maggiormente agli sviluppatori individuali.

Microsoft spiega che Expression Web supporta tutte le combinazioni di HTML, XHTML e CSS ed è in grado di generare pagine web compatibili con i principali browser oggi in circolazione.
Microsoft ha anche rilasciato la prima beta pubblica di Expression Blend e una nuova Community Technology Preview (CTP) di Expression Design, due applicazioni che, insieme a Expression Media, nel secondo trimestre del 2007 completeranno la suite Expression Studio.

Expression Blend, prima noto come Sparkle Interactive Designer, è un tool per sviluppatori dedicato alla progettazione di interfacce grafiche utente interattive. Expression Design, il cui nome in codice era Acrylic, è invece un programma di grafica che riunisce funzionalità per la grafica bitmap, vettoriale e 3D. Questo software permette di inglobare le immagini all'interno di un file XAML, un formato nativamente supportato da Windows Vista. Expression Media sarà invece una versione rimarchiata di iView MediaPro, che consente di gestire, ricercare e tenere traccia di una grande varietà di formati audio/video e d'immagine.

Tutte le applicazioni che faranno parte di Expression Studio sfrutteranno le caratteristiche del motore grafico di Windows Vista, Windows Presentation Foundation, e supporteranno la tecnologia ASP.NET 2.0. Pur se tagliati su misura per Windows Vista, questi nuovi strumenti potranno girare anche su Windows XP e 2003 per mezzo del MS.NET Framework 3.0.

Le versioni dimostrative o di test delle applicazioni di Expression Studio possono essere scaricate dal sito ufficiale.

Microsoft ha anche rilasciato la prima CTP pubblica di WPF/E, acronimo di Windows Presentation Foundation/Everywhere, una tecnologia che si pone in diretta rivalità con quella Flash di Adobe.

Basata su XAML e JavaScript, WPF/E è un sottoinsieme di Windows Presentation Foundation che permette agli sviluppatori di utilizzare gli stessi tool per creare interfacce per Windows e per il Web. Il codice XAML può infatti essere scritto con Expression Blend e Design, e con quest'ultimo è possibile esportare le interfacce direttamente nel formato WPF/E.
64 Commenti alla Notizia MS sfida Adobe con Expression Studio
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)