Aduc: no alla conciliazione con le telco

L'associazione ritiene che l'obbligo di conciliazione, per i contenziosi con gli operatori, sia da abolire: serve solo a far guadagnare soldi ai gestori

Firenze - I provvedimenti presi dall'Agcom non sono efficaci e, anzi, "stanno facendo aumentare i problemi". È questo, in sintesi, il messaggio lanciato da Aduc, che evidenzia un aumento del numero di contestazioni di bollette gonfiate da servizi mai richiesti e consumi mai effettuati, ed aggiunge: la conciliazione obbligatoria è da abolire.

L'approccio dell'associazione nei confronti dell'Authority, che torna alla carica sull'argomento dei servizi TLC non richiesti, è fortemente critico, ma non del tutto negativo: "C'è da vedere - osserva Aduc - cosa succederà con i provvedimenti più recenti, che stabiliscono multe più salate e la possibilità di sospendere i pagamenti dei servizi contestati fino alla soluzione della contesa e senza che gli stessi siano nel frattempo sospesi".

"Ma mentre ne aspettiamo fiduciosi gli effetti, registriamo un aumento esponenziale delle contestazioni e delle segnalazioni. Il problema più grosso, per contestare - aggiunge Aduc - è che c'è un imbuto stabilito dal legislatore, la conciliazione obbligatoria". Una soluzione che l'associazione reputa "solo un piacere ai vari gestori, ché riescono così a levarsi il problema guadagnando soldi che neanche lontanamente gli spetterebbero".

Per motivare queste affermazioni, Aduc ne riassume l'iter ritenuto tipico sulla base di quanto segnalatole: in seguito alle contestazioni formulate ai gestori, l'utente che non riceve risposta deve passare alla conciliazione presso il Corecom (presenti solo nei capoluoghi di regione, per cui scomodissimi, sottolinea l'associazione, per chi risiede lontano e può quindi scoraggiarsi dal proseguire il contenzioso). "Talvolta i gestori non si presentano alla convocazione" perché, osserva l'associazione "sanno di avere ragione e se il consumatore testardo si rivolgerà poi dal giudice di pace per una causa in contenzioso, loro non potranno che vincere. Ma è più probabile che il consumatore, perché non ha tempo, non è sicuro, non è preparato, non continuerà, lascierà morire la cosa lì e pagherà quanto richiesto". Quando invece il gestore si presenta, evidenzia Aduc, "lo fa perché sa di avere torto. È lì con un avvocato che si confronterà col singolo consumatore, facendo "muso duro" sulla richiesta di pagamento e poi, via via divenendo più malleabile, dicendosi prima disponibile alla rateazione del medesimo pagamento e poi facendo uno sconto sulla richiesta". Sconto che verrà quasi certamente accettato, afferma Aduc, dall'utente intimorito da un professionista come l'avvocato e dalla prospettiva di dover affrontare un lungo iter e procurarsi a sua volta assistenza legale.
"Le conciliazioni del Corecom possono servire - conclude l'associazione - ma solo in quei rari casi in cui i contendenti sono pari come forza, perché quando c'è una sproporzione, come nei casi portati ad esempio, la bilancia pende sempre dalla parte delle aziende contro i consumatori. Diverse, per l'appunto, le conciliazioni dal giudice di pace o in camera di commercio tra consumatore e commerciante o artigiano o amministratore di condominio, dove la distanza di forza dei contendenti è molto minore".
2 Commenti alla Notizia Aduc: no alla conciliazione con le telco
Ordina
  • Circa un mese fa mi arriva una bolletta della Telecom di Euro 232.50 e dico questi sono matti.
    Io di solito spendo massimo Euro 75 con la flat 56K e la Teleconomy Relax !!! Già un bel furto considerando la linea analogica.
    Ebbene li chiamo per dirgli cosa fosse successo e mi dicono che io avrei disattivato la Flat 56K cosa assolutamente non vera (il 2 agosto) e quindi avrei pagato la navigazione con Alice 1 Cent a consumo .
    Stando molto tempo in Internet ecco combinato il patatrac !!!
    Morale della favola, dopo avermi detto di non pagare la bolletta e che sarebbe stata aperta la scheda di contestazione che si sarebbe chiusa entro il 4 dicembre, mi dicono che sarei stato ricontattato da loro entro quella data e quindi gli ho lasciato il mio numero di telefonino ebbene non si sono fatti più sentire.
    Quindi li ho chiamati io per ben tre volte per cercare di risolvere la questione.
    Sabato 9 dicembre mi risponde un operatore dicendomi che mi era stata fatta una nota di credito per Euro 136 +IVA che dovrei riscuotere tramite assegno entro 3 mesi ovvero il 7 marzo !! Sinceramente sono rimasto esterrefatto perchè aspettare tutto questo tempo per ricevere un rimborso a causa di un disguido macroscopico da parte loro. Ma questi i contratti li cambiano a loro piacimento senza nessuna firma mi chiedo !!!
    Ieri li richiamo dopo aver pagato al bolletta per dirgli di non farmi pagare gli interessi di mora di un mese visto che mi era stato detto di non pagarla la bolletta fino alla fine della procedura di contestazione.
    Mi dicono che avrebbero fatto l'annotazione e che per il rimborso mi dovrà arrivare una lettera da parte di Telecom che accetta la contestazione !!!
    Cioè vi rendete conto questi mi disattivano la Flat 56K senza nessuna mia autorizzazione e c'è pure il rischio che io non riscuota il rimborso !!! L'operatrice alla fine della telefonata ha ammesso che è successo a molti utenti quello che è successo a me addirittura a suo fratello.
    Speriamo bene nel frattempo bisogna aspettare che lor signori Telecom accettino la nota di credito e poi aspetta altri 3 mesi per l'assegno!!!
    Che schifo non ho parole !!!

  • - Scritto da: claudio75
    > Circa un mese fa mi arriva una bolletta della
    > Telecom di Euro 232.50 e dico questi sono
    > matti.
    > Io di solito spendo massimo Euro 75 con la flat
    > 56K e la Teleconomy Relax !!! Già un bel furto
    > considerando la linea
    > analogica.
    > Ebbene li chiamo per dirgli cosa fosse successo e
    > mi dicono che io avrei disattivato la Flat 56K
    > cosa assolutamente non vera (il 2 agosto) e
    > quindi avrei pagato la navigazione con Alice 1
    > Cent a consumo
    > .
    > Stando molto tempo in Internet ecco combinato il
    > patatrac
    > !!!
    > Morale della favola, dopo avermi detto di non
    > pagare la bolletta e che sarebbe stata aperta la
    > scheda di contestazione che si sarebbe chiusa
    > entro il 4 dicembre, mi dicono che sarei stato
    > ricontattato da loro entro quella data e quindi
    > gli ho lasciato il mio numero di telefonino
    > ebbene non si sono fatti più
    > sentire.
    > Quindi li ho chiamati io per ben tre volte per
    > cercare di risolvere la
    > questione.
    > Sabato 9 dicembre mi risponde un operatore
    > dicendomi che mi era stata fatta una nota di
    > credito per Euro 136 +IVA che dovrei riscuotere
    > tramite assegno entro 3 mesi ovvero il 7 marzo !!
    > Sinceramente sono rimasto esterrefatto perchè
    > aspettare tutto questo tempo per ricevere un
    > rimborso a causa di un disguido macroscopico da
    > parte loro. Ma questi i contratti li cambiano a
    > loro piacimento senza nessuna firma mi chiedo
    > !!!
    > Ieri li richiamo dopo aver pagato al bolletta per
    > dirgli di non farmi pagare gli interessi di mora
    > di un mese visto che mi era stato detto di non
    > pagarla la bolletta fino alla fine della
    > procedura di contestazione.
    >
    > Mi dicono che avrebbero fatto l'annotazione e che
    > per il rimborso mi dovrà arrivare una lettera da
    > parte di Telecom che accetta la contestazione
    > !!!
    > Cioè vi rendete conto questi mi disattivano la
    > Flat 56K senza nessuna mia autorizzazione e c'è
    > pure il rischio che io non riscuota il rimborso
    > !!! L'operatrice alla fine della telefonata ha
    > ammesso che è successo a molti utenti quello che
    > è successo a me addirittura a suo
    > fratello.
    > Speriamo bene nel frattempo bisogna aspettare che
    > lor signori Telecom accettino la nota di credito
    > e poi aspetta altri 3 mesi per
    > l'assegno!!!
    > Che schifo non ho parole !!!
    Quanto sopra spediscilo al Mortadella & C. - che con Telecom ci fanno merenda - con preghiera di dividere al più presto Telecom e di aprire il mercato, ma tanto non lo farà! Non si può toccare la gallina dalle uova d'oro! Arrabbiato
    non+autenticato