USA: condividere file è reato

Lo decide un giudice americano che dà ragione alle tesi di RIAA e stabilisce che la semplice messa in condivisione di contenuti protetti dal diritto d'autore costituisce infrazione. E' la prima decisione del genere

Washington - Una delle tesi di punta per i legali di EFF impegnati a difendere gli utenti del P2P in tribunale contro le denunce dei discografici di RIAA viene a cadere. La differenza tra la condivisione di file da parte di un utente P2P e l'effettivo download di quei file da parte di altri utenti non esiste più.

A deciderlo è stato nelle scorse ore un giudice federale, che ha annullato lo stretto confine esistente tra le due azioni, giudicando la messa a disposizione dei contenuti come una distribuzione effettiva dei suddetti, sanzionabile secondo i termini di legge.

Nel caso oggetto della decisione, all'accusato Dave Perez veniva contestato l'uso del network di condivisione di Kazaa, FastTrack. La sua difesa si è focalizzata sul fatto che RIAA dovrebbe essere chiamata a dimostrare che anche solo un caso di download dei file si sia verificato, per poter dichiarare l'esistenza di un reato di infrazione del copyright.
La legge americana, infatti, parla anacronisticamente di "distribuzione" di un prodotto protetto dai diritti d'autore in riferimento ad oggetti fisici siano essi libri, DVD o compact disc musicali. E secondo EFF, come una biblioteca liberamente accessibile non può essere considerata corresponsabile degli eventuali utilizzi illegittimi che qualcuno potrebbe fare dei contenuti, gli utenti del P2P dovrebbero essere giudicati irresponsabili rispetto ad eventuali infrazioni del copyright da parte di chi i file li scarica.

Ma le eccezioni sollevate dalla difesa sono servite a poco, e il giudice Ann Aiken ha sentenziato che rendere le canzoni disponibili per il download è distribuzione, ed è quindi reato. Per quanto gli osservatori segnalino come improbabile la trasformazione del giudizio in un precedente concretamente utilizzabile dagli avvocati dell'industria, è parimenti interessante notare come sia la prima volta che si verifichi un caso del genere.

Volendo fare un parallelo con la situazione italiana, la vituperata Legge Urbani, per quanto sia stata emendata nel marzo del 2005 e siano state presentate ulteriori proposte di modifica, continua a distinguere nettamente chi scarica da chi condivide, prevedendo sanzioni diverse per i due casi. Una legge considerata dai più anacronistica, se si considera che le moderne piattaforme di condivisione (BitTorrent su tutte) sono progettate per legare indissolubilmente la condivisione/distribuzione con il mero atto di download.

Alfonso Maruccia
73 Commenti alla Notizia USA: condividere file è reato
Ordina
  • Il discorso è semplice

    1. L'mp3, il divx o la iso non contiene informazioni prodotte da te (altrimenti ci fai il cacchio che ti pare)
    2. Chi ha prodotto l'informazione ha anche deciso che licenza d'uso applicarle
    3. Se non rispetti la licenza commetti un reato nei confronti di chi ha prodotto l'informazione e, se previsto, nei confronti dello stato che potrebbe rimetterci in termini di tasse non versate

    Tutto questo scandalizzarsi perchè qualche furbone che condivide tre quarti del mondo su emule e poi viene beccato mi sembra nascondersi dietro un dito.

    Tutti questi cavilli su "condividere" o "scaricare" proprio non li capisco, sarà che non sono un avvocato, ma se non si può fare non si può fare. Poi se lo fai lo stesso e te ne freghi pazienza, ma non cercare di nasconderti, in un modo o nell'altro stai rubando.

    Facile dire "le tasse sono alte quindi le evado": comincia a pagarle e poi avrai tutto il sacrosanto diritto di incazzarti perchè sono alte
  • Qui c'è un articolo interessante.
    http://www.interlex.it/copyright/urbani6.htm

    Chiederei a Lunardi se ciò che dice è vero allora perché da "a scopo di lucro" si è voluto cambiare in "a scopo di profitto"?

    Cosa significa "ad uso personale"?
    Quando scarico col mulo, oltre a scaricare per me, permetto di scaricare anche ad altri... rientro ancora nell'uso personale?

    Sta di fatto che la copia privata, per come è messa la legge, SEMBRA che sia ancora legale... dunque anche se a casa mia mi beccano 100 DVD pirata non possono farci nulla... a meno che non dimostrino che non si tratta di copia personale o di uso personale... il problema più grande è un altro: quando condivido... è ancora uso personale?

  • Si Wakko al momento la cosa e' cosi':

    per il SOFTWARE (s/o, programmi ecc, ma NON videogiochi, leggi sotto) e' sufficiente il PROFITTO, indipendentemente che sia per uso personale o no : sei comunque colpevole se hai il so tarocco, per capirci.

    Giochi (considerati come film in quanto "sequenza di immagini in movimento" ... sigh) , film, musica o cmq "oggetti dell'ingegno" (no, secondo la nostra legge il software non e' oggetto di ingegno) ci deve essere il lucro perche' tu sia penalmente perseguibile.

    Questo era a gennaio uando ho dato diritto penale dell'informatica, non mi risulta che negli ultimi mesi ci siano stati cambiamenti drastici - non saprei, visto che e' anche cambiato il governo, ma non credo abbiano ancora messo le mani li
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Si Wakko al momento la cosa e' cosi':
    >
    > per il SOFTWARE (s/o, programmi ecc, ma NON
    > videogiochi, leggi sotto) e' sufficiente il
    > PROFITTO, indipendentemente che sia per uso
    > personale o no : sei comunque colpevole se hai il
    > so tarocco, per
    > capirci.
    >
    > Giochi (considerati come film in quanto "sequenza
    > di immagini in movimento" ... sigh) , film,
    > musica o cmq "oggetti dell'ingegno" (no, secondo
    > la nostra legge il software non e' oggetto di
    > ingegno) ci deve essere il lucro perche' tu sia
    > penalmente
    > perseguibile.
    >
    > Questo era a gennaio uando ho dato diritto penale
    > dell'informatica, non mi risulta che negli ultimi
    > mesi ci siano stati cambiamenti drastici - non
    > saprei, visto che e' anche cambiato il governo,
    > ma non credo abbiano ancora messo le mani
    > li

    E per quello che riguarda la condivisione? Visto che comunque quando si scarica con il mulo si condivide anche... vale il discorso dell'uso personale in quel caso? Perché è inutile che valga il download ma non l'upload visto che tutti i programmi di file-sharing si basano su _questo_.
  • consiglierei di selezionare l'opzione "condividi solo parti necessarie" nella configurazione del mulo (o delle sue varie mod) in quanto ti mostra come non possessore del file completo, ma solo delle parti che online non sono disponibili.
    E non possono dirti niente se il file non è completo, in quanto tu non hai l'intera "opera dell'ingegno", ma solo alcune parti sparse.
    Tra l'altro se il file in questione è un rar piuttosto che uno zip, possono dirti ancora meno!
    Come fai a usare un rar/zip incompleto?
    e non c'è modo, a meno di azioni di cracking dall'esterno, di provare che tu abbia il file completo sul disco, perchè questo viene nascosto prima ancora di essere messo a disposizione.
    Quanto amo i mod!

  • - Scritto da: longinous
    > consiglierei di selezionare l'opzione "condividi
    > solo parti necessarie" nella configurazione del
    > mulo...

    Si, d'accordo, ma io non voglio sapere come "fregare" la legge. Io voglio sapere se condividere è o non è legale.
    Perché su quel sito che ho lincato all'inizio sdrammatizzano... sembra quasi che usare il mulo sia perfettamente lecito... ma secondo me, o per ignoranza o per voglia hanno _dimenticato_ il fatto che nel P2P non scarichi e basta... ma CONDIVIDI.

    Quindi, quello che voglio sapere io, è se la legge dell'indagato Urbani criminalizza o meno _questo_ comportamento... perché alla fine è _questo_ quello che *migliaia*, forse *milioni* di ragazzini fanno ogni singolo giorno.

    Il tipo su Interlex sembra ignorare completamente questo aspetto... minimizza tutto... secondo me ha torto, ma vorrei conoscere l'opinione di qualcuno che la legge la conosce...

  • - Scritto da: Wakko Warner
    >
    > - Scritto da: longinous
    > > consiglierei di selezionare l'opzione "condividi
    > > solo parti necessarie" nella configurazione del
    > > mulo...
    >
    > Si, d'accordo, ma io non voglio sapere come
    > "fregare" la legge. Io voglio sapere se
    > condividere è o non è
    > legale.

    No, non lo è.

    > Perché su quel sito che ho lincato all'inizio
    > sdrammatizzano... sembra quasi che usare il mulo
    > sia perfettamente lecito... ma secondo me, o per
    > ignoranza o per voglia hanno _dimenticato_ il
    > fatto che nel P2P non scarichi e basta... ma
    > CONDIVIDI.

    Già, concetto astruso per la maggior parte delle persone.

    > Quindi, quello che voglio sapere io, è se la
    > legge dell'indagato Urbani criminalizza o meno
    > _questo_ comportamento... perché alla fine è
    > _questo_ quello che *migliaia*, forse *milioni*
    > di ragazzini fanno ogni singolo
    > giorno.

    Bè, non mi sento ragazzino, noostante lo faccia pure io Con la lingua fuori

    > Il tipo su Interlex sembra ignorare completamente
    > questo aspetto... minimizza tutto... secondo me
    > ha torto, ma vorrei conoscere l'opinione di
    > qualcuno che la legge la
    > conosce...

    Non conosco la legge nei minimi dettagli, ma sapevo che:
    scaricare-->illecito amministrativo (e a quanto ne so una cosa così riesci a farla solo su IRC)
    releasare-->reato (qualunque altra forma di p2p)
    condividere-->miscuglio dei due (ma a quanto pare questa cosa non entra in testa ai politizzanti legiferatori. Però è strano, con tutto lo spazio che c'è...)

    Quindi, visto che la legge è fatta alla $fallo di canide, tanto vale tutelarsi facendola fessa nell'unico modo possibile.

    Questa, ovviamente, è solo una mia idea
  • E' dal 98 che rompono le palle co sta cosa.

    Che si fottano.
    non+autenticato
  • ..invadere paesi stranieri con la scusa della democrazia è reato..e direi anche + grave!..per non parlare di tutto ciò di cui si è macchiata la nazione più potente del mondo
    non+autenticato

  • > per
    > non parlare di tutto ciò di cui si è macchiata la
    > nazione più potente del
    > mondo

    Tipo inventare quel flagello che é internet.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > > per
    > > non parlare di tutto ciò di cui si è macchiata
    > la
    > > nazione più potente del
    > > mondo
    >
    > Tipo inventare quel flagello che é internet.

    Bhe se e' per questo hanno inventato anche la bomba atomica.
    non+autenticato
  • quando metteranno dentro al gabbio i dirigenti delle major ci sarà da ridere.
    La sentenza del giudice dice testualmente"chi condivide opere coperte da diritto d'autore"...
    ora le major che fanno se non condividere, per di giunta lucrandoci sopra, opere coperte da diritto d'autore?
    Se un avvocato con le O_O vorrà divertirsi, ne vedremo delle belle!
    non+autenticato
  • ahaha..infomrati...i diritti li vendonoa care prezzo caromio...
    comprnao e vendono....
    money makes the world go round...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ahaha..infomrati...i diritti li vendonoa care
    > prezzo
    > caromio...
    > comprnao e vendono....
    > money makes the world go round...

    Maccheè, una canzone di Celentano? Newbie, inesperto
    non+autenticato

  • > quando metteranno dentro al gabbio i dirigenti
    > delle major ci sarà da
    > ridere.

    Cioé mai. Quale parte di "ricchi e potenti" non é chiara?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > > quando metteranno dentro al gabbio i dirigenti
    > > delle major ci sarà da
    > > ridere.
    >
    > Cioé mai. Quale parte di "ricchi e potenti" non é
    > chiara?
    E a te quale parte di avvocato con le O_O (oltre che i $$$ beninteso Sorride ) non è chiara?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)