Il calo di iTunes impressiona la rete

Si moltiplicano i commenti dopo la pubblicazione dell'analisi Forrester secondo cui nell'ultimo anno lo store multimediale più gettonato del web ha subito una forte contrazione delle vendite. La colpa? Tutti dicono che è del DRM

Il calo di iTunes impressiona la reteRoma - Cala o non cala? Il DRM sta colpendo persino il maggiore negozio shop multimediale online, iTunes Music Store? La pubblicazione su The Register di una rilevazione di Forrester Research sta scatenando un dibattito mondiale in rete. Il motivo sta nel fatto che, secondo Forrester, le vendite del negozio Apple sarebbero calate drasticamente nell'ultimo anno. Un dato che molti hanno persino interpretato come il segno del collasso dello store.

Forrester non si è avvalsa di numeri ufficiali Apple, ma ha indagato su un campione di utenti negli Stati Uniti e sulle loro transazioni con iTunes degli ultimi 27 mesi. Scoprendo che dopo un lungo periodo di forti vendite, dallo scorso gennaio ad oggi le entrate mensili di iTunes si sono contratte del 65 per cento. Le singole transazioni, poi, sono scese per volume del 17 per cento. E non sono dati che riguardano solo iTunes: vengono citate le cifre di Nielsen Soundscan, misuratore delle vendite di musica, anche online, in NordAmerica, cifre che dimostrano un calo diffuso su molti jukebox negli ultimi tre trimestri.

Ma iTunes non è un qualsiasi jukebox, è la sponda online del celeberrimo player multimediale iPod, le cui vendite crescono a ritmi vertiginosi: nei 27 mesi indagati da Forrester, le vendite del player sono aumentate di quattro volte, confermando la leadership del mercato per Apple e il forte appeal del proprio dispositivo. Perché questa "distanza" tra player e store? "Gli iPod - ha dichiarato uno dei principali analisti di Forrester, Josh Bernoff - non generano decine e decine di transazioni ad ogni trimestre. Gli utenti comprano un certo numero di canzoni e poi smettono di farlo".
Un dato che il New York Times interpreta come un grosso segnale di novità perché, scrive, si è sempre ritenuto che il numero di brani venduti su iTunes fosse superiore di 20-22 volte il numero complessivo di iPod venduti, una ratio che con i dati Forrester scende drasticamente. Una interpretazione errata secondo Ars Technica, che se la prende con il quotidiano newyorkese perché poggia le sue tesi su un dato parziale. Una informazione, quella sulla ratio, spiega Ars, che non vuol dire nulla, considerando i molti diversi usi di iPod, il fatto che molti nuclei familiari condividano la stessa musica ma posseggano più di un iPod o che gli utenti reperiscano musica da molte fonti, altre rispetto ad iTunes.

Secondo Bernoff, autore del rapporto, "sin dal momento dell'introduzione di iTunes Music Store, Apple ha venduto mediamente solo 20 tracce per ogni iPod venduto, il che suggerisce che anche a 0,99 dollari a brano, molti consumatori ancora non siano convinti del valore della musica digitale". Il che porta Apple a gestire uno store che a breve potrebbe andare in rosso e diventare non profittevole. Tesi bocciate da diversi blogger, secondo cui ritenere che vi sia davvero un calo nelle vendite di iTunes significa non saper fare i conti: "iTunes è il quarto maggiore rivenditore di qualsiasi settore e vende ogni giorno quasi tre milioni di brani. Senza contare le entrate dalla vendite di film o show televisivi, che valgono milioni di dollari ogni anno. Se questo è un collasso non so cosa questi autori (Barnoff, ndr.) considerino un successo".

"Se ti dicessi che solo il 3 per cento delle famiglie statunitensi ha comprato musica da iTunes nell'ultimo anno mi crederesti?", si chiede Blogginstocks, suggerendo che gli iPod pieni di musica non sono evidentemente colmi di brani iTunes ma di brani che gli utenti si procurano in altro modo, ad esempio dalle piattaforme peer-to-peer. Una visione contestata da MacUser, secondo cui il grosso della musica caricata sugli iPod arriverebbe dai CD posseduti dagli utenti.

In verità il dato più interessante che sembra emergere da questo dibattito lo mette sul tavolo proprio Forrester, ed è il ruolo del DRM, ossia delle tecnologie anticopia, quelle che proteggono i brani venduti dai jukebox legali ma delle quali non v'è traccia nei più gettonati ambienti peer-to-peer. Dati alla mano, Barnoff spiega che "le vendite di iTunes non riducono quelle di CD". Però negli ultimi cinque anni le vendite di CD sono scese del 20 per cento. "Il messaggio qui - spiega Barnoff - non è che le vendite di CD stiano aumentando (come effetto del calo dei jukebox, ndr.) ma che ottenere musica pirata è pratica così diffusa che il DRM sembra ai consumatori più un problema che un vantaggio". Una dichiarazione che non sorprende se si pensa che studiosi del settore, come Ed Felten di Princeton, da anni dichiarano che il DRM può avere successo solo se si ingannano i consumatori nel ritenerlo uno strumento utile a loro. E che proprio per questo sono molte le campagne antiDRM attualmente in corso.

Non è un caso dunque se, dopo la pubblicazione dello studio Forrester, molti blogger si chiedano: "Potrebbe essere possibile che il consumatore medio sta finalmente comprendendo che la musica al DRM fa male? Sembra essere l'unica spiegazione logica (di quanto sta avvenendo)". Come a dire, cioè, che se il P2P continua a crescere, se i CD vendono meno e se i jukebox tirano il fiato, allora non solo i prezzi dei brani quanto proprio la tecnologia anticopia degli store ufficiali è giunta al capolinea.

Per quanto riguarda Apple, che fa persino fatica a contare i sesterzi che piovono in tutto il Mondo dai milioni di acquirenti di iPod, qualcuno dice che Tutto è impermanente, anche Steve Jobs, altri sottolineano che le difficoltà dei jukebox, da iTunes in giù, impatteranno anche sui rapporti tra questi e le major che concedono loro in licenza i propri cataloghi musicali.
200 Commenti alla Notizia Il calo di iTunes impressiona la rete
Ordina
  • Erano tutte balle!
    Le vendite di iTunes non sono in calo né, tantomeno, in crollo. A smentire le notizie catastrofiste diffuse da alcuni media è Josh Bernoff, l'autore della ricerca da cui si è sollevato tutto il polverone.
    http://blogs.forrester.com/devicesmedia/2006/12/it...
    non+autenticato
  • Leggete un po' cosa afferma non un Macaco ma addirittura un pezzo grosso MS

    http://www.4news.it/anteprima/view_article.asp?sit...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Leggete un po' cosa afferma non un Macaco ma
    > addirittura un pezzo grosso
    > MS
    >
    > http://www.4news.it/anteprima/view_article.asp?sit

    Se l'esperienza di qualche anno qui su PI non mi inganna e se conosco il meccanismo degli astrotufer, allora Allichin verrà additato come un idiota, un venduto o quanto altro... aspetto di leggere le reazioni...
    non+autenticato
  • Visto che la gente ha preso spunto della notizia per tirar merda sul lettore mp3 più venduto al mondo, aggiungo una mia riflessione.
    Innanzitutto ci tengo a considerare che parlo senza pregiudizi, ne ho provati tanti e ho scelto l'ipod con cognizione di causa, sono tuttavia pronto ad ammettere punti di debolezza: tuttavia non paragoniamo un lettore di marca rinomata, come l'ipod, l'iriver, l'iaudio, il creative zen, ecc. a lettori cinesi rimarcati che si aprono in due appena li maneggi.


    Ok. Il difetto principale dell'ipod (secondo me) rispecchia le scelte di design della mela di non includere un mouse a due tasti, e non supportarlo per tantissimo tempo.
    Così, mentre la rivoluzione di windows 95 fu per l'appunto il potenziamento dello strumento "menù contestuale", di un'innovazione incredibile, sull'ipod ci troviamo invece ad una regressione.

    L'eccessiva semplificazione del design lo rende in effetti facile da giostrare, ma a scapito di funzionalità e praticità. Confesso ad esempio che avrei voluto la possibilità di scegliere, sentendo la canzone xxx di yyy nel random, un'opzione "altre canzoni di questo artista" o "altre canzoni di questo album". Mi piacerebbe metterci su un rockbox modificato ad hoc per avere opzioni simili, ma cristosanto mancano i tasti!

    va bene semplificare all'infinito, ma se metti solo un tasto....
    lo stesso tasto centrale ha diverse funzioni a seconda del contesto: scegliere, confermare, passare dalla modalità volume a quella scorrimento canzone a quella voto, inserire nella playlist on the go... costava tanto inserire altri due pulsanti a destra e a sinistra in basso allo schermo, stile cellulare? nello schermo si inserivano due icone o testi che cambiavano e rappresentavano la funzione del tasto, come in ogni cazzutissimo nokia dal dopoguerra ad oggi.. sarebbe rimasto semplice, ma avrebbe avuto quel tocco in più, ad esempio per programmarsi le playlist on the go in maniera più flessibile (adesso si può solo appendere brani alla lista e salvare. Non posso spostare, non posso cancellare il singolo brano, non posso aggiungere brani in un punto diverso dalla fine... seccante...) o altre cose.

    E questo per creare un design adatto al qi di una scimmia, va bene, è bello un accessorio semplice, gradevole e pulito, ma un minimo ci si poteva pure sacrificare no?
  • Scusa, ma a cosa servono i menu contestuali?
    Cmd+C, Cmd+V, Cmd+A, Cmd+I...
    Con la tastiera si risparmia tempo e fatica Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Scusa, ma a cosa servono i menu contestuali?
    > Cmd+C, Cmd+V, Cmd+A, Cmd+I...
    > Con la tastiera si risparmia tempo e fatica Occhiolino

    Ho una mano sola. Un po' di rispetto, per favore.

  • - Scritto da: avvelenato
    >
    > - Scritto da:
    > > Scusa, ma a cosa servono i menu contestuali?
    > > Cmd+C, Cmd+V, Cmd+A, Cmd+I...
    > > Con la tastiera si risparmia tempo e fatica Occhiolino
    >
    > Ho una mano sola. Un po' di rispetto, per favore.

    Scusa, mi spiace.A bocca storta
    non+autenticato

  • - Scritto da: avvelenato
    >
    > - Scritto da:
    > > Scusa, ma a cosa servono i menu contestuali?
    > > Cmd+C, Cmd+V, Cmd+A, Cmd+I...
    > > Con la tastiera si risparmia tempo e fatica Occhiolino
    >
    > Ho una mano sola. Un po' di rispetto, per favore.

    Hai 5 dita a mano... solo la metà delle combinazioni richiedono la seconda se nonn si desidera spostare la manina dall'altra parte...
    non+autenticato
  • - Scritto da: avvelenato
    > L'eccessiva semplificazione del design lo rende
    > in effetti facile da giostrare, ma a scapito di
    > funzionalità e praticità. Confesso ad esempio che
    > avrei voluto la possibilità di scegliere,
    > sentendo la canzone xxx di yyy nel random,
    > un'opzione "altre canzoni di questo artista" o
    > "altre canzoni di questo album". Mi piacerebbe
    > metterci su un rockbox modificato ad hoc per
    > avere opzioni simili, ma cristosanto mancano i
    > tasti!

    Guarda, Avvelenato, questo è il motivo per cui io ho acquistato un iRiver, e non ho mai e poi mai rimpianto la mia scelta o desiderato un ipod.

    Una marea di volte ho fatto uso di opzioni anche banali che l'ipod non ha, per non parlare del fatto che cose come radio, registratore e ingresso di linea io le ho di serie e non devo girare con nessun aggeggio supplementare.

    Il problema è che evidentemente per la stragrande maggioranza delle persone, quello che conta non è la potenza, ma la semplicità.

    Ricordi com'era prima dell'iPod? Te lo ricordo io: i lettori mp3 esistevano da tempo, ma nessuno, dico nessuno li aveva se non i soliti due o tre tecnomaniaci.

    L'iPod ha cambiato tutto per un motivo semplicissimo: è andato incontro alle esigenze del 99% delle persone, che il formato mp3 non sapevano neanche cosa fosse, che con il computer sanno fare solo le cose più banali e che non sarebbero state in grado di utilizzare un iRiver, un creative o quello che vuoi.

    A queste persone l'iPod ha dato quello che cercavano: la possibilità di ascoltare musica con un apparecchio facile da usare che non richiedeva di investire del tempo nell'apprendimento.

    Non importa quante più funzioni possa avere un altro lettore rispetto all'iPod: solo una piccolissima parte degli utenti sarà disposta a fare lo sforzo mentale necessario per scoprirle, per capire se gli sono utili e per utilizzarle. E infatti, l'unico lettore, dopo anni, che continua a vendere è l'iPod. Perché fa quello che la gente vuole: lo accendi, premi un tasto e ascolti la musica, senza fare nessuno sforzo mentale per utilizzarlo e senza dover leggere nessun manuale.

    Sul mio iRiver, anche solo per fare le cose più semplici (navigare fra le cartelle) bisogna leggere il manuale, una cosa che nessuno vuole fare. Per utilizzarne tutta la potenza e tutti i modi operativi, si devono fare i salti mortali. Io sono motivato, ma il 99% degli utenti non sono degli informatici ma semplicemente gente che vuole ascoltare musica. Sono interessati al fine, non al mezzo. Il mezzo deve metterli in grado di arrivare al loro scopo con il minor sforzo possibile, e l'iPod lo fa.

    Chissà perché gli informatici hanno la brutta abitudine di giudicare tutto dal *loro* metro di giudizio...Sorride
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > - Scritto da: avvelenato
    > > L'eccessiva semplificazione del design lo rende
    > > in effetti facile da giostrare, ma a scapito di
    > > funzionalità e praticità. Confesso ad esempio
    > che
    > > avrei voluto la possibilità di scegliere,
    > > sentendo la canzone xxx di yyy nel random,
    > > un'opzione "altre canzoni di questo artista" o
    > > "altre canzoni di questo album". Mi piacerebbe
    > > metterci su un rockbox modificato ad hoc per
    > > avere opzioni simili, ma cristosanto mancano i
    > > tasti!
    >
    > Guarda, Avvelenato, questo è il motivo per cui io
    > ho acquistato un iRiver, e non ho mai e poi mai
    > rimpianto la mia scelta o desiderato un
    > ipod.
    >
    > Una marea di volte ho fatto uso di opzioni anche
    > banali che l'ipod non ha, per non parlare del
    > fatto che cose come radio, registratore e
    > ingresso di linea io le ho di serie e non devo
    > girare con nessun aggeggio
    > supplementare.
    >
    > Il problema è che evidentemente per la stragrande
    > maggioranza delle persone, quello che conta non è
    > la potenza, ma la
    > semplicità.
    >
    > Ricordi com'era prima dell'iPod? Te lo ricordo
    > io: i lettori mp3 esistevano da tempo, ma
    > nessuno, dico nessuno li aveva se non i soliti
    > due o tre
    > tecnomaniaci.
    >
    > L'iPod ha cambiato tutto per un motivo
    > semplicissimo: è andato incontro alle esigenze
    > del 99% delle persone, che il formato mp3 non
    > sapevano neanche cosa fosse, che con il computer
    > sanno fare solo le cose più banali e che non
    > sarebbero state in grado di utilizzare un iRiver,
    > un creative o quello che
    > vuoi.
    >
    > A queste persone l'iPod ha dato quello che
    > cercavano: la possibilità di ascoltare musica con
    > un apparecchio facile da usare che non richiedeva
    > di investire del tempo
    > nell'apprendimento.
    >
    > Non importa quante più funzioni possa avere un
    > altro lettore rispetto all'iPod: solo una
    > piccolissima parte degli utenti sarà disposta a
    > fare lo sforzo mentale necessario per scoprirle,
    > per capire se gli sono utili e per utilizzarle. E
    > infatti, l'unico lettore, dopo anni, che continua
    > a vendere è l'iPod. Perché fa quello che la gente
    > vuole: lo accendi, premi un tasto e ascolti la
    > musica, senza fare nessuno sforzo mentale per
    > utilizzarlo e senza dover leggere nessun
    > manuale.
    >
    > Sul mio iRiver, anche solo per fare le cose più
    > semplici (navigare fra le cartelle) bisogna
    > leggere il manuale, una cosa che nessuno vuole
    > fare. Per utilizzarne tutta la potenza e tutti i
    > modi operativi, si devono fare i salti mortali.
    > Io sono motivato, ma il 99% degli utenti non sono
    > degli informatici ma semplicemente gente che
    > vuole ascoltare musica. Sono interessati al fine,
    > non al mezzo. Il mezzo deve metterli in grado di
    > arrivare al loro scopo con il minor sforzo
    > possibile, e l'iPod lo
    > fa.
    >
    > Chissà perché gli informatici hanno la brutta
    > abitudine di giudicare tutto dal *loro* metro di
    > giudizio...
    >Sorride


    Quoto il tuo post, il problema è che non esistono vie di mezzo!
    Cioé, o roba per deficienti totali, o roba per achers! Io mi sono "dovuto prendere" l'ipod perché al lavoro non posso mica perder tanto tempo se voglio cercare una canzone, e sono soddisfatto, ma sai quanto mi è costata questa caratteristica in termini di rinuncie ad altre funzionalità? Poi ero davvero tentatissimo dall'iriver....
    cmq anche adesso risceglierei l'ipod, per il mio uso è il migliore.
    (in realtà mi piacerebbe disegnarmene uno da me, qualche schema di lettore mp3 diy in giro c'è, ma si tratta di roba che va bene per cazzatine da pochi megabytes, fare un clone migliorato dell'ipod, magari anche con funzionalità video, è ben più dura!)

  • - Scritto da:

    > Guarda, Avvelenato, questo è il motivo per cui io
    > ho acquistato un iRiver, e non ho mai e poi mai
    > rimpianto la mia scelta o desiderato un
    > ipod.

    prima di proseguire ti facci una domanda: tu un iPod l'hai mai "usato"?

    > Una marea di volte ho fatto uso di opzioni anche
    > banali che l'ipod non ha,

    tipo?

    > per non parlare del
    > fatto che cose come radio, registratore e
    > ingresso di linea io le ho di serie e non devo
    > girare con nessun aggeggio
    > supplementare.

    questi possono essere buioni motivi... ammesso che ti servano queste cose

    > Il problema è che evidentemente per la stragrande
    > maggioranza delle persone, quello che conta non è
    > la potenza, ma la semplicità.

    "potenza"???

    > Ricordi com'era prima dell'iPod? Te lo ricordo
    > io: i lettori mp3 esistevano da tempo, ma
    > nessuno, dico nessuno li aveva se non i soliti
    > due o tre tecnomaniaci.

    forse perché usavano HD grossi come una casa?

    > L'iPod ha cambiato tutto per un motivo
    > semplicissimo: è andato incontro alle esigenze
    > del 99% delle persone, che il formato mp3 non
    > sapevano neanche cosa fosse, che con il computer
    > sanno fare solo le cose più banali e che non
    > sarebbero state in grado di utilizzare un iRiver,
    > un creative o quello che vuoi.

    o che forse non gliene frega una beata mazza di avere la radio su un lettore MP3 o di registrare... o forse ha bisogno di utilizzare anche uno degli infiniti accessori che ha solo l'iPod.
    Per esempio, l'iPod permette anche di leggere testi (anche con iperlink) e memorizzare rubrica e agenda... quante persone credi che utilizzino queste funzioni?
    Piuttosto c'è più gente interessata i giochini, visto che l'iPod è utilizzato anche come momento di svago...

    > A queste persone l'iPod ha dato quello che
    > cercavano: la possibilità di ascoltare musica con
    > un apparecchio facile da usare che non richiedeva
    > di investire del tempo nell'apprendimento.

    vero: l'iPod è il più semplice/pratico da utilizzare

    > Non importa quante più funzioni possa avere un
    > altro lettore rispetto all'iPod: solo una
    > piccolissima parte degli utenti sarà disposta a
    > fare lo sforzo mentale necessario per scoprirle,
    > per capire se gli sono utili e per utilizzarle. E

    non credo che sia una questione di "sforzo mentale"... più semplicemente la gente non ha bisogno di certe funzioni aggiuntive, e/o preferisce un dispositivo più semplice da usare... più semplice anche nel normale utilizzo di ascolto, non solo per le funzioni extra.

    > infatti, l'unico lettore, dopo anni, che continua
    > a vendere è l'iPod. Perché fa quello che la gente
    > vuole: lo accendi, premi un tasto e ascolti la
    > musica, senza fare nessuno sforzo mentale per
    > utilizzarlo e senza dover leggere nessun
    > manuale.

    e questo è un grande pregio

    > Sul mio iRiver, anche solo per fare le cose più
    > semplici (navigare fra le cartelle) bisogna
    > leggere il manuale, una cosa che nessuno vuole
    > fare. Per utilizzarne tutta la potenza e tutti i
    > modi operativi, si devono fare i salti mortali.

    e questo è un grande difetto... perché se posso capire l'esigenze di funzioni extra, non ammetto assolutamente che siano difficili da usare, e ancora meno che siano difficili le funzioni "banali" per il semplice ascolto... piuttosto spendo di più per un iPod+radio_iPod+registratore_iPod

    > Io sono motivato, ma il 99% degli utenti non sono
    > degli informatici ma semplicemente gente che
    > vuole ascoltare musica. Sono interessati al fine,
    > non al mezzo. Il mezzo deve metterli in grado di
    > arrivare al loro scopo con il minor sforzo
    > possibile, e l'iPod lo fa.

    ovvio... se vuoi avere successo devi vendere quello che vuole la clientela

    > Chissà perché gli informatici hanno la brutta
    > abitudine di giudicare tutto dal *loro* metro di
    > giudizio...
    >Sorride

    non è un problema degli informatici... ognuno ha il suo metro di giudizio
    non+autenticato

  • - Scritto da: avvelenato

    > [...]
    > Confesso ad esempio che
    > avrei voluto la possibilità di scegliere,
    > sentendo la canzone xxx di yyy nel random,
    > un'opzione "altre canzoni di questo artista" o
    > "altre canzoni di questo album".

    Non vedo il problema: basta sfogliare per artista o per album

    > va bene semplificare all'infinito, ma se metti
    > solo un tasto....

    veramente i tasti sono 5, più la scroll wheel

    > lo stesso tasto centrale ha diverse funzioni a
    > seconda del contesto: scegliere, confermare,

    "scegliere" e "confermare" sono sostanzialmente la stessa cosa

    > passare dalla modalità volume a quella
    > scorrimento canzone a quella voto,

    più semplicemente: scorrere le opzioni relative al brano in ascolto

    > inserire nella playlist on the go...

    mai usato

    > costava tanto inserire
    > altri due pulsanti a destra e a sinistra in basso
    > allo schermo, stile cellulare? nello schermo si
    > inserivano due icone o testi che cambiavano e
    > rappresentavano la funzione del tasto,

    per farci cosa?

    > ad esempio per programmarsi le
    > playlist on the go in maniera più flessibile

    si chiama "on the go" non a caso...

    > (adesso si può solo appendere brani alla lista e
    > salvare. Non posso spostare, non posso cancellare
    > il singolo brano, non posso aggiungere brani in
    > un punto diverso dalla fine... seccante...) o
    > altre cose.

    non sono cosa che fai mentre sei in giro e ascolti

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: avvelenato
    >
    > > [...]
    > > Confesso ad esempio che
    > > avrei voluto la possibilità di scegliere,
    > > sentendo la canzone xxx di yyy nel random,
    > > un'opzione "altre canzoni di questo artista" o
    > > "altre canzoni di questo album".
    >
    > Non vedo il problema: basta sfogliare per artista
    > o per
    > album
    >


    non è la stessa cosa, ci si mette parecchio di più.

    > > va bene semplificare all'infinito, ma se metti
    > > solo un tasto....
    >
    > veramente i tasti sono 5, più la scroll wheel
    >

    l'unico tasto che non ha una funzione predefinita e fissa è il centrale, gli altri hanno solo funzioni predefinite e "di default" nel mondo dei lettori musicali

    > > lo stesso tasto centrale ha diverse funzioni a
    > > seconda del contesto: scegliere, confermare,
    >
    > "scegliere" e "confermare" sono sostanzialmente
    > la stessa
    > cosa
    >

    no

    > > passare dalla modalità volume a quella
    > > scorrimento canzone a quella voto,
    >
    > più semplicemente: scorrere le opzioni relative
    > al brano in
    > ascolto
    >

    e ce ne sono già 3, se ne aggiungiamo altre due ad esempio si incasina totalmente l'ergonomia del prodotto

    > > inserire nella playlist on the go...
    >
    > mai usato
    >

    e allora non hai il mio problema
    io ho preso l'ipod e non altri anche per la playlist on the go - che comunque rimane una bella cosa

    > > costava tanto inserire
    > > altri due pulsanti a destra e a sinistra in
    > basso
    > > allo schermo, stile cellulare? nello schermo si
    > > inserivano due icone o testi che cambiavano e
    > > rappresentavano la funzione del tasto,
    >
    > per farci cosa?
    >

    cose

    > > ad esempio per programmarsi le
    > > playlist on the go in maniera più flessibile
    >
    > si chiama "on the go" non a caso...
    >

    sì ma sarebbe bastato un attimo per lasciarla ugualmente semplice e gestibile ma meno sacrificata e stilizzata come cosa!

    > > (adesso si può solo appendere brani alla lista e
    > > salvare. Non posso spostare, non posso
    > cancellare
    > > il singolo brano, non posso aggiungere brani in
    > > un punto diverso dalla fine... seccante...) o
    > > altre cose.
    >
    > non sono cosa che fai mentre sei in giro e ascolti
    >

    ma anche sì!

  • - Scritto da: avvelenato

    > > > Confesso ad esempio che
    > > > avrei voluto la possibilità di scegliere,
    > > > sentendo la canzone xxx di yyy nel random,
    > > > un'opzione "altre canzoni di questo artista" o
    > > > "altre canzoni di questo album".
    > >
    > > Non vedo il problema: basta sfogliare per
    > > artista o per album
    >
    > non è la stessa cosa, ci si mette parecchio di
    > più.

    ??? E perché mai ???

    > > > va bene semplificare all'infinito, ma se metti
    > > > solo un tasto....
    > >
    > > veramente i tasti sono 5, più la scroll wheel
    >
    > l'unico tasto che non ha una funzione predefinita
    > e fissa è il centrale, gli altri hanno solo
    > funzioni predefinite e "di default" nel mondo dei
    > lettori musicali

    Certo... in ogni caso non fai "tutto" col tasto centrale... ce ne sono anche altri 4 di tasti, più una scroll wheel

    > > > lo stesso tasto centrale ha diverse funzioni a
    > > > seconda del contesto: scegliere, confermare,
    > >
    > > "scegliere" e "confermare" sono sostanzialmente
    > > la stessa cosa
    >
    > no

    si... se stai "scegliendo" non fai altro che "confermare" la selezione

    > > > passare dalla modalità volume a quella
    > > > scorrimento canzone a quella voto,
    > >
    > > più semplicemente: scorrere le opzioni relative
    > > al brano in ascolto
    >
    > e ce ne sono già 3, se ne aggiungiamo altre due
    > ad esempio si incasina totalmente l'ergonomia del
    > prodotto

    e perché dovrebbero aggiungerne altre due? Già io non uso nemmeno quelle tre

    > > > inserire nella playlist on the go...
    > >
    > > mai usato
    >
    > e allora non hai il mio problema
    > io ho preso l'ipod e non altri anche per la
    > playlist on the go - che comunque rimane una
    > bella cosa

    si chiama "on the go" perché è fatta per essere utilizzata in quel modo...
    se vuoi dei tool per farti le playlist sull'iPod è un altro discorso

    > > > costava tanto inserire
    > > > altri due pulsanti a destra e a sinistra in
    > > > basso allo schermo, stile cellulare? nello
    > > > schermo si
    > > > inserivano due icone o testi che cambiavano e
    > > > rappresentavano la funzione del tasto,
    > >
    > > per farci cosa?
    > >
    >
    > cose

    "cose" cosa?
    Non si mettono tasti aggiuntivi solo per il gusto di avere tasti in più... ne va della semplicità d'uso del prodotto
    non+autenticato
  • quando ero ragazzo:
    un lp Lire 14.000
    uno stereo da casa Lit 200.000
    una cassetta vergine Lit. 2.000

    In un anno al massimo si spendevano Lit 350.000 per la musica (comprando 5 cassette al mese, 1 disco al mese e ammortizzando lo stereo in 3 anni)

    oggi un "hacker" spende
    internet flat eur 36 al mese
    un pc modernoper scaricare eur 1.000
    un ipod eur 200
    ammortizzando pc e ipod in 3 anni vengono 832 euro all'anno!!!

    Il guadagno si è spostato pesantemente su Telecom e produttori hardware.
    Sarebbe il caso che iniziassero loro a pagare un po' di siae??? Noi abbiamo già le tasche vuote!!!
    non+autenticato
  • http://www.blackfriarsinc.com/blog/2006/12/do-math...

    Dal grafico si vede che le vendite di iTunes sono in aumento, come lo sono le vendite di iPod. Quello che diminuisce è il rapporto di vendita tra iTunes e iPod che cala lievemente.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > http://www.blackfriarsinc.com/blog/2006/12/do-math
    >
    > Dal grafico si vede che le vendite di iTunes sono
    > in aumento, come lo sono le vendite di iPod.
    > Quello che diminuisce è il rapporto di vendita
    > tra iTunes e iPod che cala
    > lievemente.

    Uh che smentita. Apple nega e tu la chiami smentitaSorride
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 27 discussioni)