Non vedenti esclusi dagli SMS

La denuncia è di alcuni lettori di Punto Informatico che chiedono a Vodafone Omnitel di attivarsi per realizzare un servizio dedicato. Accessibilità su cellulare

Roma - Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera che un lettore di Punto Informatico ha inviato a Vodafone Omnitel e ad altri. Lettere del tutto simili sono giunte in questi giorni alla redazione.

"Spettabile Omnitel,
da diversi anni sono un utente della Vostra società per quanto riguarda il servizio di telefonia mobile che fornite.

A causa della cecità dalla quale sono affetto, mi è però completamente preclusa la possibilità di leggere autonomamente i brevi messaggi di testo che ricevo sul mio cellulare Omnitel. Ciò mi comporta un serio limite nel comunicare con altre persone attraverso uno strumento così diffuso come gli "SMS".
Ma non solo. È sempre più diffuso l'uso di questa rapida ed efficace modalità di comunicazione anche da parte di fornitori di informazioni e servizi. Alcune aziende di trasporti, ad esempio, comunicano ai propri utenti utili informazioni mediante i brevi messaggi di testo. Ed anche la stessa Omnitel mette a disposizione dei propri clienti servizi per accedere ai quali è necessario poter leggere il display del proprio cellulare. Da tutto ciò ciechi ed ipovedenti, che abbiano stipulato un contratto con Omnitel, sono esclusi.

Il confine tra emarginazione ed integrazione è sempre sottile, e questo è ancor più vero quando si parla di nuove tecnologie. La possibilità di poter utilizzare a pieno uno strumento come il cellulare offre ad un disabile nuove opportunità di autonomia personale, ed ancora una volta la tecnologia può fornire la soluzione ad alcuni problemi.

È infatti possibile, con l'ausilio di opportuni sintetizzatori vocali, farsi leggere i testi digitalizzati, e la conferma di quanto dico sta nel fatto che un altro gestore di telefonia mobile fornisce da tempo questo tipo di servizio ai non vedenti italiani. Ovvero, un apposito software installato presso gli impianti della società telefonica, in combinazione con speciali schede SIM, vocalizza all'utente cieco il testo del messaggio ricevuto sul proprio terminale. Sono convinto che anche Omnitel sarebbe in grado di fornire ai propri clienti un servizio analogo, contribuendo così a migliorare l'autonomia dei disabili visivi.

Ho più volte manifestato agli operatori del 190 questa esigenza, e sono a conoscenza che altre persone si sono messe incontatto con la Vostra società per sostenere la messa a punto del servizio. Sarei lieto di poter avere la conferma che Omnitel sta lavorando per rispondere a questa esigenza.

Ritengo che da un'iniziativa di questo tipo potreste avere un significativo ritorno di immagine, e limitereste una sempre più probabile migrazione verso l'altro gestore.

Infatti, anch'io come molti altri amici sto seriamente pensando di spostare il mio contratto usufruendo della possibilità di conservare il mio attuale numero telefonico. Una tale decisione è motivata dalla reale necessità di accedere a tutti quei servizi che vengono forniti attraverso gli SMS.

Ho ritenuto opportuno inoltrare questo mio messaggio anche ad alcune associazioni di consumatori, trasmissioni radio-televisive ed a liste di discussione presenti su Internet poichè ritengo che Omnitel sia un'azienda che fornisce un servizio pubblico e, conseguentemente, dovrebbe tenere presente le varie esigenze di tutta la propria clientela.

Fiducioso in un Vostro positivo riscontro colgo l'occasione per porgere cordiali saluti.
Sauro Fani"

Caro Sauro, Punto Informatico ha contattato Vodafone Omnitel per conoscere lo stato della situazione. L'azienda ha risposto confermando che sta studiando la situazione per realizzare i servizi dedicati. Credo sia evidente che ad un operatore di questa importanza non possa sfuggire l'importanza di attivarli al più presto. Un saluto, a presto! Lamberto Assenti
25 Commenti alla Notizia Non vedenti esclusi dagli SMS
Ordina
  • come altre tecnologie per i non vedenti,
    sarebbe bene estendere a tutti gli utenti la possibilità di inviare e ascoltare sms vocali.

    già i costi sono come un sms normale,con tim.

    poter usare la scrittura e sintesi vocale sarebbe una bella comodità
    non+autenticato
  • y79ui0oèpfhjikjh




    yiukl.
    non+autenticato
  • Penso che il servizio di lettura vocale dei brevi messaggi di testo da parte di Omnitel avrà un enorme successo dimostrando una forte sensibilità verso i propri clienti disabili privi della vista. Un grande trionfo sarebbe se la Grande Società riuscisse ad attivare il servizio senza l'appoggio dell'unione italiana ciechi. Confido molto in omnitel e sono certo che ci ascolterà!
    non+autenticato


  • - Scritto da: supermiky
    > Penso che il servizio di lettura vocale dei
    > brevi messaggi di testo da parte di Omnitel
    > avrà un enorme successo dimostrando una
    > forte sensibilità verso i propri clienti
    > disabili privi della vista.

    possibile che non esista un'interfaccia braille per cellulari ? un mio amico la gestiva con un 8088 nel 1992, e riusciva ad utilizzare il DOS senza problemi... non posso credere che la tecnologia non sia in grado di produrre una device con una decina di matrici braille... in attesa della sintesi vocale...

    non+autenticato
  • Se avete una casella e-mail di vizzavi, cioè @vizzavi.it, è possibile farsi leggere le e-mail da un sintetizzatore vocale, chiamando un numero a pagamento ovviamente....
    Quindi se vogliono la tecnologia la usano già, è solo una questione economica.... purtroppo!
    Saluti.
    pieggi.
    non+autenticato
  • Ciao a tutti.

    A me pare che il problema non sia la banda che viene occupata dagli SMS, ma se sia giusto o meno che una certa fascia di popolazione resti esclusa da un determinato servizio, che come hanno detto anche altri non è fatto solo di frivolezze o banalità, ma anche di servizi utili, quali la consultazione dell'elenco telefonico.
    Non capisco il msg di una persona di cui ora non ricordo il nik che dice che visto che TIM offre già il servizio Omnitel dovrebbe dedicarsi ad altri servizi orientati ai disabili. E' come se si dicesse che, visto che TIM offre già il servizio di segreteria telefonica o quello di chiamata a carico del destinatario, la Omnitel non dovrebbe offrirli. In questi giorni Omnitel ha iniziato a offrire gratuitamente un servizio che avverte tramite sms (guarda caso) se qualcuno ci ha telefonato quando il telefono era spento o eravamo impegnati in altra conversazione. Ma non è forse identico al servizio che TIM offre da qualche mese? Allora perché Omnitel ha deciso di fornire un servizio che chi lo voleva poteva già averlo da TIM? Ma proprio per evitare che gli utenti che ritenevano utile questo servizio migrassero a TIM, cosa che oggi con la NP è molto più facile di prima.
    Concludendo, poicbhé sono direttamente interessato alla cosa in quanto cieco e in quanto cliente Omnitel, spero che i tecnici trovino una soluzione. Mi rendo conto che per TIM è stato più facile, in quanto aveva già un software di lettura vocale degli sms pensato per i telefoni TACS. Ad ogni modo Omnitel può partire dal software di lettura dei messaggi di psta elettronica che risponde al numero 42266 ed adattarlo alla lettura degli sms.
    Un'altra persona chiedeva se non sarebbe meglio inserire un dispositivo di sintesi vocale direttamente nei telefonini. A parte i problemi tecnici, noi italiani dovremmo dialogare con Motorola, Ericsson, Nokia, ecc., tutte società straniere, che poi dovrebbero fare tante versioni localizzate del software. E' una cosa impensabile: se una legge non glielo imporrà, non lo faranno mai. Molto meglio dialogare con 2 o 3 compagnie telefoniche. La TIM ha scelto la strada della SIM a 32k modificata in modo tale da rispedire automaticamente gli sms ricevuti al server centrale, ma non è detto che sia l'unica soluzione possibile.

    Saluti da Nicola Ferrando
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)