Skype ha la sua macchina della verità

Un componente aggiuntivo del software VoIP è in grado di trasformare ogni client Skype in un potenziale delatore delle bugie dell'interlocutore dall'altra parte della connessione

Roma - La tecnologia si evolve, e gli strumenti per le comunicazioni sono sempre più assorbiti dalle infinte possibilità della rete telematica globale. A rimanere sempre lo stesso è l'uomo, che tra i tanti suoi difetti ha quello di non dire quasi mai la verità. In risposta all'esigenza di verifica delle reali intenzioni dell'interlocutore nelle comunicazioni su piattaforma VoIP, sta per arrivare KishKish Lie Detector, che trasforma Skype in un software intelligente capace di individuare chi dice una cosa ma invece intende tutt'altro.

Sviluppato da BATM-Telco Systems, KishKish Lie Detector è in grado di trasformare il client di Skype in una sofisticata macchina della verità digitale, che analizza i flussi sonori delle conversazioni e visualizza a schermo il livello di stress della voce della persona all'altro capo della connessione. Stando alla società produttrice, avendo questi dati a disposizione sarà possibile valutare quanto quello che viene detto corrisponda al vero e quanto sia una bugia pura e semplice.

KK Lie Detector permetterà anche di salvare le conversazioni, per un controllo approfondito in differita o magari per l'utilizzo del materiale per l'attività forense, e BATM spera di incrementare ulteriormente le proprie tecnologie per fornire nuove possibilità agli Skype-user in futuro.
Nulla ancora è dato di sapere riguardo il prezzo del software miracoloso, né sulla data di commercializzazione. Paul Amery, direttore dello Skype developer programme si è dimostrato ad ogni modo entusiasta dell'iniziativa: "Questa è un'applicazione davvero eccellente - ha dichiarato - ed è il tipo di cose che vorremmo vedere di più in futuro. Lie Detector è l'ultimo di una serie di prodotti inclusi nel nostro premiato programma che migliora enormemente l'esperienza di comunicazione possibile con Skype".

Certo, per gli utenti preoccupati per la privacy (dire la verità di solito è un comportamento giusto, ma mentire non è necessariamente un reato) sarebbe gradita la possibilità di dare un consenso preventivo all'uso dell'applicativo, ma anche su questo aspetto BATM non ha rilasciato dichiarazioni specifiche.

Alfonso Maruccia
22 Commenti alla Notizia Skype ha la sua macchina della verità
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)