L'iPhone è di Cisco

Linksys, divisione dell'azienda americana, presenta il suo VoIP-fonino, battezzato come l'apparecchio a lungo atteso dalla Mela. Ma in realtà è uno Skype-phone

Irvine (California) - Tanto rumore per (quasi) nulla: la Rete preannunciava da giorni il lancio dell'iPhone, dandolo per imminente. E in effetti un iPhone è finalmente arrivato, ma non si tratta di un apparecchio di Apple: la novità è stata infatti annunciata da Linksys (divisione di Cisco), che con quello stesso nome commercializza una serie di WiFi-fonini compatibili con Skype.

A debuttare sul mercato in questi giorni è l'iPhone Dual-Mode Internet Telephony Kit for Skype, contraddistinto dalla più succinta sigla CIT400, che grazie alla connettività WiFi porta con se il vantaggio di rendere le applicazioni VoIP di Skype fruibili senza la dipendenza di un PC. Naturalmente si tratta di un apparecchio dual-mode, per cui il cordless, con tecnologia DECT, permette di effettuare e ricevere chiamate anche attraverso la linea telefonica tradizionale.

l'iphoneDisponibile fin da ora negli States, nei siti di e-commerce e presso i rivenditori, si prevede che possa essere commercializzato sui mercati internazionali entro il primo trimestre del prossimo anno. Il prezzo al pubblico si aggira attorno ai 180 dollari (poco meno di 140 euro).
Linksys, stando agli annunci pubblicati, darà il nome iPhone a tutta la sua gamma di apparecchi VoIP. Del resto, racconta BusinessWeek, Cisco detiene la titolarità del brand iPhone dal 2000, ossia da quando ha acquisito Infogear (che lo aveva registrato nel 1996). Di certo Apple lo sapeva quando ha registrato a proprio nome il dominio iPhone.org. Questo potrebbe indurre a ritenere che trattative tra Cisco e Apple su quel "brand" ci siano state ma non siano andate a buon fine. Questo non significa naturalmente che la Mela rinunci ad un suo telefonino. Semplicemente potrebbe non chiamarsi iPhone.

Dario Bonacina