Opera per Linux seduce SuSE, si rinnova

Il browser che viene dal freddo verrà integrato nella prossima distribuzione di SuSE. Aggiornata la versione per Linux. Per Opera è giunto il momento delle grandi manovre. I pinguinofili sono d'accordo?

Opera per Linux seduce SuSE, si rinnovaOslo - A pochi giorni dall'annuncio di un importante accordo con Macromedia per l'integrazione dei rispettivi prodotti sulla piattaforma Mac, Opera Software ha annunciato che il suo noto browser per Linux verrà incluso nella distribuzione SuSE Linux 8.0.

Quello con SuSE rappresenta il più importante accordo mai stipulato da Opera Software con un distributore Linux; una mossa che le permetterà di proporre con ancor più forza il suo prodotto come alternativa ai browser più diffusi sulla piattaforma Linux, fra cui Netscape, Mozilla, Konqueror e Galeon.

La società norvegese sostiene che ad oggi sono state scaricate e installate oltre un milione di copie di Opera per Linux.
"La sua inclusione nelle distribuzioni Linux apre le porte ad una nuova era per Opera", ha affermato Dean Kakridas, VP desktop products di Opera Software. "La distribuzione del browser insieme al sistema operativo rende Opera disponibile per chiunque".

Proprio ieri Opera Software ha anche annunciato il rilascio di una nuova versione del suo browser per il Pinguino, la 6.02, che "include importanti correzioni alla documentazione e all'interfaccia utente" e migliora il supporto ai caratteri di alfabeti diversi da quello occidentale, come quelli asiatici.

In Italia Opera è distribuito dalla Active Software attraverso il sito dedicato OperaItaly.
La versione Linux di Opera è disponibile qui nella versione ad-ware. Il costo della registrazione è di 39 dollari.

Per conoscere tutte le principali novità introdotte da Opera 6 per Linux è possibile leggere questo articolo.
24 Commenti alla Notizia Opera per Linux seduce SuSE, si rinnova
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)