Download Giochi/ Natale Game Over

FreeCIV, civilizzazioni a go-go, BurgerLand, Cybermind, un mix perverso ed un giochino VM18

Sistema Operativo:Windows95-98WindowsNT-2000WindowsXpLinuxMac-OSX
Lingua:In italiano
Prezzo:gratuito
Dimensione:6.142 KB
Click:5.803
Commenti:Leggi | Scrivi (10)
Feed:Xml
downloadScarica dal sito originale
Sid Meier nel 1991 trasformò milioni di giocatori in appassionati di strategia, alle prese con la civilizzazione di un pianeta. Costruire città, strutture, portare avanti una "civiltà" fino a predominare sulle altre, esplorare territori e condurre trattative diplomatiche. Tantissimi vecchi PC con Civilization hanno visto partite lunghe settimane, nelle quali tanti brufolosi smanettoni si comportavano come abili strateghi dell'ONU o guerriglieri senza scrupoli.

FreeCIV è un progetto nato un paio d'anni fa al fine di realizzare una versione a codice aperto (e completamente modificabile) di quell'incredibile gioco, mischiando elementi di Civ1, Civ2 e aggiungendoci del suo. Il risultato è un semplice ma complesso gioco di strategia multiplayer e multipiattaforma ottimo per cominciare a prendere la mano con questo tipo di giochi, e perfetto per rivivere le gesta di popoli nel corso di millenni di evoluzione.

Scopo del gioco è, ovviamente, creare una civiltà evoluta, popolosa e piena di tecnologie. La partita finisce se si eliminano tutte le altre civiltà, con una vittoria di tipo militare, o se si riesce a costruire e far arrivare una astronave (!) su Alpha Centauri, pronti per nuove civilizzazioni (difatti un bellissimo seguito del "classico" Civ si chiamava proprio col nome di quel sistema solare).

Le fasi dell'evoluzione di una civiltà cambiano in base ad infinite combinazioni di parametri, per non parlare dell'interazione con le altre civiltà presenti nel territorio che possono essere gestite dal computer (come nel primo Civ) o giocando fino in 30 (!) contemporaneamente in LAN o via internet.

Freeciv nel corso degli anni ha visto nascere numerose varianti sul tema, visto che è possibile modificare qualsiasi aspetto del gioco compresa l'intelligenza artificiale e la grafica. Il gioco è comunque un cosiddetto "strategico a turni" nel quale ci si muove sul territorio a passetti, muovendo le varie unità e personaggi. Si comincia con un esploratore e due settler, dei piccoli carrettini pionieri che sono in grado di costruire città. Mica poco.

Dalle città alle rivolte popolari il passo è breve, bisogna governare bene, e a lungo. Prosperità e tecnologie aiutano, diplomazia e territorio anche. A FreeCiv sono dedicate pagine di Wikipedia (in italiano e in inglese), mentre tanti giocatori gli dedicano già tante nottate in bianco. (Luca\S)