Pirati su eBay, 18 denunce

I cybercop della Guardia di Finanza di Catania individuano un gruppo di utenti che smerciava, sul celebre sito d'aste, oggetti contraffatti e opere protette da diritto d'autore illegalmente duplicate

Roma - Sono le segnalazioni degli utenti truffati e il continuo monitoraggio del commercio elettronico ad aver consentito due giorni fa alla Guardia di Finanza di Catania di mettere a punto l'operazione Rip-Off, con cui sono stati individuate e denunciate 18 persone dell'hinterland catanese che si ritiene vendessero tramite il celebre sito d'aste eBay copie masterizzate di software, musica e film nonché oggetti contraffatti.

I cybercop catanesi del Nucleo di Polizia tributaria in una nota spiegano che gli utenti sprovveduti che si intrattenevano in questo genere di commercio avevano un "convincimento utopico" secondo cui la connessione ad Internet "permetta di essere del tutto sconosciuti durante le connessioni". Un convincimento che, si legge in una nota, "è stato fatale a diverse persone che credevano di ottenere l'anonimato utilizzando le comunicazioni del sito internet ebay.it". L'analisi dei dati di log ha fornito ai finanzieri tutte le informazioni utili a risalire agli utenti coinvolti.

La procedura con cui abiti contraffatti, oggetti d'arte fasulli e altri materiali illegali venivano spacciati dai diversi "venditori" denunciati prevedeva perlopiù l'uso di carte Postepay: secondo le Fiamme Gialle ciò si deve alla "facilità del loro utilizzo" e alle "modalità di riscossione della somma pattuita per il buon fine della transazione".
La Guardia di Finanza, che ha agito in stretta collaborazione con il Fraud Investigation Team di eBay, ha spiegato di aver eseguito su mandato del sostituto procuratore della Repubblica di Catania Salvatore Faro una serie di perquisizioni domiciliari, grazie alle quali sono state individuate le opere contraffatte o illegalmente masterizzate. In alcuni casi sono stati rinvenuti pacchi pronti per la spedizione agli ignari acquirenti, che si sarebbero ritrovati in casa abbigliamento apparentemente di marca ma del tutto fasullo.

Nel complesso dell'operazione sono stati sequestrati 5600 dvd masterizzati, 14 computer, 10 hard disk, 11 carte prepagate Postepay, 39 paia di scarpe, 38 reperti archeologici. Le persone indagate, spiegano le Fiamme Gialle, hanno una età compresa tra 20 e 45 anni e risiedono nei Comuni di Catania, Mascalucia, Tremestieri Etneo, S. Gregorio di Catania, Acireale, Giarre, Valverde, Misterbianco e Roccalumera (ME).

"Nell'abitazione di uno degli indagati - spiega la nota della GdF - sono state rinvenute diverse suppellettili gelosamente custodite all'interno di una bacheca ornamentale, che, previo esame eseguito da funzionari della locale Soprintendenza ai Beni culturali, sono stati riconosciuti d'interesse archeologico e, per tale motivo illegittimamente detenute in violazione della normativa di settore"
50 Commenti alla Notizia Pirati su eBay, 18 denunce
Ordina
  • Uhm.... c'e' qualcosa che non capisco.
    Perche' se io presto la mia casa a degli spacciatori o dei ladri e' favoreggiamento e se lo fa ebay no?
    Clap clap bravo il team antitruffa di ebay..peccato che ogni giorni centinaia se non migliaia di annunci... passano con il benestare di ebay che "batte cassa" a fine asta.
    Cominciamo a mettere 50.000 euro di multa ad ebay per ogni operazione che con successo dimostra che quelal vendita "truffaldina" era palese...e che avrebbero dovuto fermarla e vediamo come nel giro di un mese.....9/10 di qugli annunci spariscono.
    Ovvio e' che se ebay non ci rimette niente (ma anzi ci guadagna) NON HA NESSUN INTERESSE a far si che il fenomeno venga arginato (capisco anche io che non e' possibile eliminarlo al 100%).
    E dei venditori "delal domenica" che hanno 500 feedback in un anno ne parliamo?
    C'e' qualche procuratore della repubblica che si da una svegliata e comincia a puntare l'occhio di bue anche su questo?
    POi mi parlano di normare internet... quando poi non riescono a tenere sotto controllo una singola societa' per azioni!
    Mah!

    Mauro

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Uhm.... c'e' qualcosa che non capisco.
    > Perche' se io presto la mia casa a degli
    > spacciatori o dei ladri e' favoreggiamento e se
    > lo fa ebay
    > no?

    Non credo lo sia... a meno che tu non sapessi che la tua casa sarebbe stata adibita a quello scopo.

    > Clap clap bravo il team antitruffa di
    > ebay..peccato che ogni giorni centinaia se non
    > migliaia di annunci... passano con il benestare
    > di ebay che "batte cassa" a fine
    > asta.

    Con migliaia di inserzioni al giorno penso che non sia semplicemente possibile tenere sotto controllo tutto. Se ritieni che un'asta sia illegale non devi fare altro che segnalarglielo.

    > Cominciamo a mettere 50.000 euro di multa ad ebay
    > per ogni operazione che con successo dimostra che
    > quelal vendita "truffaldina" era palese...e che
    > avrebbero dovuto fermarla e vediamo come nel giro
    > di un mese.....9/10 di qugli annunci
    > spariscono.
    > Ovvio e' che se ebay non ci rimette niente (ma
    > anzi ci guadagna) NON HA NESSUN INTERESSE a far
    > si che il fenomeno venga arginato (capisco anche
    > io che non e' possibile eliminarlo al
    > 100%).

    Immaginiamo che il provider del servizio (eBay) debba essere considerato responsabile per il comportamento dei propri utenti.
    Allora anche il tuo ISP dovrebbe esserlo, anche le Poste Italiane dovrebbero esserlo.
    È come se tu pretendessi che le Poste siano ritenute responsabili se qualcuno usa i loro pacchi e il loro circuito di postini per consegnare un pacco-bomba.

    Ti ripeto, quando gli utenti cominciano ad andare oltre il centinaio diventa davvero difficile tenere sotto controllo tutto... anche con gente pagata a questo scopo. Far applicare la legge poi non è compito di eBay e non è compito di eBay diventare lo sceriffo dei suoi utenti.

    > E dei venditori "delal domenica" che hanno 500
    > feedback in un anno ne
    > parliamo?
    > C'e' qualche procuratore della repubblica che si
    > da una svegliata e comincia a puntare l'occhio di
    > bue anche su
    > questo?

    Che c'è di male in uno che si è fatto 500 feedback in un anno?

    > POi mi parlano di normare internet... quando poi
    > non riescono a tenere sotto controllo una singola
    > societa' per
    > azioni!
    > Mah!

    Sul censurare Internet io non sono d'accordo, come non sono quasi mai d'accordo sulle iniziative dei politici che riguardano Internet vista l'ignoranza che dimostrano ogni volta che aprono bocca... ma siamo andati OT.
  • Urrà ho fatto la battuta del secolo.

    Ora potete applaudirmi e ricordarmi per l'eternità.
    non+autenticato
  • Ridicoli ... 38 paia di scarpe... avessero detto 38 contanier... pubblicità e basta.
    non+autenticato
  • I container arrivano al porto di Napoli, ma li' nessuno vede...
    non+autenticato
  • ha parlato rambo...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > come da titolo AnonimoFan AtariFicosoPirata

    18 persone soltanto e tu dici pirati al tappeto? Qui fai davvero ridere...
    non+autenticato
  • Sono d'accordo con chi dice che era roa che le cose si muovessero un pò da questo punto di vista.

    E' veramente molto difficile a volte trovare dei DVD originali in vendita, specie nel settore Anime , ma alche l'abbigliamento di marca è spesso contraffatto.

    Non sono però d'accordo con quanto scritto nell'articolo sul fatto che gli utenti siano all'oscuro di quello che comprano.

    Si, ce ne saranno di persone che pensano di prendere un bel paio di Nike a 40€ e poi a casa gli arriva 'na ciofeca (è successo ad un amico) ma, secondo me, molto lo sanno benissimo cosa vanno a comprare...

    Alcuni annunci di DVD sono palesemente di roba copiata...
    Mah! Ben vengano queste operazioni, ma anche Ebay dovrebbe essere ritenuta responsabile visto che a volte ti cancella aste perchè non hai scritto che magari una VHS in vendita è originale mentre con le persone che mettono: "questa è una copia mia personale e quindi non rompete" fila tutto liscio.....
    non+autenticato
  • Sottoscrivo in pieno.
    Quelli che comprano su Ebay sono molto meno stupidi di quanto si voglia far credere.
    Sanno che comprano il falso e gli va pure bene di correre qualche rischio.
    Molti comprano e poi rivendono a loro volta.
    Anche questo mette in moto l'economia?
  • Ma se sono stati gli stessi utenti a denunciare i venditori una volta ricevuta la merce.
    Se non dimostra questo che erano ignari cosa lo deve essere?
    ...forse il comprare un paio di scarpe di marca a 40 euro e poi stare zitti zitti?
    Questo dovrebbe dimostrarci che il tuo amico era ignaro?
    non+autenticato


  • > Non sono però d'accordo con quanto scritto
    > nell'articolo sul fatto che gli utenti siano
    > all'oscuro di quello che
    > comprano.
    >
    > Si, ce ne saranno di persone che pensano di
    > prendere un bel paio di Nike a 40€ e poi a casa
    > gli arriva 'na ciofeca (è successo ad un amico)
    > ma, secondo me, molto lo sanno benissimo cosa
    > vanno a
    > comprare...
    >

    Considerando che la Nike e molti altri produttori di robe di marca producono in Cina India e simili ... dopo un po mi viene anche il sospetto che la differenza sia solo il prezzo (e la moda).

    quindi .....

  • > Considerando che la Nike e molti altri produttori
    > di robe di marca producono in Cina India e simili
    > ... dopo un po mi viene anche il sospetto che la
    > differenza sia solo il prezzo (e la
    > moda).
    >
    > quindi .....

    BHE..GUARDATEVI "THE CORPORATION", IL FILM, E POI CAPIRETE PERCHè UN PAIO DI NIKE COSTA 200 EURO.
    RUBARLE DOVREBBE ESSERE UN DIRITTO E UN DOVERE!!! COSì COME NON COMPRARLE!!!
    E CON LORO TUTTE LE PIù GRANDI MARCHE!!!
    non+autenticato

  • > BHE..GUARDATEVI "THE CORPORATION", IL FILM, E POI
    > CAPIRETE PERCHè UN PAIO DI NIKE COSTA 200
    > EURO.
    > RUBARLE DOVREBBE ESSERE UN DIRITTO E UN DOVERE!!!
    > COSì COME NON
    > COMPRARLE!!!
    > E CON LORO TUTTE LE PIù GRANDI MARCHE!!!

    Mai stato contro i produttori Cinesi .... anzi.

    Il fatto e' che spesso queste marche spesso sono le prime che si lamentano della concorrenza fatta dai Cinesi.

    (come dire che fino a quando ci vanno loro in Cina tutto bene ... ma quando i cinesi decidono di mettersi in propio bisogna fare del protezionismo)

CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)