Microsoft ballerà coi pinguini del LinuxWorld

di A. Del Rosso. Se la fine del mondo è vicina, come qualcuno profetizza, tanto vale godersi l'ultimo spettacolo: Microsoft, l'impero del closed source, che partecipa al LinuxWorld, il festino del free software per eccellenza

Microsoft ballerà coi pinguini del LinuxWorldSan Francisco (USA) - A sorpresa, quest'anno Microsoft sembra intenzionata ad entrare nel "covo del nemico" e partecipare ufficialmente, con un proprio stand, al LinuxWorld Expo, il più importante evento legato al mondo del Pinguino che si terrà a San Francisco dal 13 al 15 agosto. Che la famosa profezia biblica del lupo che giacerà con l'agnello si stia per avverare?

Il gigante di Redmond, già figurante nell'elenco degli espositori del LinuxWorld, s'insedierà all'interno di un'area espositiva tipicamente dedicata ad accogliere le new entry; uno spazio, questo, che dovrà condividere, come un buon samaritano, con minuscole società come Cybozu Corporation e LTrix Engineering: aziende il cui fatturato, se messo insieme, potrebbe non arrivare a coprire la metà di ciò che Microsoft spende in tappetini del mouse.

Peter Houston, Sr. Dir. of the Windows Server Product Management Group di Microsoft, sostiene che questa mossa va interpretata come un "diplomatico approccio" alla comunità di Linux, la stessa che negli ultimi due anni è stata dipinta dai dirigenti del big di Redmond come un gruppo di idealisti affetti da un cancro che, come tutti i grandi mali, porta un nome molto breve: GPL.
E siccome le sfide d'onore non si cancellano con una stretta di mano, era lecito attendersi che una buona fetta della comunità di Linux esprimesse opinioni non proprio favorevoli a quella che da molti viene vista come l'"intrusione" di Microsoft ad una festa a cui nessuno l'ha invitata. Lo si evince dai tanti commenti apparsi ieri su forum e newsgroup, commenti che andavano dalle prese di posizione più pacate, come "ignoriamoli" o "teniamoci al largo dal loro stand", a quelle più pepate, o meglio, più dolci, visto che si parlava della preparazione di grosse torte alla panna... Di chi sarà la festa?

A dire il vero c'è anche chi, fra la comunità open source, ritiene che la partecipazione del big di Redmond all'evento rappresenti un fatto positivo e, in ogni caso, un bel passo avanti rispetto a quando, nelle passate edizioni, Microsoft si limitava ad inviare in fiera un paio di "scagnozzi" pronti a rilasciare piccanti comunicati stampa in cui, in genere, si sparava a zero su tutto ciò che portasse il nome "GNU" e non avesse nulla a che fare con le savane dell'Africa.

Ma che potrà mai esporre, Microsoft, all'interno di una manifestazione dedicata a Linux? Facile: Windows! Per essere precisi, Houston ha parlato di Windows XP embedded, la cui tecnologia verrà per la prima volta mostrata ad "occhi profani".

Microsoft ha in ogni caso promesso che parteciperà all'evento con "una mente aperta" e con la speranza di poter compiere il primo passo verso l'ampliamento del dialogo con la comunità di Linux.

"Abbiamo imparato molto da questi eventi", ha affermato Houston. "Questi forum sono un ottimo modo per stabilire un dialogo. Mi aspetto ottime cose nel prossimo futuro". Che a Bill Gates sia passata l'allergia ai pinguini?

Alessandro Del Rosso
207 Commenti alla Notizia Microsoft ballerà coi pinguini del LinuxWorld
Ordina
  • C'e da sperare che Bill la smetta con la guerra al software open source altrimenti finisce che se vince lui, non si può più usare linux nelle aziende pubbliche, private e nelle scuole, con grave danno per tutti.
    non+autenticato
  • ...e ancora nessun sostenitore sfegatato Microsoft.
    come la mettiamo? sono tutti al mare?

    ciao
    godz
    non+autenticato
  • scusatemi ho sbagliato thread
    non+autenticato
  • Con Linux il numero delle cose che posso fare e limitato dalla mia conoscenza con Windows e limitato dal mio portafoglio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Saggius
    > Con Linux il numero delle cose che posso
    > fare e limitato dalla mia conoscenza con
    > Windows e limitato dal mio portafoglio.

    la conoscenza e' limitata solo dalla pratica costante del debianzhang infatti io uso debian gnu/linux/stable mentre il maestro xian usa hurd e zap usa mandrake quindi vedi un po'
    non+autenticato
  • Gli utenti di windows che installano la Mandrake o altre distribuzioni "apri e gusta" finiscono per cercare Windows in Linux e alla fine si scocciano perche' non riescono a fare, nel medesimo modo, quello che fanno gia' con Windows.

    Forse questo e' il problema: Linux non e' Windows e se mi avvicino a Linux pensando a Windows saro' portato a pensare che sia solo una brutta copia di Windows.

    Penso che chi utilizza la Slackware non lo faccia per dire "Ahh sono un hacker" ma preferisca spendere piu' tempo a campire come funzionano i varii programmi e preferisce installarli su un sistema "pulito" su cui sa dove mettere le mani in caso di problemi.

    (Comunque se pensate che la Slackware sia complicata provate AIX ibm e le sue righe di comando).

    RedHat Suse Mandrake e le altre distribuzioni hanno reso accessibile Linux al "grande pubblico" semplificando e rendendo "grafiche" parecchie operazioni.

    Credo che la Slackware vada bene per sistemi server dedicati con servizi molto customizzati dove un esperto deve intervenire in caso di problemi.

    Gli altri permettono una veloce installazione del sofware e sono piu' "user friendly" ed hanno il vantaggio di rendere possibile interventi a "basso livello" per customizzare e relizzare nuove applicazioni, cosa che con Windows si puo' fare fino ad un certo livello.

    Il problema e che con Linux occorre sforzarsi a capire con Windows occorre sforzarsi a pagare.

    Forse i due sistemi possono co-esistere ma non credo che un azienda come Microsoft visto come ha trattato i concorrenti come Netscape ed altri possa lasciare qualche via intentata per eliminare questo sempre piu' "pericoloso" concorrente.

    Lo scopo di un'azienda e' fare soldi e
    conquistare il monopolio nel proprio settore.
    Il governo dovrebbe evitare che cio' accada ma nei fatti sembra che attualmente, quello americano e non solo, non stiano facendo abbastanza.

    Potrebbero esserci tempi grigi per l'Open-Source.
    non+autenticato
  • Ecco spiegata la partecipazione... Cercare
    di promuovere un prodotto, WinCE, che nel
    mondo Embedded ha perso da un pezzo la guerra.
    Ormai da un bel po' Linux e' l'unico sistema
    operativo che si sta diffondendo nel mondo
    embedded in modo esponenziale, relegando
    MS a una nicchia.
    MS non si smentisce mai...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Successiva
(pagina 1/9 - 42 discussioni)