Nuovi prodotti ad alimentazione wireless nel 2007

La statunitense Powercast ha promesso entro la fine dell'anno le prime periferiche che possono essere ricaricate senza fili. Philips è già pronta ad adottare la nuova tecnologia. Crescono le attese

Roma - Al CES 2007 di Las Vegas una piccola start-up della Pennsylvania ha presentato un dispositivo capace di ricaricare, in modalità wireless, ogni tipo di cellulare. Powercast ha adottato una tecnologia quanto mai simile a quella teorizzata dal MIT lo scorso autunno.

Sebbene sia stata mostrata come una soluzione di "alimentazione wireless", la tecnologia Powercast è molto di più di un caricatore universale perché è in grado di operare continuamente rimpiazzando, volendo, le stesse unità a batteria.

In sostanza, un trasmettitore può essere integrato in ogni oggetto, come ad esempio una lampada. Da questo viene emesso continuamente un segnale a basse radio-frequenze. Nel rispetto del raggio di copertura, un qualsiasi dispositivo dotato del ricevitore specifico può essere "ricaricato" costantemente.
"La nostra soluzione potrebbe portare un tempo di conversazione di cinque ore e mezza, di un normale cellulare, a circa 10 ore durante una tipica giornata di lavoro. Di fatto non permetterebbe alla batteria di scaricarsi", ha dichiarato John Shearer, CEO of Powercast. "Vi sono molte applicazioni possibili, ma per ora la priorità è rappresentata dal settore periferiche PC". L'idea è quella di realizzare tastiere e mouse wireless senza batteria, o dotate di batterie ermeticamente sigillate delle quali non preoccuparsi mai.

Secondo Powercast sono già numerosi i produttori hardware interessati al prodotto; in prima fila vi sarebbe Philips. Le prime linee di accessori e periferiche verranno commercializzate entro la fine del 2007.

Dario d'Elia
87 Commenti alla Notizia Nuovi prodotti ad alimentazione wireless nel 2007
Ordina

  • Tesla è stato uno scienziato fantastico.
    Le sue invenzioni e le sue intuizioni erano a metà tra la scienza e la proto-scienza, con la scoperta di forze naturali o soprannaturali che non riusciva a spiegare ma la cui esistenza è riuscito a dimostrare.
    La sua automobile elettrica che raccoglieva onde elettromagnetiche tramite un tetto particolare, la cui energia si fosse irradiata da un'antenna posta nel suo laboratorio e convogliata proprio come questa invenzione nella notizia di P.I.
    Ma qualcuno dice che non c'era alcuna antenna e che l'energia era misteriosa e disponibile abbondantemente intorno a noi e generata dal nostro pianeta.

    Si dice che perfino Mussolini mandò Guglielmo Marconi a farsi amico Tesla e sbirciare tra le carte del laboratorio per capire l'importanza e l'utilità di quelle scoperte e di una misteriosa valigetta che conteneva importanti scopiazzature e che è sparita dopo la morte del Duce.

    Senza parlare dell'interesse che ha sempre attratto nel governo USA quando parlava di un fantomatico raggio della morte e della convogliazione di microonde che oggi sono sfociati in invenzioni terribili come i pacificatori di folle che riducono in ginocchio rivoltosi lanciando onde elettromagnetiche che causano dolori lancinanti agli organi interni.

    A Tesla e poi a Reich si rifanno molti fautori newage che parlano di strane energie che avvolgono il mondo e che sarebbero alla base della vita nel nostro pianeta, creando strani strumenti come il cloudbuster poi perfezionato nelle orgoniti e i generatori di energia orgonica positiva che avrebbe poteri magici o quantomeno in grado di catalizzare un'energia vitale per noi ancora sconosciuta e quindi il suo studio relegato nella branchia delle proto-scienze, ma perfettamente dimostrabile e misurabile con strumenti posti vicino ad una di queste orgoniti o con semplici esperimenti fai-da-te mettendo un bicchiere d'acqua in freezer sopra un'orgonite si crea una sorta di piramide o increspatura sulla superficie dell'acqua congelata che altrimenti non si formerebbe senza l'orgonite.
    L'orgonite è un sasso (ma puoi dargli la forma che vuoi) fatto con un misto di segatura di metalli e cristalli di quarzo inglobati in una matrice di resine sintetiche.

    Per non parlare del misterioso progetto HAARP che gli Stati Uniti starebbero perpetrando in gran segreto a scopi ancora sconosciuti e che va in concomitanza con le scie chimiche che numerosi e anonimi aerei lasciano sui nostri cieli, di cui si parla di continuo e che i media vogliono ancora far passare per comune condensazione.

    E che dire del fatto che il 2006 è stato l'anno di Nikola Tesla e il 150° anniversario della sua nascita e che i media controllati hanno fatto passare del tutto inosservato per non far tornare interesse nei confronti di quest'uomo e delle sue magnifiche scoperte?

    non+autenticato
  • Tesla era uno scenziato, non il mago otelma, per favore...
    così infanghi il suo nome, non gli rendi giustizia, non centrava niente con la magia lui, non dire cavolate per favore
    in quanto al 2006, il motivo per cui tesla è stato oscurato è che il 2006 è stato anche l'anniversario di Ettore Majorana, la cui vita è circondata da misteri molto più fitti di quelli di tesla, dato che majorana scomparve misteriosamente e all'improvviso, senza lasciare una sola traccia
    non+autenticato
  • Ciao a tutti, ho preso da poco un Nokia 9500 Communicator. il problema è che quanto tento di attivare il bluetooth mi esce sul desk in alto un box con scritto: "errore bluetooth" e quindi non si attiva. Wi-fi e irda funzionano perfettamente...secondo voi è un problema hardware o software?!
    Fatemelo sapere per favore!
    grazie!!
    Alessandro
  • perchè lo scrvi qui???? Cylon
    non+autenticato
  • Scusa....è la prima volta ke uso punto informatico e ho cannato forum!
    se comunque hai una soluzione al mio problema dimmela, please
  • L'unico modo per alimentare è usare una onda elettromagnetica, peccato che siccome noi siamo fatti d'acqua e questa conduce elettricita, all'interno dei nostri tessuti gira corrente (ne piu ne meno il funzionamento di un trasformatore o di un forno a microode) che SCALDA i tessuti
    non+autenticato
  • Aggiungo che un conto è la potenza di emissione di un cellulare (milliwatt), un altro di quell'affare, che potrebbe alimentare un dispositivo anche a decine di watt.
    A meno che non lo usino solo per le basse potenze
    non+autenticato
  • Ottimo per le microspie wi-fi
    non+autenticato
  • Sono anni che la gente che vive vicino agli elettrodotti, per dimostrare che il campo eletromagnetico è molto forte va sotto la linea elettrica con dei tubi al neon che magicamente si accendono.

    E' da mo' che esistono gli RFID, che sono telealimentati dallo stesso campo EM che trasporta le informazioni.

    A volte le invenzioni sono fatte così:
    "tutti sanno come si dovrebbe fare ma nessuno lo fa"

    IMHO: a casa mia non lo voglio, wifi cellulare cordless TV e radio sono più che sufficienti, per caricare il cellulare sono felicissimo del filo

  • - Scritto da: localhost
    > Sono anni che la gente che vive vicino agli
    > elettrodotti, per dimostrare che il campo
    > eletromagnetico è molto forte va sotto la linea
    > elettrica con dei tubi al neon che magicamente si
    > accendono.
    >
    > E' da mo' che esistono gli RFID, che sono
    > telealimentati dallo stesso campo EM che
    > trasporta le
    > informazioni.
    >
    > A volte le invenzioni sono fatte così:
    > "tutti sanno come si dovrebbe fare ma nessuno lo
    > fa"
    >
    > IMHO: a casa mia non lo voglio, wifi cellulare
    > cordless TV e radio sono più che sufficienti, per
    > caricare il cellulare sono felicissimo del
    > filo


    se vuoi un campo più potente ti basta andae sotto i ripetitori di radio vaticana e avrai tutta l'energia che vuoi gratis!
    non+autenticato

  • > E' da mo' che esistono gli RFID, che sono
    > telealimentati dallo stesso campo EM che
    > trasporta le
    > informazioni.
    >

    In effetti la tecnologia di telealimentazione dei dispositivi elettronici attraverso l'uso di campi elettromagnetici è nota da percchio tempo.
    Ne sono un'esempio gli RFID o le chiavi a transponder di cui sono dotate la maggiorparte di auto e moto.
    Il problema è la scarsa efficienza di tali sistemi. Finché si tratta di alimentare circuiti che richiedono correnti dell'ordine dei microA, ok, ma quando è necessario erogare correnti maggiori (es. ricarica batterie) l'intensità del campo EM necessario deve aumentare quadraticamente.
    Ciò, alla luce delle evidenze scientifiche attuali circa la correlazione fra esposizione ai campi non ionizzanti e la formazione di varie forme tumorali, non è per niente rassicurante! Perplesso
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)