Drupal, il CMS open source ora è 5.0

Rilasciata una nuova major release di un content management system open source che ha ormai raggiunto la maturità. Ne parlano gli sviluppatori italiani

Roma - Il team di sviluppo di Drupal ha pubblicato la nuova release 5.0 del proprio content management system (CMS). La nuova versione include molte nuove funzionalità e miglioramenti che promettono di portare questo noto CMS ad un più alto standard qualitativo.

La community italiana di Drupal, rappresentata dai siti drupalitalia.org e drupal.it, è già al lavoro per realizzare la traduzione italiana del software, che non dovrebbe tardare ad essere pubblicata.

Drupal è un CMS open source scritto in PHP che utilizza MySQL o PostgreSQL come database. Drupal, essendo basato su una struttura modulare ed estendibile, permette la creazione di diverse tipologie di siti web dinamici: può essere infatti utilizzato come blog, community, sito di notizie, galleria immagini etc. La disponibilità di moltissimi moduli aggiuntivi che ampliano in ogni modo le funzionalità base del CMS e di molti temi grafici sono i punti di forza di questo software.
Drupal è compatibile con tutte le raccomandazioni internazionali ISO e W3C per l'accessibilità dei contenuti: in particolare utilizza codice XHTML e CSS valido e segue le direttive Section 508 e WCAG Priority 1, 2 e 3.

Sebbene in passato Drupal fosse stato criticato per non essere abbastanza user friendly, soprattutto per quel che riguarda la procedura di installazione e l'interfaccia di amministrazione, gli sviluppatori hanno dato ascolto a queste critiche cercando di limare il più possibile questi problemi. La nuova versione presenta molti miglioramenti, soprattutto tesi a migliorare la facilità d'uso.

Drupal 5.0 include una procedura di installazione completamente rivista e un nuovo installer web based che permette di creare una installazione completa nel giro di pochi minuti. Durante la procedura vengono controllati i requisiti di installazione sul web server e testato l'accesso al database. Inoltre il nuovo installer supporta gli install profile o distribuzioni permettendo la futura creazione di installazioni ad-hoc a seconda dell'utilizzo previsto: blog, community, forum, notizie, etc.

Non appena terminata l'installazione viene proposto il nuovo tema Garland, utilizzato come default dalla versione 5.0. Caratteristica interessante è la possibilità di personalizzazione offerta da questo tema: è possibile, utilizzando una tavolozza dei colori, selezionare la combinazione grafica di maggiore gradimento. Questa caratteristica potrà essere applicata anche ad altri temi tramite il modulo color.

La parte che ha avuto maggiori modifiche rispetto alle versioni precedenti, spiegano gli sviluppatori, è sicuramente l'interfaccia di amministrazione. È stato infatti eseguito uno studio di usabilità seguito da alcuni sondaggi che hanno portato ad una completo rifacimento delle pagine di amministrazione del CMS. Per facilitare la creazione di temi è adesso possibile usare un tema differente da quello globale per la sola interfaccia di amministrazione. Inoltre è presente una nuova pagina di informazioni riguardanti web server, PHP, database e Drupal che permette di riscontrare immediatamente errori di configurazione o problemi di altra natura.
61 Commenti alla Notizia Drupal, il CMS open source ora è 5.0
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)