Nuda sui cellulari dei compagni di scuola

Un video intimo, girato da una minorenne per un solo spettatore, si diffonde in modo virale tra gli studenti di un istituto scolastico italiano

Comiso (RG) - Si è filmata senza veli con il videofonino e ha inviato la clip al ragazzo con cui si voleva fidanzare. Ma il video ha fatto il giro della scuola e del paese e la giovane, una 14enne che frequenta l'Istituto d'arte Salvatore Fiume di Comiso, è diventata involontaria protagonista di un video hard molto popolare tra gli studenti.

Il destinatario originale del filmato, per la cronaca, non ha accettato la piccante proposta della studentessa. Ma dal suo telefonino, come racconta Radio RTM, il video (girato nei bagni della scuola) è rimbalzato - probabilmente via Bluetooth - da un cellulare all'altro fino ad arrivare nei telefonini degli altri compagni di scuola (perlomeno tutti quelli che avevano attivato la ricezione via Bluetooth).

Il fatto non è sfuggito al preside dell'istituto, Salvatore Cianciolo, il quale si è rivolto ai Carabinieri informandoli dell'accaduto. Il video è stato poi rimosso dai cellulari degli studenti.
Una misura forse tardiva, se questi si fossero presi la libertà di trasferirlo su un computer per poi pubblicarlo su Internet: come noto, molti sono i fatti balzati agli "orrori" della cronaca negli ultimi mesi, con studenti che si sono resi protagonisti di episodi di bullismo o a sfondo sessuale immortalati dalle videocamere integrate nei telefoni cellulari, e che hanno poi trovato posto sulle tante piattaforme di social networking per acquisire notorietà nazionale e internazionale, come in un caso analogo a quello di Comiso, ma avvenuto in provincia di Padova.

Vicende che hanno sollevato l'attenzione delle istituzioni e scatenato un acceso dibattito, che ancora non si è chiuso.

D.B.
180 Commenti alla Notizia Nuda sui cellulari dei compagni di scuola
Ordina
  • Se lei ha mandato il suo filmato stupidino a un ragazzo, é lui che non doveva amndarlo ai altri.
    Secondo me lui e i suoi genitori dovrebbero essere colpevilizzati e portati in giudzio.
    non+autenticato
  • Potrebbero anche essere accusati di pedofilia...

  • - Scritto da: pheudo
    > Potrebbero anche essere accusati di pedofilia...

    Eh beh hanno tutti 14 - 15 anni, ovvio che dovrebbero interessarsi alle 40enni.
    non+autenticato
  • Tecnologia, media, genitori...

    ce ne sarebbero di cose da analizzare per capire come mai si sia verificata questa situazione.

    La tecnologia purtroppo è quella che ha meno responsabilità di tutte. Con un telefonino puoi fare un filmato ad una farfalla che si posa su un fiore e poi se ne va, puoi fare foto occasionali di qualcosa di inaspettato, puoi però per l'appunto anche girarci filmini porno da mandare ad un ragazzino per tentare di sedurlo.
    La tecnologia è li per aiutarci a vivere meglio, poi stà a noi usarla come meglio crediamo.

    Sul ruolo dei genitori, non so quanto si possa dare loro la colpa.
    Ci sono genitori che se ne strabattono dei figli e queste cose è naturale che accadano, ma ci sono anche genitori che avvertono i figli che il fumo fa male, li istruiscono sui pericoli della droga e del sesso senza protezione.
    La sera dopo, se il/la ragazzino/a idiota si mette a fumare, si fa una dose o fa sesso con un partner occasionale senza conoscerlo nonostante i genitori li abbiano avvertiti, la colpa è sua e solo sua. Uomo avvisato...

    I media, specie la TV, distorgono la realtà dei giovani, creano dei modelli da seguire per essere IN e OUT e se un giorno ti trovi a non possedere delle doti richieste per essere IN, sei escluso dagli altri ragazzini che osannano questo tipo di modello.

    Non hai le scarpe da 150 € che ha usato usato anche lo sportivo di turno per quei 30 secondi di spot e poi non le ha più usate perchè gli facevano male i piedi, ma indossi un paio di scarpe comode e resistenti, pagate 20 € con i saldi? Sei OUT. Ma almeno hai risparmiato i soldi delle scarpe e dei medicinali per i dolori al piede.

    Non hai quel maglione che costa 200 € con la firma del produttore scritta per tutta la lunghezza sul davanti che ti trasforma in un ridicolo omino che fa pubblicità gratuita ma hai un maglioncino anonimo che ti tiene caldo anche a temperature bassissime? Sei OUT. Stai tranquilla, quello che ha il maglione firmato ha i ghiaccioli sotto il naso e trema dal freddo stà in realtà benissimo.

    Fai la brava ragazza a scuola, anzichè aspettare di darla via al primo che passa e che ti piace (piacere si, ma innamorarsi a 14 anni è davvero troppo raro) aspetti di sapere se è davvero l'uomo giusto? Sei OUT. Ma almeno non dovrai preoccuparti del fatto che la persona da cui eri così attratta ti ha messo incinta e se ne è andato dicendoti "arrangiati".

    Ti vesti senza attirare l'attenzione e senza scoprire almeno il 60% del tuo corpo con minigonne inesistenti, magliette trasparenti, trucchi a go go? Sei OUT. Anche se probabilmente sarai meno appettibile per uno stupro di notte mentre torni a casa...

    Questa generazione di giovani sembra cercare il "manuale" di istruzioni nella vita, non trovandolo si affidano a quello che vedono in giro (vita reale o TV) e pensano "Ah ma è così che si fa allora!" e danno per buono tutto quello che vedono, seguono queste regole e quando capita l'inaspettato (la TV fa tutto facile, ma ahimè non è sempre così), non sono in grado di porvi rimedio.

    Poi succede che a 16 anni le ragazzine IN rimangono incinta e dicono "Come mai?" oppure scoprono che il loro partner le vede come delle bambole gonfiabili e null'altro ed il marito ideale che hanno sempre sognato se solo osa avvicinarsi riceve botte ed insulti dal "ragazzo" attuale che non vuole perdere la sua felicità serale.
    E via di crisi depressive, che in certi casi finiscono anche nel tragico. E sui giornali.

    C'è solo una cosa importante da seguire: l'esperienza.

    Una volta fatta la cazzata, si ha in mano il potere di imparare a non farlo più ed è il potere più grande che è dato in mano a chi deve imparare, il potere di cambiare il proprio futuro (ed in certi casi, quello degli altri, magari raccontando ad amici bisognosi le proprie esperienze) imparando dagli errori commessi.

    La sua punizione ora sarà subire le conseguenze delle sue azioni. Non da parte dei genitori (Strigliata) o della scuola (eventuali provvedimenti), ma dalla vita che per lei andrà avanti.
    Non sarà facile, nessuno ha detto che lo sarà, magari qualcuno tra un paio d'anni la additerà con "Ah ma tu sei quella del filmatino sul telefonino!".

    Nella sua punizione, dovrà trovare la forza per non cedere e per migliorarsi, imparando dai suoi errori.
  • > Nella sua punizione, dovrà trovare la forza per
    > non cedere e per migliorarsi, imparando dai suoi
    > errori.
    si ma sara in grado di farlo ?????
    non+autenticato
  • Hai mai sentito parlare del profilattico oppure è troppo IN per i tuoi gusti?
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    >
    > Hai mai sentito parlare del profilattico oppure è
    > troppo IN per i tuoi
    > gusti?

    Scusa hai ragione

    E' risaputo che i profilattici sono fatti in modo da non potersi MAI rompere e che avere un rapporto completo protetto è sicuro al 100%. Infatti le gravidanze indesiderate sono una piaga debellata da anni grazie all'introduzione del profilattico.

    Scusami ancora per avere tralasciato questo importantissimo dettaglio.

    </sarcasm>
  • Rispetto!
    non+autenticato
  • La morale non deve entrare nei tribunali. I giudici e i politici dovrebbero stare lontani anni luce dalle decisioni morali degli individui invece hanno sempre le mani in pasta per plasmare le coscienze dei "cittadini". E ci riescono... Le ragazzine di 12 anni oggi scopano tutte senza criterio (alcune non lo fanno, ma sono sempre senza criterio) NONOSTANTE E A CAUSA di una morale e di una educazione distorte che hanno confinato la sessualità alla riproduzione dei mammiferi. L'approccio medico e infermieristico al sesso non è proprio soltanto dei materialisti, è proprio soprattutto dei moralisti che vedono il sesso come degradante al di fuori di rapporti regolamentati dalla società o dalla religione. Questa miseria culturale lascia che i giovanissimi vivano la loro vita sessuale all'interno di uno squallido orizzonte fatto di luoghi comuni e delimitato da squallidi paletti. Il terreno è quello sterile dove ormai non cresce più nulla perché assetato da secoli. Quello che capiscono, le nuove vite che vi crescono, a parte le storielle del sussidiario scolastico e a parte l'esatto contrario, quello che passa dal degradato mondo dei grandi, fatto semplicemente di trasgressioni più grandi, sono le loro piccole trasgressioni, la loro piccola esperienza diretta. Ma per quanto piccola basta però a far inorridire gli ipocriti benpensanti (dai quali non passa un solo raggio di luce per illuminarla) e a scatenare la loro furia repressiva. Chi lo sa oggi CHE COSA SIA il sesso? I moralisti sono gli ultimi a saperlo visto che ne evitano (e vogliono che si eviti) anche solo il pensiero. Per aiutarli tutti devono nascondere rigorosamente tutto quello che ricordi il sesso, altrimenti potrebbero cadere nel nulla (o rivelarsi per ciò che sono) i loro piccoli paletti. Per questo fanno leggi mirate per eliminare chi non è come loro. Chi non è come loro è un grave pericolo per la società dei paletti. Per colpa loro è pieno di gente "adulta" totalmene immatura e totalmente confusa riguardo al sesso, che si è fermata a pensare al sesso come peccato e come trasgressione e infatti è pieno di gente che sa solo trasgredire, il cui unico orizzonte di senso per la loro vita presente, oltre a riprodursi come del resto sanno fare anche i conigli, è la trasgressione (Qualcuno non trasgredisce e si limita adesso per il dopo vita, che obbliga a pagare un mutuo in rinunce) Ma loro da questo degrado traggono ragioni per irrigidirsi ancora di più. Se c'è così tanta trasgressione, dicono, è perché non c'è abbastanza morale... Sono fermi sulle loro posizioni da anni e sanno che non possono più muoversi. Sono come mummie che non possono muoversi senza finire in mille pezzi. E infatti sono già morti, da quando hanno rinunciato a pensare con la loro testa e a vivere. (Ma quante botte avranno preso o quante minacce di botte e di abbandoni? Non è solo colpa loro ma dei loro genitori e delle società passate. Per questo non li odio, suddivido il mio odio tra tutti quelli che sono vissuti dalla caduta di Adamo in poi e non hanno fatto nulla per cambiare le cose. Li disprezzo.)
    non+autenticato
  • si chiamano TR..E
    ci sono sempre state
    sempre ci saranno (meno male!)
    l'importante e' non cascarci... (e qui la cosa si fa dura)

    non+autenticato
  • Non dimenticare gli STR...I. Se li conosci li eviti.
    non+autenticato
  • confermo.
    ci sono anche quelli... e tanti...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > confermo.
    > ci sono anche quelli... e tanti...

    si però gli str...i ve li cercate e non poco... e poi non vi vanno bene...
    se sei bravo... non vi andiamo bene...
    se sei str..o... non vi andiamo bene...

    prendete una decisione coerente dall'oggi al domani vah
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 22 discussioni)