Scaglia si vende un pezzo di Fastweb

Annuncio

Milano - Il fondatore di Fastweb e maggiore azionista dell'azienda TLC, Silvio Scaglia, ha venduto una parte dlele sue quote a Unicredit Banca Mobiliare, scendendo così dal 25 per cento al 18,75 per cento di partecipazione ed incassando 222 milioni di euro.

La vendita, che non è stata applaudita dalla Borsa dove il titolo ha perso diversi punti, servirà a Scaglia a dar vita a Babelgum, il progetto di tv via Internet.

Scaglia ha anche promesso che la vendita non significa un'uscita di scena dall'operatore broad band italiano. Dichiarazioni che fino ad ora gli operatori finanziari non sembrano aver preso sul serio.
4 Commenti alla Notizia Scaglia si vende un pezzo di Fastweb
Ordina
  • ho visto gli screenshot di Babelgum, interfaccia spartana, con poche funzionalità all'apparenza, e nome senza mordente(per un orecchio inglese), certo ha ancora tutta la strada da fare ma ho la sensazione che parta in salita.

    Devono rinnovarsi molto se sperano di combinare qualcosa, è difficile battere Joost, non potendo contare sulla piattaforma p2p di skype/kazaa. E poi non credo abbiano in programma di inserire alcun supporto per i plugin, cosa che Joost supporta GIA' DA ORA. Comunque il tallone di achille di Joost sarà la tecnologia poco ottimizzata (rispetto alla concorrenza appunto), che non gli permetterà di competere sul mercato, secondo me gli andrà bene se lo vende a qualcuno prima che fallisca.

    Saluti,

    Geeno
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ho visto gli screenshot di Babelgum, interfaccia
    > spartana, con poche funzionalità all'apparenza, e
    > nome senza mordente(per un orecchio inglese),
    > certo ha ancora tutta la strada da fare ma ho la
    > sensazione che parta in
    > salita.
    >
    > Devono rinnovarsi molto se sperano di combinare
    > qualcosa, è difficile battere Joost, non potendo
    > contare sulla piattaforma p2p di skype/kazaa. E
    > poi non credo abbiano in programma di inserire
    > alcun supporto per i plugin, cosa che Joost
    > supporta GIA' DA ORA. Comunque il tallone di
    > achille di Joost sarà la tecnologia poco
    > ottimizzata (rispetto alla concorrenza appunto),
    > che non gli permetterà di competere sul mercato,
    > secondo me gli andrà bene se lo vende a qualcuno
    > prima che
    > fallisca.
    >
    > Saluti,
    >
    > Geeno


    si, concordo su tutto
    non+autenticato
  • Ma non si riesce ad andare a capo ora che avete messo questo codice da inserire, a volte VI ODIO.
    non+autenticato