Singapore, libertà condizionata per lo scroccone WiFi

Si conclude la vicenda del teenager che si connetteva a sbafo. Niente galera, ma il ragazzo dovrà stare un anno e mezzo senza Internet. E dovrà curare quella che chiamano dipendenza da videogiochi

Singapore - Ci si aspettava una condanna esemplare, ma alla fine il giovane scrocca-connessione di Singapore ha evitato la galera. Nonostante questo, Garyl Tan Jia Luo non ha molto di cui essere felice: l'accusa di connessione illecita rivoltagli contro gli è costata 18 mesi di libertà condizionata, periodo di tempo nel quale il giovane non potrà neppure entrare in contatto con le novità e gli sviluppi del mondo telematico.

Primo cittadino singaporiano ad essere colpito da questo tipo di imputazione dall'introduzione del Computer Misuse Act (lo stesso che ha dato origine alla già discussa PreCrimine), Garyl Tan Jia Luo aveva indebitamente sfruttato una connessione WiFi sprotetta presente in zona per connettersi col proprio laptop il 13 maggio del 2006.

Considerata la severità dimostrata dai tribunali dello stato asiatico, c'erano le condizioni perché il giudice decidesse per il massimo della pena, cioè 3 anni di prigione e il pagamento di 5mila euro di multa.
Le autorità per una volta hanno invece voluto mantenere una linea rigorosa ma non radicale, ed hanno comminato un periodo relativamente lungo di libertà condizionale al giovane appassionato di tecnologia. Non bastasse questo, probabilmente la cosa che più peserà a Garyl Tan Jia Luo sarà l'espresso divieto di connettersi al network telematico globale per tutta la durata della pena.

Secondo il giudice questa è la strada più appropriata per curare la sua Internet-dipendenza, ed ha altresì suggerito un trattamento sanitario per l'ossessione del gaming online da cui il diciassettenne sarebbe affetto.

Alfonso Maruccia
14 Commenti alla Notizia Singapore, libertà condizionata per lo scroccone WiFi
Ordina
  • Se associassimo il Wi-fi alla nostra casa potremmo concludere che: .. io se volessi potrei lasciare la porta della mia casa aperta.. ma non è detto che qualcuno ci debba entrare per usufruire delle mie cose.. se lo trovassi dentro potrei denunciarlo senza problemi!! E quindi da questo si arriva al fatto che io posso lasciare la connessioen sprotetta .. ma non è detto che i vicini la debbano utilizzare senza avermelo chiesto... Ma la cosa nell'infrmatica cambia.. e cioè .. i portatili windows.. almenochè uno non sia uno smanettone e sa come funziona.. il wifi si connette automaticamente!! e quindi un utente senza saperlo si ritrova con il suo portatile in rete con la connessione del vicino.. quindi.. io dico.. se uno mette su una rete wi-fi la deve proteggere!! Se la lascia aperta e io che di computer non ne so niente.. se il mio portatile si connette non è colpa mia.. Che denuncino chi ha creato la rete sprotetta.. o la microsoft che con il suo sistema (se non viene disattivato) si connette automaticamente.. Quindi.. cavoli di chi ha la rete sprotetta.. anzi magari un mio vicino la mettesse... smetterei di pagare la mia adslOcchiolino Bye.
    non+autenticato
  • yes è illegale anche qui

    ps: che stress il codice di controllo..
    non+autenticato
  • Non esattamente, nel senso che se ti connetti ad una rete sprotetta sono cavoli di chi la gestisce e non la protegge.
    Se tieni la porta di casa aperta non puoi lamentarti che sono entrati i ladri anche se i ladri rubando commettono reato. Ma se i ladri in questione sfruttano la tua porta aperta per usare il tuo bagno che gli puoi dire??? Accesso abusivo??? Chiudi la porta e poi li puoi denunciare.
    Aloha
    non+autenticato
  • Gli puoi dire che è proprietà privata quindi in casa non ci può entrare!

    Per quel che riguarda il caso in questione è ridicola la sentenza, se l 'amministratore è un ebete e il wifi è progettato male di default che lascia liberta a tutti non vedo perchè non possa utilizzarlo chiunque.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Gli puoi dire che è proprietà privata quindi in
    > casa non ci può
    > entrare!
    >
    > Per quel che riguarda il caso in questione è
    > ridicola la sentenza, se l 'amministratore è un
    > ebete e il wifi è progettato male di default che
    > lascia liberta a tutti non vedo perchè non possa
    > utilizzarlo
    > chiunque.

    mh Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • Non c'è obbligo di tenere la porta chiusa se qualcuno entra è violazione di domicilio , se ruba è furto. Se c'è una proprietà privata sei tenuto a rispettarla.
    non+autenticato

  • > Se tieni la porta di casa aperta non puoi
    > lamentarti che sono entrati i ladri anche se i
    > ladri rubando commettono reato.

    Magari io non mi lamento, ma i ladri in galera ci finiscono lo stesso (il via teorica, i Prodi/Mastella i ladri li preferisce in giro)
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    >
    > > Se tieni la porta di casa aperta non puoi
    > > lamentarti che sono entrati i ladri anche se i
    > > ladri rubando commettono reato.
    >
    > Magari io non mi lamento, ma i ladri in galera ci
    > finiscono lo stesso (il via teorica, i
    > Prodi/Mastella i ladri li preferisce in
    > giro)

    Prodi/Mastella/Berlusconi
    non+autenticato
  • Tu devi essere il presidente della Corte di Cassazione!!! Ti hanno mai spiegato cos'è la proprietà privata? lasciare la macchina aperta non autorizza nessuno ad entrare, ne per rubare ne per leggere il giornale!
    Punto Informatico sempre più pieno di ragazzini con la 3a media...
    non+autenticato
  • ...l'accesso ad una rete wi-fi NON PROTETTA e completamente anonima, non implica di per se la violazione di un sistema informatico.

    Diverso è se utilizzo la suddetta rete per accedere ad un elaboratore ove sono contenuti dei dati personali/sens. e giud.

    P.S.: In italia non sono "ammesse" reti informatiche non protette e senza nessuna forma di autenticazione contenenti dati personali/sens. e giud.

    CP


    non+autenticato
  • Come hanno fatto ad identificarlo con assoluta certezza? Non credo che un admin che lascia una rete sprotetta abbia le capacità di individuare un intruso.

    E soprattutto come sono arrivati a lui fisicamente? Dal macaddress della scheda?
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Come hanno fatto ad identificarlo con assoluta
    > certezza? Non credo che un admin che lascia una
    > rete sprotetta abbia le capacità di individuare
    > un
    > intruso.
    >
    > E soprattutto come sono arrivati a lui
    > fisicamente? Dal macaddress della
    > scheda?

    Forse giocando online saranno risaliti al suo account
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    > > Come hanno fatto ad identificarlo con assoluta
    > > certezza? Non credo che un admin che lascia una
    > > rete sprotetta abbia le capacità di individuare
    > > un
    > > intruso.
    > >
    > > E soprattutto come sono arrivati a lui
    > > fisicamente? Dal macaddress della
    > > scheda?
    >
    > Forse giocando online saranno risaliti al suo
    > account
    Così si impara a fare l'ingordo, se avesse un po' limitato la banda che fregava al vicino, quello non se ne sarebbe mai accorto.
    non+autenticato