Un ISP per finanziare i progetti open source

Per aumentare le risorse della comunità a codice aperto, il gestore del provider UK Free Software Network ha deciso di creare una borsa di studio a favore di giovani informatici

Londra - UK Free Software Network è un Internet service provider che ha praticamente un unico obiettivo: utilizzare i suoi profitti per finanziare i progetti open source di giovani studenti. Jason Clifford ha avuto questa idea nel lontano 2003, quando ha fondato la sua impresa nel Hertfordshire, ma solo adesso è arrivato al break even ed è pronto a contribuire alla causa del free and open source software (FOSS).

"Sono stato aiutato molto dalla Association for Free Software (AFFS). Non sono un grande coder, quindi ho dovuto individuare strade alternative", ha dichiarato Clifford. "Quando le entrate sono aumentate e si sono stabilizzate ho pensato di assumere un ruolo attivo nella comunità".

Clifford, dopo essersi confrontato con i membri della AFFS e con i suoi utenti, in ottobre, ha iniziato a completare il suo progetto di "sostegno". La condivisione dei profitti con gli studenti è sembrata una buona idea soprattutto perché i più conosciuti e apprezzati collaboratori del FOOS, come Richard Stallman e Linus Torvalds, e sviluppatori di KDE e GNOME, hanno iniziato tutto dai banchi di scuola. "Gli studenti, particolarmente quelli universitari, sembrano particolarmente attratti da questa attività", ha sottolineato il giovane anglosassone.
Quest'anno il progetto coinvolgerà un solo ragazzo, dato che la disponibilità finanziaria non supera le nove mila sterline - sufficienti per le spese quotidiane o le tasse universitarie. La speranza, quindi, è che il fortunato possa concentrarsi sulla sua educazione e contribuire ai progetti del FOSS piuttosto che ritrovarsi a lavorare in fast food per mantenersi.

Lo scorso novembre il bando è stato pubblicato su alcune riviste Linux specializzate, ma solo due settimane fa è stato raggiunto un numero sufficiente di richieste. "Sospetto o di aver spedito i documenti ai giornali in ritardo o che la cosa abbia interessato pochi", ha ammesso Clifford.

Comunque, fra i pochi, è stato scelto Andrew Price, uno studente al secondo anno di Informatica presso la Swansea University, membro attivo della comunità Ubuntu e gestore del progetto pyBackPack, una utility di backup.

"Da quando ho iniziato l'università sono stato membro del gruppo informatico interno in qualità di presidente e poi tesoriere", ha dichiarato Price. "La scorsa estate poi, sono stato felice di essere premiato come membro ufficiale di Ubuntu. E nello stesso periodo ho sostituito un mio amico nel progetto pyBackPack, che è iniziato nel 2005 in seno al Google Summer of Code".

"Grazie a questo finanziamento posso lavorare sul free software nel mio tempo libero invece di disperderlo in un normale part-time lavorativo. Devo ammettere anche che questa cosa ha alimentato il mio entusiasmo a contribuire all'open source. Essere parte della comunità FOSS è un'esperienza veramente incredibile".

Dario d'Elia
4 Commenti alla Notizia Un ISP per finanziare i progetti open source
Ordina