I sindacati si appellano agli operatori di call center

CGIL, CISL e UIL dialogano con i lavoratori delle decine di call center del palermitano e chiedono loro di venire allo scoperto: è ora di passare all'azione e, sfruttando le attuali normative, superare il precariato

Palermo - Il mondo delle TLC è in agitazione da tempo sul fronte bollente dei call center ma ora i sindacati confederali CGIL, CISL e UIL stanno cercando di "far uscire allo scoperto" i lavoratori delle più di 90 strutture che operano nel palermitano, per superare il precariato.

Proprio oggi alle 10 a Palermo i tre sindacati invitano i dipendenti di questi call center a partecipare alla mobilitazione con cui vogliono fare cornice al previsto intervento del ministro Cesare Damiano al San Paolo Palace Hotel, un intervento con cui il Ministro parlerà proprio della stabilizzazione dei precari dei call center e dei passi previsti per raggiungere l'obiettivo. In tutto sono circa 6mila gli operatori (2700 solo in Sicilia) che saranno assunti entro la fine dell'anno grazie alle nuove norme.

Per questo i sindacati si augurano che i precari vogliano "unirsi per aprire la fase di contrattazione con le imprese che dovrà portare alla loro stabilizzazione". "Dopo tante denunce di sfruttamento - ha dichiarato Rosario Farone di SLC CGIL - ora con gli strumenti di legge che esistono è il momento di pensare alla stabilizzazione delle migliaia di precari dei nostri call center". I sindacati chiedono alle imprese di collaborare e, come previsto dalla Finanziaria, chiudere gli accordi entro la fine di aprile. Per le società di settore è un obbligo: hanno tre mesi di sanatoria per sistemare la questione. "Altrimenti - avverte Faraone - riceveranno la visita degli ispettori".
L'invito, dunque, è quello di "venire fuori". "Mettetevi in contatto con noi - dicono i sindacati - scrivete ai nostri indirizzi email, raccontateci in che condizioni lavorate".

L'appello, secondo i sindacati, è necessario per contrastare l'ostruzionismo di molti imprenditori di settore che spingerebbero i propri lavoratori a non farsi sentire per evitare grane.
56 Commenti alla Notizia I sindacati si appellano agli operatori di call center
Ordina
  • I sindacati della triplice alleanza hanno appoggiato tutte le forme legislatìve del precariato, ed ora hanno il coraggio di prendersela con chi deve sottostare alle regole che loro hanno approvato chiedendo di uscire allo scoperto ai lavoratori.
    Vergognatevi, sindacati del potere.
    Avete distrutto il concetto di solidarieta' nel lavoro. Invito tutti a starppare le tessere ed iscriversi a qualsiasi sindacato autonomo.
    non+autenticato
  • I sindacati della triplice alleanza hanno appoggiato tutte le forme legislatìve del precariato, ed ora hanno il coraggio di prendersela con chi deve stottostare alle regole che loro ahnno apèprovato chiededno di uscire allo scoperto.
    Vergognatevi, sindacati del potere.
    Avete distrutto il concetto di solidarieta' nel lavoro. Invito tutti a starppare le tessere ed iscriversi a qualsiasi sindacato autonomo.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > I sindacati della triplice alleanza hanno
    > appoggiato tutte le forme legislatìve del
    > precariato, ed ora hanno il coraggio di
    > prendersela con chi deve stottostare alle regole
    > che loro ahnno apèprovato chiededno di uscire
    > allo
    > scoperto.
    > Vergognatevi, sindacati del potere.
    > Avete distrutto il concetto di solidarieta' nel
    > lavoro. Invito tutti a starppare le tessere ed
    > iscriversi a qualsiasi sindacato
    > autonomo.

    preferibile rinnovare i grandi sindacati: quelli piccoli contano niente
    non+autenticato
  • Immaginate 1 milione di giovani e meno giovani italiani, tutti schiavi nei callcenter sia inbound che outbound.
    Immaginateli armati di mazze da baseball incazzati, frustrati, e senza NIENTE da perdere.

    Entrate in un callcenter qualsiasi e chiedete ai dipendenti con cuffiette (quando gliele danno) cosa farebbero con quei bastoni.

    Credo che il "figlio di papà" lameronzolo che ha postato sotto diventerebbe orfano nel giro di pochi istanti.

    Ah sì... dimenticavo di dire che io parlo con 7 anni di lavoro in callcenter inbound e outbound sulle spalle.
    non+autenticato
  • specie nell'outbound fai un lavoro che si scontra ogni momento con la coscienza. Per sentirti spesso inutile, se va bene..
    Passi le ore della giornata davanti a una macchina che sai che non ti garantisce sufficienti proventi per mandare avanti la famiglia e la tua vita.. mai guadagnato più di 200 euro/mese nei 6 mesi che ho lavorato in un call center.
    Non puoi contare né su un fisso, né su un riconoscimento economico adeguato, e sai di non essere minimamente garantito nei diritti essenziali di un normale contratto nazionale di lavoro. Passi i giorni del mese la metà del successivo, in cui ti metteranno in mano una paga talmente ridicola che avresti voglia di buttargliela in faccia, con un contratto "a progetto" che ti fa stare sulla graticola mese per mese. E la cosa peggiore è che ti guardi intorno e spesso ti tocca star li per non stare a casa.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 gennaio 2007 19.59
    -----------------------------------------------------------
  • fortuna che c'è un governo che dovrebbe abolire il precariato e lo sfruttamento... e in tanto si tira avanti 9 ore al giorno in un famoso callcenter di assistenza tecnica adsl...

    A bocca storta
    m00f
    445
  • Eviterei di fare un discorso politico tra governo prodi o governo berlusconi, è vero che il governo precedente ha preso una buona legge (la Treu) e l'ha in parte rovinata, ma ora finalmente con la circolare del ministro Damiano del 4 ottobre le società che sono le vere colpevoli della precarizzazione del lavoro saranno costrette a stabilizzare (così dice la finanziara) i lavoratori a progetto.

    Attenzione non stanno facendo un favore a nessuno, possono usufruire di determinate agevolazioni se stabilizzano i contratti solo le società che sono a rischio vertenza poichè fanno fare lavoro subordinato a lavoratori cpon contratto a progetto, queste società avranno sgravi sull'IRAP, potranno versare i contributi INPS arretrati in comode rate e il lavoratore accettando il contratto rinuncerà a muovere qualsiasi azione contro la sua società, io questa la chiamo SANATORIA!!

    Ora i sindacati che negli ultimi 10 anni sono stati a mangiare sullo stesso tavolo dei padroni diventano all'improvviso i palatini degli atipici (così ci chiamano), i sindacati sono stati chiamati in causa dal governo come parte sociale visto che la categoria degli operatori call center non ha un'associazione sindacale propria, quindi al tavolo delle trattative ci stanno perchè trascinati.

    Attualmente le società si trovano con le spalle al muro, assumere (la norma parla di contratti di minimo 24 mesi) con contratti da dipendente o andare incontro a vertenze che non potranno mai vincere.

    Firmato
    Un atipico
    non+autenticato
  • Basta con fastweb... mi avranno chiamato 50 volte in due mesi...
    Basta con Tele2... mi avranno chiamato 30 volte in un anno...
    Basta con tutte le offerte telefoniche...
    Io compro solo da portali on-line o nei negozi.
    Mi dispiace per i dipendenti dei call center, riciclateli nell'assistenza clienti dove almeno servono a qualcosa.
    E se perdono il lavoro, può essere la loro occasione di trovare un lavoro più gratificante.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Basta con fastweb... mi avranno chiamato 50 volte
    > in due
    > mesi...
    > Basta con Tele2... mi avranno chiamato 30 volte
    > in un
    > anno...
    > Basta con tutte le offerte telefoniche...
    > Io compro solo da portali on-line o nei negozi.
    > Mi dispiace per i dipendenti dei call center,
    > riciclateli nell'assistenza clienti dove almeno
    > servono a qualcosa.
    >
    > E se perdono il lavoro, può essere la loro
    > occasione di trovare un lavoro più
    > gratificante.

    beato te! a me arrivano dal 30 alle 40 telefonate OGNI GIORNO!!! ormai rispondo a bestemmioni peggio del magnotta, ma dove cazzo stanno le autorità di controllo! certe volte vodafone e sky mi chiamano anche 3 volte al giorno, ma porca puttana!!!!

    la cosa grave è che non sto scherzando, il fatto è che dovrei fare causa a cuiascuno di questi bastardi, ma io ho una vita ed un lavoro, come faccio a stare dietro a tutti!!! Arrabbiato
    non+autenticato
  • ma non dire cazzate
    non+autenticato
  • Rotola dal ridere Lol !! che risposta !!

    ahahahah
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)