Gli elicotteri garantiranno SMS di emergenza

La Commissione Europea promuove un progetto per allestire reti mobili di backup in caso di guasti ai network degli operatori per emergenze e calamità naturali

Lione - L'insorgere di emergenze impreviste o calamità naturali può provocare interruzioni di servizio nelle reti di comunicazione. È sulla base di questa possibilità che la Commissione Europea intende promuovere un progetto finalizzato alla realizzazione di network mobili provvisori, in grado di supplire alle carenze delle reti esistenti in caso di danneggiamenti.

Il progetto prende il nome di MARIUS, che è l'acronimo di Mobile Autonomous Reactive Information system for Urgency Situations (Sistema di informazione autonomo e reattivo basato sull'uso di dispositivi mobili in situazioni di emergenza). Coordinato da EADS (European Aeronautic Defense and Space Company) e finanziato dall'Unione Europea, il progetto vede la partecipazione di aziende come Eurocopter, Thales, BAES, Selex e Swapcom.

Come descritto da quest'ultima in un comunicato, il progetto ha lo scopo di sviluppare una postazione di comando autonoma e preoperativa che può essere messa in funzione molto velocemente per gestire ogni tipo di situazione di crisi.
MARIUS si basa sulla possibilità di impiegare elicotteri provvisti dell'equipaggiamento TLC necessario all'allestimento di piccole reti mobili, che non saranno però utilizzabili per comunicazioni voce tra telefoni cellulari: le Autorità faranno uso dei network MARIUS per spedire SMS alla cittadinanza, contenenti informazioni di ordine pubblico e indicazioni utili per le operazioni di soccorso.

Per l'estate 2007 è prevista una fase sperimentale, che avrà luogo in Spagna, dove verranno effettuati alcuni test operativi.
6 Commenti alla Notizia Gli elicotteri garantiranno SMS di emergenza
Ordina
  • L'idea per le emergenze non è male ma perchè usare un elicottero? Consuma tantissimo, ha bisogno di un pilota che rimanga lì ore (ogni tanto però dovrà fare il pieno) e quindi potenzialmente pericoloso. La stessa cosa potrebbe essere fatta con palloni areostatici o minidirigibili (già esistenti) che permetterebbero anche il trasporto con altri mezzi il gonfiaggio sul posto, nessun consumo di carburante, nessun impegno umano.
    non+autenticato

  • > L'idea per le emergenze non è male ma perchè
    > usare un elicottero?

    Commando Cody e Sky Captain hanno di meglio da fare...
    non+autenticato
  • Mi sembra francamente 'na fregnaccia. Nel senso che sarà certamente utilissimo soprattutto alle aziende come Eurocopter, Thales, BAES, Selex e Swapcom. O no?

    http://www.aghost.wordpress.com/
  • In effetti una situazione di emergenza fa solitamente crollare le prestazioni di una rete cellulare... sempre che anch'essa non venga colpita!

    Ma non mi sembra una soluzione definitiva. Sogno le reti mesh dove più si è, meglio si comunica e non il contrario...
  • Guarda che stiamo parlando si SMS di EMERGENZA. L'idea di fondo è che una fetta molto grossa di persone giri con in tasca un terminale radio, che però, a differenza di quelle dei radioamatori o dei CB hanno bisogno di una infrastruttura per comunicare.
    Tutti questi terminali sono già predisposti per una modalità di comunicazione a bassissimo uso di banda e che si presta ad un utilizzo di radiodiffusione: ma in caso di emergenza possono diventare scatolotti inutili.

    L'idea è semplice e geniale allo stesso tempo: metto una stazione radiobase in alto limitata ai soli SMS (efficienza nell'uso della banda e nella gestione delle code) e metto una buona fetta di popolazione in grado di:
    - ricevere messaggi di avviso e di coordinamento (tipo: il punto di ritrovo, dove sono i pericoli, quali zone da evitare e quali da raggiungere)
    - ricevere richieste specifiche di aiuto e coordinare il soccorso

    Metterlo su un elicottero in volo direi che è molto pratico.

    Anche perché i radioamatori stanno diventando sempre più "chat a basso costo" che esperti appassionati ed organizzati. Il CW, tanto comodo visto che basta solo un oscillatore ed un'antenna, non si insegna più: se inviaste un SOS sarebbero sempre meno quelli che lo capirebbero.

    Ed allora vai con metodi alternativi.
    non+autenticato
  • all'epoca del black-out totale in tutta italia come ci si è comportati?
    e non hanno previsto un'altra situazione simile?
    non+autenticato