Red Hat apre il cuore di RH Network

La celebre software house open source Ŕ in procinto di aprire il codice della propria infrastruttura di system management, per consentire alle terze parti di creare piattaforme di gestione personalizzate

Roma - Red Hat ha in programma di aprire il codice di Red Hat Network Satellite Server, il cuore tecnologico della propria piattaforma di management Red Hat Network (RHN). Ad annunciarlo è il director of product management dell'azienda, Rich Friedman, che ha motivato questa scelta con la volontà di consentire alle terze parti di creare piattaforme per il system management personalizzate e integrate con RHN e i servizi di supporto di Red Hat.

RHN è una infrastruttura di software e servizi che permette agli amministratori delle aziende di gestire in modo centralizzato l'intera rete di computer su cui gira il sistema operativo Red Hat Linux. RHN semplifica, ad esempio, l'applicazione di policy comuni di sicurezza, il deployment automatizzato degli aggiornamenti, il monitoraggio delle performance, la configurazione dei singoli host ed altro ancora.

Il codice sorgente di Red Hat Network Satellite Server ha le potenzialità per diventare la tecnologia standard con cui creare network di supporto per Linux. I vendor del Pinguino potrebbero utilizzarla anche per dar vita a piattaforme antagoniste e del tutto indipendenti da RHN, ma Red Hat spera comunque di avere maggiori opportunità per ampliare la cerchia dei propri partner e clienti.
Con questa mossa Red Hat sembra voler rispondere alle recenti strategie di Oracle, che proprio di recente ha voltato le spalle a RHN per offrire una piattaforma tutta sua chiamata Oracle Management Pack for Linux.
28 Commenti alla Notizia Red Hat apre il cuore di RH Network
Ordina
  • Ed io dovrei lasciare il mio consolidato (giusto qualche milione di utenti) Microsoft Update, per sti qua che si scannano tra una distro ed un altra...
    Che teneri...

    Danilo.
    non+autenticato
  • Se sei il danilo che ho in mente io confermi la mia tesi che sei un luser di quelli docA bocca aperta

    ROFLISSIMO !!!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Se sei il danilo che ho in mente io confermi la
    > mia tesi che sei un luser di quelli doc
    >A bocca aperta
    >
    > ROFLISSIMO !!!


    Bubolotti ?
    ma dai yeees A bocca aperta
    non+autenticato
  • Almeno questo utente si firma... (tu no)
    P.
    non+autenticato
  • ...gli altri, con oracle in testa gli rubano i clienti e loro per combatterli aprono una delle loro ultime soluzioni che fanno si che un utente rimanga legato a loro ?
    non+autenticato
  • Forse pecco di buonismo...ma lo scopo dell'Open non è quello di tenere legato qualcuno, ma anzi di slegarlo dai formati proprietari
    non+autenticato
  • w la gnocca A bocca aperta
    non+autenticato
  • No, pecchi di ingenuità. L'open source si limita al software non si estende al conto in banca.
    Redhat prima di produrre una distribuzione con licenza open source è una società e come tutte le società di questo mondo ha delle spese da sostenere con le sue sole forze.
    Non è che se si trova in difficoltà economiche, novell, IBM ed altre fanno colletta e le salvano il sedere in nome dei vantaggi che può portare al mondo open.
    Oracle facendole sparire le assistenze sotto il naso le taglia gli unici viveri che la filosofia open concede.
    non+autenticato
  • Non ho capito come leggere la tua risposta...
    Ho semplicemente detto che forse, e dico forse, pecco un po' di buonismo pensando che RH abbia aperto i sorgenti di RHN per lasciare liberi di scegliere un software non proprietario.
    Non mi dici niente di nuovo per il resto.
    non+autenticato
  • Insomma RH ha fatto una caxxata e la pagherà
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ...gli altri, con oracle in testa gli rubano i
    > clienti e loro per combatterli aprono una delle
    > loro ultime soluzioni che fanno si che un utente
    > rimanga legato a loro
    > ?

    Proprio per combattere la concorrenza del prodotto antagonista di Oracle, RH cerca di offrire ai propri clienti qualcosa di diverso. Mentre RHN è open source OMPL credo proprio che non lo sia...
    non+autenticato
  • Ma il punto è che oracle non ha prodotto niente.
    Si è limitata solamente ad invitare i clienti redhat a chiamare l'assistenza oracle quando RHEL fa i capricci promettendo loro forti sconti.
    Facile fare gli sconti quando non scrivi una riga di codice...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma il punto è che oracle non ha prodotto niente.
    > Si è limitata solamente ad invitare i clienti
    > redhat a chiamare l'assistenza oracle quando RHEL
    > fa i capricci promettendo loro forti
    > sconti.
    > Facile fare gli sconti quando non scrivi una riga
    > di codice...
    >
    Non mi risulta infangano nessuna legge.
    non+autenticato
  • Massì dai, lasciamo pure che RH (una delle poche forse l'ultima rimasta delle società puramente open) crepi, così lascia libero il posto all'ennesima sfruttatrice del baraccone.
    Dopo però che nessuno si permetta più di rompere quando puntualmente spuntano fuori società che supportano dell'open solo il lato succoso e gratuito.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma il punto è che oracle non ha prodotto niente.
    > Si è limitata solamente ad invitare i clienti
    > redhat a chiamare l'assistenza oracle quando RHEL
    > fa i capricci promettendo loro forti
    > sconti.
    > Facile fare gli sconti quando non scrivi una riga
    > di
    > codice...

    Eh dillo,facile fare i finocchi con il culo degli altri!
    non+autenticato
  • Dopo che Debian ha dimostrato nel giro di tutti questi anni di prevalere verso qualsiasi piattaforma di update,arriva Redcazz e prova a rendere open source qualcosa che a loro costa molto mantenere (suppongo ).
    Un po come Novell che 2 anni fa rese open source quella ciofeca di Hula (una specie ibrida fra exchange e gmail ) rilasciata GPL e caduta misteriosamente in disgrazia....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Dopo che Debian ha dimostrato nel giro di tutti
    > questi anni di prevalere verso qualsiasi
    > piattaforma di update,arriva Redcazz e prova a
    > rendere open source qualcosa che a loro costa
    > molto mantenere (suppongo
    > ).
    > Un po come Novell che 2 anni fa rese open source
    > quella ciofeca di Hula (una specie ibrida fra
    > exchange e gmail ) rilasciata GPL e caduta
    > misteriosamente in
    > disgrazia....

    Credo di non sbagliarmi dicendo che apt equivale a yum o a up2date, mentre RHN è un qualcosa che su Debian semplicemente non c'è. O no?
    (astenersi troll, fans di qualunque parte e perditempo)
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > mentre RHN è un qualcosa che
    > su Debian semplicemente non c'è. O
    > no?

    Da quel che si legge nell'articolo, RHN e' un sistema di gestione centralizzata di tutta una rete, mica solo l'aggiornamento dei pacchetti.

    Cosa c'entri apt con la gestione centralizzata dei permessi, con il monitoraggio delle performance e quant'altro, beh, questo mi sfuggeA bocca aperta

    Riguardo debian, non mi rinsovviene nulla di simile, per quanto ci siano sistemi di monitoraggio - tipo bigsister- e altro, che magari messi assieme fanno qualcosa di equivalente.

    k1
    non+autenticato
  • Corretto.
    Nel mio ufficio usiamo Satellite e devo dire adesso è tutto mooooolto + "facile" (mantenere 1000 e passa sistemi RHES Linux non è così banale). Essendo tutto totalmente centralizzato, dalla patch management alle modifiche su file di configurazione (da satellite posso "riscrivere" uno squid.conf, spararlo direttamente ai proxy, e riavviare il servizio senza mai collegarmi direttamente alle macchine), fidati che ti rendi la vita moooolto + semplice...

    Per la persona che ha aperto il thread: ritorna in "cantina" a studiare che è ora.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Per la persona che ha aperto il thread: ritorna
    > in "cantina" a studiare che è
    > ora.

    ma scansati ho consolidato 50 servers debian
    da un concentratore seriale senza l'utilizzo
    del satellite redhat.
    ho i conf su LDAP e con un comando aggiorno
    tutta la rete mentre rutto.
    non+autenticato
  • che bella la gara del "ce l'ho piu' lungo io" , ah bhe siamo messi bene a professionisti in italia...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > che bella la gara del "ce l'ho piu' lungo io" ,
    > ah bhe siamo messi bene a professionisti in
    > italia...

    Cosa vuoi,passano la maggior parte del loro tempo a tormentarselo alla fine....se lo misureranno pure! A bocca aperta
    non+autenticato