Apple e Sony Ericsson, l'ispirazione è reciproca?

Rumors sostengono che la Mela sfrutterebbe sull'iPhone una tecnologia brevettata dal produttore nippo-svedese. Che a sua volta si ispira al design di un PowerMac per un nuovo telefonino

Roma - Problemi in vista per Apple? Dipende da come sarà affrontata la questione sollevata in Rete da Mad4mobilephones che segnala l'utilizzo, sull'iPhone, di un brevetto chiesto da Sony Ericsson.

Sul music-phone di Apple, tutto ciò che viene visualizzato sul display viene orientato automaticamente in funzione della posizione dell'apparecchio, orizzontale o verticale. Una caratteristica che sarebbe coperta da un brevetto che il produttore nippo-svedese avrebbe chiesto nel marzo 2004 e ottenuto nell'agosto dello scorso anno. La tecnologia brevettata si basa sull'impiego di un sensore che rileva l'orientamento dell'apparecchio e comanda il posizionamento di tutto quanto compare sul display, disponendone anche il ridimensionamento proporzionale.

Ad oggi non ci sono notizie su un'eventuale "rivendicazione", da parte di Sony Ericsson, della paternità di questa feature analoga, a onor del vero, a funzioni che caratterizzano da tempo anche altri dispositivi, tra cui vari modelli di fotocamera digitale. Indubbiamente, avendo registrato un brevetto, è intenzionata a sviluppare questa funzionalità in un apparecchio di prossima realizzazione.
Nel frattempo si accinge a lanciare in Giappone, tramite la rete dell'operatore mobile au (gruppo KDDI), il clamshell W51S (vedi foto), il cui design "traforato" - secondo SlashGear - soprattutto per la versione di colore nero mostra un certo "family feeling" con il look dell'Apple PowerMac G5.

Il W51S è dotato di un ampio display da 2,7 pollici widescreen (formato 16:9) con risoluzione di 432x240 pixel e tecnologia Bravia, apparentemente non dotato di orientamento automatico.

Dario Bonacina