Banda larga, negli USA fanno i controlli

Ci pensa l'autorità TLC locale, che intende verificare se le velocità broad band dichiarate dai provider sono quelle di cui godono effettivamente i clienti

New York (USA) - Tutto il mondo è paese? Negli USA, proprio come in Italia, non mancano i provider che per guadagnare quote di mercato promettono prestazioni per la propria banda larga lontane dalla realtà, invitando i potenziali clienti a sottoscrivere contratti privi di vere garanzie di "velocità".

Per questo l'Autorità TLC locale, la Commissione federale sulle Comunicazioni ha deciso di vederci chiaro, andando a valutare quali siano le prestazioni effettivamente offerte e come queste vengano pubblicizzate.

I funzionari del Garante hanno dichiarato che si intende considerare responsabili i provider per ogni eventuale "rappresentazione falsa o ingannevole" delle prestazioni dei servizi a banda larga. Una questione che secondo la FCC riguarda almeno 65 milioni di americani.
Non mancano i problemi: proprio come accade in Italia, molti provider promuovono i propri servizi come "in grado di arrivare" a certe velocità, nei fatti non garantendo nulla al cliente, che talvolta si ritrova con una qualità di connessione decisamente scadente e ben lontana dalle attese. Si tratta quindi di capire se, e in che modo, può essere imposta la trasparenza sul concetto di "banda garantita", che solo alcuni contratti e fornitori offrono, ma che spesso è un dato del tutto trascurato nelle pubblicità e nell'informazione data al pubblico.

Non c'è dubbio che i risultati a cui arriverà la FCC statunitense saranno attentamente valutati anche al di fuori dei confini USA.
20 Commenti alla Notizia Banda larga, negli USA fanno i controlli
Ordina
  • ore 23.50
    Stesso problema di ieri, nessun accesso fuori dall'italia.
    Di DNS, SEABONE, ROUTER ecc... non ci capisco un mazza ma capisco benissimo una cosa.
    MI GIRANO.
    Per quanto non vi sembrerà importante, venire sbattuti fuori da World of Warcraft nel mezzo di un Raid rimandato già ieri e programmato da una settimana non è divertente.
    Non riuscire a uploadare i files ai clienti, non è divertente.
    Navigare sul sito istituzioanle telecom...
    non+autenticato
  • Perchè non scrivete anche voi all'AGCOM e esponete la situazione Italiana con i link ai pdf dei contratti dei vari gestori ecc, mostrando anche il link a questa notizia degli USA e dirgli di prendere spunto?

    I contratti ADSL in Italia sono la più grande truffa organizzata degli ultimi anni e nessun politico o associazione ecc. che ne prende atto!

    Allora facciamoci sentire noi!

    Leggete sul sito AGCOM e vedrete che diversa gente ha vinto cause contro i gestori ADSL per disservizio, quindi se uno vuole qualcosa lo ottiene.
    non+autenticato
  • Potresti dare ul link preciso..!!
    Grazie
    non+autenticato
  • A volte il problema è anche dell'utente.

    Lavoro da 5 anni nell'assistenza adsl per un famoso ISP e vi posso assicurare che quando gli utonti chiamano la maggior parte delle volte il problema è loro.
    Del loro pc/win che sfanculato e qui la classica frase del cazzo "ma ha sempre funzionato".
    Poi ci sono quelli che si lamentano perchè non arrivano a 100Mbit come è segnato nell'icona di windows.
    E altri che pretendono di usare contemporaneamente emule, bit torrent, kazaa, norton antinavigation, scaricare da ftp e poi ... non riescono ad aprire il sito del tgcom!! E anche qui è ricorrente la frase "ma ha sempre funzionato".

    A tutti gli utonti: siete voi la causa, i problemi sono la conseguenza.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > A volte il problema è anche dell'utente.

    vero, ma non sempre In lacrime
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    viceversa, con un PC perfettamente a posto ( una live, per tagliare la testa al toro), se scarico a 4KB/s e telefono a voi provider, mi sento dire "a noi non risulta alcuna anomalia".

    Come vedi siamo pari.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > A volte il problema è anche dell'utente.

    Ma per favoreee!
    L'incompetenza "galoppante" è la caratteristica principale dell'isp medio italico!
    Una prova?

    1)il mio PC non è (orrore!) windows!
    aaaarghhhh non lo "supportiamo"...

    2) voglio passare da PPPoA a PPPoE (o viceversa)...
    Ahemmm non so... adesso chiedo ehhhmmm..

    3) voglio un ip statico (pagato mca gratis!) a-- ehhmm uhhh be veramente questo tipo di offerta... ehmm non prevede....
    Ecchissenefrega ho detto pagando!... ma ecco vede ...

    4) Ma come non ha il router scatolix 2.3.5.8.10.33 ?
    Attualmente supportiamo solo quello!

    5) ha si la password per settare il suo router adsl è admin e lo user admin (non lo ha letto sul manuale)?
    Come dice ? se la può cambiare per sicurezza? non non credo..

    E via elencando!
    Ma per favoreeee!
    Baciatevi i gomiti e ringraziate che quasi tutti i vostri clienti siano utonti perchè se non fosse così non durereste 5 minuti... voi siete in media utonti come e più di loro!
    L'unica cosa che avete in più è la spocchia insopportabile e ingiustificata, data la assenza di professionalità e competenza!

    >
    > Lavoro da 5 anni nell'assistenza adsl per un
    > famoso ISP e vi posso assicurare che quando gli
    > utonti chiamano la maggior parte delle volte il
    > problema è loro.
    >
    > Del loro pc/win che sfanculato e qui la classica
    > frase del cazzo "ma ha sempre funzionato".
    >
    > Poi ci sono quelli che si lamentano perchè non
    > arrivano a 100Mbit come è segnato nell'icona di
    > windows.
    >
    > E altri che pretendono di usare
    > contemporaneamente emule, bit torrent, kazaa,
    > norton antinavigation, scaricare da ftp e poi ...
    > non riescono ad aprire il sito del tgcom!! E
    > anche qui è ricorrente la frase "ma ha sempre
    > funzionato".
    >
    > A tutti gli utonti: siete voi la causa, i
    > problemi sono la
    > conseguenza.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > A volte il problema è anche dell'utente.

    Fermati qui, se vai avanti rovini tutto dicendo castronerie.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > A volte il problema è anche dell'utente.
    >
    A volte si, ma a volte come nel mio caso, quando per due mesi ho dovuto usare per almeno 5 giorni la settimana il modem a 56k per poter leggere la posta, nonostante pagassi un'adsl a banda minima garantita, beh ti lascio immaginare come fossi contento.
    Avevo per l'occasione un router cisco, Vuoi per caso sapere cosa mi dissero i TECNICI?

    Buon lavoro e non fare di tutta l'erba un fascio...
    non+autenticato
  • allora è pure colpa degli utenti se ieri sera il Seabone di milano ha fatto "Greek come Dowson" alle 19:00 fino alle 21:40 rendendo inaccessibili moltissimi siti?
    Sgabbio
    26178
  • possono tranquillamente accorgersi che è tutto fuomo negli occhiSorride

    20mbit?? lol
    4?? rotfl..
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > possono tranquillamente accorgersi che è tutto
    > fuomo negli occhi
    >Sorride
    >
    > 20mbit?? lol
    > 4?? rotfl..

    Io a 4 ci arrivo tutti i giorni. A manetta.
    Prima di 4, 1.2 a manetta tutti i giorni
    Prima di quello 640 a manetta tutti i giorni.
    Prima andavo a 56k, non sempre a manetta, anzi spesso la meta'.

    Burp
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > possono tranquillamente accorgersi che è tutto
    > fuomo negli occhi
    >Sorride
    >
    > 20mbit?? lol
    > 4?? rotfl..

    La 4Mbps di Telecom fa 500KB/s fissi praticamente sempre. L' ADSL2+ 20Mbps sta sui 1200-1400KB/s di media.
    non+autenticato
  • Che dichiarano velocità favolose ma che, specie Fastweb, non forniscono. Che dire di Fastweb che manco fornisce un dannato IP dinamico pubblico ai propri clienti, unico in Italia e come pochissimi fanno nel mondo ??
    non+autenticato
  • Nooo e perchè in Italia abbiamo qualcuno che fa i controlli ??? Magari...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Che dichiarano velocità favolose ma che, specie
    > Fastweb, non forniscono. Che dire di Fastweb che
    > manco fornisce un dannato IP dinamico pubblico
    > ai propri clienti, unico in Italia e come
    > pochissimi fanno nel mondo??

    Sei il cugino di Marc Serafino?
    non+autenticato
  • telecom e company promettono velocita' "fino a" e si parano il c in questo modo, se poi tu e l'utente medio vi fate abbindolare sono fattacci vostri. Sul fatto che siano mezzucci per rifilarti una connessione azzoppata (per non parlare dell'upload) mi puoi trovare d'accordo, ma l'ignoranza non paga, e la disattenzione ancora meno. Per fastweb trovo le affermazioni ridicole, e' sicuramente caro ma il servizio e' impeccabile, la questione dell'ip pubblico e' riconducibile a quanto sopra, e' chiaramente scritto e a me lo disse addirittura come prima cosa un espositore a smau '98. Aprire gli occhi, consumare con coscienza e dare meno aria ai denti, ovvio che tutti fanno il proprio comodo ma il consumatore puo' scegliere e deve documentarsi
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > telecom e company promettono velocita' "fino a" e
    > si parano il c in questo modo, se poi tu e
    > l'utente medio vi fate abbindolare sono fattacci
    > vostri.

    Esatto! Anche se facessero i controlli in Italia non servirebbe a nulla.

    I provider sono legalmente protetti nel caso in cui le velocità dichiarate siano "fino a..." e senza nessuna banda minima garantita!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    > > telecom e company promettono velocita' "fino a"
    > e
    > > si parano il c in questo modo, se poi tu e
    > > l'utente medio vi fate abbindolare sono fattacci
    > > vostri.
    >
    > Esatto! Anche se facessero i controlli in Italia
    > non servirebbe a
    > nulla.
    >
    > I provider sono legalmente protetti nel caso in
    > cui le velocità dichiarate siano "fino a..." e
    > senza nessuna banda minima
    > garantita!!!

    Anche negli USA sono "fino a" ma se il fino a è lontano di tantissimo dal massimo reale ... se le velocità reali medie sono bassissime, ora li indagano e li strigliano. Qui sta la differenza.
    La banda non la garantiscono per contratto in nessun paese per contratti residenziali, ma cambia l'onestà e la professionalità, che in Italia non esiste.
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > consumare con coscienza e dare meno aria ai
    > denti, ovvio che tutti fanno il proprio comodo ma
    > il consumatore puo' scegliere e deve
    > documentarsi

    Cos'e' tutta sta roba sul consumo, consumatore, sembra un zecca, non uno che paga.

    CLIENTE mi devi chiamare.

    Burp
    non+autenticato