IBM: il Web 2.0 penetra nelle aziende

Roma - Replicare in ambito business il successo che le tecnologie collaborative hanno fin qui registrato tra gli utenti della rete. Preparando così le aziende a gestire il cosiddetto Web 2.0. È la strategia che ha animato gli ultimi mesi di lavoro in casa IBM e che è apparsa evidente negli ultimi prodotti che la casa di Armonk ha presentato ieri nella prima italiana.

Social software per condividere le informazioni
La principale protagonista della giornata all'IBM Forum di Segrate è stata Lotus Connections, la suite destinata a gestire il social computing aziendale: di fatto un cruscotto attraverso il quale ciascun dipendente può vedere il profilo degli altri utenti, creare gruppi di discussione e comunità, pubblicare blog, condividere bookmark con i colleghi.

Una funzione pensata evidentemente soprattutto per le aziende che impiegano personale in diverse parti del pianeta: la migliore circolazione della conoscenza, nelle intenzioni degli sviluppatori, dovrebbe consentire di ridurre gli errori, risparmiare tempo e migliorare la qualità del lavoro. "L'esperienza insegna che le aziende più efficienti sono quelle che collaborano meglio", spiega Davide Pannuto, brand marketing di IBM Lotus Software. "Del resto la crescente complessità del mercato mal si adatta alle organizzazioni strutturate per compartimenti stagni. Sempre più spesso diventa necessario condividere il lavoro per arrivare al risultato atteso".
Il manifesto del Web 2.0 secondo Big Blue è espresso nelle cinque componenti che caratterizzano Lotus Connections: Attività, Comunità, Dogear, Profili e Blog. Tutti concetti che mutuano esperienze divenute ormai pane quotidiano per gli utenti internet grazie ai vari Myspace (community), del.icio.us (bookmark) e Technorati (ricerca di blog). Così, ad esempio, un dipendente qualsiasi può creare un proprio blog o un profilo personale all'interno di una comunità (come Myspace), che non resta fine a se stesso, ma viene messo in circolo all'interno dell'azienda, in modo che qualunque suo collega possa condividere informazioni utili al proprio lavoro. Allo stesso modo sarà possibile utilizzare la componente Attività dalla inbox di Lotus Notes, spostando i messaggi direttamente all'interno di un'attività. Per il momento non è stata comunicata la data ufficiale di uscita della suite, attesa comunque entro l'estate.

I contenuti collaborativi di Quickr
In quel periodo sarà lanciato anche Lotus Quickr, che va a sostituire QuickPlace e accelera sulla strada dei contenuti collaborativi. Una serie di connettori mette in comunicazione dati e informazioni con le principali applicazioni desktop. La soluzione prevede inoltre l'innesto di servizi come wiki, team blog e repository per facilitare l'accesso alle informazioni stesse. La riduzione dei messaggi di posta nell'inbox è ottenuta attraverso il connettore Lotus Notes, che consente di aprire e quindi salvare gli allegati direttamente all'interno di una libreria di documenti o in uno spazio di lavoro condiviso. Nel momento in cui compila un messaggio di posta con file allegati, l'utente riceve l'invito a spostare l'attachment in una libreria condivisa mandando semplicemente un link invece che inviare copie inutili dell'allegato.

La gestione delle informazioni è facilitata attraverso il connettore Windows Explorer che consente di utilizzare l'interfaccia Web più conosciuta nel momento in cui si esplorano contenuti Lotus Quickr. Il connettore Microsoft Office consente invece di aprire e salvare documenti direttamente da una libreria o da uno spazio di lavoro condiviso. Lo stesso dispositivo permette di inibire la modifica di un documento per assicurare il controllo della versione.

Nuova release Lotus Sametime
Durante la presentazione sono state anticipate anche alcune caratteristiche della nuova release di Lotus Sametime, attesa sul mercato in primavera. A prima vista, l'obiettivo principale che anima la versione 7.5.1 è la possibilità di gestire vari servizi di comunicazione istantanea da qualsiasi dispositivo e in sicurezza. Tra le nuove funzionalità c'è il point to point real time che consente, attraverso una telecamera, di migliorare le conversazioni su VOIP o instant messaging. Sono state annunciate anche l'integrazione con Microsoft Outlook e le applicazioni Office, il supporto ai sistemi operativi Linux (lato server) e Macintosh (lato client).

Il miglioramento della posta elettronica passa attraverso le funzioni "Recent Contacts" e "Message Recall". La prima consente di vedere gli ultimi messaggi istantanei e di posta elettronica attraverso un cruscotto, per localizzare e contattare in breve tempo il collega o la persona che li ha inviati. Message Recall, invece, aiuta a rintracciare un messaggio inviato per errore, evitando possibili malintesi.

Da inizio mese è disponibile la soluzione "light" di Websphere, la Portal Express versione 6.0, destinata alle aziende con meno di 100 dipendenti che vogliono impostare da sé i propri portali. Tra le novità, un sistema di gestione documentale e miglioramenti sul versante del Web content management, in particolare nella fase di creazione e pubblicazione dei contenuti web sul portale. "L'obiettivo dell'ultima release è avvicinare il mondo delle pmi a quello delle grandi imprese", conclude Pannuto, "fornendo lo stesso livello di soluzioni, senza appesantire la flessibilità tipica dei contesti più piccoli".

Luigi dell'Olio
7 Commenti alla Notizia IBM: il Web 2.0 penetra nelle aziende
Ordina