Il Grande Fratello volerà con noi

Onboard Threat Detection System: si lavora su microcamere capaci di monitorare il comportamento dei passeggeri, interpretarne i segnali di stress e individuare eventuali minacce

Londra - Prestino attenzione coloro che sono affetti dalla paura di volare: una goccia di sudore che riga una fronte increspata potrebbe innescare un allarme, imprecazioni mosse dal panico e sbocconcellate a mezza voce potrebbero allertare l'equipaggio. Nell'ambito del progetto europeo SAFEE (Security Of Aircraft In The Future European Environment), infatti, si sta lavorando a delle minuscole cam e ad altrettanto minuscoli microfoni, da mimetizzare nella parte posteriore della spalliera dei sedili dei futuri velivoli civili. Trasmetteranno immagini e suoni ad un elaboratore, equipaggiato con un software capace di individuare i movimenti e i sussurri sospetti.

Fronteggiare IL terrorismo, la categoria che, nella menti dei più, si addensa attorno alle immagini dell'11 settembre 2001: questa la ragione con cui si giustifica la realizzazione di certe nuove tecnologie, anche quando invasive. Tra queste l'Onboard Threat Detection System, sistema di occhi ed orecchie elettronici capaci di monitorare e interpretare il comportamento dei passeggeri, rilevando i gesti che caratterizzano le persone sottoposte a stress. Ciò sarà possibile grazie a software affinati da psicologi del comportamento: questi sistemi, addestrati ad interpretare gli atteggiamenti, vanno affinandosi da anni, e nel Regno Unito ve ne sono di già operativi.

Ogni strizzata d'occhio, gesti nervosi come lisciarsi i capelli, inumidirsi le labbra o sfregarsi il naso, affermano gli esperti che partecipano al progetto, potrebbero indicare che il passeggero ha qualcosa da nascondere. Magari un coltello da macellaio per minacciare il pilota, magari una cintura esplosiva, celata sotto abiti insospettabili. E i microfoni coglieranno anche il minimo sussurro: "Si sa che gli Islamici sibilano passi del Corano, prima di far esplodere le bombe", generalizza grossolanamente il Daily Mail.

Hanno qualcosa da temere coloro che sono sotto stress per il volo? E coloro che sono nervosi proprio per l'invadenza di cam e microfoni? "Il sistema saprà distinguere i passeggeri ordinari da coloro che possono rappresentare una minaccia nei confronti degli altri passeggeri, o nei confronti di se stessi", ha promesso al Daily Mail Catherine Neary, capo del progetto Onboard Threat Detection System presso BAE Systems.
Problemi di intrusione nella privacy dei passeggeri? "I dati non saranno analizzati dalle persone", così Catherine Neary, in una dichiarazione raccolta da ABC nei mesi scorsi, aveva difeso l'Onboard Threat Detection System. E, più di recente, Neary ha aggiunto che tutto avverrà nel pieno rispetto del Data Protection Act (il codice inglese che dovrebbe difendere la privacy): le registrazioni verranno rimosse appena toccato il suolo. Non appare dello stesso parere Shami Chakrabarti, dell'associazione per i diritti civili Liberty: "Ècomplesso stilare schemi comportamentali tagliati sul singolo osservato", e aggiunge, "le persone saranno così esasperate dal monitoraggio che vorranno smettere di volare".

SAFEE, progetto a cui si è dato il via nel 2004, quattro anni di durata e 35 milioni di euro per coinvolgere industria ed istituzioni europee nella costruzione di un velivolo totalmente sicuro, dirama la sua azione in diversi sotto-obiettivi. Si sta lavorando al tagging delle valigie per abbinarle più efficientemente ai passeggeri; ai controlli biometrici incrociati al check-in e all'entrata dell'aereo, per verificare l'identità delle persone imbarcate; a rilevatori di esplosivi sensibilissimi e a sistemi di riconoscimento che possano consentire solo ai piloti autorizzati di prendere il comando dei velivoli. Si stanno inoltre approntando sistemi per crittare le conversazioni fra equipaggio e torre di controllo, ed un pilota automatico anticollisione.

Le prime applicazioni dell'Onboard Threat Detection System, e probabilmente anche delle altre tecnologie che si stanno affinando nell'ambito del progetto SAFEE, non saranno comunque adottate prima di dieci anni. Troppo oneroso implementare questi sistemi a bordo dei velivoli: significherebbe ripensarne le strutture e gravare le compagnie aeree di costi insostenibili.

Gaia Bottà
23 Commenti alla Notizia Il Grande Fratello volerà con noi
Ordina
  • si sta lavorando a delle minuscole cam e ad altrettanto minuscoli microfoni, da mimetizzare nella parte posteriore della spalliera dei sedili dei futuri velivoli civili. Trasmetteranno immagini e suoni ad un elaboratore, equipaggiato con un software capace di individuare i movimenti e i sussurri sospetti.

    ma veramente pensano di risolvere i problemi così?

    LOL ma da che geni è guidato il mondo...

    e nel mentre in Africa continuano a morire di fame?

    Ogni strizzata d'occhio, gesti nervosi come lisciarsi i capelli, inumidirsi le labbra o sfregarsi il naso, affermano gli esperti che partecipano al progetto, potrebbero indicare che il passeggero ha qualcosa da nascondere. Magari un coltello da macellaio per minacciare il pilota, magari una cintura esplosiva, celata sotto abiti insospettabili.

    migliorare i controlli a terra no eh?

    "Si sa che gli Islamici sibilano passi del Corano, prima di far esplodere le bombe", generalizza grossolanamente il Daily Mail.

    il nemico è l'Islam!!!!

    se sei islamico e ti va di pregare, o tra poco, ti va di parlare, su un aereo TI ARRESTANO

    SE SEI ISLAMICO SEI TERRORISTA

    Hanno qualcosa da temere coloro che sono sotto stress per il volo? E coloro che sono nervosi proprio per l'invadenza di cam e microfoni? "Il sistema saprà distinguere i passeggeri ordinari da coloro che possono rappresentare una minaccia nei confronti degli altri passeggeri, o nei confronti di se stessi"

    tranquilli ci pensano gli psicologi

    Problemi di intrusione nella privacy dei passeggeri?

    Problemi di intrusione nella che?

    MA NESSUNO HA DENUINCIATO QUESTA MANICA DI PAZZI???
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 15 febbraio 2007 12.36
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: MandarX

    >
    > SE SEI ISLAMICO SEI TERRORISTA
    >

    vero nel, diciamo, 99% dei casi
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > - Scritto da: MandarX
    >
    > >
    > > SE SEI ISLAMICO SEI TERRORISTA
    > >
    >
    > vero nel, diciamo, 99% dei casi


    nel 100% dei casi (diciamo 99,9999% dato che in ogni cultura c'e' sempre qualcuno "strano" )la frase corretta e':

    SE SEI ISLAMICO ALLORA VUOI CONVERTIRE/CONQUISTARE LA SOCIETA' OCCIDENTALE

    poi solo una piccola parte di islamici mettono in pratica il proposito col terrorismo attivo



    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    > > - Scritto da: MandarX
    > >
    > > >
    > > > SE SEI ISLAMICO SEI TERRORISTA
    > > >
    > >
    > > vero nel, diciamo, 99% dei casi
    >
    >
    > nel 100% dei casi (diciamo 99,9999% dato che in
    > ogni cultura c'e' sempre qualcuno "strano" )la
    > frase corretta
    > e':
    >
    > SE SEI ISLAMICO ALLORA VUOI
    > CONVERTIRE/CONQUISTARE LA SOCIETA'
    > OCCIDENTALE
    >
    > poi solo una piccola parte di islamici mettono in
    > pratica il proposito col terrorismo
    > attivo
    >
    >
    >

    si, e non ci sono più le mezze stagioni...
    Triste
    ...michia che rinco ci stanno ancora in italy!
    non+autenticato

  • - Scritto da: MandarX

    > e nel mentre in Africa continuano a morire di
    > fame?

    anche mentre noi scriviamo al calduccio nelle nostre case\uffici, allora?

    p.s. comunque non solo in africa


    ciao
    non+autenticato
  • Quando ci si trova in aereo, assumere i comportamenti potenzialmente pericolosi descritti nell'articolo: farsi scendere gocce di sudore sulla fronte (se non ci si riesce, aiutarsi con dell'acqua), aggrottare le sopracciglia, guardarsi in giro con aria sospetta, mordersi le labbra.
    Seconda parte, più complicata, imparare il Corano (o portarlo con sè: la cultura fa sempre bene) e sussurrarne dei passi.

    In aereoporto, distribuire gratuitamente magliette che comunichino in qualsiasi modo che Bush e Blair (entrambi o uno a scelta) sono i veri terroristi.

    Scherzi a parte, tutto ciò é drammatico.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 15 febbraio 2007 12.24
    -----------------------------------------------------------
  • ammanettare tutti i passeggeri prima che entrino sull'aereo.

    Io so solo che a certe condizioni NON viaggio. Piuttosto sto a casa. Falliscano questi merda di spioni!
  • Si, effettivamente per qualcuno è meglio trovarsi su un'aereo sequestrato da un manipolo di terroristi che avere delle telecamere e dei microfoni puntati contro !
    Personalmente preferisco le microcamere, anche perchè non ho molto da nascondere.
    Ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Personalmente preferisco le microcamere, anche
    > perchè non ho molto da
    > nascondere.
    > Ciao

    Non si tratta di avere qualcosa da nascondere, ma di pura e semplice privacy (anche il sussurro amoroso all'orecchio della fidanzata, o fidanzato, verrà registrato).
    Studiato sicuramente per prevenire il terrorismo, può anche essere sfruttato per carpire informazioni riservate per fare spionaggio industriale, informazioni sulle persone e altro. Ci sono realtà che pagarebbero profumatamente queste informazioni.
    E si sa, il denaro fa gola, quindi di sicuro a qualcuno verrà la tentazione di non cancellare le informazioni a fine volo, ma di venderle al miglior offerente.




    dillatutta.com - perchè la verità... funziona

  • - Scritto da: Dirk Pitt

    > può anche essere sfruttato per carpire
    > informazioni riservate per fare spionaggio
    > industriale, informazioni sulle persone e altro.

    Seee, perchè voi della NUMA cosa fate? Non spiate il mondo con i satelliti Pyramider? Ah, ma con la deputata del Congresso Loren Smith che vi copre le chiappe, certo...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Seee, perchè voi della NUMA cosa fate? Non spiate
    > il mondo con i satelliti Pyramider? Ah, ma con la
    > deputata del Congresso Loren Smith che vi copre
    > le chiappe,
    > certo...

    Non è per deluderti, ma le chiappe a Loren gliele copro io Occhiolino



    dillatutta.com - perchè la verità... funziona
  • > anche perchè non ho molto da nascondere.

    "chi ha nulla da nascondere non ha nulla da temere"

    dicevano questo agli ebrei.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Si, effettivamente per qualcuno è meglio trovarsi
    > su un'aereo sequestrato da un manipolo di
    > terroristi che avere delle telecamere e dei
    > microfoni puntati contro
    > !
    > Personalmente preferisco le microcamere, anche
    > perchè non ho molto da
    > nascondere.
    > Ciao

    allora, per stima facciamo che in un giorno ci siano...bho, facciamo 10'000 in tutto il mondo (stima casuale, imho sono taaaaanti di più);
    in un anno verranno dirottati...facciamo una stima ipersovrabbondante e diciamo 100, 100 aerei all'anno dirottati.

    dunque
    10000*365= 365'000 voli l'anno
    di questi 100 vengono dirottati...sono il 0.03%

    quindi per te il 0.03% di voli dirottati giustifica tutto ciò...

    di un po', ma non sei stanco che ti prendano per il culo?
    non+autenticato

  • > Personalmente preferisco le microcamere, anche
    > perchè non ho molto da
    > nascondere.
    > Ciao


    Quando sento ragionamenti di questo tipo mi viene la pelle d'oca.

    Sembra incredibile (ma vero purtroppo) che al giorno d'oggi ci sia gente come te che non ha la più pallida idea di cosa sia (e di quanto sia importante) la libertà personale degli individui, il rispetto della persona, la privacy.
    Oggi in nome della lotta al terrorismo si approvano leggi che cancellano, in un sol colpo, decenni di conquiste sociali. Anche grazie a quelli come te, che anziché indignarsi dicono "prego fate pure, tanto io non ho nulla da nascondere". Un'ottusità agghiacciante.

    "Chi baratta la libertà per la sicurezza, non si merita nè la libertà nè la sicurezza"
    (Benjamin Franklin)
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    >
    > "Chi baratta la libertà per la sicurezza, non si
    > merita nè la libertà nè la
    > sicurezza"
    > (Benjamin Franklin)

    le citazioni, per quanto colte, vanno inserite in un contesto storico.
    se fosse vissuto oggi, bf, quella frase non l'avrebbe mai pronunciata. (imho)


    non+autenticato
  • > se fosse vissuto oggi, bf, quella frase non
    > l'avrebbe mai pronunciata.
    > (imho)


    perfettamente d'accordo..
    infatti avrebbe detto assai di peggio, fosse vissuto oggi
    non+autenticato

  • > Oggi in nome della lotta al terrorismo si
    > approvano leggi che cancellano, in un sol colpo,
    > decenni di conquiste sociali.

    E in nome dell'economia si cancellano decenni di conquiste sindacali. Il mondo cambia.

    > "Chi baratta la libertà per la sicurezza, non si
    > merita nè la libertà nè la
    > sicurezza"
    > (Benjamin Franklin)

    Franklin è morto da tempo, assieme al mondo in cui viveva.

    Viviamo in una nuova realtà, piaccia o non piaccia. Nuove regole. Impara ad accettarla.
    non+autenticato