Lavoro nell'IT, troppo vecchio a 27 anni?

Ha molte competenze informatiche, parla tre lingue ma non è laureato e un lavoro rimane una chimera, anche volendo scegliere una strada di basso profilo. IT malato o Italia indietro?

Roma - Spett.le Redazione di Punto Informatico, chi vi scrive non è più un ragazzo. Ho 27 anni, vivo in Campania e non sono laureato. Ho frequentato con alterna assiduità per 10 anni l'Università della mia città, prima presso la facoltà di Ingegneria Elettronica e poi presso quella di Informatica. Ho sviluppato competenze specifiche nella progettazione e nella realizzazione dell'hardware e del software. Conosco diversi linguaggi di programmazione (C, Java, etc), ho una ottima conoscenza dell'hardware di ogni tipo e delle problematiche connesse alla implementazione di strutture di rete. Ho studiato tecniche di gestione dei processi aziendali, Marketing, norme ISO e Project Management. Parlo tre lingue.

Per diverse ragioni non ho ancora terminato gli studi universitari. Ho quindi deciso di iniziare a cercare un'occupazione fissa: siamo nel XXI secolo e da cittadino del Mondo sono cosciente di non poter trovare un lavoro stabile. Ma il lavoro precario esiste?

Per le aziende IT e ICT sono troppo vecchio, visto che sono alla disperata ricerca di sbarbatelli neo-laureati da impiegare attraverso gli stage. Ho partecipato ad un recruitment day per delle esperienze trimestrali in Lombardia, compensate con 400€ al mese e senza alcuna garanzia rispetto alla prosecuzione del rapporto di lavoro: avrei anche accettato pur di arricchire il mio curriculum, ma sono troppo vecchio per usufruire degli opportuni sgravi fiscali.
La mancanza di un titolo di studio universitario mi rende assolutamente trasparente durante le selezioni a distanza: il mio CV viene scartato preliminarmente, impedendomi alcun contatto con le aziende per provare il mio valore. Che fine hanno fatto le posizioni intermedie? Le offerte di lavoro che trovo sui giornali riguardano esclusivamente ruoli da manager (richieste spesso inverosimili: cercasi trentenne laureato e con 10 anni di esperienza...), oppure si tratta di impieghi decisamente meno "prestigiosi". Neppure per questi ultimi vengo preso in considerazione: mi sono sentito rispondere che la mia preparazione era superiore a quella richiesta.

L'alternativa è piegarsi ed entrare nel meraviglioso mondo delle catene di sant'antonio: annunci fuorvianti, proposte indecenti e richieste assurde per guadagnare due soldi ogni mese (contro le migliaia di euro prospettate).

Sono capace di scrivere, mastico di hardware e software e sono bravo nella divulgazione. Perché non provare con la professione del giornalista? Per presentare domanda viene spesso richiesta la tessera da giornalista, per ottenere la quale bisogna lavorare da giornalista da almeno due anni. Ho iniziato a scrivere per una nota community on-line italiana, ma a parte i lusinghieri complimenti ricevuti da PR e Aziende non ho ottenuto altro.

Ho mandato il mio CV e il Portfolio delle mie pubblicazioni a tutti gli editori italiani che pubblicano riviste nel campo IT: nessuna risposta, neppure per declinare.

Ho provato ad allargare il mio raggio di ricerca, ma per diventare giornalista generalista credo occorra qualcosa che non possiedo: non si tratta di una macchina fotografica (che sono molto bravo ad usare), non si tratta di eloquenza o grammatica (che possiedo).

Ho letto divertito che qualcuno cerca persone con le mie capacità in Toscana, ma non trova le persone adatte: non ho mai preteso di non traslocare o di non allontanarmi da casa, nonostante abbia presentato domanda per occupazioni in tutta Europa (specificando che il trasferimento sarebbe stato a mie spese) mi è stato risposto che era fondamentale la residenza in zona.

Si dice che a 50 anni si è troppo vecchi per le aziende: entrambi i miei genitori sono stati "fatti fuori" in maniera più o meno civile da importanti posizioni nel mondo ICT proprio a questa età (e prima di maturare per intero la pensione). Possibile che dai loro due posti di lavoro non sia venuto fuori neppure un angusto posticino per me? Non ho santi in paradiso, non pretendo di diventare ricco: vorrei solo emanciparmi. Come si fa a diventare grandi in Italia?

Vorrei infine aggiungere qualche piccolo dato della così vicina e così lontana Germania.
A 18 anni generalmente si esce di casa per non rientrarvi: gli alloggi per gli studenti universitari sono un diritto, le tasse universitarie inferiori e di molto a quelle italiane. I giovani trovano spazio nel mondo del lavoro con impieghi part-time: fanno i commessi e gli apprendisti per fare esperienza. Al termine del percorso universitario (che non è una corsa ad ostacoli come il nostro, dove un Professore puo' costituire la discriminante per una laurea) sono pronti per trovare spazio nel loro settore di elezione. L'ho visto con i miei occhi.

In Italia per rivestire una posizione Junior occorre possedere l'esperienza e le competenze di un ruolo Senior: dove queste competenze si possano maturare, per me resta un mistero.
Buon lavoro (a chi ce l'ha).

In fede,
Luca A.

Sul tema vedi anche:
Lavoro IT, il sogno di un salario decente
Lavoro nell'IT, l'esperienza non paga
IT? Il regno del precariato
IT? Il lavoro c'è, eccome. Manca la voglia
Dipendenti IT? Solo se sottopagati
I venditori IT? Ignoranti
Ma un 22enne come diventa lavoratore IT?

291 Commenti alla Notizia Lavoro nell'IT, troppo vecchio a 27 anni?
Ordina
  • Ciao io ho una laurea in informatica e delle certificazioni Microsoft, la condizione è pari alla tua non risponde nessuno.

    Siamo senza terra sotto i piedi.
    La fame è vicina ci scandalizziamo solo perchè sembra strano che ora tocca a noi.

    Impara una lingua e vai in Francia o in Belgio sai che dicono.

    "CHISSENEFREGA CHE NON HAI LA LAUREA vieni qui".
    non+autenticato
  • Ciao a tutti. Ho letto l'articolo di PI. Sinceramente penso che nel 2007 stia cambiando anche il modo di concepire il lavoro, l'idea di grande azienda che da' lavoro si sta appannando. Bisogna pensare alle grandi potenzialità della rete. Ci sono siti come "Scriptlance.com" che offrono lavoro freelance da 10 a 1000 $ per progetto.
    Sinceramente penso che molti ragazzi della mia età (dai 20 ai 30) non si accorgano nemmeno del treno che gli passa davanti.


    Ora una domanda diretta all'autore dell'articolo: Tu porti l'esempio della Germania, dove gli studenti ricevono sovvenzioni dallo Stato etc etc... Ma tu paghi le tasse?
    Allo Stato non si può sempre chiedere, si deve anche dare...

  • Le tasse le pago sui quattro soldi che guadagno ogni anno arrangiandomi... Inutile dire che rimango nella no-tax area. Quando vengo pagato con ritenuta d'acconto, le tasse vengono prese automaticamente.
  • Scusate , ma ho notato, in moltissimi interventi di questi giorni, una (ormai comune) ironia verso i neolaureati (poniamo, per esempio, in Ing. Informatica) , magari con 110 e lode: questi vengono presentati come ragazzotti senza esperienza, presuntuosi, che si affacciano sul mondo del lavoro.

    Sicuramente mancano di esperienza (e vorrei vedere visto quello che insegnano all'universita', provato in prima persona) pero' uno che si laurea a 24 anni con 110 e lode non puo' essere marchiato negativamente in partenza per questo: in genere questi "ragazzotti" si sono fatti un c..o cosi' per ottenere certi risultati, spesso impegnandosi molto, facendo sacrifici nel tempo libero ,ecc.

    Sicuramente non avranno esperienza, sicuramente
    dovranno farsi valere nella pratica, ecc. pero'
    e' assurdo considerarli con il solito stereotipo del "genietto pivello".
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Scusate , ma ho notato, in moltissimi interventi
    > di questi giorni, una (ormai comune) ironia verso
    > i neolaureati (poniamo, per esempio, in Ing.
    > Informatica) , magari con 110 e lode: questi
    > vengono presentati come ragazzotti senza
    > esperienza, presuntuosi, che si affacciano sul
    > mondo del
    > lavoro.
    >
    > Sicuramente mancano di esperienza (e vorrei
    > vedere visto quello che insegnano
    > all'universita', provato in prima persona) pero'
    > uno che si laurea a 24 anni con 110 e lode non
    > puo' essere marchiato negativamente in partenza
    > per questo: in genere questi "ragazzotti" si sono
    > fatti un c..o cosi' per ottenere certi risultati,
    > spesso impegnandosi molto, facendo sacrifici nel
    > tempo libero
    > ,ecc.
    >
    > Sicuramente non avranno esperienza, sicuramente
    > dovranno farsi valere nella pratica, ecc. pero'
    > e' assurdo considerarli con il solito stereotipo
    > del "genietto
    > pivello".

    Non ti preoccupare molti hanno questo atteggiamento perché la laurea, per un motivo o per l'altro, non sono riusciti ad averla, molti altri invece lo fanno per solo per contrattare tariffe più basse.

    I laureati mancheranno di esperienza, ma possono recuperare velocemente se inseriti in un buon contesto lavorativo, i non laureati invece certe cose non le hanno mai sutdiate e non le studieranno mai.

    Hai presente MySQL e il successo che ha avuto? Perché è leggero, perché è semplice ecc. ecc. io ci aggiungerei anche un perché troppe persone non hanno mai fatto un corso di architettura degli rdbms. Non che non sia lecito usarlo, ma la maggior parte degli smanettoni semplicemente non sono in grado di valutare i compromessi.
    non+autenticato
  • http://miojob.repubblica.it/offerte/lavoro/cerca?A...

    OFFERTA DI LAVORO PER "TECNICO INFORMATICO"

    Questa è una fresca fresca..

    Ma vi rendete conto cosa il "mercato del lavoro IT" ha nel suo paniere...

    E' vero, per chi vuole lavorare ADESSO è difficile.

    Siamo troppi, troppo tuttologi, e grazie a questo le aziende basano le loro ricerche.

    Quello postato è solo un mero semplice esempio.

    Non invidio chi debba adesso trovare lavoro.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 19 febbraio 2007 21.34
    -----------------------------------------------------------
    Susaro
    2044
  • - Scritto da: Susaro
    > http://miojob.repubblica.it/offerte/lavoro/cerca?A
    >
    > OFFERTA DI LAVORO PER "TECNICO INFORMATICO"
    >
    > Questa è una fresca fresca..

    Mah, non chiedono neanche tanto.

    Un programmatore dotnet con conoscenze di office ed exchange.

    In più dai 25 ai 40.

    Ti farei leggere certi articoli dove ti sparano almeno 100 sigle, max 25 laureato con 2 anni di esperienza.
    non+autenticato
  • > Ti farei leggere certi articoli dove ti sparano
    > almeno 100 sigle, max 25 laureato con 2 anni di
    > esperienza.

    classico caso di azienda peracottara che non sa neppure lei che cosa vuole.
    Oppure di fdp che tendono a metterti in soggezione per persuaderti ad assumere la posizione pigrecomezzi.

    In ogni caso da evitare o da usare solo per il minimo tempo indispensabile per trovare altro.
  • > classico caso di azienda peracottara che non sa
    > neppure lei che cosa vuole.

    Esatto, quoto e sottoscrivo.

    E questo è solo un caso.
    Susaro
    2044
  • Si infatti hanno fatto la supercazzola:

    IL candidato ideale avrà competente avanzate su applicazioni microsoft office( Word - excel – access) – exchange – project e database relazionali.


    Cioè devi conoscere office professional e non solo.

    Avrà ottime doti relazionali, spiccate doti organizzative , approfondita conoscenza dei prodotti informatici e del linguaggio di programmazione VISUAL NET.

    Deve saper parlare e poi conoscere VISUAL NET, che manco loro sanno cosa scrivere ..

    Sarà di supporto e assistenza presso i clienti .

    Pensavo dovesse lavorare in casa...

    Durante il percorso professionale dovrà aumentare il livello e l’efficienza di utilizzo dei prodotti presso i clienti.

    E io che pensavo dovesse portarli alla rovina...

    Ma la chicca.......

    RICHIEDIAMO: Diploma/laurea o percorso di studi affine. Sarà ritenuto titolo VINCOLANTE l’esperienza maturata nel ruolo per almeno 5 anni. Grande propensione al lavoro di gruppo, disponibilità a trasferte sul territorio Campano e Regioni confinanti. Ottima attitudine al problem solving , discreta conoscenza della lingua Inglese.


    Vincolante l'esperienza di 5 anni ad uno che dovrebbe avere 25 anni?

    Ma per cortesiaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa...................................

    Certe aziende CHIUDERE DEBBONO.
    non+autenticato
  • di .....

    perche' non crei un sito dove parli di queste cose e dove ti offri al limite come consulente?

    Non voglio dire cavolate, qualche mese fa, e' venuto da noi un programmatore, in due giorni ha preso qualcosa come 4 o 5 kmila euro lordi ( doveva metterci le spese dell'albergo, del viaggio e tutte le tasse ).
    Ripeto, non ricordo bene la cifra, ma si parla di milaeuro.

    ciao

  • - Scritto da: pippo75
    > di .....
    >
    > perche' non crei un sito dove parli di queste
    > cose e dove ti offri al limite come
    > consulente?
    >
    > Non voglio dire cavolate, qualche mese fa, e'
    > venuto da noi un programmatore, in due giorni ha
    > preso qualcosa come 4 o 5 kmila euro lordi (
    > doveva metterci le spese dell'albergo, del
    > viaggio e tutte le tasse
    > ).
    > Ripeto, non ricordo bene la cifra, ma si parla di
    > milaeuro.
    >
    > ciao

    Ha preso lui o li ha presi la ditta per cui lavora ?
    non+autenticato
  • > > preso qualcosa come 4 o 5 kmila euro lordi (
    > > doveva metterci le spese dell'albergo, del
    > > viaggio e tutte le tasse
    > > ).
    > > Ripeto, non ricordo bene la cifra, ma si parla
    > di
    > > milaeuro.
    > >
    > > ciao
    >
    > Ha preso lui o li ha presi la ditta per cui
    > lavora
    > ?

    Ditta individuale, prima lavorava per una ditta, poi questo ha chiuso, alcuni dipendenti si sono messi per conto loro e lavorano in questo modo.

    Doveva rifare un programma per un centro di lavoro ( che al tempo aveva gia' fatto lui quando lavorava per al ditta della macchina ).
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Successiva
(pagina 1/9 - 45 discussioni)