YouTube tenta la svolta proprietaria

Offrirà i propri software per l'individuazione di video pirata solo alle imprese che decideranno di fare affari con il portale del video networking. Viacom ed altri s'indignano

Mountain View (USA) - "Inaccettabile" è l'aggettivo meno pesante utilizzato in queste ore dall'industria dei contenuti per descrivere le ultime proposizioni di Google-Youtube contro la pirateria. Il portalone del video sharing è infatti disponibile ad offrire i propri servizi per l'individuazione di video illegali pubblicati dai suoi utenti soltanto a quei produttori di contenuti che siano disposti a stringere un accordo commerciale con YouTube.

A ritenere intollerabile la decisione di YouTube è, non a caso,Viacom, la multinazionale che ha già ottenuto da YouTube la cancellazione di 100mila video e che, dopo aver rinunciato ad un'alleanza commerciale col portale, ha deciso di andare avanti da sé nella distribuzione via Internet dei propri contenuti video.

Stando a Reuters fonti dei grandi media avrebbero dichiarato di considerare la posizione di YouTube "mafiosa".
E mentre YouTube spiega le difficoltà nell'individuare correttamente i video abusivi, che a suo dire possono essere identificati solo tramite la fattiva collaborazione dell'industria di settore, un altro portalone di social networking, MySpace, offre alle major tool gratuiti per scovare materiale protetto da diritto d'autore pubblicato illegalmente sul proprio network.
10 Commenti alla Notizia YouTube tenta la svolta proprietaria
Ordina