L'interfaccia per palmari che fa Nvidia

L'azienda presenta un prototipo di interfaccia utente 3D per dispositivi palmari

Barcellona - Al 3GSM World Congress non è voluta mancare Nvidia, che ha presentato quella che l'azienda ha definito "la prima implementazione prototipale al mondo delle specifiche Khronos OpenKODET 1.0" e l'utilizzo di un nuovo standard aperto per accelerare un design di interfaccia utente intuitivo.

La presentazione è avvenuta con una dimostrazione dell'interfaccia che, spiega Nvidia, consente il multitasking in un ambiente a più finestre, la composizione accelerata di finestre semitrasparenti e un'interfaccia utente 3D con effetti di transizione.

"La dimostrazione - riporta un comunicato aziendale - evidenzia come OpenKODE (uno standard aperto sviluppato dal Khronos Group, ndr) renda possibili interfacce utente avanzate e acceleri differenti formati multimediali utilizzando un set standardizzato di API per rivoluzionare il modo in cui i consumatori interagiscono con i dispositivi palmari".
Cellulari sempre più vicini ai PC, dunque, secondo il paradigma proposto da Nvidia con il Khronos Group: OpenKODE, spiega il celebre produttore di dispositivi grafici per PC, è uno standard senza royalty e multi piattaforma che combina un set di API native in una specifica di stack completa per accelerare le applicazioni con elementi multimediali e grafici.

L'intenzione è quindi quella di arrivare a proporre, nel mondo "mobile" (telefonini, smartphone e PDA-phone), applicazioni con interfaccia 3D. Neil Trevett, vice presidente dell'embedded content di NVIDIA e presidente del Khronos Group, ha dichiarato: "Nvidia è fortemente concentrata sul supporto agli standard Khronos per esporre le sue capacità di accelerazione multimediale avanzata alla comunità degli sviluppatori software, aiutando al contempo a guidare l'industria verso l'accettazione di massa di tali standard aperti per consentire una nuova generazione di contenuti mobile innovativi".