Parallels Desktop esce dalla pubertà

Il famoso software di virtualizzazione per Mac ha infine raggiunto la sua prima versione finale, aggiungendo nuove funzionalità e migliorando la capacità di far girare sul desktop di Mac OS X le applicazioni Windows

Renton (USA) - Dopo una lunga serie di beta e release candidate, Parallels ha infine rilasciato la versione finale del suo omonimo software di virtualizzazione desktop per Macintosh.

Lo scorso anno Parallels Desktop è stato il primo software di virtualizzazione in grado di far girare Windows su Mac OS X x86. Da allora, era il giugno del 2006, il programma è maturato molto, abbracciando nuove funzionalità ed integrando il supporto a Windows Vista.

Una delle tecnologie chiave di Parallels Desktop, introdotta già a partire dell'ultima release candidate, è Coherence, che permette di far girare su Mac applicazioni Windows come se fossero native. Quando gli utenti passano alla modalità Coherence, il desktop di Windows scompare, lasciando girare le applicazioni Windows - come Outlook e Internet Explorer - direttamente sul desktop di Mac OS X e con la sua barra delle applicazioni. La funzione può essere personalizzata, scegliendo ad esempio se visualizzare la barra di stato di Windows e il menu Start.
"Quando abbiamo introdotto Parallels Desktop, nell'aprile del 2006, quasi non si distingueva il passaggio dalla modalità Windows a quella Mac. Con l'introduzione di Coherence lo switch è ora del tutto invisibile", ha detto Benjamin Rudolph, direttore della comunicazione di Parallels. "Questa tecnologia fornisce agli utenti la facoltà di scegliere la migliore applicazione per il lavoro che devono realizzare. Abbiamo l'obiettivo di espandere le funzioni di Coherence per aiutare gli utenti dei computer a muoversi agilmente tra i desktop dei diversi sistemi operativi".

Parallels Desktop include inoltre uno strumento di migrazione, chiamato Transporter, che fornisce agli utenti la possibilità di muovere i loro personal computer - inclusi tutti i settaggi, applicazioni, file e profili - direttamente verso una macchina virtuale Parallels che gira su un nuovo Mac, senza reinstallare Windows.

"Transporter è particolarmente importante per gli utenti che passano da Windows a Mac OS X perché permette loro di mantenere la tranquillità del familiare PC Windows mentre imparano a sfruttare la potenza del loro nuovo Mac", ha spiegato Rudolph. "Inoltre elimina il problema di dover ripartire da zero con una nuova installazione Windows, che per molti utenti non tecnici potrebbe essere difficoltosa".

Transporter è anche in grado di importare e convertire le immagini della macchine virtuali create con VMware Workstation e Virtual PC.

La nuova versione di Parallels Desktop può rilevare e configurare automaticamente le periferiche connesse alle porte USB 2.0, fornire un drive CD/DVD virtuale attraverso cui masterizzare o lanciare applicazioni direttamente dalle macchine virtuali, supportare le partizioni di Boot Camp, consentire la copia di file tra sistema operativo guest e host tramite drag and drop, virtualizzare tutte le più recenti versioni di Windows, incluso Vista.

La nuova versione di Parallels Desktop viene distribuita agli utenti registrati sotto forma di update gratuito. Il software, dal costo di 80 euro, può essere invece scaricato in versione trial da qui.
35 Commenti alla Notizia Parallels Desktop esce dalla pubertà
Ordina
  • pero' non me la sento di spendere tanti soldi solo per fare una prova.
    Esiste una versione di MacOSX (trial o beta o similia) installabile su una macchina virtuale Vmware o VirtualPc ?
    Anche se fosse lento, sarebbe solo per valutare il tanto decantato Mac.

    Ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > pero' non me la sento di spendere tanti soldi
    > solo per fare una
    > prova.
    > Esiste una versione di MacOSX (trial o beta o
    > similia) installabile su una macchina virtuale
    > Vmware o VirtualPc
    > ?
    > Anche se fosse lento, sarebbe solo per valutare
    > il tanto decantato
    > Mac.
    >
    > Ciao


    Vai in un negozio Apple e provalo, nessuno ti scoccerà per le prime 2 ore...


    non+autenticato
  • > Anche se fosse lento, sarebbe solo per valutare
    > il tanto decantato Mac.
    >
    > Vai in un negozio Apple e provalo, nessuno ti
    > scoccerà per le prime 2 ore...

    Non mi sembra che in paio d'ore nel caos di un negozio e senza poter smanettare piu' di tanto si possa valutare la bonta' ed il valore di un sistema operativo.

    Dato che mi ritengo un utente evoluto, non voglio solo provare l'interfaccia e i programmini di defualt, ma tutto il sistema in un tempo piu' lungo come un paio di settimane.

    non+autenticato
  • No, come non esiste una versione trial o beta di windows.

    Se conosci e ti piace Linux sai gia' cosa trovare sotto il cofano di OSX e dove mettere le mani.

    Per il livello utente la dotazione software standard e' molto buona, specialmente per il multimedia, graie alla suite iLife che ti permette ti fare di tutto (il sito apple fornisce una buona panoramica di iLife).

    Le periferiche vengono riconosciute all'istante in modo trasparente.

    Plugghi un device e funziona, senza troppe seghe mentali.

    Scordati virus, trojan e simili.

    Aspettati che sia facile. C'e' poco da dire.

    Ti consiglio pero', se hai l'occasione di provarlo, di vedere anche come lo usa un utente Apple, perche' ti garantisco che dopo anni di windows all'inizio mi sono trovato spiazzato nel cercare di fare le cose alla windows, scoprendo poi che mi complicavo la vita per niente, scoprend un sacco di trucchi. Esempio stupido... voglio il printscreen di un pezzetto di finestra: si fa cosi': SHIFT + MELA + 4 e compare un puntatore a croce. Selezioni la zona di schermo che ti interessa, rilasci il mouse e ti ritrovi il file immagine in formato PNG sul desktop.

    esempio stupido 2: ti interessa un pezzo di testo di una pagina: lo selezioni e lo trascini sul desktop. Fatto: ti trovi un file .txt con il testo che hai selezionato

    Ma la cosa grandiosa di OSX IMHO e' che per installare un'applicazione: scarichi il file .dmg, 2 clic, trascini l'icona che appare nella cartella delle applicazioni e BASTA.

    Vuoi disinstallare la Trial di Office 2004 che ti ritrovi installata di default, o qualsiasi altra applicazione? Trascina la cartella di office nel cestino !!!! E BASTA !!! Finito !!

    E non parliamo dei workflow o macro tra programmi che puoi fare con automator.

    Io sono solo agli inizi con OSX ma ti garantisco che ho riscoperto la gioia di smanettare e mi diverto. Cosa che con windows era passata da un pezzo.

    non+autenticato
  • Non si tratta di un messaggio pubblicitario, ma semplicemente di una mia impressione.

    Ho provato ieri l'ultima release (3186) sul mio MacBook e devo dire che è fantastica.
    Innanzitutto in un'immagine virtuale che occupa meno di 3,5 GB ho Windows Xp, Office 2003 ed il Visual Studio 2005.
    Io sto usando Parallels perché sto sviluppando un programma in C# per l'università con il Visual Studio 2005 (lo preferisco di gran lunga al MonoDevelop).
    Poiché il programma che ho fatto misura il tempo di esecuzione di certi algoritmi, devo dire che è praticamente veloce come se non fosse emulato.
    Sul mio Core 2 Duo 2,0 Ghz, anche utilizzando solo un core (il programma che ho scritto non è multithread), va quasi veloce come su dei Pentium 4 3,0 Ghz.

    Inoltre le nuove funzionalità di Coherence sono veramente strabilianti, guardate questi screenshot per farvi un'idea:
    http://www.parallels.com/products/coherence/

    Le finestre di Windows compaiono anche nel dock.
    Praticamente sono due sistemi operativi integrati insieme, funziona persino il drag & drop tra una finestra di Windows e una di Mac OS X.

    Insomma, devo dire che l'emulazione sta facendo passi da gigante, ora l'unica cosa per cui uno dovrebbe usare BootCamp è la grafica 3D, perché ancora manca l'accesso diretto alla scheda video.

    Dimenticavo: anche il prezzo non è male: 79 $.
    non+autenticato

  • > Inoltre le nuove funzionalità di Coherence sono
    > veramente strabilianti, guardate questi
    > screenshot per farvi
    > un'idea:
    > http://www.parallels.com/products/coherence/
    >
    > Le finestre di Windows compaiono anche nel dock.
    > Praticamente sono due sistemi operativi integrati
    > insieme, funziona persino il drag & drop tra una
    > finestra di Windows e una di Mac OS
    > X.

    DelusoSorpresaSorpresaSorpresaSorpresaSorpresaSorpresa

    favoloso ed osceno allo stesso tempo!
    (favoloso perchè...strabiliante, osceno perchè vedere le orride winfinestre su di una linda scrivania Mac mi fa venire l'urticaria)

    really, Fan Apple
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > vedere le orride winfinestre su di una linda
    > scrivania Mac mi fa venire
    > l'urticaria)

    Va beh, se vuoi puoi mettere un tema aqua-style anche a Windows così non si nota troppo la differenza Sorride
    non+autenticato
  • Per quel che mi riguarda,
    per il compleanno (o tuttalpiù a natale) mi piglio un bel mac!

    MacOSX lo trovo a dir poco eccellente, l'unica cosa è che a volte ti tratta un pò troppo da dumb...niente che non si possa risolvere in bootcamp con LinuxOcchiolino...

    ora è pure possibile virtualizzare in modo efficente windows (oddio: "efficente" e "windows" nella stessa frase!) per fare andare quelle cose che prima mancavano in entrambe le architetture Fan LinuxFan Apple (leggi: giochi/giochetti, robba 3d, delphi), dunque ho tutto quel che mi serve...

    bene, il prossimo mio computer è un mac, aggiudicato!

    Ficoso
    Fan AmigaFan LinuxFan Apple
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > MacOSX lo trovo a dir poco eccellente, l'unica
    > cosa è che a volte ti tratta un pò troppo da
    > dumb...
    Puoi spiegarti meglio? No, non sto criticando, davvero mi interessa: non c'è niente, a livello desktop che fa Linux, che non possa fare con OS X, e non mi ha mai messo i bastoni fra le ruote... Certo, dovessi mettere su un server puro, Linux sarebbe in prima fila... ma per il resto, non mi sento limitato in niente!
  • - Scritto da: Epimenide
    >
    > - Scritto da:
    > > MacOSX lo trovo a dir poco eccellente, l'unica
    > > cosa è che a volte ti tratta un pò troppo da
    > > dumb...
    > Puoi spiegarti meglio? No, non sto criticando,
    > davvero mi interessa: non c'è niente, a livello
    > desktop che fa Linux, che non possa fare con OS
    > X, e non mi ha mai messo i bastoni fra le
    > ruote... Certo, dovessi mettere su un server
    > puro, Linux sarebbe in prima fila... ma
    > per il resto, non mi sento limitato in
    > niente!

    non saprei spiegarti bene...
    io il Mac ho l'opportunità di usarlo a casa di un "compare" e devo dire che mi trovo benissimo.
    ha tutta una serie di piccole "cavolatine" che ti viene da esclamare "minchia, ma perchè non c'hanno pensato gli altri?"
    parlo ad esempio di finestre che "capiscono" che tu stai spostando una serie di file da qui a li, e si posizionano automaticamente all'altezza della cartellina aperta prima (nn so se è chiaro),
    o lo scroll intelligente
    o il random di itunes decente
    etc etc

    però spesso mi trovo con poche opzioni nei programmi o nel sistema.
    a differenza di windows (che è mediamente personalizzabile) e linux(che è totalmente personalizzabile, a volte anche troppo) MacOSX a volte mi lascia spiazzato dalla poca quantità di opzioni disponibili
    oh, magari dipende anche dal System, che è un pò vecchietto oramai (10.2.8)...

    non è che non riesco a fare qualcosa o che mi impedisca di farlo, solo
    a volte mi dispiace si possa fare in pochi modi.
    non è detto sia un problema eh, anzi.
    imho i Mac sono i computer più didattici che esistano.

    non so se mi sono spiegato bene, sorry...

    ciao
    Fan AmigaFan AppleFan Linux
    non+autenticato
  • > a volte mi lascia spiazzato dalla poca quantità di
    > opzioni
    > disponibili

    la cosa bella è la grande semplicità e la grande efficienza

    un utente di Windows che passa a MacOsX all'inizio avrà problemi, perche MacOsX è molto piu semplice da usare, e non riuscirà a trovare la strada più lunga alla Windows.


  • - Scritto da: MandarX
    > > a volte mi lascia spiazzato dalla poca quantità
    > di
    > > opzioni
    > > disponibili
    >
    > la cosa bella è la grande semplicità e la grande
    > efficienza
    >
    > un utente di Windows che passa a MacOsX
    > all'inizio avrà problemi, perche MacOsX è molto
    > piu semplice da usare, e non riuscirà a trovare
    > la strada più lunga alla
    > Windows.
    >

    queto è verissimo.
    sarà questione d'abitudine (anch'io lo penso)...

    bhe vedremo, il Mac oramai me lo sono promesso Occhiolino

    ciao
    Fan AmigaFan AppleFan Linux
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > però spesso mi trovo con poche opzioni nei
    > programmi o nel
    > sistema.
    > a differenza di windows (che è mediamente
    > personalizzabile) e linux(che è totalmente
    > personalizzabile, a volte anche troppo) MacOSX a
    > volte mi lascia spiazzato dalla poca quantità di
    > opzioni
    > disponibili
    Le opzioni, se vuoi, ci sono (esistono tutta una quantità di utility se non vuoi usare la linea di comando), solo che, saggiamente, i progettisti non se la sono sentita di appesantire l'interfaccia, hanno lasciato tutto "sotto il cofano", e chi vuole ci va dentro. All'ultimo conteggio credo che ci siano almeno 200 settaggi personalizzabili.
    O fai anche qualcosa di più radicale: è un anno e mezzo che ho lasciato il Finder (il punto debole principale, IMHO ma non solo) per PathFinder, che ha una botta di opzioni che ancora non ho scoperto del tutto, anche se all'inizio ti sconcerta...

    > oh, magari dipende anche dal System, che è un pò
    > vecchietto oramai
    > (10.2.8)...
    Sì, è preistorico... io non riuscirei a tornare indietro al 10.3! Il solo Spotlight mi salva la vita almeno 3 volte al giorno, per non parlare dei programmi che sono Tiger-only...

    > non so se mi sono spiegato bene, sorry...
    Sì, ti sei spiegato, spero solo di averti risposto correttamente.

  • > Le opzioni, se vuoi, ci sono (esistono tutta una
    > quantità di utility se non vuoi usare la linea di
    > comando), solo che, saggiamente, i progettisti
    > non se la sono sentita di appesantire
    > l'interfaccia, hanno lasciato tutto "sotto il
    > cofano", e chi vuole ci va dentro. All'ultimo
    > conteggio credo che ci siano almeno 200 settaggi
    > personalizzabili.
    > O fai anche qualcosa di più radicale: è un anno e
    > mezzo che ho lasciato il Finder (il punto debole
    > principale, IMHO ma non solo) per PathFinder, che
    > ha una botta di opzioni che ancora non ho
    > scoperto del tutto, anche se all'inizio ti
    > sconcerta...

    grazie per la dritta Occhiolino

    > > oh, magari dipende anche dal System, che è un pò
    > > vecchietto oramai
    > > (10.2.8)...
    > Sì, è preistorico... io non riuscirei a tornare
    > indietro al 10.3! Il solo Spotlight mi salva la
    > vita almeno 3 volte al giorno, per non parlare
    > dei programmi che sono
    > Tiger-only...

    guarda non me ne parlare! sono più i programmi scaricati che metto nella cartella "un_bel_dì" che quelli che riesco ad usare...
    per non parlare della mancanza dello spotlight, che si sente eccome (anche se l'ho provato per nemmeno 10 min su di un altro mac, ne sono diventato addict)

    e il bello è che il dvd del tiger-10.3 il mio amico cell'ha...solo il lettore interno è kaput da un bel po' Triste
    cambiarlo costa un sacco (io ero rimasto [LCii del '92 !] che erano devizi SCSI, ora cosa sono?) e in qualsiasi caso per aprire quel iMac
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    ci vogliono delle chiavi aliene
    In lacrimeIn lacrimeIn lacrime

    ci si sta ancora organizzando per risolvere il problema...

    > > non so se mi sono spiegato bene, sorry...
    > Sì, ti sei spiegato, spero solo di averti
    > risposto
    > correttamente.
    >

    si, ti sei spiegato bene;

    Grazie per le preziose Info!

    Sorride
    ciao
    Fan AmigaFan AppleFan Linux
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > e il bello è che il dvd del tiger-10.3 il mio
    > amico cell'ha...solo il lettore interno è kaput
    > da un bel po'
    >Triste
    > cambiarlo costa un sacco (io ero rimasto [LCii
    > del '92 !] che erano devizi SCSI, ora cosa sono?)


    Un masterizzatore per quel Mac costa quanto un masterizzatore per QUALUNQUE PC.
    È di quelli a cassetto, non slot-loading come per i portatili o per gli iMac successivi.




    > e in qualsiasi caso per aprire quel
    > iMac
    > [img]http://cache.gizmodo.com/gadgets/images/imac.
    > ci vogliono delle chiavi aliene
    > In lacrimeIn lacrimeIn lacrime


    "Chivi aliene"? Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Ma dai, basta un semplice cacciavite Tork T6 oppure T8...Occhiolino

    non+autenticato
  • Sapresti consigliarmi un buon sito di software open source per OSX?

    Grazie e saluti

    Giank
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Per quel che mi riguarda,
    > per il compleanno (o tuttalpiù a natale) mi
    > piglio un bel
    > mac!
    >
    > MacOSX lo trovo a dir poco eccellente, l'unica
    > cosa è che a volte ti tratta un pò troppo da
    > dumb...niente che non si possa risolvere
    > in bootcamp con Linux
    >Occhiolino...
    >
    > ora è pure possibile virtualizzare in modo
    > efficente windows (oddio: "efficente" e "windows"
    > nella stessa frase!) per fare andare quelle cose
    > che prima mancavano in entrambe le architetture
    > Fan LinuxFan Apple (leggi: giochi/giochetti, robba
    > 3d, delphi), dunque ho tutto quel che mi
    > serve...
    >
    > bene, il prossimo mio computer è un mac,
    > aggiudicato!
    >
    > Ficoso
    > Fan AmigaFan LinuxFan Apple

    Amo anche io Apple e i suoi prodotti, soprattutto per estetica e potenza, sebbene non approvi molte sue scelte.

    In ogni caso fammi sapere se ti va di comprarne due, che ti passo il mio recapitoSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Per quel che mi riguarda,
    > per il compleanno (o tuttalpiù a natale) mi
    > piglio un bel
    > mac!

    Ottima scelta!
    Io ho scelto in iMAC (inzuppato di RAM) e devo dire che e' una gran macchina. Con Parallels poi ci faccio girare l'impossibile: da Oracle su Linux windows XP , ed e' un gran mulo, puoi aprire l'impossibile senza che OSX faccia una piega.

    Se potessi tornare indietro rifarei tranquillamente la stessa scelta.

    non+autenticato
  • Un virus per Os X!
    Windows!

    TrollTroll occhiolinoTroll chiacchieroneTroll occhi di fuoriTroll di tutti i colori

  • - Scritto da: soulista
    > Un virus per Os X!
    > Windows!
    >
    > TrollTroll occhiolinoTroll chiacchieroneTroll occhi di fuoriTroll di tutti i colori

    A bocca aperta Fan LinuxFan Apple
    non+autenticato
  • alla fine è una ennesima virtuyal machine...

    la mia curiosità è come si fa ad installare una applicazione, senza avere windows (che se ho capito bene no è necessario)

    Inoltre mi chiedo che degrado % di performace bisogna aspettarsi facendo girare un'applicazione windows...
    Con Word o Outlook potrebbe essere trascurabile, ma in altri casi potrebbe comunque fare la differenza...

    ...però se funziona bene dovroò fare spazio sulla mia scrivania per un'altri iMac/CoreDuo... Sorride
    non+autenticato
  • quasi come se fosse una macchina reale!

    l'unico accorgimento che dovresti avere è: una quantità di ram spropositataA bocca aperta

    per il resto è una goduria avere winzzozz in una finestra di Mac Os X buono buono che non fa danni!

    ciao

    igor
  • Confermo, l'unico limite per ora è l'uso della scheda grafica: non pretendere di giocare in maniera fluida con gli ultimi giochi FP.
    non+autenticato
  • > alla fine è una ennesima virtuyal machine...
    Con tutti i vantaggi che ne derivano: nel senso che il backup lo fai masterizzando su dvd una immagine del discoSorride

    > la mia curiosità è come si fa ad installare una
    > applicazione, senza avere windows (che se ho
    > capito bene no è necessario)
    Windows ti serve, ma basta acquistare una copia con windows genuine advantage a 140 euri.


    > Inoltre mi chiedo che degrado % di performace
    > bisogna aspettarsi facendo girare un'applicazione windows...
    Il degrado di performance è quasi nullo. Forse un pò di lentenzza all'avvio.. o forse mi sono disabituato visto che il mac si avvia in 15 secondi nettiSorride Al di la di questo, considera che le nuove cpu core2 e core2 duo di intel integrano una tecnologia che velocizza le virutal machine (questa tecnologia si chiama VT. Trovi maggiori dettagli qui: http://www.intel.com/technology/virtualization/ind...)

    > Con Word o Outlook potrebbe essere trascurabile, ma in altri casi potrebbe comunque fare la differenza...
    Confermo i commenti precedenti: non potrai giocare stante l'assenza di una vera scheda accelerata 3d, ma per tutto il resto.. ti garantisco che la differenza è quasi impercettibile (io ho una config con 1gb di ram)


    > ...però se funziona bene dovroò fare spazio sulla mia scrivania per un'altri iMac/CoreDuo...

    Prepara lo spazioSorride:)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)