Quando una petizione web restituisce diritti

PI intervista il promotore della clamorosa mobilitazione che ha costretto Autorità di vigilanza e Governo ad agire, andando ad incidere sul business multimilionario dei telefonini a vantaggio degli utenti

Roma - Ha dato vita alla petizione online che ha raggiunto quasi un milione di sottoscrittori, ha mosso le autorità dell'Unione Europea e ha spinto ad agire le Authority italiane, fino al varo del Decreto Bersani che abolisce i costi di ricarica e che sanziona così lo strepitoso successo della mobilitazione web in cui ha creduto e che ha coordinato: Andrea D'Ambra, all'indomani dell'abolizione dei costi, parla con Punto Informatico di quel che è stato e di quel che spera potrà essere anche attraverso la neo-associazione dei consumatori a cui ha dato vita, Generazione Attiva.

Punto Informatico: Sono stati aboliti i costi di ricarica ma molti temono che ora telefonare costerà di più. Come stanno le cose?
Andrea D'Ambra: Ora ci sarà più concorrenza perché il costo di ricarica era rappresentato da un cartello che metteva d'accordo tutti gli operatori che di fatto rinunciavano a farsi concorrenza e mantenere quella quota di clienti. Il consumatore trarrà vantaggio dall'abolizione dei costi di ricarica e potrà scegliere l'operatore con l'offerta piu vantaggiosa.

PI: Si era detto che l'abolizione dei costi di ricarica non avrebbe dovuto comportare un aumento tariffario che però, a quanto pare, si è verificato, pur con diverse modulazioni a seconda degli operatori. Come pensate di agire per contrastare queste conseguenze?
AD'A: È tra i compiti dell'Agcom quello di sorvegliare e sanzionare eventuali comportamenti illegittimi. Da parte nostra la vigilanza sarà massima. Desidero ricordare inoltre che esistono ben 4 operatori e non tutti a quanto pare hanno deciso di aumentare le tariffe, in regime di concorrenza si può optare per l'operatore più conveniente usando la portabilità che permette di conservare il proprio numero telefonico. Generazione Attiva, Associazione Nazionale in difesa dei Consumatori, si riserva ogni azione a tutela dei consumatori in tutte le sedi competenti contro le compagnie che non rispetteranno il dettato legislativo.
PI: Uno degli effetti dell'abolizione di quei costi è la possibilità per gli utenti di capire meglio e con più immediatezza quanto effettivamente costi la telefonia mobile. Si fa un gran parlare di trasparenza a seguito del decreto Bersani, a vostro parere ora le "nuove" tariffe sono più trasparenti di prima?
AD'A: L'abolizione del costo di ricarica ha sicuramente contribuito affinché i prezzi siano piu trasparenti. Non si dovrà piu aggiungere la componente "costo di ricarica" che era eterogenea rispetto alla tariffa e arrivava ad incidere fino al 40% in piu rispetto al costo al minuto ma sarà piu facile comprendere e comparare le tariffe tra i diversi operatori.

PI: L'abolizione dei costi rappresenta il successo di una mobilitazione online che non ha precedenti per dimensioni e per "impatto", ma appare anche come emblema della deficienza dei meccanismi istituzionali di controllo e di tutela del consumatore e molti ritengono che, superata la "bufera" dei costi, la vigilanza torni quella che era. È questa la vostra sensazione?
AD'A: Non si ricorda in Italia una mobilitazione cosi forte, ottenuta grazie alla rete. Qualche anno fa un successo del genere sarebbe stato inimmaginabile senza internet e il mondo dei blog. È allo stesso tempo incredibile che debba intervenire un cittadino quando esistono in Italia circa venti associazioni di consumatori e delle Authority preposte al controllo oltre che all'intervento.

PI: Qualcosa è cambiato dopo questa mobilitazione?
AD'A: Ritengo che alla luce di questo successo le Authority abbiano già mostrato un pizzico di fermento in più. L'Antitrust ha aperto varie indagini ultimamente - costi dei conti bancari italiani rispetto a quelli esteri, benzina etc. L'Agcom ha fatto sequestrare dalla GDF qualche settimana fa i piani tariffari degli operatori per controllare e sanzionare eventuali abosi post-abolizione dei costi di ricarica. La nostra sensazione è che da ora in poi nolente o volente le Authority dovranno lavorare meglio e di più per evitare ulteriori brutte figure e richiami da Bruxelles.

PI: E il cittadino-utente?
AD'A: Il cittadino-utente da parte sua deve evitare disfattismi e pessimismi ma attivarsi e svolgere un'attività da protagonista nel mercato. Il potere è nostro, dobbiamo farlo capire a tutti!

PI: A volte però il pessimismo è comprensibile: le difficoltà di Governo e Autorità di settore nella vigilanza sono evidenti anche per "l'iter" della petizione, forse più ascoltata a Bruxelles che a Roma. È così? Come siete riusciti a far "passare il messaggio" presso le istituzioni?
AD'A: Le nostre istituzioni si devono sempre far riconoscere. Intervengono quando non devono e latitano quando invece dovrebbero farsi sentire. Quando lanciai la petizione non ebbi nessuna risposta dalle Authority, Antitrust e Agcom, che contattai e decisi così di rivolgermi alla Commissione Europea che, dimostrandosi istituzione seria ed efficiente, oltre a rispondermi interessò le Authority Italiane che poi di fatto furono obbligate ad intervenire.

PI: Un intervento non rapidissimo...
AD'A: Alla conclusione dell'indagine, dopo ben 5 mesi, le Authority congiuntamente confermarono che si trattava di un'anomalia tutta italiana, di un cartello e che il balzello gravava in particolar modo sulle fasce piu deboli della società - giovani ed anziani - visto che il costo di ricarica era in proporzione maggiore sui tagli più piccoli e questi ultimi sono usati dalla stragrande maggioranza della popolazione.

PI: Come giudichi la "reattività" del Governo?
AD'A: Tramite Bersani, ha colto la palla al balzo scippando di fatto questo lavoro dalle mani dell'Authority - a 15 giorni dall'intervento dell'Agcom che avrebbe abolito i costi di ricarica - e inserendo l'abolizione nel decreto. Questo ha sollevato dubbi da Bruxelles - che non per niente aveva contattato le Authority per competenza e non il Governo - e ha creato difficoltà anche per quanto riguarda la possibilità di rimborso dei costi di ricarica sostenuti finora visto che un intervento sanzionatorio dell'Agcom ci avrebbe facilitato rispetto ad un decreto legge. Bersani ha così colorato politicamente l'iniziativa - che in mano all'Authority sarebbe restata indipendente - oltre che aver cercato di espropriare gli oltre 800mila firmatari di un loro potere e farsi bello davanti all'opinione pubblica. La vignetta di "The Hand" in questo caso vale più di mille parole.
39 Commenti alla Notizia Quando una petizione web restituisce diritti
Ordina
  • Adesso facciamo una petizione per rendere decente la classe politica !

    La speranza è l'ultima a morireTriste
    non+autenticato
  • Rispetto e apprezzo il lavoro che hai fatto.
    Non vorrei però che ora ti montassi la testa.
    La class action è già una cosa che il governo vuole introdurre.
    Non è che poi dirai che è stato un tuo merito?
    Facendo quello che rimproveri a Bersani cioè appropriandoti di un'iniziativa che non ti appartiene?
    In quanto a Bersani una considerazione. Credo che di fronte all'inerzia delle autorities dopo il termine deell'indagine, se il governo non avesse fatto il decreto credo che le ricariche le staremmo ancora pagando oggi.
    Il decreto Bersani l'avresti dovuto apprezzare come riconoscimento dei tuoi sforzi che nessuno nega. In fondo conta il risultato e se Bersani ha approvato (facendo un decreto) vuol dire che la tua iniziativa era giusta.
    Tu critichi Bersani perchè ti oscura. Ma in realtà è il milione di cittadini che ha firmato che ha visto riconosciuta una sua richiesta. Il decreto Bersani non ha fatto altro che ammettere che 1 milione di cittadini avevano ragione. E questo l'hanno capito tutti. Poi se tu ne esci in ombra chisssenefrega. E' il riconoscimento delle aspettative di 1 milione di persone che conta non il tuo successo personale.

    ciao, pedro
    non+autenticato
  • in un mercato normale, quando la concorrenza esiste, se davvero non si vuole pagare un servizio, e qualcuno lo offre "compreso nel prezzo", la gente si fionda verso quel fornitore.

    In Italia, la gente snobba quel fornitore (che ad un certo punto, probabilmente capisce che evidentemente alla gente non importava di averlo compreso nel prezzo e comincia a farlo pagare, almeno a chi preferice comprare al minuto), però ad un certo punto qualcuno salta su e decide che non è giusto farlo pagare.

    E allora un po' di movimenti fiutano l'onda e la cavalcano, finchè quel qualcuno diventa eroe nazionale.


    Ah, ma già, l'Italia non è un mercato normale...
    SiN
    1120

  • Visto che le iniziative demagogiche paiono funzionare, il prossimo passo è quello di pretendere la telefonia gratis!

    Dai che con i nostri ministri ce la possiamo fare!
    non+autenticato
  • Se io fossi un tuo dipendente pretenderei il pagamento di un costo extra di ricarica a fine mese, ogni volta che mi paghi lo stipendio. E questo in barba ad un contratto già stipulato e con tariffe già definite!Occhiolino

    Se fossi il tuo salumiere, metterei dei prezzi sulla merce e poi ti chiederei un costo aggiuntivo alla cassa: il costo di accettazione dei tuoi soldi.Occhiolino

    Figuriamoci se mi paghi in anticipo! Non immmagini quanti commissioni potrei pretendere per il servizio supplementare di accettare i tuoi soldi prima di fornirti il bene venduto.

    Prega che io non sia il tuo becchino, se no ti appioppo un costo di ricarica (dovrai ben pagarmi in anticipo?) che se non sei forte di cuore, ti accomodi subito alla cassa.A bocca aperta
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)