EA mette in vendita le sue colonne sonore

La più nota casa di produzione videoludica sbarca su iTunes, questa volta per piazzare le proprie soundtrack presso gli appassionati di musica

Los Angeles - Electronic Arts alla conquista del mercato musicale. Non si tratta di un cambio di business, bensì della naturale evoluzione di un processo avviatosi con l'introduzione di vere e proprie colonne sonore nei più celebri titoli di EA.

Nel corso degli ultimi anni la collaborazione tra l'industria discografica e gli sviluppatori si è fatta sempre più fitta: la musica riveste un ruolo sempre più importante nel garantire l'atmosfera e l'ambientazione di giochi come Fifa, Medal of Honor, Need For Speed o The Sims. Nomi noti e gruppi emergenti si sono succeduti nelle playlist: in alcuni casi si tratta addirittura di pezzi inediti per il mercato discografico, fino ad oggi ascoltabili solo durante il gioco sulle console o il PC.

Secondo Steve Schnur, dirigente nel settore marketing e musicale di EA, la nascita di un Store per la vendita delle colonne sonore dei videogame sarebbe provvidenziale per chiudere un gap nell'offerta: a volte i brani presenti nei giochi non sono disponibili nei negozi (fisici o virtuali) e neppure ascoltabili alla radio. Una circostanza che può divenire frustrante per gli appassionati.
Da meno di una settimana è nato sul sito di Electronic Arts il nuovo EA Trax: si tratta di un servizio integrato per la vendita di colonne sonore, statistiche aggiornate e suonerie per il cellulare. Mentre per le ultime due voci il sistema si appoggia sul sito del Nettwerk Music Group, per gran parte delle colonne sonore il consumatore viene trasferito in una apposita pagina dell'iTunes Music Store di Apple.

Electronic Arts su iTunes c'era arrivata da un bel pezzo: una manciata di giochi destinata all'iPod è in vendita da qualche mese nel negozio virtuale di Apple, a riprova di un rapporto consolidato tra i due marchi.

Un rapporto che stando ad una recente intervista rilasciata da Mitch Lasky (Vice-Presidente di EA Mobile) a Business Week, sarebbe in procinto di portare altri frutti. EA starebbe già trattando con Apple una fornitura di giochi per il prossimo iPhone. L'adozione di una versione ridotta di Mac OS X per il prossimo cellulare della casa di Cupertino, così come l'innovativa interfaccia multitouch, costituirebbero inoltre un notevole richiamo per la tipica utenza delle console portatili.

Un altro pettegolezzo che circola in rete e che assume maggiore consistenza alla luce della fiorente partnership tra EA e Apple, riguarderebbe invece AppleTV. La nuova piattaforma che funge da collegamento tra PC o Mac e la TV, appare come l'uovo di colombo per la creazione di una console ludica della casa di Cupertino: un impegno di EA in favore di questa eventualità, impegno per altro mai confermato, aumenterebbe senz'altro l'appeal di AppleTV sui consumatori.

EA si conferma quindi molto attiva: negli ultimi mesi ha acquisito dapprima JAMDAT, rinominandola EA Mobile e sbarcando così nel mercato dei giochi pensati per cellulari ed iPod. È stata poi la volta di SingShot, proprietaria dell'omonimo sito di sfide a suon di karaoke, che nelle intenzioni di EA dovrebbe garantire una sensibile accelerazione nella promozione dei contenuti creati dagli utenti.

Luca Annunziata
10 Commenti alla Notizia EA mette in vendita le sue colonne sonore
Ordina