I telefonini si aggiornano da casa

Motorola lancia un servizio di aggiornamento dei firmware degli apparecchi, che si basa su una piattaforma software online. Sulla scia di un servizio già offerto da Nokia

Roma - Si chiama MotoFRESH, e non è un dentifricio né un aggeggio estivo per viaggiare confortevolmente in moto d'estate: si tratta di un servizio con cui un cliente di Motorola potrà effettuare, in autonomia e senza l'assistenza di personale tecnico, l'aggiornamento software del telefono cellulare. A domicilio.

La dinamica del servizio è piuttosto semplice: è necessario, ma anche sufficiente, avere un PC connesso ad Internet e un cavo dati USB da collegare al telefonino. Sul PC andrà installato l'applicativo Motorola Software Update (disponibile per il download a questa pagina). Una volta collegati PC e telefono, basta lanciare il software e controllare la disponibilità degli aggiornamenti.

L'operazione di update può essere svolta in un quarto d'ora circa e consente di effettuare un backup delle informazioni (dati e contenuti multimediali) memorizzate sull'apparecchio, affinché al termine dell'aggiornamento possano essere agevolmente ripristinate.
Novità per Motorola, questo servizio non è comunque un'idea originale in senso assoluto: Nokia, da qualche tempo, ha già messo a disposizione degli utenti un servizio analogo che, secondo quanto rivelato da Phonescoop, avrebbe ultimamente beneficiato di un ampliamento della gamma di apparecchi di cui sono disponibili gli update. I Nokia aggiornabili a domicilio sono oggi 37, incluse le gamme N Series ed E Series.

Dario Bonacina