Lavoratori, un biochip vi spierà

Un nuovo sistema di monitoraggio dei lavoratori verrà presentato nei prossimi giorni a Las Vegas: un dispositivo invierà un allarme in caso di alterazioni fisiologiche dei dipendenti, per controllarli meglio, anche via cam

Las Vegas - A fine marzo dovrebbe fare ufficialmente il suo debutto uno strumentino tutto pepe pensato per quei datori di lavoro che non si fidano dei dipendenti o non hanno granché a cuore la loro intimità: si tratta di una sorta di orologio da polso che, anziché dire l'ora, invia in modo continuativo ad un sistema centrale le pulsazioni del dipendente che lo indossa. Collegato ad un sistema di cam, può consentire ad un'azienda di verificare all'istante perché un certo lavoratore mostra quelli che vengono definiti "segni di stress".

A parlarne è Gizmag, che sembra escludere che si tratti di una bufala, rimandando al sito del produttore, 3d Eye Inc., sul quale viene descritto nei dettagli il Security Alert Tracking System (SATS).

Se ne parla come di un sistema capace di "capire" quando il dipendente sia impegnato in attività illecite o sia oggetto di minacce, come a dire che dipendenti di banche o di casinò potrebbero essere i primi a venir invitati a "vestire" il nuovo oggettino. "Monitorando queste alterazioni - sostiene il produttore - un'azienda può offrire maggiore sicurezza ai propri impiegati".
Controllati da remotoIn caso di alterazione, il segnale fa scattare l'allarme alla centrale di monitoraggio. Poiché il sistema "può essere integrato in network di telecamere a circuito chiuso", chi sorveglia le attività via cam può immediatamente dirigere l'occhio elettronico sul dipendente "alterato", per verificare quanto sta accadendo.

Nella pagina di presentazione viene descritta anche la tecnologia utilizzata, basata su quella che viene chiamata "pulse oximetry", ovvero un "processo non invasivo utilizzato per misurare i livelli di ossigeno nel sangue (...) e il battito cardiaco". Qualcuno si chiede se davvero potrà funzionare e fa notare come non ci siano ancora case study che riguardino il nuovo dispositivo.

Il giochino sarà proposto inizialmente, spiega il produttore, all'industria dei casinò e delle banche ma anche ai grandi uffici e alla grande distribuzione. C'è da chiedersi quanti e quali saranno i dipendenti disponibili ad indossarlo.
12 Commenti alla Notizia Lavoratori, un biochip vi spierà
Ordina
  • E perchè non marchiare a fuoco i propri dipendenti, per legarli definitivamente all'azienda, tranne ovviamente quando non serviranno più.

    Perchè non mettere questi aggeggi anche ad amministratori delegati o manager di alto livello?
    e perchè non rendere pubblici i loro conti in banca e le loro transazioni?

    Un futuro da marionette consapevoli di esserlo, ecco quello che spetta a miliardi di persone.

    non+autenticato
  • Per un serie di motivi:

    1. scioperi di massa promossi dai sindacati, preoccupati che il singolo lavoratore venga di fatto spiato mentre compie (o dovrebbe compiere) il suo dovere;
    2. l'allarme in molti casi scatterebbe in continuazione, specie per tutta quella categoria di lavoratori abituati a deglutire 10/15 o addirittura 20 caffè al giorno, alterando di fatto la velocità del battito cardiaco, che sarebbe a questo punto rilevato come stato d'animo anomalo (l'anomalia sarebbe la conseguenza del numero di caffè, a sua volta conseguenza del poco tempo passato a fare il proprio dovere);
    3. il sistema non scatterebbe mai in quei lavoratori che con calma snervante (snervante per chi si attende un servizio da quei lavoratori) affrontano le competenze lavorative quotidiane.

    La somma dei tre casi di cui sopra, porta ad un buon 80% dei casi lavorativi italiani.

    Quindi il Biochip è meglio se rimanga negli States...



    dillatutta.com - perchè la verità... funziona
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 12 marzo 2007 11.42
    -----------------------------------------------------------
  • Ovviamente la privacy, ma in questo caso e' facile chiudere il discorso semplicemente sventolando il codice civile sotto il naso del datore di lavoro, visto che si tratta di un applicazione pubblicizzata, e che richiede la collaborazione del dipendente. Invece esistono altre possibilita' di implementare sistemi di controllo subdoli da cui e' molto piu' difficile difendersi. Nelle aziende spuntano come funghi le telecamere interne. Per lo piu' l'istallazione e' motivata con la scusa di ridurre i furti interni, ma e' difficle controllare se non vengano utilizzate anche in altro modo, soprattutto se si tratta di IPcam.
    In futuro chi non vi garantisce poi che il chip dell'articolo non venga celato nei badge di accesso, o in qualche gadget fornito magari come benefit? Eppoi l'importante e' far credere al prossimo che sia sorvegliato, piuttosto che sorvegliarlo veramente(!!)

    hola
  • ...nel buco del culo che rilevi se stai andando al bagno perche' devi effettivamente cagare o stai perdendo solo tempo, no?
    non+autenticato
  • ottima idea... ci avevo già pensatoSorride
    m00f
    445

  • - Scritto da:
    > ...nel buco del culo che rilevi se stai andando
    > al bagno perche' devi effettivamente cagare o
    > stai perdendo solo tempo,
    > no?
    e per chi deve fare pp? A bocca storta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > ...nel buco del culo che rilevi se stai andando
    > > al bagno perche' devi effettivamente cagare o
    > > stai perdendo solo tempo,
    > > no?
    > e per chi deve fare pp? A bocca storta

    PP!?!?!? MA DICO, MA SIAMO IMPAZZITI!!??! SUL POSTO DI LAVORO TU VORRESTI FARE LA PIPI'!?!?! MA TI SEI BEVUTO IL CERVELLO? Per quella ti prendi la pasticchina la mattina prima di uscire di casa, pasticchina pagata dalla tua cara azienda che ti vuole tanto bene, e così la pipì non ti scappa fino a sera... quando torni a casa la fai.
    Se devi fare gli straordinari e a sera sei ancora in ufficio e te la stai facendo sotto l'orologio se ne accorge, segnala il tutto ai controllori, i quali vengono e ti mondano un catetere senza distrarti dal tuo lavoro.
    Sei in una botte di ferro!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > ...nel buco del culo che rilevi se stai
    > andando
    > > > al bagno perche' devi effettivamente cagare o
    > > > stai perdendo solo tempo,
    > > > no?
    > > e per chi deve fare pp? A bocca storta
    >
    > PP!?!?!? MA DICO, MA SIAMO IMPAZZITI!!??! SUL
    > POSTO DI LAVORO TU VORRESTI FARE LA PIPI'!?!?! MA
    > TI SEI BEVUTO IL CERVELLO? Per quella ti prendi
    > la pasticchina la mattina prima di uscire di
    > casa, pasticchina pagata dalla tua cara azienda
    > che ti vuole tanto bene, e così la pipì non ti
    > scappa fino a sera... quando torni a casa la
    > fai.
    > Se devi fare gli straordinari e a sera sei ancora
    > in ufficio e te la stai facendo sotto l'orologio
    > se ne accorge, segnala il tutto ai controllori, i
    > quali vengono e ti mondano un catetere senza
    > distrarti dal tuo
    > lavoro.
    > Sei in una botte di ferro!

    che odora di pippì.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)