ReactOS fa un nuovo passo avanti

Il celebre clone open source di Windows arriva in una nuova versione che risolve molti problemi di compatibilitą con driver e applicazioni, preparando l'arrivo della major release 0.4, ultima versione alpha del software

Roma - A quasi sei mesi di distanza dall'ultima release, il team di sviluppo di ReactOS ha rilasciato una nuova versione del proprio "clone" open source di Windows XP, la 0.3.1, che apporta al sistema operativo una innumerevole serie di correzioni, migliorie e aggiunte.

Gli sviluppatori affermano di aver riscritto diverse parti di ReactOS, ed in particolare di quelle relative al kernel, al layer di astrazione hardware (HAL) al bootloader.

ReactOS è un'implementazione open source di Windows NT il cui obiettivo è quello di raggiungere la piena compatibilità binaria con le applicazioni e i driver scritti per Windows 2000, XP e 2003. Per riuscirci, i suoi sviluppatori stanno lavorando ormai da diversi anni allo sviluppo di un'architettura e di un'interfaccia che ricalchi da vicino quella del sistema operativo di Microsoft.
"ReactOS è il miglior modello funzionante e completo di sistema operativo simile a Windows", si legge sul sito del progetto, disponibile anche in lingua italiana. "I programmatori potranno apprendere molto studiando il codice sorgente di ReactOS o partecipando al suo sviluppo".

Oggi ReactOS è in grado di far girare un limitato ma significativo numero di applicazioni per Windows, inclusi Office, OpenOffice, Firefox, Flash, Visual Studio e alcuni giochi meno recenti come Unreal Tournament e Deus Ex. La compatibilità con l'hardware è ancora piuttosto scarsa, soprattutto se si parla di componenti recenti: gli sviluppatori suggeriscono di far girare ReactOS all'interno di una macchina virtuale, che in genere emula componenti hardware standard e ben collaudati. Gli sviluppatori ci tengono però a sottolineare come il sistema operativo sia ancora nella fase alpha, e come tale non è ancora consigliabile utilizzarlo per scopi diversi dal testing.

La roadmap del progetto prevede che la versione 0.3.2 di ReactOS venga rilasciata tra circa due mesi, mentre la release 0.4 dovrebbe arrivare entro la fine dell'anno. La prima beta del software sarà rappresentata dalla 0.5, la cui data di arrivo è stimata tra il 2007 e il 2008. Sempre secondo la roadmap, il livello di compatibilità del kernel di ReactOS 0.4 con quello di Windows XP sarà di circa il 50%, e per allora saranno pienamente implementati il Winlogon, il protocollo Server Message Block (SMB) e il supporto ai mouse e alle tastiere USB (funzionalità comunque già presenti, a livello più o meno preliminare, anche nell'attuale versione).

Dall'home del sistema operativo si apprende anche che il processo di verifica del codice di ReactOS, avviato circa un anno fa in seguito all'accusa che il software viola i copyright di Microsoft, è quasi terminato: attualmente è arrivato infatti al 96,3%.

ReactOS 0.3.1 può essere scaricato da qui, mentre maggiori informazioni sul software si possono ottenere, oltre che sul sito ufficiale, anche su Wikipedia.
175 Commenti alla Notizia ReactOS fa un nuovo passo avanti
Ordina
  • almeno i modem assl usb funzionano

    hihihihihih

    Fan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan Windows

    Fan Linux=TrollTroll occhiolinoTroll chiacchieroneTroll di tutti i colori
    non+autenticato
  • e i trojan? funzionano anche loro?
    non+autenticato
  • Se Win è un sistema chiuso, come fanno a replicare una compatibilità binaria con NTOSKRNL ?
    Qualcosa mi sfugge.... io ho trovato alcune risorse sul web sul funzionamento dei sottosistemi, HAL, SMB, ecc... ma un conto è avere a disposizione documenti generali, un conto è replicare il loro funzionamento intrinseco.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Se Win è un sistema chiuso, come fanno a
    > replicare una compatibilità binaria con NTOSKRNL
    > ?
    >
    > Qualcosa mi sfugge.... io ho trovato alcune
    > risorse sul web sul funzionamento dei
    > sottosistemi, HAL, SMB, ecc... ma un conto è
    > avere a disposizione documenti generali, un conto
    > è replicare il loro funzionamento
    > intrinseco.

    La collaborazione tra il team di ReactOS e quello di Wine è intensa; quindi avranno trovato il modo anche loro di tradurre le API sostituendole con chiamate di funzione con lo stesso effetto.
    non+autenticato
  • Clean-room reverse engineering:

    http://searchcio.techtarget.com/sDefinition/0,,sid...

    Sorpresa

    BrUtE AiD
    non+autenticato
  • il motivo può essere che sto usando un CDrw ?

    Virtual PC invece non mi fa il boot da CD e non riesco quindi ad eseguirlo come macchina virtuale...

    mah Perplesso
  • Ciao dario1977 !

    > il motivo può essere che sto usando un CDrw ?
    >
    > Virtual PC invece non mi fa il boot da CD e non
    > riesco quindi ad eseguirlo come macchina
    > virtuale...

    Scaricati l' la macchina virtuale per VmWare, poi ti scarichi il VmWare Player che è gratuito., installi il tutto ...
    A me funziona ok.
    E si connette pure ad internet !!!
    Sorride
  • non preoccuparti, non ti perdi niente
    non+autenticato
  • E' inutile che continuate a fare la guerra di superiorità. Per esperienza posso affermare che in tutte le commesse a cui ho lavorato quando si é trattato di avere a che fare con sistemi operativi diversi da Windows si finisce sempre col bagno di sangue. Mettetela come vi pare, ma oggi é ancora così, purtroppo.

    Arrabbiato
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > E' inutile che continuate a fare la guerra di
    > superiorità. Per esperienza posso affermare che
    > in tutte le commesse a cui ho lavorato quando si
    > é trattato di avere a che fare con sistemi
    > operativi diversi da Windows si finisce sempre
    > col bagno di sangue. Mettetela come vi pare, ma
    > oggi é ancora così,
    > purtroppo.
    >
    > Arrabbiato

    Un bagno di sangue per chi conosce solo ed esclusivamente Windows. Io lavoro con linux da anni e sinceramente questo bagno di sangue non l'ho mai vissuto finora...

    TAD
  • - Scritto da: TADsince1995

    > - Scritto da:
    > > E' inutile che continuate a fare la guerra
    > > di superiorità. Per esperienza posso
    > > affermare che in tutte le commesse a cui
    > > ho lavorato quando si é trattato di avere
    > > a che fare con sistemi operativi diversi
    > > da Windows si finisce sempre col bagno di
    > > sangue. Mettetela come vi pare, ma oggi
    > > é ancora così, purtroppo.
    > > Arrabbiato

    > Un bagno di sangue per chi conosce solo ed
    > esclusivamente Windows. Io lavoro con linux
    > da anni e sinceramente questo bagno di sangue
    > non l'ho mai vissuto finora...
    > TAD

    Quoto e aggiungo: i casini peggiori me li ha sempre dati windows, essenzialmente perche' non puoi sapere cosa faccia internamente e perche' non puoi reinstallarne delle parti in caso di necessita'.

  • - Scritto da: GrayLord
    > - Scritto da: TADsince1995
    >
    > > - Scritto da:
    > > > E' inutile che continuate a fare la guerra
    > > > di superiorità. Per esperienza posso
    > > > affermare che in tutte le commesse a cui
    > > > ho lavorato quando si é trattato di avere
    > > > a che fare con sistemi operativi diversi
    > > > da Windows si finisce sempre col bagno di
    > > > sangue. Mettetela come vi pare, ma oggi
    > > > é ancora così, purtroppo.
    > > > Arrabbiato
    >
    > > Un bagno di sangue per chi conosce solo ed
    > > esclusivamente Windows. Io lavoro con linux
    > > da anni e sinceramente questo bagno di sangue
    > > non l'ho mai vissuto finora...
    > > TAD
    >
    > Quoto e aggiungo: i casini peggiori me li ha
    > sempre dati windows, essenzialmente perche' non
    > puoi sapere cosa faccia internamente e perche'
    > non puoi reinstallarne delle parti in caso di
    > necessita'.

    Quoto e rilancio, di solito la parte più difficile è proprio convincere windows a cooperare con gli altri sistemi

  • - Scritto da: pikappa
    >
    > - Scritto da: GrayLord
    > > - Scritto da: TADsince1995
    > >
    > > > - Scritto da:
    > > > > E' inutile che continuate a fare la guerra
    > > > > di superiorità. Per esperienza posso
    > > > > affermare che in tutte le commesse a cui
    > > > > ho lavorato quando si é trattato di avere
    > > > > a che fare con sistemi operativi diversi
    > > > > da Windows si finisce sempre col bagno di
    > > > > sangue. Mettetela come vi pare, ma oggi
    > > > > é ancora così, purtroppo.
    > > > > Arrabbiato
    > >
    > > > Un bagno di sangue per chi conosce solo ed
    > > > esclusivamente Windows. Io lavoro con linux
    > > > da anni e sinceramente questo bagno di sangue
    > > > non l'ho mai vissuto finora...
    > > > TAD
    > >
    > > Quoto e aggiungo: i casini peggiori me li ha
    > > sempre dati windows, essenzialmente perche' non
    > > puoi sapere cosa faccia internamente e perche'
    > > non puoi reinstallarne delle parti in caso di
    > > necessita'.
    >
    > Quoto e rilancio, di solito la parte più
    > difficile è proprio convincere windows a
    > cooperare con gli altri
    > sistemi

    Non quoto e vi sotterro.Sono vostre affermazioni (non dico sbagliate eh).Alla persone interessa dove il mercato evolve non cosa voi ttre ed il sottoscritto pensano.Vogliamo tirarlo dalla parte nostra? Predisponiamoci a superare uindoz sul fronte della semplicita' e completezza.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: pikappa
    > >
    > > - Scritto da: GrayLord
    > > > - Scritto da: TADsince1995
    > > >
    > > > > - Scritto da:
    > > > > > E' inutile che continuate a fare la
    > guerra
    >
    > > > > > di superiorità. Per esperienza posso
    > > > > > affermare che in tutte le commesse a cui
    > > > > > ho lavorato quando si é trattato di avere
    > > > > > a che fare con sistemi operativi diversi
    > > > > > da Windows si finisce sempre col bagno di
    > > > > > sangue. Mettetela come vi pare, ma oggi
    > > > > > é ancora così, purtroppo.
    > > > > > Arrabbiato
    > > >
    > > > > Un bagno di sangue per chi conosce solo ed
    > > > > esclusivamente Windows. Io lavoro con linux
    > > > > da anni e sinceramente questo bagno di
    > sangue
    >
    > > > > non l'ho mai vissuto finora...
    > > > > TAD
    > > >
    > > > Quoto e aggiungo: i casini peggiori me li ha
    > > > sempre dati windows, essenzialmente perche'
    > non
    > > > puoi sapere cosa faccia internamente e perche'
    > > > non puoi reinstallarne delle parti in caso di
    > > > necessita'.
    > >
    > > Quoto e rilancio, di solito la parte più
    > > difficile è proprio convincere windows a
    > > cooperare con gli altri
    > > sistemi
    >
    > Non quoto e vi sotterro.Sono vostre affermazioni
    > (non dico sbagliate eh).Alla persone interessa
    > dove il mercato evolve non cosa voi ttre ed il
    > sottoscritto pensano.Vogliamo tirarlo dalla parte
    > nostra? Predisponiamoci a superare uindoz sul
    > fronte della semplicita' e
    > completezza.

    Stai parlando del mercato desktop vero ?
    Chiediti perche' IBM e' tra le 30 societa' piu' quotate al mondo e Microsoft no.
    non+autenticato

  • - Scritto da: TADsince1995
    >
    > - Scritto da:
    > > E' inutile che continuate a fare la guerra di
    > > superiorità. Per esperienza posso affermare che
    > > in tutte le commesse a cui ho lavorato quando si
    > > é trattato di avere a che fare con sistemi
    > > operativi diversi da Windows si finisce sempre
    > > col bagno di sangue. Mettetela come vi pare, ma
    > > oggi é ancora così,
    > > purtroppo.
    > >
    > > Arrabbiato
    >
    > Un bagno di sangue per chi conosce solo ed
    > esclusivamente Windows. Io lavoro con linux da
    > anni e sinceramente questo bagno di sangue non
    > l'ho mai vissuto
    > finora...
    >
    > TAD

    Non mi riferisco ovviamente a centri di calcolo, grid computing, etc... ma a classiche commesse da PMI in cui si abbina il ferro con i servizi.
    Insomma il vero problema di Linux é che commercialmente non "aiuta" i produttori di hardware come fa la M$.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: TADsince1995
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > E' inutile che continuate a fare la guerra di
    > > > superiorità. Per esperienza posso affermare
    > che
    > > > in tutte le commesse a cui ho lavorato quando
    > si
    > > > é trattato di avere a che fare con sistemi
    > > > operativi diversi da Windows si finisce sempre
    > > > col bagno di sangue. Mettetela come vi pare,
    > ma
    > > > oggi é ancora così,
    > > > purtroppo.
    > > >
    > > > Arrabbiato
    > >
    > > Un bagno di sangue per chi conosce solo ed
    > > esclusivamente Windows. Io lavoro con linux da
    > > anni e sinceramente questo bagno di sangue non
    > > l'ho mai vissuto
    > > finora...
    > >
    > > TAD
    >
    > Non mi riferisco ovviamente a centri di calcolo,
    > grid computing, etc... ma a classiche commesse da
    > PMI in cui si abbina il ferro con i
    > servizi.
    > Insomma il vero problema di Linux é che
    > commercialmente non "aiuta" i produttori di
    > hardware come fa la
    > M$.

    In quale universo parallelo ?!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da: TADsince1995
    > > >
    > > > - Scritto da:
    > > > > E' inutile che continuate a fare la guerra
    > di
    > > > > superiorità. Per esperienza posso affermare
    > > che
    > > > > in tutte le commesse a cui ho lavorato
    > quando
    > > si
    > > > > é trattato di avere a che fare con sistemi
    > > > > operativi diversi da Windows si finisce
    > sempre
    > > > > col bagno di sangue. Mettetela come vi pare,
    > > ma
    > > > > oggi é ancora così,
    > > > > purtroppo.
    > > > >
    > > > > Arrabbiato
    > > >
    > > > Un bagno di sangue per chi conosce solo ed
    > > > esclusivamente Windows. Io lavoro con linux da
    > > > anni e sinceramente questo bagno di sangue non
    > > > l'ho mai vissuto
    > > > finora...
    > > >
    > > > TAD
    > >
    > > Non mi riferisco ovviamente a centri di calcolo,
    > > grid computing, etc... ma a classiche commesse
    > da
    > > PMI in cui si abbina il ferro con i
    > > servizi.
    > > Insomma il vero problema di Linux é che
    > > commercialmente non "aiuta" i produttori di
    > > hardware come fa la
    > > M$.
    >
    > In quale universo parallelo ?!!!

    Allora visto che la FSF possiede la GPL e la LGPL molto piu' trattabile perche' permette ad esempio il link con licenze differenti il problema in teoria non sussiste.Peccato che se ti vai a leggere le FAQ trovi un suggerimento mica tanto velato di usare la GPL anziche' la LGPL,pur essendo di dominio comune le problematiche d'uso di GPL.Come la chiamiamo questa cosa? Un organizzazione senza scopo di lucro che si propone come esponente principale dell'opensource e promuove la condivisione di software ed idee come esperienza di crescita,suggerisce esplicitamente una chiusura nella comunita' rendendo le cose piu' difficili per tutti.A casa mia queste cose prendono il nome di estensione proprietaria e lock-in tipiche del software commerciale.Ma ci rendiamo conto in che mani siamo?
    non+autenticato
  • ..quando la piena compatibilitį sarį raggiunta tra molto tempo, e quando gran parte degli utenti Windows sarį migrata su una nuova piattaforma? E' come se oggi qualcuno creasse un clone perfetto di Win 3.11 o 9x.. ognuno spende il proprio tempo come meglio crede, per caritį, ma francamente gli sforzi per clonare SO chiusi e con un ciclo di vita programmato dal creatore mi pare uno spreco di tempo e risorse che potrebbero essere dirottate più proficuamente verso altri lidi.
    non+autenticato
  • concordo
    sarebbe meglio sviluppare una piattaforma linux in grado di eseguire codici win32.
    quando il progetto reactos sarà completo, alla microsoft staranno sfornando la sp1 di windows 2009, e vista sarà solo un brutto lontano ricordo.
    non+autenticato
  • Io approvo senza riserve l'opera degli sviluppatori di ReactOS. Almeno cercano di creare un SO freeware funzionalmente identico a Windows e compatibile con i programmi e driver già esistenti, con tutti i vantaggi pratici che ne seguono per l'utente. Invece di perder tempo e risorse dietro lo sviluppo di SO già alla base incompatibili con quanto c'è e fondamentalmente problematici nella gestione per l'utente medio bisognerebbe supportare questi "ragazzi" che fanno realmente tutto da soli.
    non+autenticato
  • > Invece di perder tempo e
    > risorse dietro lo sviluppo di SO già alla base
    > incompatibili con quanto c'è e fondamentalmente
    > problematici nella gestione per l'utente medio
    > bisognerebbe supportare questi "ragazzi" che
    > fanno realmente tutto da
    > soli.

    prima di tutto la perdita di tempo sta nel cercare di far funzionare qualcosa che non funziona di per sé
    windows è semplice solo da incasinare

    "Those who don't understand UNIX are condemned to reinvent it, poorly." – Henry Spencer
    non+autenticato
  • Se non sei in grado di usare Windows senza incasinarti prova con un Mac. Se non sei in grado di usare nemmeno quello dubito, ma fortemente dubito, che tu riesca a non incasinarti con Linux.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Se non sei in grado di usare Windows senza
    > incasinarti prova con un Mac. Se non sei in grado
    > di usare nemmeno quello dubito, ma fortemente
    > dubito, che tu riesca a non incasinarti con
    > Linux.

    Il termine "incasinarsi" esattamente cosa vorrebbe dire?Deluso
    Uby
    893

  • - Scritto da:
    > concordo
    > sarebbe meglio sviluppare una piattaforma linux
    > in grado di eseguire codici
    > win32.

    Ti stai contraddicendo. ReactOS cerca proprio di far girare applicazioni win32 su piattaforma open.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > concordo
    > > sarebbe meglio sviluppare una piattaforma linux
    > > in grado di eseguire codici
    > > win32.
    >
    > Ti stai contraddicendo.

    quale contraddizione?

    > ReactOS cerca proprio di
    > far girare applicazioni win32 su piattaforma
    > open.

    open?
    Gnu/Linux non è "open" ma Free Software

    Quindi secondo te far girare applicazioni sul fantomatiche piattaforme (?) "open" sarebbe equivalente ad implementare wrapper per l'esecuzione di sw win32 su Gnu/Linux?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > ReactOS cerca proprio di
    > > far girare applicazioni win32 su piattaforma
    > > open.
    >
    > open?
    > Gnu/Linux non è "open" ma Free Software

    GNU/Linux è un software open source. Ed è anche FS.

    > Quindi secondo te far girare applicazioni sul
    > fantomatiche piattaforme (?) "open" sarebbe
    > equivalente ad implementare wrapper per
    > l'esecuzione di sw win32 su
    > Gnu/Linux?

    La fantimatica piattagorma in questione è ReactOS, anch'esso software open e free.


    Di emulatori (i tuoi fantomatici "wrappers") per linux che permettono esecuzione di app win32 ne esistono a bizzeffe...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ..quando la piena compatibilitį sarį raggiunta
    > tra molto tempo, e quando gran parte degli utenti
    > Windows sarį migrata su una nuova piattaforma?
    E'
    > come se oggi qualcuno creasse un clone perfetto
    > di Win 3.11 o 9x.. ognuno spende il proprio tempo
    > come meglio crede, per caritį, ma francamente gli
    > sforzi per clonare SO chiusi e con un ciclo di
    > vita programmato dal creatore mi pare uno spreco
    > di tempo e risorse che potrebbero essere
    > dirottate più proficuamente verso altri
    > lidi.

    Si hai ragione,tuttavia esiste la necessita' di avere qualcosa di semplice per tutti e aderente a gli standard.Non credo vogliano reinventare la ruota per il gusto di farlo,almeno non tutti.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ..quando la piena compatibilitį sarį raggiunta
    > tra molto tempo, e quando gran parte degli utenti
    > Windows sarį migrata su una nuova piattaforma?
    E'
    > come se oggi qualcuno creasse un clone perfetto
    > di Win 3.11 o 9x.. ognuno spende il proprio tempo
    > come meglio crede, per caritį, ma francamente gli
    > sforzi per clonare SO chiusi e con un ciclo di
    > vita programmato dal creatore mi pare uno spreco
    > di tempo e risorse che potrebbero essere
    > dirottate più proficuamente verso altri
    > lidi.

    Ora come ora però gran parte degli utenti usa sistemi 2000/XP per cui è garantito il supporto MS rispettivamente fino al 2010 e 2014.
    E' una base di utenza di centinaia di milioni di persone, forse oltre un miliardo, che usano un'enorme varietà di programmi spesso poco compatibili con Vista, magari su PC non Vista Ready, e moltissimi non hanno per ora alcuna intenzione di passare a Vista.
    Fino a Luglio 2010, quando di botto cesserà il supporto a Win 2000 e quindi i rimanenti 50-100 milioni di suoi utenti non avranno più scelta, è praticamente sicuro che Vista non avrà ancora sorpassato XP come base installata, quindi fino ad allora, esclusa MS, tutte le SW house dovranno sfornare anche versioni 2000/XP dei loro SW, salvo prodotti assolutamente specifici per Vista, a meno di non voler rinunciare a più di metà del loro mercato potenziale.
    Se parliamo di centinaia di milioni di persone che anche alla scadenza del 2014 staranno ancora usando XP, un suo clone non è poi così un prodotto di nicchia, salvo un boom superiore al previsto di Linux nei mercati emergenti, sarebbe un bacino di utenza superiore a quello di quest'ultimo SO.
    Addirittura, se Vista non si avvicinasse ai risultati minimi sperati da MS, XP potrebbe restare la piattaforma di riferimento per lo sviluppo di SW e a MS non resterebbe che adeguare Vista rendendolo più retrocompatibile.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)