UE, i parlamentari italiani vogliono bloccare Rule of Rose

Molti i rappresentanti del Belpaese dietro la richiesta che la UE vieti la distribuzione del controverso videogioco, di cui si continua a non conoscere le caratteristiche. Chieste anche nuove tutele per i minori

Roma - No, neppure gli adulti devono poter acquistare Rule of Rose, il videogioco che più in Italia che altrove ha scatenato mesi di polemiche, perlopiù basate su una scarsissima conoscenza del gioco. A chiedere che sia impedita tout-court la vendita e la distribuzione in Europa dell'ormai celebre titolo sono numerosi esponenti politici italiani, curiosamente quasi solo italiani, membri dell'Europarlamento.

In una proposta di risoluzione datata 7 marzo, si legge tra le altre cose che "lo scopo del videogioco è quello di seppellire viva una bambina che ha subito violenze psicosessuali e fisiche che confinano con la perversione e il sadismo".

Per quanto del tutto destituita di fondamento (lo scopo del gioco non è seppellire viva la bambina), la tesi che proprio questo fosse l'obiettivo del videogame era sostenuta dall'articolo di un celebre settimanale italiano di cui, a quanto pare, gli onorevoli di Strasburgo sono avidi lettori. Un articolo che, come si ricorderà, è stato al centro di dichiarazioni, reprimende e indignazioni che hanno attraversato trasversalmente molti partiti. E che è finito nel fuoco delle critiche, unanimi, degli esperti di videogaming.
Un'immagine del giocoSulla presunta sepoltura il distributore del gioco, 505 Games ha già spiegato: "La sepoltura della protagonista o di qualsiasi altro bambino non appare in nessuna scena del gioco, neppure indirettamente. La scena che ha scatenato questa discussione è in realtà una sequenza onirica che ha la funzione di introdurre il gioco: una sequenza video non-interattiva nella quale la protagonista, che non è un minore, viene catturata all'interno di una tomba. La parte interattiva del gioco è basata principalmente sull'esplorazione e la risoluzione di enigmi. Le uniche sporadiche scene di combattimento sono contro mostri".

Altre premesse della proposta comprendono:
C. considerando che questo videogioco non è che l'ultimo di una serie diventata sempre più popolare tra la generazione dei più giovani e il cui solo scopo è l'istigazione alla violenza, al bullismo e all'abuso dei più deboli,
D. considerando che il bullismo è un fenomeno drammaticamente in crescita in Europa e in Italia e che si sono verificati gravi episodi di violenza tra minori tra cui l'aggressione ai danni di un ragazzo disabile (filmato dai responsabili e pubblicato su Internet),
E. considerando che le Istituzioni comunitarie hanno sempre protetto e salvaguardato i diritti dei minori
Premesso tutto questo, la proposta dei rappresentanti italiani a Strasburgo:
1. chiede agli Stati membri di mettere a punto tutte le necessarie misure atte a vietare la pubblicazione di videogiochi particolarmente violenti e crudeli;
2. chiede l'istituzione di un Osservatorio europeo sull'infanzia e i minori al fine di verificare preventivamente il contenuto dei videogiochi e definire un codice di condotta unico per la vendita e la distribuzione di videogiochi destinati all'infanzia.
Chi avesse dubbi sul fatto che il divieto richiesto dagli italiani sia riferito proprio a quel videogioco può leggere il titolo della proposta: sul divieto di vendita e distribuzione in Europa del videogioco "Rule of Rose" e la creazione di un Osservatorio europeo sull'infanzia e i minori.

Di seguito, a futura memoria, i nomi dei parlamentari in Europa che hanno sottoscritto la proposta: Angelilli, Muscardini, Mussolini, Napoletano, Sbarbati, Zappalà, Poli Bortone, Locatelli, Toia, Sartori, Antoniozzi, Battilocchio, Casini, Foglietta, Morgantini, Pistelli, Tajani, Castiglione, Cocilovo, Fava, Musotto, Musumeci, Andria, Lavarra, Losco, Patriciello, Pirilli, Pittella, Romagnoli, Ventre, Veraldi, Agnoletto, Borghezio, Chiesa, Frassoni, La Russa, Panzeri, Podestà, Susta, Vincenzi, Berlato, Braghetto, Brunetta, Carollo, Kusstatscher, Prodi, Tatarella, Veneto, Mauro, Mantovani, Musacchio, Camre e Vaidere.
154 Commenti alla Notizia UE, i parlamentari italiani vogliono bloccare Rule of Rose
Ordina

  • ...e bloccare Rule Of Rose non solo è INCOSTITUZIONALE, ma c'è già stato un bel "no" dell'UE, Novembre scorso.

    Chi volesse più spiegazioni sul perchè o sul percome può scrivermi: korinduval[chiocciola]yahoo[punto]it.
    non+autenticato
  • Qualche anno fa è successa una cosa simile per altri due giochi: Resident Evil e Carmageddon.
    Resident Evil (io ci ho giocato a malapena 2 minuti poi l'ho riportato al mio amico che me lo aveva prestato perchè troppo violento il gioco) in pratica è una battaglia per sopravvivere agli zombie, Carmageddon invece dovevi investire più persone possibili per vincere una gara di corsa in macchina.Io ho giocato ad entrambi e quando ho letto sul giornale dello scopo di Carmageddon lo disinstallai dal computer, Resident Evil lo ho restituito e poi quei due videogame li ho EVITATI COME LA PESTE.Resident Evil doveva essere cacciato dal mercato ma invece ho visto versioni nuove per playstation2, carmageddon invece non lo ho sentito molto e non so dire niente del suo destino dopo quell'articolo sul giornale.
    In aggiunta c'è stato pure il contestato GTA (Gran Theft Auto)io lo uso ma non vedo molto sangue, sì è violento ma di sicuro non mostra sbranamenti da zombie e una scritta "SEI MORTO" in rosso a pieno schermo quando la tua vita nel gioco finisce (Resident Evil).Inoltre se dovessimo bloccare tutti i giochi violenti allora metà videogames dovrebbero essere fermati e cito Metal Gear Solid, Tekken, Splinter Cell,Prince of Persia e moltissimi altri.
    Devono solo esserci dei limiti nel mostrare le immagini ma bloccare tutti i giochi violenti o gran parte è un grosso danno, anche se a fin di bene per contrastare atti e comportamenti da bullismo, violenza sulle persone ecc.
    non+autenticato
  • (sono io che ho scritto prima)

    Sta alle persone la responsabilità di usare o meno i giochi che potrebbero influire sul loro carattere, sta ai genitori impedire che i loro figli comprino videogame violenti o non adatti alla loro età che hanno ma sopratutto evitare di essere strumentalizzati dallo scopo del videogioco stesso.Certo che se i genitori non ci stanno attenti o se ne fregano...la colpa è anche loro in parte.

    (ho scritto io prima solo che mi sono scordato di inserire i dati...scusate)
  • ...questi poveracci che non sanno che pesci pigliare, è che certi atti di bullismo non appaiono ora, per la prima volta nella storia. Quello che compare ora, per la prima volta nella storia, è un mezzo di informazione creata dal basso, che tempo 0 e spesa 0 ti porta a casa tutto lo schifo del mondo. Internet è anche questo, e non solo internet, anche tutto il mondo dell'informazione si è aggiornato. Cari parlamentari viviamo in un epoca in cui le guerre, quelle vere, non videogiochi, si vedono in diretta TV.... vogliamo rendercene conto seriamente o no?

    La violenza e gli idioti ci sono sempre stati, in percentuale costante, in tutto il mondo e tutte le epoche, e ci saranno nel futuro. Quello che è cambiato, lo ripeto se non fosse chiaro, è la quantità di informazioni che ci arrivano dal mondo...

    Quando ho letto l'articolo mi è venuta in mente mia nonna che dice che una volta non era così il mondo. Lo dico a voi come l'ho detto a mia nonna (che però ha la 5° elementare e non è europarlamentare), una volta non c'era il telegiornale che ti informava giornalmente di infanticidi e stupri... mia nonna, che sarà ignorante ma non è stupida, l'ha capito. Voi quando lo capirete?

    Di handicappati picchiati o presi in giro, è pieno il mondo, da molto molto molto prima del 2007. Il bullismo di nuovo ha solo l'etichetta che gli è stata affibbiata, ovvero "bullismo". Lo volete capire?

  • - Scritto da: Koopa Troopa
    > ...questi poveracci che non sanno che pesci
    > pigliare, è che certi atti di bullismo non
    > appaiono ora, per la prima volta nella storia.
    > Quello che compare ora, per la prima volta nella
    > storia, è un mezzo di informazione creata dal
    > basso, che tempo 0 e spesa 0 ti porta a casa
    > tutto lo schifo del mondo. Internet è anche
    > questo, e non solo internet, anche tutto il mondo
    > dell'informazione si è aggiornato. Cari
    > parlamentari viviamo in un epoca in cui le
    > guerre, quelle vere, non videogiochi, si vedono
    > in diretta TV.... vogliamo rendercene conto
    > seriamente o
    > no?
    >
    > La violenza e gli idioti ci sono sempre stati, in
    > percentuale costante, in tutto il mondo e tutte
    > le epoche, e ci saranno nel futuro. Quello che è
    > cambiato, lo ripeto se non fosse chiaro, è la
    > quantità di informazioni che ci arrivano dal
    > mondo...
    >
    > Quando ho letto l'articolo mi è venuta in mente
    > mia nonna che dice che una volta non era così il
    > mondo. Lo dico a voi come l'ho detto a mia nonna
    > (che però ha la 5° elementare e non è
    > europarlamentare), una volta non c'era il
    > telegiornale che ti informava giornalmente di
    > infanticidi e stupri... mia nonna, che sarà
    > ignorante ma non è stupida, l'ha capito. Voi
    > quando lo
    > capirete?
    >
    > Di handicappati picchiati o presi in giro, è
    > pieno il mondo, da molto molto molto prima del
    > 2007. Il bullismo di nuovo ha solo l'etichetta
    > che gli è stata affibbiata, ovvero "bullismo". Lo
    > volete
    > capire?


    L'hanno capito benissimo e lo sanno meglio di te.
    Ma è troppa ghiotta l'occasione di strumentalizzare questi panici collettivi per far vedere di essere dei "bravi politici".
    Non sono i politici che devono capire queste cose.
    E' la gente comune.
    Anche perché i politici, sono votati dalla gente.
    Quando in Italia si diffonderà un po' più di cultura e di spirito critico, e Vespa e Studio Aperto non saranno più le bibbie della massa... Be', allora vedrai che in parlamento non troverai più questi caproni ammuffiti che dichiarano di salvare il mondo proibendo un videogioco.
    non+autenticato
  • > L'hanno capito benissimo e lo sanno meglio di te.
    > Ma è troppa ghiotta l'occasione di
    > strumentalizzare questi panici collettivi per far
    > vedere di essere dei "bravi
    > politici".
    > Non sono i politici che devono capire queste cose.
    > E' la gente comune.
    > Anche perché i politici, sono votati dalla gente.
    > Quando in Italia si diffonderà un po' più di
    > cultura e di spirito critico, e Vespa e Studio
    > Aperto non saranno più le bibbie della massa...
    > Be', allora vedrai che in parlamento non troverai
    > più questi caproni ammuffiti che dichiarano di
    > salvare il mondo proibendo un
    > videogioco.

    So che pensare che a governarci ci siano dei geni ci rende più tranquilli, ma non è così... Questi quattro scappati di casa non si sono fermati nemmeno un secondo a pensarci sopra la questione, si sono affidati acriticamente al dio del sondaggio...

  • - Scritto da: Koopa Troopa
    > > L'hanno capito benissimo e lo sanno meglio di
    > te.
    > > Ma è troppa ghiotta l'occasione di
    > > strumentalizzare questi panici collettivi per
    > far
    > > vedere di essere dei "bravi
    > > politici".
    > > Non sono i politici che devono capire queste
    > cose.
    > > E' la gente comune.
    > > Anche perché i politici, sono votati dalla
    > gente.
    > > Quando in Italia si diffonderà un po' più di
    > > cultura e di spirito critico, e Vespa e Studio
    > > Aperto non saranno più le bibbie della massa...
    > > Be', allora vedrai che in parlamento non
    > troverai
    > > più questi caproni ammuffiti che dichiarano di
    > > salvare il mondo proibendo un
    > > videogioco.
    >
    > So che pensare che a governarci ci siano dei geni
    > ci rende più tranquilli, ma non è così... Questi
    > quattro scappati di casa non si sono fermati
    > nemmeno un secondo a pensarci sopra la questione,
    > si sono affidati acriticamente al dio del
    > sondaggio...

    Non sto dicendo che sono dei geni.
    Ma non sono scemi. Anzi, sono più astuti di quanto si pensi.
    Sanno bene che un videogioco non farà crollare la società. E quasi sicuramente non conoscono nemmeno il videogioco in questione, se non di nome.
    Appunto, seguono il sondaggio, perchè gli conviene... chiamali fessi.
    I fessi sono quelli che continuano a votarli. E' a quelli che bisogna rivolgersi, non ai politici, che non sono sulle loro poltrone per caso, ma in seguito a elezioni in cui tutti abbiamo diritto di voto.
    non+autenticato
  • In parlamento ci vorrebbe il limiti d'anzianità, non è possibile avere dei reperti storici in parlamento a legiferare su temi che non conoscono e mai conosceranno causa la loro età.
    70 anni sono già tanti, ma avendo un presidente della Repubblica ottantenne e che tutti sono incollati alle loro poltrone (vedasi Andreotti che ha rimodellato bene bene la sua poltrona) non accadrà mai.
    non+autenticato
  • Molti di voi non vivono la realtà, ma questo è comprensibile.

    Rule of Rose è un gioco che va fermato, gioca sulla psiche, punto.
    Bisogna evitare che finisca fra i bambini, ma visto che è difficile che un prodotto per adulti (soprattutto videogiochi) non finisca nelle mani di bimbi, allora blocchiamolo in toto.

    Dopodicchè andrebbero fermati molti cartoni giapponesi psichedelici e di lotte continue.

    A quelli che adesso si strapperanno i capelli per quello che ho scritto, io dico: aspettate di avere dei figli e notare quanta difficoltà avranno nel comprendere anche i concetti più semplici e a raggiungere anche un minimo di concentrazione, a tenere ferme le mani per più di 5 secondi, a non battere ciglia almeno 1 volta al secondo, ecc...

    Lasciate perdere l'europa dei fighetti... sempre più regno di violenze, droga e perversione, distacchiamoci dal branco.
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Bisogna evitare che finisca fra i bambini,

    Rimboccati le maniche e datti da fare per evitare che finisca tra le mani dei tuoi bambini. O forse lo stato deve supplire alla tua incapacità di essere genitore ?

    > A quelli che adesso si strapperanno i capelli per
    > quello che ho scritto, io dico: aspettate di
    > avere dei figli e notare quanta difficoltà
    > avranno nel comprendere anche i concetti più
    > semplici e a raggiungere anche un minimo di
    > concentrazione, a tenere ferme le mani per più di
    > 5 secondi, a non battere ciglia almeno 1 volta al
    > secondo,
    > ecc...

    E quindi credi che sia giusto delegare il tuo lavoro ad altri ? Per scaricarti di lavoro vuoi imporre una misura restrittiva a tutti ?
    Fare il genitore è un lavoro a tempo pieno, se non ne sei capace, avresti dovuto pensarci prima.

    > Lasciate perdere l'europa dei fighetti... sempre
    > più regno di violenze, droga e perversione,
    > distacchiamoci dal
    > branco.

    Violenza, droga e perversione sono sempre esistite, non raccontiamoci balle: I nostri figli sono molto meno violenti di quanto lo erano i nostri genitori.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    >
    > > Bisogna evitare che finisca fra i bambini,
    >
    > Rimboccati le maniche e datti da fare per evitare
    > che finisca tra le mani dei tuoi bambini. O forse
    > lo stato deve supplire alla tua incapacità di
    > essere genitore
    > ?

    come faccio a sapere cosa fa mio figlio quando non è con me?

    >
    > > A quelli che adesso si strapperanno i capelli
    > per
    > > quello che ho scritto, io dico: aspettate di
    > > avere dei figli e notare quanta difficoltà
    > > avranno nel comprendere anche i concetti più
    > > semplici e a raggiungere anche un minimo di
    > > concentrazione, a tenere ferme le mani per più
    > di
    > > 5 secondi, a non battere ciglia almeno 1 volta
    > al
    > > secondo,
    > > ecc...
    >
    > E quindi credi che sia giusto delegare il tuo
    > lavoro ad altri ? Per scaricarti di lavoro vuoi
    > imporre una misura restrittiva a tutti
    > ?

    esattamente, questa è la civilta', queste sono le teorie delle leggi, basterebbe rinunciare alla sovranità di popolo e al governo

    in alternativa dobbiamo imporci delle restrinzioni

    > Fare il genitore è un lavoro a tempo pieno, se
    > non ne sei capace, avresti dovuto pensarci
    > prima.
    >
    > > Lasciate perdere l'europa dei fighetti... sempre
    > > più regno di violenze, droga e perversione,
    > > distacchiamoci dal
    > > branco.
    >
    > Violenza, droga e perversione sono sempre
    > esistite, non raccontiamoci balle: I nostri figli
    > sono molto meno violenti di quanto lo erano i
    > nostri
    > genitori.

    non è una questione di violenza ma di squilibrio mentale, parlane con tutte le maestre di scuola elementare e gli psicologi che abbiano almeno 30 anni di carriera

    gli stati cosiddetti "avanzati" (inghilterra, svezia, olanda, ecc..) insegnano... laddove gli psicofarmaci li vendono come caramelle, si tratta dell'unica misura che la loro "libertà" è riuscita a imporre per evitare un futuro collasso sociale
    non+autenticato
  • >
    > come faccio a sapere cosa fa mio figlio quando
    > non è con
    > me?
    >

    Se ti preoccupi di cosa possa fare tuo figlio quando non è con te vuol dire che non sei stato capace di educarlo. Cavoli tuoi.

    >
    > esattamente, questa è la civilta', queste sono le
    > teorie delle leggi, basterebbe rinunciare alla
    > sovranità di popolo e al
    > governo
    >
    > in alternativa dobbiamo imporci delle restrinzioni

    No, bello. Questa si chiama dittatura ed è cosa ben diversa. Forse a te andava bene il tempo del Duce, ma fattene una ragione: quel tempo è andato.

    >
    > non è una questione di violenza ma di squilibrio
    > mentale, parlane con tutte le maestre di scuola
    > elementare e gli psicologi che abbiano almeno 30
    > anni di
    > carriera
    >
    > gli stati cosiddetti "avanzati" (inghilterra,
    > svezia, olanda, ecc..) insegnano... laddove gli
    > psicofarmaci li vendono come caramelle, si tratta
    > dell'unica misura che la loro "libertà" è
    > riuscita a imporre per evitare un futuro collasso
    > sociale

    Si, ecco, parlaci con queste insegnanti. Se sono oneste e capaci ti spiegheranno che il problema principale è proprio che i genitori non insegnano più nulla ai ragazzi e, per ciliagina sulla torta, impediscono anche agli insegnanti di fare il loro mestiere.
    Gli "psicofarmaci" di cui parli non sono per i ragazzi, ma per i genitori che non vogliono o non sono più capaci di stargli dietro, quindi tamponano con le pasticche.

    In ogni caso, non è tollerabile che si passi sopra ad un mio diritto per compensare le incapacità di altri.

  • - Scritto da: webwizard
    > >

    > > in alternativa dobbiamo imporci delle
    > restrinzioni
    >
    > No, bello. Questa si chiama dittatura ed è cosa
    > ben diversa. Forse a te andava bene il tempo del
    > Duce, ma fattene una ragione: quel tempo è
    > andato.

    peccato Imbarazzato

    > Si, ecco, parlaci con queste insegnanti. Se sono
    > oneste e capaci ti spiegheranno che il problema
    > principale è proprio che i genitori non insegnano
    > più nulla ai ragazzi e, per ciliagina sulla
    > torta, impediscono anche agli insegnanti di fare
    > il loro
    > mestiere.
    > Gli "psicofarmaci" di cui parli non sono per i
    > ragazzi, ma per i genitori che non vogliono o non
    > sono più capaci di stargli dietro, quindi
    > tamponano con le pasticche.

    oggi si ha paura a dare uno schiaffetto al figliulo che dà della troia alla maestra.
    Anche questa è una realtà e almeno questo lo condivido con te

    >
    >
    > In ogni caso, non è tollerabile che si passi
    > sopra ad un mio diritto per compensare le
    > incapacità di
    > altri.

    anche fumarmi una canna è un mio diritto, dai anche sniffare penso... anche il gioco del foulard è un diritto, ssii!!!!

    maquantibeidirittimadamadorè
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: webwizard
    > > >
    >
    > > > in alternativa dobbiamo imporci delle
    > > restrinzioni
    > >
    > > No, bello. Questa si chiama dittatura ed è cosa
    > > ben diversa. Forse a te andava bene il tempo del
    > > Duce, ma fattene una ragione: quel tempo è
    > > andato.
    >
    > peccato Imbarazzato

    salutamelo:
    http://sgm.casposidad.com/fotos/36.jpg
    sai, ci sputarono pure sopra A bocca aperta

    > > Si, ecco, parlaci con queste insegnanti. Se sono
    > > oneste e capaci ti spiegheranno che il problema
    > > principale è proprio che i genitori non
    > insegnano
    > > più nulla ai ragazzi e, per ciliagina sulla
    > > torta, impediscono anche agli insegnanti di fare
    > > il loro
    > > mestiere.
    > > Gli "psicofarmaci" di cui parli non sono per i
    > > ragazzi, ma per i genitori che non vogliono o
    > non
    > > sono più capaci di stargli dietro, quindi
    > > tamponano con le pasticche.
    >
    > oggi si ha paura a dare uno schiaffetto al
    > figliulo che dà della troia alla
    > maestra.
    > Anche questa è una realtà e almeno questo lo
    > condivido con
    > te

    e quindi?
    non ti viene da pensare che *forse* qualcosa non va anche nei genitori?

    > >
    > >
    > > In ogni caso, non è tollerabile che si passi
    > > sopra ad un mio diritto per compensare le
    > > incapacità di
    > > altri.
    >
    > anche fumarmi una canna è un mio diritto, dai
    > anche sniffare penso... anche il gioco del
    > foulard è un diritto,
    > ssii!!!!
    >
    > maquantibeidirittimadamadorè

    farsi una canna è illegale.
    bere come una mmerda e andare a schiantarsi in autostrada o arare uno che passava le strisce pedonali, non è proprio legale ma poco ci manca...

    ma vai a vederti le statistiche dei morti all'anno e scendi dal tuo mondo fatato rosacaramella!
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > > Rimboccati le maniche e datti da fare per
    > evitare
    > > che finisca tra le mani dei tuoi bambini. O
    > forse
    > > lo stato deve supplire alla tua incapacità di
    > > essere genitore
    > > ?
    >
    > come faccio a sapere cosa fa mio figlio quando
    > non è con
    > me?

    Cerca di stare con lui più spesso
    Responsabilizzalo
    Al limite compera una bella campana di vetroSorride

    > > Violenza, droga e perversione sono sempre
    > > esistite, non raccontiamoci balle: I nostri
    > figli
    > > sono molto meno violenti di quanto lo erano i
    > > nostri
    > > genitori.
    >
    > non è una questione di violenza ma di squilibrio
    > mentale, parlane con tutte le maestre di scuola
    > elementare e gli psicologi che abbiano almeno 30
    > anni di
    > carriera

    Conosco la situazione
    E la responsabilità nella stragrande maggioranza dei casi è dei genitori
    E' cronaca di questi giorni di genitori che alzano le mani sugli insegnati per "difendere" il proprio pargolo
    Bell'esempio, non credi ?
    non+autenticato
  • ??????????????????????????????????

    Mangiato pesante forse? Ma secondo te la testa le persone che cosa ce l'hanno a fare? Cioè potrò almeno decidere io a cosa giocare e a cosa no, oppure ci deve essere sempre questa mano divina che decide sempre cos'è bene per me e cosa no?
    Ho 32 anni, potrò essere libero di usare i miei neuroni per acquistare i prodotti che ritengo giusti per me? Siano essi libri, vestiti, videogiochi, quello che ti pare, ma finchè il mio "decidere autonomamente" non danneggia nessuno (e non mi pare che ad acquistare un videogioco si commetta reato) potrò decidere io?
    Ti informo comunque che, per quanto riguarda i videogiochi, già esistono i bollini sulle confezioni che indicano la fascia d'età consigliata per quel gioco, in modo da guidare le persone (e quindi anche i genitori) nelle loro scelte, te n'eri accorto? Oppure non hai mai acquistato un gioco originale?
    Cortesemente evitiamo trollate, soprattutto quando dall'alto vogliono trattarci come se fossimo tanti automi senza alcuna capacità cognitiva (e questo è ormai ampiamente evidente nella nostra programmazione televisiva,ma per fortuna a casa mia la televisione non esiste!!)

    Bye!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ??????????????????????????????????
    >
    > Mangiato pesante forse? Ma secondo te la testa le
    > persone che cosa ce l'hanno a fare? Cioè potrò
    > almeno decidere io a cosa giocare e a cosa no,
    > oppure ci deve essere sempre questa mano divina
    > che decide sempre cos'è bene per me e cosa
    > no?

    no, non sei libero di fare tutto quello che passa per la tua testa, giochi compresi

    a meno che tu non voglia rinunciare alla tua cittadinanza, stai in italia dove abbiamo scelto che un parlamento a rotazione decidesse per tutti

    si è deciso che Rule of Rose è violento, se non ti sta bene cambia nazione

    > Ho 32 anni, potrò essere libero di usare i miei
    > neuroni per acquistare i prodotti che ritengo
    > giusti per me? Siano essi libri, vestiti,
    > videogiochi, quello che ti pare, ma finchè il mio
    > "decidere autonomamente" non danneggia nessuno (e
    > non mi pare che ad acquistare un videogioco si
    > commetta reato) potrò decidere
    > io?

    mi vien da pensare alla droga, se tu la usi non fai male a nessuno, tant'è che generalmente nessuno finisce in galera per consumo personale, tuttavia la vendita di cocaina è vietata

    > Ti informo comunque che, per quanto riguarda i
    > videogiochi, già esistono i bollini sulle
    > confezioni che indicano la fascia d'età
    > consigliata per quel gioco, in modo da guidare le
    > persone (e quindi anche i genitori) nelle loro
    > scelte, te n'eri accorto? Oppure non hai mai
    > acquistato un gioco
    > originale?
    > Cortesemente evitiamo trollate, soprattutto
    > quando dall'alto vogliono trattarci come se
    > fossimo tanti automi senza alcuna capacità
    > cognitiva (e questo è ormai ampiamente evidente
    > nella nostra programmazione televisiva,ma per
    > fortuna a casa mia la televisione non
    > esiste!!)

    conosco bene i tipi come te, siete dappertutto ma ognuno di voi ha l'illusione di far parte di una eletta schiera di illuminati

    tu la televisione ce l'hai eccome, come tutti gli italiani

    >
    > Bye!

    ciao ciao
    non+autenticato
  • >
    > no, non sei libero di fare tutto quello che passa
    > per la tua testa, giochi
    > compresi

    Ma pensa, e chi lo dice, tu ?

    >
    > a meno che tu non voglia rinunciare alla tua
    > cittadinanza, stai in italia dove abbiamo scelto
    > che un parlamento a rotazione decidesse per
    > tutti
    >
    > si è deciso che Rule of Rose è violento, se non
    > ti sta bene cambia
    > nazione
    >

    Nisba, se non sta bene a te cambia nazione. In Italia c'è una legge, che si chiama Costituzione, che tutela le libertà di espressione e che persino il Parlamento deve rispettare. Vi piaccia o meno.

    > mi vien da pensare alla droga, se tu la usi non
    > fai male a nessuno, tant'è che generalmente
    > nessuno finisce in galera per consumo personale,
    > tuttavia la vendita di cocaina è
    > vietata
    >

    fa più morti l'alcool della cocaina, ma quello è di libera vendita. Pessima scelta di paragone.

    > conosco bene i tipi come te, siete dappertutto ma
    > ognuno di voi ha l'illusione di far parte di una
    > eletta schiera di
    > illuminati
    >
    > tu la televisione ce l'hai eccome, come tutti gli
    > italiani

    Anche io conosco i tipi come te, che credono che il loro modo di pensare sia Perfetto e Divino e tutto il mondo deve aggregarsi per forza. Beh, ho una notizia da darti: là fuori ci sono persone che hanno quanti e più diritti di te di pensarla diversamente. Per inciso, anch'io ho la televisione, ma scelgo attentamente cosa vedere e ti posso garantire che Rai e Mediaset raramente stanno nei miei palinsesti.
  • al caro signor anonimo che ha sparato quelle cose in cima al topic. Sai cos'è il PEGI ? Ecco Rule of rose e vietato hai minori, non lo sapevi ?

    informati meglio e non ascoltare i bigotti che per raccattare denaro (moige) raccontano panzane assurde....
    Sgabbio
    26178
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 30 discussioni)