Nuove info per riempire di spot il cellulare

Le promette M:Metrics che, con la complicità di centinaia di utenti, presenta un sistema di rilevazione dell'audience mobile. Un settore esplosivo in cui Yahoo si lancia ora come agente per conto degli editori

Roma - La telefonia mobile, da lunedì scorso, ha il suo audicell. Una sorta di sistema di rilevazione per l'audience dei servizi di telefonia. Realizzato da M:Metrics, è ufficialmente denominato "MeterDirect" e pensato per consentire agli inserzionisti di pianificare al meglio la proliferazione dei propri spot sui cellulari.

"Il servizio permette un'attenta analisi dei consumi mobili, similmente a ciò che i media buyer e gli strateghi si aspettano su Internet", ha dichiarato Paul Goode, vice presidente del product development e analista di M:Metrics.

La piattaforma si basa sulla collaborazione di comuni utenti di smartphone che, installando la mini-applicazione, di fatto permettono la registrazione quotidiana dei consumi e dell'operatività. Il sistema è in grado di archiviare i dati riguardanti le pagine web visitate, il numero di SMS spediti e ricevuti, i giochi avviati, e altro. Alla fine della giornata tutte le informazioni vengono condivise con la società di rilevazione.
Il servizio inizialmente sarà disponibile solo negli Stati Uniti e nel Regno Unito, dove almeno 1100 utenti hanno già accettato di scaricare il software. M:Metrics, comunque, ha già promesso che entro la fine dell'anno "MeterDirect" sarà disponibile anche per i mercati tedesco, francese, spagnolo e italiano. L'obiettivo è quello di poter disporre di almeno mille utenti-campione in ognuno dei paesi coinvolti.

Insomma, il settore mobile ormai è in fermento per la pubblicità. Dopo le inserzioni mobili di Google - lanciate per la prima volta in Giappone e poi testate anche in Italia, sta per giungere anche il ciclone Yahoo. Lo scorso autunno aveva siglato un l'accordo con Vodafone per il display advertising anglosassone; adesso ha annunciato di voler creare un mobile advertising network. L'obiettivo è diventare un broker che possa permettere agli inserzionisti di "piazzare" le campagne pubblicitarie su servizi di editori diversi.

Attualmente la rete di Yahoo è piuttosto piccola, comprende infatti: MobiTV; Opera, lo sviluppatore del noto browser; Go2, un sito di "pagine gialle". Nei prossimi mesi, comunque, la dirigenza statunitense ha assicurato l'ampliamento dell'offerta.

"Sulla telefonia mobile siamo molto aggressivi e ci stiamo muovendo velocemente per costruire una piattaforma solida", ha dichiarato Steve Boom, vice presidente per il broadband e mobile di Yahoo. "Sentivamo che i servizi business per gli editori erano certamente qualcosa che mancava".

Secondo Kevin Heisler, analista di Jupiter Research, la ricerca mobile di Google non è riuscita ancora ad eclissare Yahoo. Il nuovo Yahoo oneSearch, lanciato lo scorso gennaio, è considerato infatti un successo. "Speriamo di riuscire ad avviare le campagne sui siti mobili entro la prossima estate", ha aggiunto Boom.

"Yahoo è sbarcata sul mercato in poco tempo e con grande irruenza, ma si tratta di un settore così nuovo che in verità nessuno può ancora considerarsi avanti rispetto agli altri", ha dichiarato Gary Arlen, presidente della società di ricerca Arlen Communications.

Dario d'Elia
4 Commenti alla Notizia Nuove info per riempire di spot il cellulare
Ordina
  • Finalmente adesso sapranno già quale suoneria mi piacerà scaricare per soli 6 euro cadauna (traffico wap escluso, tariffa non comprensiva di iva, cibo per i criceti che alimentano il server non compreso)!!
    Era ora!!! -.-''
    Che schifo -.-''
    Non so se conoscete il plugin "adblock" di firefox... in pratica consente di bloccare la stragrande maggioranza di spot, pubblicità ecc e nasconderla dalle pagine web.
    Dovrebbero farlo per il cellulare. Questo sì che venderebbe!
    Niente più messaggi del tipo "Abbandona gli sfigati! Diventa animatore anche tu con noi e conosci tante nuove persone!" (mi è arrivato sul serio dalla tim -.-'')

    BiGAlex
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Finalmente adesso sapranno già quale suoneria mi
    > piacerà scaricare per soli 6 euro cadauna
    > (traffico wap escluso, tariffa non comprensiva di
    > iva, cibo per i criceti che alimentano il server
    > non
    > compreso)!!
    > Era ora!!! -.-''
    > Che schifo -.-''
    > Non so se conoscete il plugin "adblock" di
    > firefox... in pratica consente di bloccare la
    > stragrande maggioranza di spot, pubblicità ecc e
    > nasconderla dalle pagine
    > web.
    > Dovrebbero farlo per il cellulare. Questo sì che
    > venderebbe!
    > Niente più messaggi del tipo "Abbandona gli
    > sfigati! Diventa animatore anche tu con noi e
    > conosci tante nuove persone!" (mi è arrivato sul
    > serio dalla tim
    > -.-'')
    >
    > BiGAlex
    L'unica nostra speranza in Italia si chiama vodafone+ apple.

    Sembra infatti che apple abbia preso contatti con vodafne per distribuire l'iPhone in Europa, e quindi anche in Italia.

    ma siccome l'iPhone senza una connessione a Internet permanente (tipo flat per intenderci) è mezzo zoppo (anzi piuttosto mi prendo un nokia 3310 che costa anche meno) Vodafone sarà più o meno obbligata ad includere nel contratto di vendita iPhone + sim Vodafone anche una flat finalmente VERA senza limiti.

    Almeno questo è quello che spero, altrimenti, al massimo, saremo messi come prima, internet via cellulare = costi proibitivi.
    beka
    149
  • se facessero adblock per la tv sarebbe la rivoluzione del secolo, altro che per il cellulare

    comunque non gli basta intasare di pubblicità la tv e internet, adesso pure i cellulari
    speriamo che non diventino sms-spam come le email, quella sarà la volta buona in cui mi comprerò definitivamente un pda e butterò via il cellulare

    quelli prima fanno un "sondaggio" e poi lo piazzano a tutti

    ma che fine ha fatto il "tu mi fornisci quello che ti chiedo e non 'eh ma lo attiviamo di default a tutti'"?
    Wolf01
    3342
  • Ho persino sposato una pubblicitaria, ma da qualche anno non posso piu' sopportare la colata soffocante di pubblicita' che ci soffoca la vita.

    Non si puo' guardare la TV, qualsiasi programma e' infarcito fino alla nausea. Soluzione: non la guardo.
    Internet e' pieno di banner animati lampeggianti e invasivi, siti spioni che tracciano ogni tuo passo e che ti rallentano pure la navigazione. Sempre siano lodati Adblock+ e noscript
    Non puoi uscire di casa senza che la vista sia offesa da enormi cartelloni 5x7m (3 nei dintorni di casa mia)
    Non puoi viaggiare per le strade senza vedere continuamente gli stessi cartelloni, peraltro vietati sulle strade importanti, che cercano in ogni modo di distrarti dalla guida e deturpano il paesaggio (che puoi ammirare da passeggero ovviamente Occhiolino)
    Al cinema sei costretto a sorbirti mezzore degli stessi spot -con aggiunti quelli degli alcoolici, magari prima di un film per ragazzi-, ed i film stessi sono infarciti di pubblicita' indiretta: product placement si chiama, ovvero infilare oggetti e marchi da pubblicizzare nelle scene senza reale necessita'. Unica soluzione: informarsi ed evitare accuratamente tutti i film (di solito quelli piu' beceramente commerciali) che fanno uso di questa pratica schifosa.

    Per di piu' le pubblicita' sono sempre piu' volgari, scurrili, violente, prive di fantasia, noiose nonostante la profuzione di effetti speciali. Niente che valga nemmeno la pena di andarsela a vedere su YT.
    Funz
    13032