Spingono sui domini .safe

Per le banche?

Roma - Torna alla carica la società di sicurezza F-Secure con la proposta ad ICANN di dar vita a nuove estensioni internazionali di dominio,.safe o.sure, che secondo gli esperti dell'azienda potrebbero tradursi in una rinnovata sicurezza per il banking in rete e contro le frodi via Internet.

In una nota appena diramata gli analisti della società sostengono che "il nuovo dominio non risolverebbe totalmente il problema del phishing, ma certo potrebbe ridurlo. Sapendo che solo gli URL con estensione.safe appartengono a istituzioni finanziarie autentiche, infatti, meno utenti cadrebbero nell'inganno di cliccare su link fasulli".

"Al momento - insiste F-Secure - i clienti non hanno possibilità di sapere con certezza se un sito appartenga o meno alla banca, e ciò vale soprattutto per le piccole banche. Se la concessione dei nomi a dominio con estensione.safe o.sure fosse rigidamente controllata, allora anche le aziende che si occupano di sicurezza avrebbero uno strumento in più su cui basarsi per controllare il traffico Web e le email; potrebbero sviluppare prodotti di sicurezza migliori e gli utenti si sentirebbero maggiormente protetti".