DRM-free, applausi e denunce per Apple/EMI

Salta l'invio della petizione a Jobs sul DRM dopo l'accordo con EMI. Nel frattempo, nuovi guai per la mela e le major arrivano dalla Commissione Europea, che parla di tattiche dannose per i consumatori

Roma - Lo storico accordo tra Apple ed EMI per la vendita di brani privi di tecnologie anticopia piace a Free Software Foundation: DefectiveByDesign, la campagna anti-DRM dell'organizzazione dell'open source, ha deciso di non inviare più a Jobs la lettera aperta che ha raccolto 6000 firme (6 volte l'obiettivo iniziale) durante il mese di marzo. Al suo posto, DbD ipotizza la consegna di un grande thank you al guru californiano per il suo impegno nel far seguire alle parole i fatti.

La petizione, disponibile sul web ormai solo a puro scopo conoscitivo, chiedeva a Jobs, patron di Apple e azionista di maggioranza di Disney-Pixar, di agire piuttosto che compiangersi con lacrime da coccodrillo a mezzo comunicati ad effetto sul portale aziendale: per Mr. iPod era venuto il tempo, suggeriva DbD, di assumersi le proprie responsabilità di fronte alla community, trasformando iTunes, uno dei maggiori responsabili della larga adozione delle tecnologie anticopia in rete, in una prova concreta della sua volontà di cancellare realmente le DRM dai contenuti audiovisivi.

L'intesa con una delle grandi sorelle della musica mondiale, per quanto preveda un sovrapprezzo per i brani AAC DRM-free, viene letto in maniera positiva da FSF: Jobs ha fatto quello che aveva implicitamente promesso cominciando ad adoperarsi in maniera concreta per rendere storia le tecnologie di protezione degli audiovisivi.
A rovinare i festeggiamenti per il nuovo corso DRM-free arriva però la Commissione Europea, che ha appena deciso di prendere di petto Apple e le major allo stesso tempo, accusandole di agire contro l'interesse degli utenti nella vendita di brani musicali negli store iTunes del Vecchio Continente.

Le comunicazioni, già inviate alla suddetta Apple e a quattro etichette discografiche al momento ignote, puntano il dito contro la politica dei prezzi variabili dei brani negli e-store nazionali, politica che secondo la commissione configurerebbe una pratica di vendita restrittiva a tutto svantaggio dei consumatori e in violazione delle norme comunitarie.

Jonathan Todd, portavoce della commissione, ha dichiarato alla Reuters che "I consumatori possono acquistare musica soltanto dallo store online di iTunes del paese di residenza, e sono quindi limitati nella loro scelta di dove comprare i brani e di conseguenza per quale musica sia loro disponibile e a che prezzo".

La Commissione si è mossa dopo le indagini svolte nel corso del 2005, scattate in risposta alle lamentele degli acquirenti sui prezzi inferiori dei brani in Francia e Germania rispetto a quelli del Regno Unito. Ed è l'ennesimo schiaffo di una istituzione europea ad Apple, dopo la clamorosa messa al bando del DRM FairPlay da parte dell'ombudsman norvegese.

Per tutta risposta, Apple ha comunicato alla commissione la sua volontà originaria di aprire un mercato unificato per l'interno continente, volontà limitata a suo dire dalle stesse etichette musicali, impossibilitate per "certi limiti legali" a fornire tutti i diritti necessari alla Mela per far andare in porto una siffatta iniziativa. Dichiarazioni che non sorprendono, viste le enormi difficoltà dei gestori dei diritti d'autore a pervenire ad intese e licenze davvero "europee".

Alfonso Maruccia
115 Commenti alla Notizia DRM-free, applausi e denunce per Apple/EMI
Ordina
  • Una volta che Apple e una major fanno le cose come si deve, arriva la Commissione a rompere?
    Commissione Europea a noi sta bene la mossa di Apple ed EMI, siete che invece dovete muovervi e abolire IPRED2 e qualsiasi altra cosa, come il DRM!
    Apple e EMI non fatevi abbindolare e andate avanti così!Fate vedere di che pasta siete a questi qua che dicono di sapere ma non sanno un tubo di cosa vogliamo!Voi lo avete capito e fatto e un grazie caloroso da parte mia!

  • - Scritto da:
    > Leggete qui e meditateci su:
    >
    > http://it.theinquirer.net/2007/04/cliente_di_oracl
    >

    Al moderatore passato da poco: vada per l'offtopic nonstante l'abbia gia' scritto io ma tralasciamo l'inutile voto visto che quantomeno essendo fuori tema non ci si dovrebbe esprimere in una senso o nell'altro.Oppure e' una notizia fastidiosa?
    non+autenticato
  • Hanno finalmente tolto i DRM e ancora non va bene, io trovo accettabile il prezzo, non ha drm, quindi compro, non vi sta bene? non comprate!
    I film pixar hanno i DRM? bene non li comprate!
    Nessuno ha ancora capito che il vero potere lo detiene chi ha in mano il portafogli
  • i bambini del forum voglion esere legittimati ad ogni costo a scaricare musica dal mulo.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > i bambini del forum voglion esere legittimati ad
    > ogni costo a scaricare musica dal
    > mulo.


    I bambini del forum hanno 46 anni e non gli va che siano presi per il culo con cambi di prezzo indifendibili

    I bambini del forum cercano di battersi per principi che tu non sai neanche esistere

    I bambini del forum vogliono pagare e non scroccare con p2p, ma se questo vale a non far lucrare + del dovuto le major, viva il p2p ( vedi Comm. Europea sui costi delle diverse delle stesse canzoni tra diversi stati...prezzi CD/DVD esorbitanti relativamente ai costi 8 (in Cina sono + bassi per la pirateria, ma si guardano bene dal farlo da noi), vedi politica di distribuzione e retribuzione, vedi copia privata e tutti relativi diritti copyright, vedi i metodi da mafia ricattatori per non arrivare ai processi e i diversi modi di intendere i reati (il figlio di un dirigente RIAA non punito ti dice niente???)

    I bambini del forum ti dicono: chi è il bambino?
    non+autenticato

  • - Scritto da: pikappa
    > Hanno finalmente tolto i DRM e ancora non va
    > bene, io trovo accettabile il prezzo, non ha drm,
    > quindi compro, non vi sta bene? non
    > comprate!
    > I film pixar hanno i DRM? bene non li comprate!
    > Nessuno ha ancora capito che il vero potere lo
    > detiene chi ha in mano il
    > portafogli


    E chi l'ha detto che li compriamo?PirataPirataPirata

    Prezzo equo e se ne può parlare altrimenti...
    non+autenticato

  • - Scritto da: pikappa
    > Hanno finalmente tolto i DRM e ancora non va
    > bene, io trovo accettabile il prezzo, non ha drm,
    > quindi compro, non vi sta bene? non
    > comprate!
    > I film pixar hanno i DRM? bene non li comprate!
    > Nessuno ha ancora capito che il vero potere lo
    > detiene chi ha in mano il
    > portafogli

    Ecco, appunto, fai il fesso e fatti fregare così si assicurano di aumentare i guadagni in maniera esponenziale vendendoti un prodotto inferiore.
    Anche se ti vendessero il lossless considera che per loro sarebbe un risparmio assurdo perchè tenere su un server anche per 1 milione di utenti contemporanei non costerà mai tanto quanto spedire con corriere per aereo milioni di copie di CD Audio... stampare i CD Audio, stampare le copertine e così via...
    Se consideriamo che un CD Audio stampato e distribuito costa alle multinazionali massimo 2-3 euro.. ma proprio massimo, di media spendono meno di 1 euro per ogni pezzo arrivato in negozio.. pensa te quanto risparmiano vendendoti una copiaccia MP3 o AAC compressa... e manco ti forniscono il lossless... ed ammesso che ora o mai forniscano il diritto di stamparsi le copertine legalmente sarebbe a carico del cliente. Ehhh.. loro sono furbi, chi butta $1,29 a brano o $9,99 a copia CD in AAC o MP3 è il fesso che li rende sempre più ricchi.
    E' lo stesso del lavoro fatto in Cina ed India, prodotti di qualità inferiore, si rompono prima e le multinazionali risparmiano strafregandosene del cliente.
    non+autenticato
  • ... e io continuo a usare legalmente* il solito sito russo www.allofmp3.com: svasta scelta, ottima qualità, no drm , prezzi equi

    legalmente*: non lo dico io ma la magistratura russa.   Capisco che agli stock-manager delle major la situazione non piaccia: meno soldi= meno feste sugli yacht con vallette e cocaina.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ... e io continuo a usare legalmente* il solito
    > sito russo www.allofmp3.com: svasta scelta,
    > ottima qualità, no drm , prezzi
    > equi
    >
    > legalmente*: non lo dico io ma la magistratura
    > russa.   Capisco che agli stock-manager delle
    > major la situazione non piaccia: meno soldi= meno
    > feste sugli yacht con vallette e
    > cocaina.

    Peccato che il sito in questione non paghi nemmeno gli autori...
    A questo punto tanto vale il p2p...
    non+autenticato
  • > Peccato che il sito in questione non paghi
    > nemmeno gli autori...

    Ti faccio però notare una cosa: con un paio di euro a CD i russi si pagano l'infrastruttura tecnica, il personale etc etc e immagino che alla fine ci guadagnino pure.

    Inoltre quelli del sito hanno sempre detto di non aver problema a chiedere un euro in più e darlo agli "autori", il problema è che i padroni degli autori non vogliono... guarda che quando compri un CD agli "autori" arrivano solo le bricioline, il resto è solo vergognoso guadagno per tutta la filiera marketing/commerciale.


    > A questo punto tanto vale il p2p...

    Io invece preferisco pagare il giusto ed in più avere un servizio migliore.
    non+autenticato

  • > Io invece preferisco pagare il giusto ed in più
    > avere un servizio
    > migliore.

    L'equivalente di comprare il CD già masterizzato e con la copertina dal vucumprà sotto casa, sei un grande!
    MeX
    16897

  • > L'equivalente di comprare il CD già masterizzato
    > e con la copertina dal vucumprà sotto casa, sei
    > un
    > grande!


    Se vogliamo buttarla sull'etica
    preferisco dare soldi ai senegalesi (o meglio agli italiani che li gestiscono) piuttosto che alle signore Ciccone di turno (aggià , ma loro sono "artisti") ed ai relativi markettari (aggià, ma loro sono manager bocconiani).

    Almeno la prima categoria non mi prende per i fondelli...

    non+autenticato

  • > Se vogliamo buttarla sull'etica
    > preferisco dare soldi ai senegalesi (o meglio
    > agli italiani che li gestiscono) piuttosto che
    > alle signore Ciccone di turno (aggià , ma loro
    > sono "artisti") ed ai relativi markettari (aggià,
    > ma loro sono manager
    > bocconiani).
    >
    > Almeno la prima categoria non mi prende per i
    > fondelli...
    >

    già... in fondo anche i malavitosi hanno dei figli da mantenere!
    Quasi quasi domani compro un po' di merce rubata a porta palazzo (noto mercato torinese pieno di oggetti rubati)
    MeX
    16897

  • - Scritto da:
    > ... e io continuo a usare legalmente* il solito
    > sito russo www.allofmp3.com: svasta scelta,
    > ottima qualità, no drm , prezzi
    > equi
    >
    > legalmente*: non lo dico io ma la magistratura
    > russa.   Capisco che agli stock-manager delle
    > major la situazione non piaccia: meno soldi= meno
    > feste sugli yacht con vallette e
    > cocaina.

    se il sito è considerato illegale in Italia, e tu vivi in Italia... se la GdF becca i tuoi MP3... oltre a pirateria... hai anche l'accusa di aver partecipato ad un'azione criminaleSorride
    Come ti hanno consigliato... per regalare soldi ai russi scarica gratis dal mulo... che fesso!
    MeX
    16897
  • > se il sito è considerato illegale in Italia,

    Puoi allegare i riferimenti delle sentenze della magistratura italiana che confermano che comprare dal sito è illegale in italia?

    Oppure ripeti a pappagallo i comunicati stampa delle major? (ovvero che tutto quello che non le arrichisce in maniera vergognosa è illegale)
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > se il sito è considerato illegale in Italia,
    >
    > Puoi allegare i riferimenti delle sentenze della
    > magistratura italiana che confermano che comprare
    > dal sito è illegale in
    > italia?
    >
    > Oppure ripeti a pappagallo i comunicati stampa
    > delle major? (ovvero che tutto quello che non le
    > arrichisce in maniera vergognosa è
    > illegale)

    Purtroppo non'è parlare a pappagallo, basta leggere la Legge Urbani, il sito in questione è illegale per la legge (ti faccio notare che, per me, è illegale la legge Urbani...), tanto vale il p2p, se vuoi riferimenti cerca su PI
    non+autenticato
  • > Purtroppo non'è parlare a pappagallo, basta
    > leggere la Legge Urbani, il sito in questione è
    > illegale per la legge

    Le leggi hanno valore nullo, quello che conta è l'interpretazione che ne da la magistratura.
    Quindi mi permetto di insistere: un giudice italiano ha mai sentenziato, riferendosi alla legge Urbani o quella che vuoi tu, che comprare dal sito russo è illegale?
    non+autenticato

  • > Le leggi hanno valore nullo, quello che conta è
    > l'interpretazione che ne da la
    > magistratura.

    non fai giurisprudenza vero? A bocca storta

    > Quindi mi permetto di insistere: un giudice
    > italiano ha mai sentenziato, riferendosi alla
    > legge Urbani o quella che vuoi tu, che comprare
    > dal sito russo è
    > illegale?

    non sono al corrente di processi per acquisti dal sito russo... così come processi per fare downloads P2P... quindi riprendendo il tuo sillogismo... io non so di nessuno condannato per aver scaricato musica dal P2P... quindi sacaricare musica dal P2P non è illegale... ora sei contento?
    Poi fai tu... se sei così idiota da spendere soldi regalandoli ai russi... i soldi sono tuoi!
    MeX
    16897
  • Non ci siamo... ieri nella notizia sull'EMI non specificate che gli album hanno un prezzo invariato... e oggi riportate una notizia ancora in ritardo... e per altro non corretta!
    La commissione europea non ha nulla contro Apple, ma solo contro le major, perchè sono loro ad imporre ad Apple gli store nazionali.
    Ecco la fonte http://www.macitynet.it/macity/aA27766/index.shtml

    PI.... sempre PEGGIO!
    MeX
    16897
  • > La commissione europea non ha nulla contro Apple,

    Certo che si ti leggi fonti del c**** te ne esci con queste cazzate, leggi e studia:


    European Commission confirms sending a Statement of Objections against alleged territorial restrictions in on-line music sales to major record companies and Apple

    The European Commission can confirm that it has sent a Statement of Objections to major record companies and Apple in relation to agreements between each record company and Apple that restrict music sales: consumers can only buy music from the iTunes' on-line store in their country of residence. Consumers are thus restricted in their choice of where to buy music, and consequently what music is available, and at what price. The Commission alleges in the Statement of Objections that these agreements violate the EC Treaty's rules prohibiting restrictive business practices (Article 81).

    Apple operates a series of iTunes on-line stores in the European Economic Area (EEA) which sell music downloads. The Statement of Objections alleges that distribution agreements between Apple and major record companies contain territorial sales restrictions which violate Article 81 of the EC Treaty. iTunes verifies consumers' country of residence through their credit card details. For example, in order to buy a music download from the iTunes' Belgian on-line store a consumer must use a credit card issued by a bank with an address in Belgium.

    The Statement of Objections does not allege that Apple is in a dominant market position and is not about Apple's use of its proprietary Digital Rights Management (DRM) to control usage rights for downloads from the iTunes on-line store.

    Procedural background

    Statements of Objections are a formal step in European antitrust investigations. After receiving such statements, companies have two months to defend themselves in writing. They can also ask the Commission to hear their case at an oral hearing which usually takes place about one month after the written reply has been received. Only after having heard the company's defence can the Commission take a final decision, which may be accompanied by fines of up to ten per cent of a company’s worldwide annual turnover
    non+autenticato
  • qual'è questa fonte? solo perchè è scritto in inglese è più credibile?
    Che testata è?
    Inoltre se non è Brittanica (quindi USA) diffiderei molto visto che di solito non danno molto peso alle notizie del vecchio continenteSorride

    Macitynet parla solo di MAC... e allora? non è "faziosa" semplicemente melgio informata.
    MeX
    16897
  • > Inoltre se non è Brittanica (quindi USA)

    secondo me non sai di che parli ma che vuol dire britannica quindi usa? ma leggiti the register o vai sul sito europeo ci sta tutto bello in inglese britannico usa, rassegnati anche apple è nel mirino che poi sia la parte lesa si vedra', se leggi fonti di parte e le prendi come la bibbia non ne uscirai. i link te li trovi da solo, almeno cosi' impari dove andare a cercare
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Inoltre se non è Brittanica (quindi USA)
    >
    > secondo me non sai di che parli ma che vuol dire
    > britannica quindi usa?

    se NON Ê BRITTANICA quindi essendo scritto in lingua Inglese è presumibilmente USA, ora hai capito o devo farti un disegno?

    > ma leggiti the register

    "the register" di cosa? se non mi dai un link... quindi non ho un dominio... cosa scrivo su "the register"?
    Siete solo tanti piccoli bei Troll occhi di fuori anonimi rosiconi e penosi
    MeX
    16897
  • > "the register" di cosa? se non mi dai un link...
    > quindi non ho un dominio... cosa scrivo su "the
    > register"?
    > Siete solo tanti piccoli bei Troll occhi di fuori anonimi
    > rosiconi e
    > penosi
    scimmietta almeno fino a goggle ci arrivi?A bocca aperta
    non+autenticato
  • si ma per fortuna ho un lavoro... quindi ho mi dai un link e alla veloce ci do un occhiata... o non sto a cercare su google notizie su Apple e la commissione europeaSorride
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 aprile 2007 09.59
    -----------------------------------------------------------
    MeX
    16897
  • > > La commissione europea non ha nulla contro
    > Apple,
    >
    > Certo che si ti leggi fonti del c**** te ne esci
    > con queste cazzate, leggi e
    > studia:
    >
    >
    > European Commission confirms sending a Statement
    > of Objections against alleged territorial
    > restrictions in on-line music sales to major
    > record companies and
    > Apple
    ma che pretendi dalla scimmietta?A bocca aperta
    non+autenticato
  • ti rispondo solo per andare sopra lo 0Sorride
    MeX
    16897
  • due volteSorride
    MeX
    16897

  • > Ecco la fonte
    > http://www.macitynet.it/macity/aA27766/index.shtml

    pensa che volevo segnargli che hanno scritto una cazzata ma non c'è modo ahahah che hanno paura della verità? ridicoli
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)