RealNetworks usa l'open source contro MS

RealNetworks ha rilasciato la sua nuova piattaforma per lo streaming media sotto una licenza open source. L'obiettivo è quello di contrastare l'avanzata della tecnologia Windows Media di Microsoft

RealNetworks usa l'open source contro MSNew York (USA) - Se fino a un anno fa RealNetworks poteva vantare una leadership quasi assoluta sul mercato della distribuzione di contenuti multimediali attraverso Internet, oggi il suo dominio è seriamente minacciato dalla veloce avanzata di Microsoft, un colosso che, grazie a Windows, gode di una posizione privilegiata per diffondere le proprie soluzioni tecnologiche: in questo caso il formato di streaming Windows Media.

La situazione ricorda un po ' quella che anni or sono vide Microsoft e Netscape combattere per il dominio del mercato dei browser Web: una storia la cui conclusione è ben nota a tutti.

Conscia del pericolo, RealNetworks ha deciso di dire addio alle posizioni conservatrici del passato e dare inizio ad un piano con cui poter rimettere spazio fra sé e avversari come Microsoft e Apple. Seguendo questa nuova strategia d'attacco l'azienda ha ieri annunciato una nuova piattaforma aperta, denominata Helix, per la distribuzione di contenuti digitali in grado di supportare, oltre a RealAudio/RealVideo e MPEG, anche i formati QuickTime e - a grande sorpresa - Windows Media. Sebbene l'azienda non abbia le licenze necessarie per offrire software basato sulla tecnologie di Microsoft, essa sostiene che è capace di supportare il formato Windows Media senza violare le proprietà intellettuali della rivale. Non resta che attendere i primi commenti di Microsoft in merito.
Helix rappresenta la nona generazione della piattaforma per lo streaming di RealNetworks e include le tecnologie e le interfacce applicative per la distribuzione e la creazione di contenuti multimediali in vari formati e attraverso un'ampia varietà di dispositivi.

La caratteristica saliente di Helix è quella di poggiare su un'ampia base di codice open source. Questo significa che RealNetworks pubblicherà progressivamente il codice sorgente dei componenti fondamentali che compongono la sua piattaforma sotto due distinte licenze: la RealNetworks Community Source License (RCSL) e la RealNetworks Public Source License (RPSL). Delle due, quest'ultima verrà presto sottoposta alla Open Source Initiative (OSI) per la certificazione come licenza open source.

Per evitare il destino toccato a Netscape, RealNetworks sembra paradossalmente seguirne l'esempio. Come si ricorderà, infatti, nel 1998 Netscape scelse la via dell'open source proprio con la speranza di potersi difendere da Microsoft e riaferrare un mercato che gli stava ormai rapidamente scivolando di mano: per sua sfortuna, però, l'open source non fu la panacea e non impedì il naufragio del mitico erede di Mosaic. Quella decisione consentì tuttavia la nascita del progetto Mozilla.org e con esso uno dei più completi e apprezzati browser free.
17 Commenti alla Notizia RealNetworks usa l'open source contro MS
Ordina
  • Non voglio entrare nel merito della questione, ma solo una cosa voglio dire: Io che ho il 56 K (l'ADSL l'avro minimo nel 2010...) con Realplayer riesco a vedere agevolmente i filmati in streaming, mentre con Media Player no (scattano troppo, anche se devo, dire, per completezza, che per i file Mpeg Realplayer fa schifo...).
    Quindi se mi uccidono Realplayer, senza migliorarmi Media Player (e a questo punto, chi glielo farebbe fare...) addio streaming e grazie Bill!
    non+autenticato
  • Microsoft può permettersi di offrire i programmi di encoding e authoring per WMP gratis - Real ha fatto un gran lavoro ma purtroppo non ha le spalle abbastanza grosse per reggere l'impatto con MS. Forse, a pensarci un pò prima ..
    non+autenticato
  • Secondo me fara' la fine di Netscape, non perchè il prodotto non sia valido anzi, ma perchè e' open source appunto non software libero e non ci saranno utenti disposti a perdere tempo con qualcosa che non potranno in pratica mai modificare. Fosse GNU-GPL in poco tempo sarebbe su tutte i server di streaming ed anche su ogni pc
    Usate GNU/Linux e lasciate perdere queste licenze capestro. IMHO . -- www.spippolo.it -- il sito in costruzione --
    non+autenticato
  • si ma è solo audio...
    non+autenticato
  • Beh il collega sopra è stato poco esatto.
    La soluzione non è OGG Vorbis ma OGG.
    http://www.xiph.org/
    non+autenticato
  • secondo l'articolo la RPSL e' open source
    e la RCSL no ;
    pero' controllando i link dell' articolo sembra
    che _solo_ helix DNA client sara' rilasciato
    sotto RPSL mentre invece helix DNA server & helix
    DNa encoder saranno rilasciati sotto RCSL .
    in breve : solo il programma client sara' open source OSI certified !
    non+autenticato
  • Ad una veloce lettura si vede subito che RPSL non è una licenza definibile Open Source neanche secondo i laschi criteri OSI.
    La RCSL poi è semplicemente inutilizzabile, ti chiedono addirittura diu rilasciare correzioni e/o modifiche prima ancora di fare un "deply" interno ...

    sono solo avvoltoi che vogliono provare a sfruttare un termine alla moda e una possibile comunità di sviluppatori con intenti meschini.
    non+autenticato
  • - Scritto da: illegalinstruction
    > secondo l'articolo la RPSL e' open source
    > e la RCSL no ;
    > pero' controllando i link dell' articolo
    > sembra
    > che _solo_ helix DNA client sara' rilasciato
    > sotto RPSL mentre invece helix DNA server &
    > helix
    > DNa encoder saranno rilasciati sotto RCSL .
    > in breve : solo il programma client sara'
    > open source OSI certified !


    Mi sembra già qualcosa, no? L'importante è che pian piano si diffonda la consapevolezza che l'open source conviene a tutti... prima o poi lo capirà perfino Microsoft...
    non+autenticato
  • > Mi sembra già qualcosa, no? L'importante è
    > che pian piano si diffonda la consapevolezza
    > che l'open source conviene a tutti... prima
    > o poi lo capirà perfino Microsoft...

    Io non mi fiderei tanto...
    Non vorrei che si prendessero il supporto della comunita'.. diventassero magari i leader e poi..
    ZAC!

    tutti a quel paese il gioco e' mio e' ci gioco io
    non+autenticato
  • ciao,

    > Io non mi fiderei tanto...
    > Non vorrei che si prendessero il supporto
    > della comunita'.. diventassero magari i
    > leader e poi..

    gia` hai ragione.... meglio puntare su windows media cosi` almeno la politica e` chiara Triste

    non capisco perche` essere cosi` negativi a priori!
    realnetworks e` stato uno dei primi sw commerciali a puntare su linux... e` vero che una licenza completamente open sarebbe meglio, ma ognuno puo` fare cio` che vuole con il suo codice, e, secondo me, e` meglio una licenza mezza-opensource che una licenza completamente chiusa che porta verso architetture chiuse (ricordo che oggi se vuoi fornire contenuti in formato windows-media devi usare NT come piattaforma, non puoi usare assolutamente null'altro che NT)!
    non+autenticato
  • Non si dovrebbe mai sfruttare l'open source
    per rilanciare dei programmi commerciali
    questo e' eticamente scorretto
    Il bello e' che come al solito le aziende voraci
    non hanno capito una mazza del movimento free
    software.
    l'esempio classico e' stato riportato nell'articolo;netscape ha provato a rilanciare
    un prodotto scadente affidando il codice sorgente alla comunita e i risultati sono stati
    un navigatore cesso come mozilla.
    preferisco usare windows media piuttosto che
    quella ciofeca i real player.

    non+autenticato
  • non per niente sto leggendo questa pagina con il mozillone...

    netscape è morta (anche) perché ha rilasciato il 6.0 che era un cesso. Nota però che da quando netscape è morto, anche explorer non ha più rilasciato una major release e non ha neanche un download manager decente
    non+autenticato


  • - Scritto da: amine
    > Non si dovrebbe mai sfruttare l'open source
    > per rilanciare dei programmi commerciali
    > questo e' eticamente scorretto

    ma va a ciaparlo n'der cul....

    ma sai almeno cos'è l'open source? non hai capito proprio niente.
    non+autenticato


  • - Scritto da: aS
    >    
    > ma va a ciaparlo n'der cul....
    >
    > ma sai almeno cos'è l'open source? non hai
    > capito proprio niente.

    puttanello intanto io preferisco free software
    e non quella stronzata di osi fondata da un certo politicante Eric raymond che oltretutto
    a fatto i soldi facendosi regalare azioni in cabio di qualche talk sparso in giro.
    poi io sono linuxaro da quado usci il kernel 9.0.1 e non ho il prosciutto su gli occhi
    come te che si pensa che un azienda piena di brevetti come la real abbraccia il modello
    open source solo per la gloria.
    prima di farci i soldi e' fondamentale essere coerenti con la propria ideologia senno
    si fa prima a scrivere 80 licenze osi e chi si
    e' visto si e' visto.
    e poi il caso netscape e' lamapante come e'
    diventato open source e' venuto fuori una merda.
    non+autenticato
  • > kernel 9.0.1

    E quando e' uscito? nel 2047? Sorride
    non+autenticato


  • - Scritto da: Di passaggio
    > > kernel 9.0.1
    >
    > E quando e' uscito? nel 2047? Sorride

    Ops volevo dire 0.9.1Sorride
    Ciao
    non+autenticato