RFID, ecco come oscurarli

Una nuova iniziativa potrebbe aprire uno spiraglio per la privacy dei cittadini taggati. Si potrà decidere più facilmente quando e come rendere leggibili i propri chip

Roma - Un gruppo di studenti dell'Università di Amsterdam, capitanato dalla laureanda in Fisica Melanie Rieback, sta mettendo a punto un dispositivo che, se si rivelerà efficiente, permetterà a chi lo utilizza di rendere illeggibili i tag RFID che si possono avere addosso, impedendo quindi che le informazioni contenute in essi possano diventare di pubblico dominio.

Il prototipo, le cui specifiche tecniche sono esposte qui, è stato presentato da poco nell'ambito di una conferenza a tema e ha funzioni difensive ispirate a quelle di un firewall tradizionale, ovvero evitare che qualcuno possa monitorare e/o controllare tutti i chippetti che, in un modo o nell'altro, vengono trasportati dall'utente-cittadino.

In sostanza, l'equipe olandese vuole permettere all'utente di gestire la "sicurezza" della propria privacy nel modo che preferisce, decidendo ad esempio chi può accedere a determinate informazioni. Una volta completato, RFID Guardian dovrebbe avere le dimensioni di un walkman e sarà alimentato a batterie.
Gli studenti hanno detto di aver trovato l'ispirazione in una dichiarazione in cui Katherine Albrecht, celebre esperta di RFID e autrice tra le varie cose di spychips: diceva, senza troppa ironia, di non volere che degli estranei possano scoprire, attraverso l'uso di questa tecnologia, che tipo di biancheria intima indossa e sapere se è raffreddata o ha il morbillo. Tuttavia alcuni, pur approvando, si domandano se effettivamente sarà possibile bloccare le trasmissioni dei chip.

Da tempo ormai il mercato dei chip ha spiccato il volo, in particolare negli USA, dove sono stati introdotti non solo in prodotti di consumo ma anche in documenti ufficiali, dove vengono usati per immagazzinare i dati dell'intestatario, come le patenti e gli ormai celebri e-passport, per non parlare delle applicazioni sottopelle che si vanno esplorando.

Anche l'Italia non è immune dall'evoluzione dei radiochip e si assiste ad un aumento della vendita di prodotti "taggati". Anche da noi si parla dell'introduzione di passaporti biometrici all'RFID, già caldeggiati negli States.

Giorgio Pontico
31 Commenti alla Notizia RFID, ecco come oscurarli
Ordina
  • Ma questa e' paranoia di massa!!!
    Sono comodi gli RFID... volete mettere passare con un carrello pieno senza dover passare i prodotti davanti al lettore ottico, magari un giorno senza nemmeno infilare la carta di credito ma semplicemente venendo riconosciuti dal proprio tag biometrico!

    Oppure presentarsi ad un ufficio pratiche mentre all'impiegato compare tutta la nostra situazione sul monitor senza fare domande.

    Entrare in una farmacia e in pochi istanti permettere al farmacista di conoscere il nostro profilo farmacogenomico per darci il farmaco adatto al nostro sistema enzimatico.

    Avere porte che si aprono al lavoro a seconda del nostro livello di clearance, e cosi' metro, treni, cinema, teatri... acquistando un biglietto via internet averlo associato in database al nostro tag biometrico e non dover piu' utilizzare documenti, fogli, biglietti e tutto cio' che si puo' perdere e dimenticare Sorride

    Non metto l'accento sull'altra faccia della medaglia, la tracciabilita'... vista sempre come negativa... beh non direi... in una societa' dove un singolo puo' causare molto danno, che sia un incappuciato ad una manifestazione o un tifoso ad uno stadio.

    Vediamo gia' ora grazie alla parziale localizzazione gsm come siano stati risolti casi importanti, da delitti comuni ad atti terroristici.

    OK probabilmente sara' dura da digerire per le generazioni di transizione, ci saranno resistenze come ce ne sono statedurante la rivoluzione del vapore. Ma si andra' oltre come sempre, in fondo ora di quella rivoluzione non c'e' nemmeno piu' il ricordo, perfino le rivoluzioni ad essa collegate sono state lavate via dalla storia... gli RFID sono i primi aggeggi "a vapore", chissa' che sara' tra uno o due secoli Sorride


    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma questa e' paranoia di massa!!!
    > Sono comodi gli RFID... volete mettere passare
    > con un carrello pieno senza dover passare i
    > prodotti davanti al lettore ottico, magari un
    > giorno senza nemmeno infilare la carta di credito
    > ma semplicemente venendo riconosciuti dal proprio
    > tag
    > biometrico!
    >
    > Oppure presentarsi ad un ufficio pratiche mentre
    > all'impiegato compare tutta la nostra situazione
    > sul monitor senza fare
    > domande.
    >
    > Entrare in una farmacia e in pochi istanti
    > permettere al farmacista di conoscere il nostro
    > profilo farmacogenomico per darci il farmaco
    > adatto al nostro sistema
    > enzimatico.
    >
    > Avere porte che si aprono al lavoro a seconda del
    > nostro livello di clearance, e cosi' metro,
    > treni, cinema, teatri... acquistando un biglietto
    > via internet averlo associato in database al
    > nostro tag biometrico e non dover piu' utilizzare
    > documenti, fogli, biglietti e tutto cio' che si
    > puo' perdere e dimenticare
    > Sorride
    >
    > Non metto l'accento sull'altra faccia della
    > medaglia, la tracciabilita'... vista sempre come
    > negativa... beh non direi... in una societa' dove
    > un singolo puo' causare molto danno, che sia un
    > incappuciato ad una manifestazione o un tifoso ad
    > uno
    > stadio.
    >
    > Vediamo gia' ora grazie alla parziale
    > localizzazione gsm come siano stati risolti casi
    > importanti, da delitti comuni ad atti
    > terroristici.
    >
    > OK probabilmente sara' dura da digerire per le
    > generazioni di transizione, ci saranno resistenze
    > come ce ne sono statedurante la rivoluzione del
    > vapore. Ma si andra' oltre come sempre, in fondo
    > ora di quella rivoluzione non c'e' nemmeno piu'
    > il ricordo, perfino le rivoluzioni ad essa
    > collegate sono state lavate via dalla storia...
    > gli RFID sono i primi aggeggi "a vapore", chissa'
    > che sara' tra uno o due secoli
    > Sorride
    >
    >
    Certo che se vivessimo nel paese di Utopia dove i diritti di tutti sono tutelati a prescindere sarebbe tutto molto belloOcchiolinoSorride
    Peccato xò che il mondo è nelle mani di multinazionali prive di scrupoli che certamente abuserebbero dei dati acquisiti facendone mercimonio come a tutt'oggi sta in effetti avvenendo SorpresaTriste
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Peccato xò che il mondo è nelle mani di
    > multinazionali prive di scrupoli che certamente
    > abuserebbero dei dati acquisiti facendone
    > mercimonio come a tutt'oggi sta in effetti
    > avvenendo Sorpresa
    >Triste

    Anche il tuo è un mondo utopico dove solo le multinazionali sono 'prive di scrupoli'.
    Anche le aziendine piccole ne approfitterebbero e anche i malviventi comuni.
    E anche il tuo vicino.
    E anche tu, probabilmente.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma questa e' paranoia di massa!!!

    TRALASCIAMO IMPLICAZIONI SUL FATTO CHE MOLTI TROVERANNO MODO DI ABUSARE DELLE INFORMAZIONI.

    Ogni informazione del mio corpo e del mio essere appartiene a me E A NESSUN ALTRO.
    Io sono l'autore di tutti i miei dati, pertanto ai miei dati si applicano tutte le norme sul diritto di autore.
    Se qualcuno li vuole, allora *PAGHI*.

    Vuoi conoscere i miei acquisti tipo?
    Dammi 500 euro al mese e te li descrivo minuziosamente.

    Vuoi riprendermi mentre prendo la metropolitana?
    Dammi 100 euro ogni volta che lo fai.
    Se vuoi divulgare questi video, il cachet sale di 10 centesimi per ogni persona che lo visionerà.
    E così, via.

    Tutti i dati che vendo su di me, sono solo 'in affitto', non sono cedibili, noleggiabili, distribuibili e devono essere protetti da DRM non interoperabile che limitano la fruizione sul solo dispositivo che li ha acquisiti magari con qualche spot pubblicitario che mi frutti qualche ulteriore soldino, e, ovviamente senza possibilità di copia (pensale dino a 10 anni in caso di contravvenzione).
    Se vuoi farli finire in una banca dati (sempre con DRM che ne limita la lettura nei modi che decido io), paghi ulteriormente.
    non+autenticato
  • > Ogni informazione del mio corpo e del mio essere
    > appartiene a me E A NESSUN
    > ALTRO.
    > Io sono l'autore di tutti i miei dati, pertanto
    > ai miei dati si applicano tutte le norme sul
    > diritto di
    > autore.
    > Se qualcuno li vuole, allora *PAGHI*.
    >
    > Vuoi conoscere i miei acquisti tipo?
    > Dammi 500 euro al mese e te li descrivo
    > minuziosamente.
    >

    Attenzione alle carte fedeltà: 2 punti ogni miliardo di euro spesi e avrai diritto a un peluche tra vent'anni, nel frattempo tutti i tuoi dati li hanno già ora (e vai a convincere la moglie!)

    > Vuoi riprendermi mentre prendo la metropolitana?
    > Dammi 100 euro ogni volta che lo fai.

    Già ora ci sono le telecamere se non erro. Dimmi come fai a farti dare i soldi che lo faccio anch'io...
  • i poliziotti saranno meno cornuti dei cittadini normali .........

    avere una relazione con la moglie di un poliziotto,carabiniere,gdf sarà mooolto pericoloso
    al pari dei cornuti delle telecom


    questo nega l'uguaglianza tra i citadini

    :DA bocca aperta

    non+autenticato
  • Ma Signori bastano 5 secondi nel microonde e non c'e` RFID che tenga!!!!!!
    Provare per credere!
    Quindi vai con il maglione nel microonde ... occhio solo alle cerniere e ai bottoni metallici!!!!
    Un saluto Gianluigi
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma Signori bastano 5 secondi nel microonde e non
    > c'e` RFID che
    > tenga!!!!!!
    > Provare per credere!
    > Quindi vai con il maglione nel microonde ...
    > occhio solo alle cerniere e ai bottoni
    > metallici!!!!
    > Un saluto Gianluigi

    Allora metti nel microonde l'abbonamento della metropolitana di milano per 5 secondi e poi dimmi se riesci ancora ad accedere ai treni Rotola dal ridere
  • Dai per quelle tessere li basta un piccolo sacchettino di carta stagnola!!!!
    Per i sistemi a 13Mhz basta anche una semplice reticella metallica per quelli a 2,5G foglio di stagnola .... Sorride
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Dai per quelle tessere li basta un piccolo
    > sacchettino di carta
    > stagnola!!!!
    > Per i sistemi a 13Mhz basta anche una semplice
    > reticella metallica per quelli a 2,5G foglio di
    > stagnola ....
    > Sorride
    Il mio invito a infilarle nel microonde era una provocazione ...
  • Ora gli ammerrikani sono gente che si fa metter sotto in quanto a queste cosucce, ma noi...

    Vi risulta che nella VOSTRA biancheria, nelle confezioni per la spesa, negli articoli che acquistate al mercato, vi siano E RIMANGANO DOPO L'ACQUISTO, dei CHIP o TRASMETTITORI che inviano segnali ?!?!? Newbie, inesperto

    Che vaccata ! Rotola dal ridere

    Primo :
    Voglio vedere come fanno ad obbligarmi a tenere sto' chip sui vestiti...

    Secondo :
    Chi mi vieta di mettere il chip che trovo nel pacchetto di melanzane alla parmigiana sulla mia maglietta del Che' ?A bocca aperta

    Terzo :
    La gente con CHIP sottopelle in ITALIA proprio non c'e'.
    Forse qualche caso sperimentale ben noto, ma sicuramente nessuna pratica abituale !

    vabbe'...roba sensazionalistica da giornaletto delle medie...
    non+autenticato
  • Tranquillo che se vogliono, te ne infilano più di uno e te sarai pure felice di andare in giro a bip bip...
    Niente pratiche sadomaso per carità, cominceranno a far credere che senza sarai un disadattato, che non avrai successo come platinette, che non potrai fare politica come luxuria o caruso, che non ti prenderanno mai al grande fratello (e neanche al grande randello). Dopo ti faranno diventare veramente un disadattato perchè troveranno la maniera di tagliarti servizi indispensabili se non ti omologherai come la camicetta cinese al supermercato.

    Ci metodi molto più efficaci di una sana mazza per piegare la volontà di uomo
    non+autenticato
  • I Chips in Italia mi ricordo che una volta li davano su Italia 1. Grande Ponch! A bocca aperta
    non+autenticato
  • Non vorrei dire kazzate ma a milano la tessera della metropolitana è dotata di rfid, passi il portafoglio con la tessera sopra il lettore e il cancelletto ti fa passare. Visto che non c'è contatto ne ottico ne fisico tra tessera e lettore suppongo che lo scambio di dati avvenga via onde radio.

    Ovviamente si può discutere dell'importanza o meno di tali informazioni ma resta il fatto che sono info personali.
  • IO voglio solo porre l'accento su un aspetto formale: avete notato quanto poco se ne parli di questa tecnologia che, tutto sommato, dovrebbe nel breve termine pervadere ogni segnmento delle nostre attività?

    Perchè nessuno dice che gli RFID dovrebbero sostituire e mandare in soffitta definitvamente i codici a barre?

    Quano sono diffusi i codici a barre?

    Troppo silenzio.

    Troppo.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > IO voglio solo porre l'accento su un aspetto
    > formale: avete notato quanto poco se ne parli di
    > questa tecnologia che, tutto sommato, dovrebbe
    > nel breve termine pervadere ogni segnmento delle
    > nostre
    > attività?
    Su questo hai perfettamente ragione ma dubito che si voglia pubblicizzare il fatto che hanno trovato un modo per implementare il grande fratello (non la trasmissione tv) senza il bisogno di telecamere e quindi non puoi nemmeno sapere quando sei osservato.

    Poi ovviamente sono solo paranoico ma sapete quello che dicono dei paranoici (e non mi irferisco al fatto che siano superdotati, anche se è vero Rotola dal ridere): solo perchè si è paranoici non significa che non ci sia qualcuno che cerca di fregarti.
  • La tecnologia RFID c'è già nella metro di Milano e nel Telepass dell'autostrada.

    Ma se proprio non vi piace essere tracciati allora buttate via il cellulare.
    Forse in pochi hanno letto del progetto del MIT di Boston con il comune di Roma per tracciare il traffico cittadino con i segnali dei cellulari. Non solo sono in grado di trovare la vostra posizione precisa, ma sanno anche distinguere se un segnale si riferisce ad un pedone, un ciclista oppure un automobilista incolonnato nel traffico.

    Inutile farsi paranoie sui chip sottopelle o demonizzare l'RFID... Siamo già tracciabilissimi così come siamo!
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > La tecnologia RFID c'è già nella metro di Milano
    > e nel Telepass
    > dell'autostrada.
    >
    > Ma se proprio non vi piace essere tracciati
    > allora buttate via il
    > cellulare.
    > Forse in pochi hanno letto del progetto del MIT
    > di Boston con il comune di Roma per tracciare il
    > traffico cittadino con i segnali dei cellulari.
    > Non solo sono in grado di trovare la vostra
    > posizione precisa, ma sanno anche distinguere se
    > un segnale si riferisce ad un pedone, un ciclista
    > oppure un automobilista incolonnato nel
    > traffico.
    >
    > Inutile farsi paranoie sui chip sottopelle o
    > demonizzare l'RFID... Siamo già tracciabilissimi
    > così come
    > siamo!

    Ma io non sono obbligato a portarmi costantemente dietro il cellulare, il chip sottocutaneo si.

  • > Ma io non sono obbligato a portarmi costantemente
    > dietro il cellulare, il chip sottocutaneo
    > si.

    SorpresaSorpresa
    non+autenticato
  • Io sono andato avanti per 6 mesi prima di trovare un chip RFID nei pantaloni nuovi..

    Poco dopo spinto dalla curiosità ne ho trovato due anche in due magliette.

    e non avevo la più pallida idea di averli addosso.. Controllate i vostri vestitiA bocca aperta
    non+autenticato
  • > IO voglio solo porre l'accento su un aspetto
    > formale: avete notato quanto poco se ne parli di
    > questa tecnologia che, tutto sommato, dovrebbe
    > nel breve termine pervadere ogni segnmento delle
    > nostre
    > attività?
    >
    > Perchè nessuno dice che gli RFID dovrebbero
    > sostituire e mandare in soffitta definitvamente i
    > codici a
    > barre?
    >
    > Quano sono diffusi i codici a barre?
    >
    > Troppo silenzio.
    >
    > Troppo.
    Forse perchè un codice a barra NON è leggibile dentro il portafoglio?
    non+autenticato
  • Ma si può ?

    E il chippino a onde radio con antenna che finirà dovremo infilarci nell'naso o nell'orecchio (le onde radio sono pericolose come per i cellulari quindi vai di antennone), adesso la scatoletta-firewall che in mancanza di braccia (già occupate da ipod-zune) finirà nell'ultimo buco disponibile...

    Ma DICO... sarò all'antica, ma restare con le vecchie carte di identità di carta e plastica ?
    Del resto se un agente di polizia vuole verificare la mia identità dovrà solamente chiedermi il documento, agli altri non dovrà fregare e se proprio vorranno sottrarmi dei dati dovranno almeno aggredirmi mettendomi quindi al corrente del fatto senza obbligarmi ad andare in giro con una scatoletta extra
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma si può ?
    >
    > E il chippino a onde radio con antenna che finirà
    > dovremo infilarci nell'naso o nell'orecchio (le
    > onde radio sono pericolose come per i cellulari
    > quindi vai di antennone), adesso la
    > scatoletta-firewall che in mancanza di braccia
    > (già occupate da ipod-zune) finirà nell'ultimo
    > buco
    > disponibile...
    >
    > Ma DICO... sarò all'antica, ma restare con le
    > vecchie carte di identità di carta e plastica
    > ?
    > Del resto se un agente di polizia vuole
    > verificare la mia identità dovrà solamente
    > chiedermi il documento, agli altri non dovrà
    > fregare e se proprio vorranno sottrarmi dei dati
    > dovranno almeno aggredirmi mettendomi quindi al
    > corrente del fatto senza obbligarmi ad andare in
    > giro con una scatoletta
    > extra

    Putroppo ritengo che in futuro la scatoletta firewall sarà indispensabile perche i chip rfid hanno raggiunto le dimensioni dei micron quindi invisibile (meno di un spilla) si possono inserire nella banconote....quindi fate un po voi


    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma si può ?
    >
    > E il chippino a onde radio con antenna che finirà
    > dovremo infilarci nell'naso o nell'orecchio (le
    > onde radio sono pericolose come per i cellulari
    > quindi vai di antennone), adesso la
    > scatoletta-firewall che in mancanza di braccia
    > (già occupate da ipod-zune) finirà nell'ultimo
    > buco
    > disponibile...
    >
    > Ma DICO... sarò all'antica, ma restare con le
    > vecchie carte di identità di carta e plastica
    > ?
    > Del resto se un agente di polizia vuole
    > verificare la mia identità dovrà solamente
    > chiedermi il documento, agli altri non dovrà
    > fregare e se proprio vorranno sottrarmi dei dati
    > dovranno almeno aggredirmi mettendomi quindi al
    > corrente del fatto senza obbligarmi ad andare in
    > giro con una scatoletta
    > extra

    Che siano dannose lo dicono solo persone ignoranti come campane...
    Dipende tutto dalla potenza e dalla durata dell'esposizione e da molti altri fattori...
    Parlare con un walkie-talkie non ha mai ucciso nessuno!
    non+autenticato
  • > Parlare con un walkie-talkie non ha mai ucciso
    > nessuno!
    Ma se è sempre acceso e infilato nel... potrebbe dare fastidioA bocca aperta
    non+autenticato
  • Vivi con un Walkie Talkie ? Il portafogli te lo tieni stretto molto più tempo quindi qualche effetto alla lunga lo subirai
    non+autenticato
  • Il problema e' che gli RFID sono passivi, e' il dispositivo di rilevazione che emette onde radio, che trsmettono al chip sia l'informazione, cioe' la richiesta al chip di trasmettere il suo contenuto, sia l'energia necessaria a farlo.

    Quindi se ci riempiono le citta' di rilevatori, finiremo bombardati di onde radio extra pur non avendo nemmeno un RFID addosso.
    Sta da vedere se queste onde radio siano piu' o meno pericolose delle altre che ci becchiamo quotidianamente: radio/TV, cavi elettrici, telefonini, wireless, forni a microonde ecc.

    Per quel poco che ne so di elettromagnetismo, penso che faccia molto meglio alla salute buttare cellulare e radisoveglia e andare ad abitare lontano da elettrodotti e ripetitori radio/TV che preoccuparsi dei RFID.

    Funz
    12979