Un P2P più veloce di BitTorrent?

Prestazioni aumentate senza cambiare una virgola (o quasi) dei protocolli P2P esistenti. Un nuovo spauracchio per i sostenitori del DRM? I dettagli

Roma - Alcuni scienziati americani hanno presentato ieri un nuovo sistema di ricerca delle fonti sulle reti peer-to-peer, capace in condizioni ideali di migliorare la velocità di download fino a cinque volte: non sarà necessario riprogettare da zero gli attuali protocolli di eMule o BitTorrent, bensì limitarsi ad includere questo nuovo meccanismo nelle prossime versioni dei rispettivi client.

I padri di questa piccola rivoluzione si chiamano Michael Kaminsky (ricercatore presso i laboratori Intel di Pittsburgh) e David G. Andersen (professore di informatica presso il prestigioso istituto Carnegie Mellon). Il nome del nuovo sistema di indicizzazione è SET (Similarity-Enhanced Transfer) ed è stato presentato al quarto convegno sulla Progettazione e Realizzazione di Sistemi in Rete, che si terrà a Cambridge (Massachusset) fino al prossimo venerdì.

Secondo Andersen "in un certo senso, la promessa del P2P è stata più grande della realtà": sebbene la diffusione di protocolli come eDonkey abbia semplificato e velocizzato il trasferimento dei dati, molto spesso la carenza di fonti, unita ad una ridotta banda in upload, causa un drastico rallentamento. Grazie a SET, le fonti disponibili crescono notevolmente migliorando le prestazioni: il peso dell' upload viene ulteriormente diviso tra i computer collegati alla rete e l'utente finale vede crescere la velocità di download.
Gli studiosi sono partiti dalla considerazione che molto spesso i materiali condivisi sulle reti P2P differiscono solo per alcuni dettagli, come il nome del file o alcuni tag che indicano l'autore del brano. Anche i pacchetti software di differenti versioni spesso si differenziano soltanto per pochi byte: perché dunque non sfruttare le parti in comune per aumentarne la disponibilità?

Grazie a questo sistema è possibile sfruttare i frammenti simili di due file che presentano lo stesso video con audio differenti (come i film in lingua originale e doppiati), allargando la base di potenziali fonti a cui attingere. Le stime preliminari parlano di un incremento attorno al 30 per cento per il download dei video e di oltre il 70 per un file MP3: i test si sono svolti con client modificati sulle attuali reti P2P.

Il nuovo protocollo funziona in maniera molto simile a BitTorrent: l'archivio originale viene suddiviso in tanti piccoli frammenti, 64.000 da 16 kilobyte nel caso di un file da 1 gigabyte. Quando viene fatta richiesta per ciascuno di essi, il sistema inizia la ricerca di un frammento con caratteristiche simili.

Per questa operazione viene impiegata una tecnica detta handprinting, attraverso la creazione di un campione che viene confrontato con il contenuto del materiale che mostra qualche somiglianza con quello cercato: qualcosa di molto simile a quanto accade nelle ricerche per raggruppamento (clustering search) o negli algoritmi per l'identificazione della posta spazzatura (SPAM). Se la verifica va a buon fine, il frammento viene scaricato ed in seguito assemblato agli altri per ricostruire il file originale.

SET è stato pensato per essere donato alla comunità: i suoi creatori si augurano che possa venire presto implementato nelle attuali reti P2P e nei nuovi servizi per la distribuzione del materiale online. Nelle intenzioni dei due ricercatori ci sarebbe il tentativo di migliorare lo scambio delle pubblicazioni accademiche.

Sebbene la presentazione sia avvenuta solo da poche ore, non mancano i commenti sulla nuova tecnologia: non c'è dubbio che il P2P sia un settore in crescita (anche nelle sue incarnazioni che incorporano il DRM), ed ogni innovazione in questo settore viene accolta con entusiasmo dai suoi sostenitori.

Harry Fuller sulle pagine di CNET è molto più diretto su quelle che, secondo lui, potranno essere invece le applicazioni di SET: un nuovo protocollo che consenta di aumentare le fonti disponibili per il download sulle reti P2P è senz'altro manna dal cielo per tutti coloro che le utilizzano per scambiarsi illegalmente materiale protetto.

Luca Annunziata
79 Commenti alla Notizia Un P2P più veloce di BitTorrent?
Ordina
  • MA non è che questi due geni dell'informatica (che hanno fatto davvero una gran cosa) saranno perseguitati dalle major per favoreggiamento alla diffuzione della pirateria informatica?

    Spero di no....

    Comunque complimenti davvero!! Sono stati geniali!
  • Normalmente i client torrent prevedono una policy di qualità per i peer (nel senso di scartare le connessioni provenienti da peer lenti e mantenere quelle dai veloci), oppure le n connessioni vengono aperte sempre con i primi che capitano?
    non+autenticato
  • Quello che molti non tengono a mente sperando di aumentare la velocità del P2P è che l'adsl è per definizione asimmetrica.

    Provo a fare un esempio, io ho una connessione da 4mb in downstream e 320kb in upstream, se fossimo in 12 (con linee uguali) a voler condividere tra di noi un contenuto potremmo inviare in upstream complessivamente quasi 4 mb al secondo che ovviamente vanno divisi tra tutti coloro che stanno scaricando facendo raggiungere ad ognuno una velocità di circa 320kbit ovvero circa 40kbyte. Affinché i nostri 12 eroi possano scaricare alla massima velocità consentita dalla loro linea servirebbero altri 138 volontari che abbiano già scaricato e si limitino a condividere.
    In questo modo avremmo 138+12=150 utenti che condividono al massimo delle loro possibilità generando un flusso di 48Mbit al secondo sufficiente a far raggiungere la massima velocità ai 12 originari.

    Già questo dovrebbe ricordare spaventosamente da vicino le strutture di vendita piramidali.

    Teniamo conto che per mantenere la condivisione con il massimo upstream dobbiamo limitarci a condividere una sola cosa e sacrificare la velocità di navigazione (con l'upstream satollo anche le richieste per i contenuti web rallentano di brutto).

    Riassumendo, tra quelli che appena terminano il download rimuovono la condivisione, quelli che condividono più di un contenuto contemporaneamente e quelli che limitano la banda in upstream per poter usare internet potete ritenervi fortunati quando scaricate a 40kbyte al secondo, ogni bit in più rappresenta un caso statisticamente improbabile (o un server torrent che ha banda a disposizione).
  • ???
    guarda che il concetto è semplice...
    normalmente il tuo client P2P scarta fonti che volendo potrebbero essere utili, + fonti = + velocità [PUNTO]
    MeX
    16897

  • - Scritto da: MeX
    > ???
    > guarda che il concetto è semplice...
    > normalmente il tuo client P2P scarta fonti che
    > volendo potrebbero essere utili, + fonti = +
    > velocità
    > [PUNTO]
    Il concetto è ancora più semplice: per ogni utente p2p che vuole scaricare alla massima velocità possibile servono almeno altri 12 utenti (parlo di linee da 4mbit/300kbit) che abbiano in condivisione solo quel contenuto alla massima banda possibile dal loro upstream.

    Per fare un esempio più semplice prova a pensare a X persone che versano acqua in una piscina con bottiglie da un litro e contemporaneamente la svuotano con damigiane da 10 litri, ogni persona che aggiungi alla festa arriva con una bottiglia da 1 litro da versare e con una damigiana da 10 da riempire ... buon divertimento.

    Inoltre non puoi aumentare le fonti oltre un tot per limiti della tabella del router che deve tenere traccia di tutte le fonti contemporaneamente.
  • caro Edo... concordi con me che trovare 100 fonti è meglio che trovarne 10?
    Se riesci rispondi con meno di 350 caratteriSorride
    MeX
    16897

  • - Scritto da: MeX
    > caro Edo... concordi con me che trovare 100 fonti
    > è meglio che trovarne
    > 10?
    > Se riesci rispondi con meno di 350 caratteriSorride
    Se le 100 fonti si limitano a mettere a disposizione SENZA scaricare nulla allora si ma se queste 90 fonti in più scaricano a loro volta allora averne 10 o 100000 non cambia nulla. Risposta in soli 212 caratteri!

  • > Se le 100 fonti si limitano a mettere a
    > disposizione SENZA scaricare nulla allora si ma
    > se queste 90 fonti in più scaricano a loro volta
    > allora averne 10 o 100000 non cambia nulla.
    > Risposta in soli 212
    > caratteri!

    C'è sempre qualcuno che ha il file completo.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > C'è sempre qualcuno che ha il file completo.
    Bene e guardacaso ha [b]solo[/b] quello è lo tiene [b]sempre[/b] condiviso alla [b]massima[/b] velocità ? basta che abbia due file completi condivisi e la velocità inizia a essere dimezzata, se poi vuole anche navigare e diminuisce la banda in upload il risultato è ancora più striminzito ...

    Mi trovo costretto a fare un esempio (e temo di sforare i 300 caratteri):
    - personalmente quando navigo limito a 15 kbyte/s l'upstream e se ho anche solo due file in condivisione significa che per ognuno di essi io fornisco una velocità di 7,5 kbyte/s. Se gli altri che condividono senza scaricare fanno come me significa che il numero di utenti necessari per aumentare la velocità di download quadruplica.
    Questo riporterebbe la questione sui limiti delle tabelle dei router e su quante anime buone ci sono che tengono in condivisione solo pochi file, ovviamente se l'anima più fosse troppo pia e lasciasse in condivisione alla massima banda in upstream 10 file contemporaneamente per ognuno di essi il suo contributo sarebbe di 40kbyte (massimo upstream) / 10 = 4kbyte, per aumentare la velocità di download servirebbe un numero di utenti 10 volte superiore.

    Ribadisco che il concetto è molto simile alle strutture piramidale dove ti dicono di mandare 10 € a un ladro e mandare una mail chiedendo 10 € a 100 imbranati, che tutti guadagnano e i soldi crescono sugli alberi.

    Se per ogni persona che scarica ce ne fossero 10 che lasciano la condivisione al massimo solo per quel file e senza scaricare nulla allora chi scarica potrebbe raggiungere la velocità massima ma chiedetevi se tra quelli che conoscete esiste questo rapporto di 10 a 1 ...
  • ma hai considerato che i peer scambiano dati tra di loro? NO

    esempio semplice con 2 seed e 2 peer:
    A e B hanno il file completo di 6 pezzi: P1 P2 P3 P4 P5 P6

    T0
    C scarica da A: P1
    D scarica da B: P2

    T1
    C scarica da A: P3 e scarica da D:P2
    D scarica da B: P4 e scarica da C:P1

    T2
    C scarica da A: P5 e scarica da D:P4
    D scarica da B: P6 e scarica da C:P3

    T3
    C scarica da A o da D: P6
    D scarica da B o da C: P5

    come vedi ho scaricato i 6 pezzi in 4 passi, pensa un po' cosa succede se ci sono molti seed e molti peer....è troppo complicato?
    puoi sempre chiedere a Bram Cohen...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ma hai considerato che i peer scambiano dati tra
    > di loro?
    > NO
    >
    > esempio semplice con 2 seed e 2 peer:
    > A e B hanno il file completo di 6 pezzi: P1 P2 P3
    > P4 P5
    > P6
    >
    > T0
    > C scarica da A: P1
    > D scarica da B: P2
    >
    > T1
    > C scarica da A: P3 e scarica da D:P2
    > D scarica da B: P4 e scarica da C:P1
    >
    > T2
    > C scarica da A: P5 e scarica da D:P4
    > D scarica da B: P6 e scarica da C:P3
    >
    > T3
    > C scarica da A o da D: P6
    > D scarica da B o da C: P5
    >
    > come vedi ho scaricato i 6 pezzi in 4 passi,
    > pensa un po' cosa succede se ci sono molti seed e
    > molti peer....è troppo
    > complicato?

    Quello che dice Edo78 è corretto, tu non hai considerato le velocità di scaricamento nel tuo ragionamento.

    Se N utenti condividono tutti lo stesso file e hanno tutti una velocità di upload Vu, la velocità MEDIA di download sarà Vu/N, nonostante la velocità MASSIMA di download Vd della linea di ciscuno sia più alta.    



    > puoi sempre chiedere a Bram Cohen...
    Tu puoi sempre studiare un po' di matematica
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > ma hai considerato che i peer scambiano dati tra
    > > di loro?
    > > NO
    > >
    > > esempio semplice con 2 seed e 2 peer:
    > > A e B hanno il file completo di 6 pezzi: P1 P2
    > P3
    > > P4 P5
    > > P6
    > >
    > > T0
    > > C scarica da A: P1
    > > D scarica da B: P2
    > >
    > > T1
    > > C scarica da A: P3 e scarica da D:P2
    > > D scarica da B: P4 e scarica da C:P1
    > >
    > > T2
    > > C scarica da A: P5 e scarica da D:P4
    > > D scarica da B: P6 e scarica da C:P3
    > >
    > > T3
    > > C scarica da A o da D: P6
    > > D scarica da B o da C: P5
    > >
    > > come vedi ho scaricato i 6 pezzi in 4 passi,
    > > pensa un po' cosa succede se ci sono molti seed
    > e
    > > molti peer....è troppo
    > > complicato?
    >
    > Quello che dice Edo78 è corretto, tu non hai
    > considerato le velocità di scaricamento nel tuo
    > ragionamento.
    >
    >
    > Se N utenti condividono tutti lo stesso file e
    > hanno tutti una velocità di upload Vu, la
    > velocità MEDIA di download sarà Vu/N, nonostante
    > la velocità MASSIMA di download Vd della linea di
    > ciscuno sia più alta.   
    >
    >
    >
    >
    > > puoi sempre chiedere a Bram Cohen...
    > Tu puoi sempre studiare un po' di matematica

    Il tuo discorso non ha senso perché non parli di quanti sono i peer e non hai considerato che alla Vu dei seed devi aggiungere la Vu dei peer.

    Io ti ho dimostrato che, con 2 seed e un altro peer oltre a me supponendo tutti abbiano velocità di upload uguale a Vu, scarico a velocià maggiore della velocità di upload Vu del seed a cui sono connesso.

    Per numero di pezzi infinito la mia velocità media sarà 2*Vu perché scarico da un seed e dall'altro peer, non solo anche l'altro peer scarica a 2*Vu A bocca aperta, strano eh? Cylon
    non+autenticato

  • - Scritto da: Edo78

    > Se le 100 fonti si limitano a mettere a
    > disposizione SENZA scaricare nulla allora si ma
    > se queste 90 fonti in più scaricano a loro volta
    > allora averne 10 o 100000 non cambia nulla.
    > Risposta in soli 212
    > caratteri!

    Scusami ma voglio capire: secondo il tuo ragionamento ora come ora se scrico un file che come fonte ha 1 e una'altro file (ovviamente di stesse dimensioni) che come fonte ha 100, impiego lo stesso tempo?
    non+autenticato
  • Harry! Potevi citare direttamente il p2p come punto di scambio per pedofili terroristi e comunisti, ma non l'hai fatto. Mi chiedo perchè ti sia limitato ai file coperti dal diritto d'autore.

    Che delusione, ed io che iniziavo a prepararmi per una nuova crociata anti*qualcosa* e pro*qualcuno*dimoltoricco
    m00f
    445
  • ..con i file mp3
    quando calcola il codice hash ignora i vari tag id3 modificabili
    che scoperta!
    http://www.shareaza.com
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ..con i file mp3
    > quando calcola il codice hash ignora i vari tag
    > id3
    > modificabili
    > che scoperta!
    > http://www.shareaza.com

    Si tratta di una cosa diversa! Anche eMule ignora il nome del file quando calcola l'hash, ma qui si tratta di frammentare tutti i file e di condividere i singoli frammenti, che possono essere comuni in due file molto diversi
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)