I robot distruggano altri robot

Ma per uccidere un umano siano autorizzati da un umano. Fanno discutere le nuove... leggi della robotica presentate da un ingegnere della ricerca militare statunitense

Roma - I robot impiegati in battaglia devono poter scegliere e distruggere i propri obiettivi liberamente. Ma solo se si tratta di altri robot. Se gli obiettivi sono umani, invece, devono ricevere un input da remoto da parte di un "operatore" umano.

Si può sintetizzare così il senso di un documento, definito un concept, con cui John Canning, ingegnere della divisione di ricerca del Naval Surface Warfare Centre, sta facendo parlare di sé: queste "regole" di combattimento, a suo dire, devono servire da ispirazione per le future generazioni di robot guerrieri.

Armi e umaniCiò che preconizza Canning, guerre in cui siano coinvolti i robot, è tutto meno che futuristico. Già oggi sono molti i robot da combattimento che i paesi più avanzati intendono adottare o che sono in procinto di essere arruolati. Un esempio sono i droni missile sparati per andare a caccia di obiettivi, o certi sistemi automatici di difesa. Ma manca una "guida di riferimento" per il loro impiego, che si prevede sempre più massiccio.
Canning si spinge anche oltre, sostenendo che si può pensare di "equipaggiare le nostre macchine con tecnologie non letali allo scopo di convincere il nemico ad abbandonare le proprie armi prima che queste vengano distrutte dai nostri robot, e con armi letali per far fuori gli armamenti".

E se c'è chi teme che regole simili non impediranno ai robot in guerra di uccidere soldati colpevoli di portare con sé delle armi, c'è anche chi parla del documento Canning come di una riscrittura delle celeberrime tre Leggi della Robotica ideate dal grande scrittore di fantascienza Isaac Asimov. Regole che, però, escludevano a priori la possibilità che un robot potesse nuocere ad un essere umano. Fantascienza, appunto.
42 Commenti alla Notizia I robot distruggano altri robot
Ordina
  • ci aspetta!

    Da una parte leggo dell'integrazione della rete spaziale

    http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1957617&r=PI

    qui si legge di robot guerrieri e delle regole che devono seguire...
    Mi sa che il "paradiso" prospettato dalla serie Terminator sia più realistico del dovuto.
  • Saranno queste:

    1) Un robot non farà del male al personale autorizzato, ma distruggerà i suoi obiettivi umani con estrema violenza.
    2) Un robot ubbidirà agli ordini dati dal personale autorizzato, a meno che questi ordini non vadano in conflitto con la legge numero 3.
    3) Un robot proteggerà la propria esistenza con armi di ogni tipo, perchè un robot costa un sacco di soldi.
    non+autenticato
  • beh a questo punto sono meglio le leggi di Tilden e cioè che un robot deve a tutti i costi sopravvivere, appropriandosi del maggior numero di risorse possibili e distruggendo qualsiasi ostacolo si frapponga tra lui e l'obiettivo succitato

    inchiniamoci ai nostri futuri dominatori meccanici A bocca aperta
    non+autenticato

  • > inchiniamoci ai nostri futuri dominatori
    > meccanici
    >A bocca aperta

    John Connor ci salverà.
    non+autenticato

  • >
    > inchiniamoci ai nostri futuri dominatori
    > meccanici

    I, for one, welcome our new robotic overlords
    A bocca aperta

    http://www.catb.org/esr/jargon/html/I/I-for-one-we...
    Funz
    13000
  • BRAVO.....centrato il vero centro della questione....i soldi!!!!

    Pultroppo devo dire che ritengo tu abbia tragicamente ragione.
    non+autenticato
  • Scusate, da un paese dove usano parole come "portare la democrazia e la pace " quando si invade e bombarda a tappeto nazioni, cosa ci si poteva aspettare ?
    A bocca storta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Scusate, da un paese dove usano parole come
    > "portare la democrazia e la pace " quando si
    > invade e bombarda a tappeto nazioni, cosa ci si
    > poteva aspettare ?
    >
    > A bocca storta

    Veramente ogni paese che muove guerra ad un altro si esprime con cose tipo "combattere per la pace" "eradicare il male" "uccidere i nemici crudeli" "l'ordine mondiale" ecc.
    Lo fanno tutti, quando muovono guerra, anche gli italiani quando sono andati in Africa ad ammazzare eritrei e libici hanno detto che andavano a portare civilita' agli ottentoti.

    Da chi non conosce la storia, che commenti si possono aspettare? Sciocchezze.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > Veramente ogni paese che muove guerra ad un altro
    > si esprime con cose tipo "combattere per la pace"
    > "eradicare il male" "uccidere i nemici crudeli"
    > "l'ordine mondiale"
    > ecc.
    > Lo fanno tutti, quando muovono guerra, anche gli
    > italiani quando sono andati in Africa ad
    > ammazzare eritrei e libici hanno detto che
    > andavano a portare civilita' agli
    > ottentoti.
    >
    > Da chi non conosce la storia, che commenti si
    > possono aspettare?
    > Sciocchezze.


    Si vis pacem para bellum.

    E' un detto latino attribuito ai Romani, che di guerra e di pace se ne intendevano.
    Non è una sciocchezza, un po' come il comandamento "non uccidere" del vecchio testamento.

    Sono affermazioni che risultano valide quando contestualizzate.
    La pace e la guerra, infatti, non sono valori assoluti.
    Spesso la gente oggi non lo vuole ammettere.
    Si presume che la pace sia un bene assoluto, ma così non è, perché presuppone l'accordo e la reciprocità con tutti gli altri.
    Questo non è sempre possibile.

    Detto questo, chiaramente le dichiarazioni di guerra ad altri popoli non possono essere sanguinarie, anche perché spesso e volentieri si combatte per obbiettivi concreti e anche molto limitati, intendo rispetto alle campagne mediatiche che si imbastiscono.


  • > Da chi non conosce la storia, che commenti si
    > possono aspettare?
    > Sciocchezze.

    Cosa significherebbe?, che uno che conosce la storia dovrebbe approvare?
    Non ha detto che non l'hanno fatto anche altri, ma che lo stanno facendo ora.
    e se è per quello, cmq, pur senza andare tanto indietro nel tempo, anche gli italiani sono impegnati in questo momento per portare la pace a fianco di chi porta la democrazia contro chi combatte per la propria libertà.

    Pensa che insalata.

    Ieri sono andato dal benzinaio e mi ha chiesto:
    "cosa desidera: Democrazia, Pace o Libertà?"
    non+autenticato
  • > Ieri sono andato dal benzinaio e mi ha chiesto:
    > "cosa desidera: Democrazia, Pace o Libertà?"

    Rotola dal ridere
  • I robot lanceranno fiori ?

    Se la risposta e no, ma dovranno distruggere installazioni, infrastrutture o altri robot, e' ridicolo pensare che possano farlo senza fare mai la bua all'umano di turno.

    Il problema e' la parola "distruggere".

    Puah.

    Burp
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > I robot lanceranno fiori ?
    >
    > Se la risposta e no, ma dovranno distruggere
    > installazioni, infrastrutture o altri robot, e'
    > ridicolo pensare che possano farlo senza fare mai
    > la bua all'umano di
    > turno.
    >
    > Il problema e' la parola "distruggere".
    >
    > Puah.

    Il problema è che la parola "distruggere" la usano con "gli altri". Sarebbbe meglio che usassaro le loro armi su se stessi, se proprio vogliono usarle. Agli "altri" non credo faccia piacere sperimentarle.
    non+autenticato
  • > Il problema e' la parola "distruggere".
    >
    > Puah.
    >
    > Burp

    A proposito di ipocrisia.

    Probabilmente sei in vita perche' i tuoi antenati hanno spazzato via civilta', vinto guerre e distrutto i loro antagonisti.

    I tuoi nonni lanciavano fiori?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Il problema e' la parola "distruggere".
    > >
    > > Puah.
    > >
    > > Burp
    >
    > A proposito di ipocrisia.
    >
    > Probabilmente sei in vita perche' i tuoi antenati
    > hanno spazzato via civilta', vinto guerre e
    > distrutto i loro
    > antagonisti.
    >
    > I tuoi nonni lanciavano fiori?

    A rigor di logica tu non puoi saperlo, magari i suoi nonni le guerre le hanno subìte, magari i suoi antenati sono stati schiavi, servi della gleba, coscritti con la forza in armate di schiavi, rematori nelle galee, e chissà cos'altro.
    Quello su cui hai ragione è che questa società, così come si è fondata, è nata dal furto, dall'abuso, dall'assassinio, fai bene ad evidenziarlo. Il primo vero furto della storia, d'altronde, è stato quando una persona ha cinto uno steccato su di un prato che era di tutti, con un cartello: "PROPRIETA' PRIVATA".
    non+autenticato
  • Quanti bambinetti che girano. La vostra filosofia è basata sui bigliettini dei baci Perugina?

    non+autenticato
  • E la tua? E' basata sulle pagine di mein kampf? ... disgraziatamente esistono uomini tutti d'un pezzo, cinici, uomini di mondo, incapaci di stupirsi, di ribellarsi all'idea che i rapporti tra gli umani debbano essere necessariamente violenti, di tipo predatorio ... non credi vivremmo tutti meglio se iniziassimo a mettere in discussione quest'idea, invece di accettarla come fosse un fatto inevitabile? Forse proprio la gente che pensa in questo modo è il più grande ostacolo alla realizzazione di un mondo meno violento ...

    Hitler scrisse Mein Kampf (La mia battaglia) durante la prigionia, nel 1924. Lo scritto, pubblicato l'anno dopo, nel luglio del '25, costituisce il manifesto del suo pensiero fatto di nazionalismo tedesco, superiorità della razza ariana, odio contro ebrei, marxisti e liberali. Proponiamo qui di seguito alcuni brani di questo libro folle e guerrafondaio, perché siano di monito a tutti.
    La gioventù hitleriana
    "Nei centri del mio nuovo Ordine verrà allevata una gioventù che spaventerà il mondo. Io voglio una gioventù che compia grandi gesta, dominatrice, ardita, terribile. Gioventu deve essere tutto questo. L'animale rapace, libero e dominatore, deve brillare ancora dai suoi occhi. I giovani debbono imparare il senso del dominio. Debbono imparare a vincere nelle prove più difficili la paura della morte".
    Guerra e razza
    "Il gioco della guerra consiste nella distruzione fisica dell'avversario. Per questo vi ho ordinato di massacrare senza pietà qualsiasi uomo, donna o bambino che non appartenga alla vostra razza. Così soltanto potremo ottenere lo spazio fisico che ci abbisogna".
    "Troverò qualche spiegazione per lo scoppio della guerra. Non importa se plausibile o no. Al vincitore non verrà chiesto, poi, se ha detto la verità. Nell'iniziare e nel condurre una guerra non è il diritto che conta, ma il conseguimento della vittoria".

  • - Scritto da: cheguev
    > E la tua? E' basata sulle pagine di mein kampf?
    > ... disgraziatamente esistono uomini tutti d'un
    > pezzo, cinici, uomini di mondo, incapaci di
    > stupirsi, di ribellarsi all'idea che i rapporti
    > tra gli umani debbano essere necessariamente
    > violenti, di tipo predatorio ...

    CUT

    Tutta questa sparata ti consola del fatto che presto dovrai uscire di lì, e i tuoi compagnucci di riempiranno di botte e ti porteranno via i soldi per la merenda, lasciandoti appeso nei cessi a testa in giù?
    non+autenticato
  • Per vivere non è necessario odiare.
    Penso ci sia differenza fra il sentirsi continuamente braccati e in conflitto con gli altri e il volersi semplicemente cautelare da EVENTUALI nemici...
    non+autenticato

  • > Tutta questa sparata ti consola del fatto che
    > presto dovrai uscire di lì, e i tuoi compagnucci
    > di riempiranno di botte e ti porteranno via i
    > soldi per la merenda, lasciandoti appeso nei
    > cessi a testa in
    > giù?

    A mio figlio sto insegnando il rispetto di se stesso, del suo prossimo e del mondo nel quale vive ... me ne sarà grato.
    Tu cosa insegnerai al tuo (se ne hai uno, altrimenti se e quando ne avrai)? A girare con l'winchester? Non i miei compagnucci ma i tuoi cameratucci e quelli simili a te infestano il mondo con la propria paranoia e la propria insicurezza, rendendolo un luogo pericoloso e rendendo la vita di tutti uno schifo. Non ti pare? Se sei giovane hai ancora qualche chance per non finire i tuoi giorni in questo deprecabile stato, in caso contrario avrai serie difficoltà a venirne fuori.
    Auguri!
  • dici queste cose mettendoti come firma il nome di uno dei peggiori assassini dell'era moderna... che controsenso...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: cheguev
    > > E la tua? E' basata sulle pagine di mein kampf?
    > > ... disgraziatamente esistono uomini tutti d'un
    > > pezzo, cinici, uomini di mondo, incapaci di
    > > stupirsi, di ribellarsi all'idea che i rapporti
    > > tra gli umani debbano essere necessariamente
    > > violenti, di tipo predatorio ...
    >
    > CUT
    >
    > Tutta questa sparata ti consola del fatto che
    > presto dovrai uscire di lì, e i tuoi compagnucci
    > di riempiranno di botte e ti porteranno via i
    > soldi per la merenda, lasciandoti appeso nei
    > cessi a testa in
    > giù?

    I miei compagnucci che hanno provato a fare una cosa simile si sono ritrovati o impotenti o con un fiume rosso sgorgare dal naso. Essere pacifisti non vuol dire essere pirla inculoprendenti. Evidentemente te hai cessato di credere nel bene perché hai creduto che la tua esperienza personale, ovvero di prenderle, esser derubato dei soldi della merenda, ed essere appeso a testa in giù nei cessi, era l'unica dinamica ottenibile col pacifismo, e non accetti invece di essere un pistola debole in grado di difendersi solo alleandosi con il più forte (devi essere stato alle medie il classico ragazzino gracilino e stronzo che si allea col bullo per poter fare i gradassi con chi da soli non avrebbero mai osato neanche canzonare da lontano... le mie vittime preferite, per la cronaca, peccato non averti conosciuto all'epoca delle scuole medie...)

    ps:
    consiglio per la tua cultura:
    http://www.liberonweb.com/asp/libro.asp?ISBN=88797...
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Ciao sfigato! Rotola dal ridere
    non+autenticato