IBM porta i dischi flash sui Blade

Big Blue ha tagliato ulteriormente i consumi dei suoi server blade adottando processori capaci di assorbire meno energia elettrica e offrendo com opzione la possibilitÓ di montare dischi flash

Armonk (USA) - Processori meno affamati di watt e dischi a stato solido (SSD) al posto degli hard disk tradizionali. Sono queste le soluzioni scelte da IBM per ridurre ulteriormente i consumi dei suoi nuovi modelli di server blade, modelli che vanno ad inserirsi nelle famiglie di sistemi BladeCenter (vedi foto) e System X.

I nuovi server sono disponibili con processori Intel Xeon quad-core da 50 watt, Xeon dual-core da 35 e 40 watt e AMD Opteron dual-core da 68 watt.

La principale novità è data dalla possibilità, per i clienti, di ordinare certi modelli di blade con una scheda di memoria flash opzionale da 4 GB. Tale modulo prende il posto di un hard disk tradizionale e può essere utilizzato come drive di boot per Linux o come memoria cache per hard disk esterni. IBM afferma che l'SSD consuma 2 watt contro i 10 di un tipico hard disk per blade.
Un dispositivo IBMIl disco flash da 4 GB non è stato pensato per l'archiviazione di dati e applicazioni, ma semplicemente per avviare il sistema operativo della macchina e caricare in memoria i servizi necessari per accedere ad un sistema di storage esterno con architettura Network Attached Storage (NAS) o Storage Area Networks (SAN).

"Una soluzione diskless contribuirà ad aumentare l'affidabilità di un blade, eliminando l'unica parte mobile presente sul blade; aiuterà anche a rispondere con maggiore facilità alle variazioni in termini di esigenze di capacità all'interno di una famiglia di blade, riducendo i costi dei dischi locali per blade e dell'energia necessaria al loro funzionamento", ha affermato IBM.

I server diskless di Big Blue possono connettersi a sistemi di storage esterni per mezzo delle tecnologie Fibre Channel, InfiniBand o 10G Ethernet.

Per il momento il 4GB Modular Flash Drive può essere installato solo sul BladeCenter HS21 XM, ma IBM conta di renderlo presto disponibile anche su altri sistemi.

Tutti i nuovi blade sono inoltre dotati della tecnologia Calibrated Vectored Cooling, che gestisce in automatico la presa d'aria, la posizione del ventilatore e le tecnologie di raffreddamento delle aree per ottimizzare il flusso d'aria all'interno dei blade e dei server rack.

IBM sostiene che con i nuovi blade Intel quad-core a bassa tensione, le aziende possono risparmiare fino a 60 watt di energia per server blade a due socket: in un ambiente aziendale con 1.000 blade server ciò equivale, sottolinea l'azienda, a ridurre l'emissione nell'atmosfera di circa 9 tonnellate di anidride carbonica ogni anno.
7 Commenti alla Notizia IBM porta i dischi flash sui Blade
Ordina
  • Non l'ho mai afferrata appieno..A bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Non l'ho mai afferrata appieno..A bocca storta
    >

    SAN: Storage Area Network
    Una rete dedicata all'archiviazione dove piu' reti accedono per leggere e scrivere dati.

    NAS:
    Network Attached Storage
    un singolo apparecchio collegato alla rete locale con funzioni di hard disk.

    Fondamentalmente cambiano dimensioni e costi una SAN e' per una intranet quello che un singolo NAS e' per una rete locale.

    GT
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 17 aprile 2007 07.19
    -----------------------------------------------------------
  • molto molto semplicisticamente:

    una NAS mette a disposizione spazio disco al quale accedere attraverso un protocollo di rete (smb per reti microsoft, nfs per reti unix/linux, etc..)

    E' assimilabile ad un server di rete preinstallato e preconfigurato, devi solo collegarlo alla rete e d accedere alle sue risorse condivise.

    una SAN invece è vista dal server che se fosse un disco proprio in tutto e per tutto.
    La SAN mette a disposizione uno spazio disco che l'amministratore di sistema suddivide in tante parti ciascuna assegnata in modo univoco ad ogni server.

    Immagina di avere una quantità di server in azienda, invece di dotare ciascuno del proprio array di dischi, la SAN ti permette di concetrare l'intero spazio disco di tutti i server in un unico contenitore dal quale puoi attingere per creare dei dischi virtuali da assegnare in base alle necessità.
    non+autenticato
  • Dimenticate come sono collegati:
    Ad un NAS in genere ci sia accede tramite la rete ethernet, ad una SAN ci si accede tramite rete in fibra ottica (previa installazione di un'adatttaore sul / i server.)

  • - Scritto da: carpigjan

    > Ad un NAS in genere ci sia accede tramite la rete
    > ethernet, ad una SAN ci si accede tramite rete in
    > fibra ottica (previa installazione di
    > un'adatttaore sul / i
    > server.)

    Giusto per aggiungere una mia (ovvia?) nota: se gli accessi al disco sono significativi, una NAS rischia di creare un serio collo di bottiglia sulla rete ethernet, mentre sulla rete in fibra ottica di una SAN possono venir gestiti I/O molto significativi senza compromessi nelle prestazioni.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Non l'ho mai afferrata appieno..A bocca storta
    >

    SAN: i server hanno solo i dischi di boot o su SAN evolute neanche quelli. Il sistema vedi i dischi come collegati direttamente anche se sono solo partizioni di dischi su un'altra macchina che gestisce il tutto. Generalmente in fibra (2 o 4 Gbit) o iSCSI (1 GBit) su dischi SCSI.
    i vantaggi sono ovvi: meno spazio sprecato sui dischi, facilità di backup, facilità di disaster recovery e business continuity, virtualizzazione etc.

    NAS o file server: sono collegati in ethernet a 100 o 1000 Mbit, servono per archiviare i dati delle applicazioni per poterne fare un backup semplice e agevole da una sola macchina. Ci si possono montare anche dischi di rete (dove pero' in genere non ci si puo' installare le applicazioni) in genere si usano dischi SATA, qualche volta anche SCSI

    DAS: direct attached storage, il primo della specie, uno scatolotto con i dischi dentro per espandere la capacità di 1 server.

    Con Linux o VMware fra SAN e NAS non cambia niente, a parte il tipo di disco il collegamento le ridondanze dei controller e dei collegamenti.

    Basta che ci sia pero' un server Windows e non si puo' usare più la nas come san.

    Ciao
    non+autenticato
  • Incredibile!!!

    Un thread informativo e soprattutto CIVILE ! Un caso + unico che raro sui forum di PI....

    Andrea
    non+autenticato