A rischio Pandora ed altre radioweb

Lo US Copyright Royalty Board boccia la richiesta di riesame delle royalty, le emittenti online più piccole rischiano di scomparire. E tra queste anche alcune delle più innovative

New York - I broadcaster delle radio online non sono riusciti a convincere i giudici dello US Copyright Royalty Board a riconsiderare gli aumenti delle royalty applicate allo streaming online. "Abbiamo rilevato che nessuna delle parti richiedenti (National Public Radio) ha fornito nuove prove o esempi di manifestata ingiustizia che giustificassero un riesame della questione", hanno scritto i giudici della CRB.

L'unica conquista per i provider di musica in streaming e le stazioni radio, con canali online, è rappresentata dall'annullamento della retroattività dei rincari per il 2006 e il 2007. Gli aumenti saranno applicati al cosiddetto "aggregate tuning hour" (ATH) - ovvero in base al numero totale di ascoltatori online in un'ora. Ad esempio, se 10 PC si connettono simultaneamente al flusso per un'ora, l'ATH sarà di 10. Allo stesso modo, un PC connesso per 10 ore produce un ATH di 10.

Secondo BetaNews se da una parte si tratta certamente di un aumento rispetto al 2005, è evidente che il metodo ATH sia più vantaggioso per le radioweb rispetto al vecchio sistema di calcolo "per-performance". In base alle proiezioni, AOL, il più grande streamer online, dovrebbe pagare circa 946 mila dollari, contro i 23,6 milioni di dollari calcolati con la vecchia proposta di tariffazione e la retroattività ora cancellata
Il player di Pandora"Quindi, secondo CRB la loro decisione che eliminerà tutte le radio online - migliaia di piccoli webcaster, radio di college, servizi come Pandora - non è un esempio di ingiustizia. Wow", ha dichiarato Trevor Moyer del blog Save Our Internet Radio.

L'unica strada rimasta ai broadcaster, per bloccare la rivoluzione delle tariffe, è quella di rivolgersi allo US Court of Appeals del District of Columbia. Contemporaneamente si stanno moltiplicando le iniziative di contrasto.

Tim Westergren, fondatore proprio della celebre Pandora, ad esempio, ha redatto una petizione per il Congresso che chiama alle armi non solo i broadcaster online, ma tutti gli utenti che sono convinti che si tratti di una violazione delle libertà digitali.

Dario d'Elia
23 Commenti alla Notizia A rischio Pandora ed altre radioweb
Ordina