Windows Home Server, prima CTP

Microsoft ha consegnato ai beta tester la prima Community Technology Preview di Windows Home Server, una release che contiene quasi tutte le funzionalità della versione finale. Ecco le novità salienti

Redmond (USA) - Dopo lunga attesa, Microsoft ha messo a disposizione dei tester la prima Community Technology Preview (CTP) di Windows Home Server, un sistema operativo espressamente pensato per la creazione di reti domestiche con più PC e dispositivi connessi tra loro.

Basato su Windows Server 2003 SP2, Home Server fornisce essenzialmente servizi e strumenti per la condivisione di file e risorse locali, l'automazione dei backup e l'accesso remoto. Attualmente il prodotto è in beta testing, ed il suo completamento è previsto per il tardo 2007.

Questa prima CTP, che porta il numero di build 1371, arriva a poco più di due mesi di distanza dal rilascio della Beta 2, distribuita da BigM ad oltre 45mila tester. La nuova release include il 98% delle funzionalità che si troveranno nella versione finale, e rispetto alla precedente beta introduce diverse novità: un processo d'installazione e configurazione più semplice e completo, la possibilità di configurare il servizio di accesso remoto dalla Windows Home Server Console, nuove opzioni con cui decidere se e come visualizzare le notifiche sullo stato di salute della rete locale, strumenti per impostare le policy sulle password, e il supporto alle estensioni sviluppate con il software development kit (SDK) per Windows Home Server.
L'SDK è stato rilasciato ai tester insieme alla CTP e permetterà agli sviluppatori di terze parti di creare add-on per Windows Home Server che ne estendano le funzionalità. Maggiori dettagli su questa e le altre novità della CTP sono riportati in questo articolo di winsupersite.com.

Microsoft invita le persone che desiderano partecipare al beta testing di Windows Home Server ad iscriversi qui.

Di seguito un video che mostra l'interfaccia e i principali strumenti di Windows Home Server.


60 Commenti alla Notizia Windows Home Server, prima CTP
Ordina
  • Ma con tutte le distro Linux gratuite come anche la nuova Ubuntu che permettono di installare anche una marea di servizi server,

    questo coso di Micro$oft a pagamento a cosa serve?

    Voglio mettere su un sitarello amatoriale con la mia ADSL?

    Vado su www.dyndns.org mi registro un dominio di dns dinamico, installo ddclient su Linux e sono raggiungibile da Internet.
    Se mi registro un dominio lo faccio puntare al dominio dyndns e ho anche il dominio.

    Voglio più domini? Faccio dei virtual server e li faccio puntare tutti al dominio dyndns.

    Voglio un portalino con foto gallery e cms opensource, prendo Joomla o Drupal i più facili e li installo sulla mia Ubuntu con Apache+php+mysql e ho un bel portale...

    Voglio un bel blog tutto coloroso? Mi installo Wordpress.

    Foglio un forum per chiaccherare con gli amici?
    Aggiungo il modulo forum di Joomla o Drupal oppure installo phpBB o VBulletin e ho anche il forum.

    Voglio un printer server, fax server, un proxy, un P2P che scarica al posto del mio PC?
    Con Ubuntu faccio tutte queste cose.

    A che serve quel coso della Micro$oft?

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma con tutte le distro Linux gratuite come anche
    > la nuova Ubuntu che permettono di installare
    > anche una marea di servizi
    > server,
    >
    > questo coso di Micro$oft a pagamento a cosa serve?
    >
    > Voglio mettere su un sitarello amatoriale con la
    > mia
    > ADSL?
    >
    > Vado su www.dyndns.org mi registro un dominio di
    > dns dinamico, installo ddclient su Linux e sono
    > raggiungibile da
    > Internet.
    > Se mi registro un dominio lo faccio puntare al
    > dominio dyndns e ho anche il
    > dominio.
    >
    > Voglio più domini? Faccio dei virtual server e li
    > faccio puntare tutti al dominio
    > dyndns.
    >
    > Voglio un portalino con foto gallery e cms
    > opensource, prendo Joomla o Drupal i più facili e
    > li installo sulla mia Ubuntu con Apache+php+mysql
    > e ho un bel
    > portale...
    >
    > Voglio un bel blog tutto coloroso? Mi installo
    > Wordpress.
    >
    >
    > Foglio un forum per chiaccherare con gli amici?
    > Aggiungo il modulo forum di Joomla o Drupal
    > oppure installo phpBB o VBulletin e ho anche il
    > forum.
    >
    > Voglio un printer server, fax server, un proxy,
    > un P2P che scarica al posto del mio
    > PC?
    > Con Ubuntu faccio tutte queste cose.
    >
    > A che serve quel coso della Micro$oft?
    >

    Voglio realizzare una applicazione per un cliente che sia affidabile, performante e in poco tempo? Voglio disegnare aggiungerci una base dati preoccupandomi solo del design e tutto in maniera grafica senza scrivere una riga di SQL? Uso .NET e butto nel cesso Java, PHP, ...
    non+autenticato
  • Ma quello che vuoi fare tu lo fanno tanti tools sia per Win che per Linux. Noi parliamo di servizi server che possono fare comodo al casalingo/hobbista esperto.

    Qui parliamo di poter fare a casa cose moderne come apparire su Internet con un sito e dei servizi. Avere una macchina per il backup, che ti pilota un paio di stampanti, ma che ti permette di avere il tuo forum su internet chiaccherare di un hobby, o un sitarello di vendita dei tuoi biscotti artigianali e una webmail...

    Non serve un XP travestito da server con un paio di utility preconfezionate venduto come nuovo prodotto.

    Basta un XP con appunto qualche utility preconfezionata venduta a parte come add-on. Non una nuova versione di serve con limiti sul numero di client.

    Oppure appunto un Linux con tutti i suoi servizi a utenti illimitati inclusi nel prezzo $0.

    Io per il backup non uso nessuno dei due, ho una unità esterna ethernet che ha due dischi in mirror e hotswap e che è raggiungibile con ftp, sftp, scp, samba/netbios, e nella quale mi riverso ciò che voglio con un semplice script messo nei client.

    Per il resto Linux fa di tutto di più senza un centesimo in licenze nè per l'utente nè per lo sviluppatore.

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma quello che vuoi fare tu lo fanno tanti tools
    > sia per Win che per Linux. Noi parliamo di
    > servizi server che possono fare comodo al
    > casalingo/hobbista
    > esperto.
    >
    > Qui parliamo di poter fare a casa cose moderne
    > come apparire su Internet con un sito e dei
    > servizi. Avere una macchina per il backup, che ti
    > pilota un paio di stampanti, ma che ti permette
    > di avere il tuo forum su internet chiaccherare di
    > un hobby, o un sitarello di vendita dei tuoi
    > biscotti artigianali e una
    > webmail...
    >
    > Non serve un XP travestito da server con un paio
    > di utility preconfezionate venduto come nuovo
    > prodotto.
    >
    > Basta un XP con appunto qualche utility
    > preconfezionata venduta a parte come add-on. Non
    > una nuova versione di serve con limiti sul numero
    > di
    > client.
    >
    > Oppure appunto un Linux con tutti i suoi servizi
    > a utenti illimitati inclusi nel prezzo
    > $0.
    >
    > Io per il backup non uso nessuno dei due, ho una
    > unità esterna ethernet che ha due dischi in
    > mirror e hotswap e che è raggiungibile con ftp,
    > sftp, scp, samba/netbios, e nella quale mi
    > riverso ciò che voglio con un semplice script
    > messo nei
    > client.
    >
    > Per il resto Linux fa di tutto di più senza un
    > centesimo in licenze nè per l'utente nè per lo
    > sviluppatore.
    >

    Io ci andrei cauto a invogliare inesperti a fornire servizi da casa... il primo hacker che ti buca il pc e te lo riempie di roba che nemmeno tu sai e un giorno ti vedi la polizia che ti bussa alla porta... classico epilogo di una vita da Linaro sfigato A bocca aperta
    non+autenticato
  • No guarda quelli che hanno avuto di questi problemi finora sono stati i miei amici con Windows sfigati messi in DMZ che una settimana e l'altra pure si scoprono falle zero day e trojan che li trasformano in zombie.

    Le mie Ubuntu messe ad altri amici e piccole aziende settate server di servizi web e interni sono attaccate centinaia di volte al giorno e sono ancora lì.
    Su internet mostrano solo la porta 80 e la ssh per trasferire qualche file o dare qualche comando da remoto.

    Devo preoccuparmi solo di qualche bug del CMS o della bulletin board per evitare di essere defacciato.
    Ma sono problemi che non hanno avuto solo i CMS in PHP...

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Ma quello che vuoi fare tu lo fanno tanti tools
    > > sia per Win che per Linux. Noi parliamo di
    > > servizi server che possono fare comodo al
    > > casalingo/hobbista
    > > esperto.
    > >
    > > Qui parliamo di poter fare a casa cose moderne
    > > come apparire su Internet con un sito e dei
    > > servizi. Avere una macchina per il backup, che
    > ti
    > > pilota un paio di stampanti, ma che ti permette
    > > di avere il tuo forum su internet chiaccherare
    > di
    > > un hobby, o un sitarello di vendita dei tuoi
    > > biscotti artigianali e una
    > > webmail...
    > >
    > > Non serve un XP travestito da server con un paio
    > > di utility preconfezionate venduto come nuovo
    > > prodotto.
    > >
    > > Basta un XP con appunto qualche utility
    > > preconfezionata venduta a parte come add-on. Non
    > > una nuova versione di serve con limiti sul
    > numero
    > > di
    > > client.
    > >
    > > Oppure appunto un Linux con tutti i suoi servizi
    > > a utenti illimitati inclusi nel prezzo
    > > $0.
    > >
    > > Io per il backup non uso nessuno dei due, ho una
    > > unità esterna ethernet che ha due dischi in
    > > mirror e hotswap e che è raggiungibile con ftp,
    > > sftp, scp, samba/netbios, e nella quale mi
    > > riverso ciò che voglio con un semplice script
    > > messo nei
    > > client.
    > >
    > > Per il resto Linux fa di tutto di più senza un
    > > centesimo in licenze nè per l'utente nè per lo
    > > sviluppatore.
    > >
    >
    > Io ci andrei cauto a invogliare inesperti a
    > fornire servizi da casa... il primo hacker che ti
    > buca il pc e te lo riempie di roba che nemmeno tu
    > sai e un giorno ti vedi la polizia che ti bussa
    > alla porta... classico epilogo di una vita da
    > Linaro sfigato
    >A bocca aperta

    Da winaro! vuoi dire!
    Tutto lo spam tutte le botnet e tutti i virus sono un monopolio di M$....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > Ma quello che vuoi fare tu lo fanno tanti
    > tools
    > > > sia per Win che per Linux. Noi parliamo di
    > > > servizi server che possono fare comodo al
    > > > casalingo/hobbista
    > > > esperto.
    > > >
    > > > Qui parliamo di poter fare a casa cose moderne
    > > > come apparire su Internet con un sito e dei
    > > > servizi. Avere una macchina per il backup, che
    > > ti
    > > > pilota un paio di stampanti, ma che ti
    > permette
    > > > di avere il tuo forum su internet chiaccherare
    > > di
    > > > un hobby, o un sitarello di vendita dei tuoi
    > > > biscotti artigianali e una
    > > > webmail...
    > > >
    > > > Non serve un XP travestito da server con un
    > paio
    > > > di utility preconfezionate venduto come nuovo
    > > > prodotto.
    > > >
    > > > Basta un XP con appunto qualche utility
    > > > preconfezionata venduta a parte come add-on.
    > Non
    > > > una nuova versione di serve con limiti sul
    > > numero
    > > > di
    > > > client.
    > > >
    > > > Oppure appunto un Linux con tutti i suoi
    > servizi
    > > > a utenti illimitati inclusi nel prezzo
    > > > $0.
    > > >
    > > > Io per il backup non uso nessuno dei due, ho
    > una
    > > > unità esterna ethernet che ha due dischi in
    > > > mirror e hotswap e che è raggiungibile con
    > ftp,
    > > > sftp, scp, samba/netbios, e nella quale mi
    > > > riverso ciò che voglio con un semplice script
    > > > messo nei
    > > > client.
    > > >
    > > > Per il resto Linux fa di tutto di più senza un
    > > > centesimo in licenze nè per l'utente nè per lo
    > > > sviluppatore.
    > > >
    > >
    > > Io ci andrei cauto a invogliare inesperti a
    > > fornire servizi da casa... il primo hacker che
    > ti
    > > buca il pc e te lo riempie di roba che nemmeno
    > tu
    > > sai e un giorno ti vedi la polizia che ti bussa
    > > alla porta... classico epilogo di una vita da
    > > Linaro sfigato
    > >A bocca aperta
    >
    > Da winaro! vuoi dire!
    > Tutto lo spam tutte le botnet e tutti i virus
    > sono un monopolio di
    > M$....

    Per non parlare di tutti quei mongolini che hanno bucato sistem informatici ( divertimento tipico Linaro ) e sono stati sgamati e denunciati...
    non+autenticato

  • > A che serve quel coso della Micro$oft?

    A fare quanto dici e anche forse di più senza tutti gli sbattimenti/collegamenti/installazioni che hai diligentemente descritto. Un device pensato per chi non ha idea di cosa funzioni come (tale è l'ut(o)ente medio casalingo) e non ha nessun interesse/voglia di capirlo.

    Semplicemente una cosa che metti su, accendi e va... l'obiettivo è quello e penso che ci riusciranno.

    Ciao
    non+autenticato
  • Un server Windows non è un coso che accendi e va, deve essere configurato esattamente come qualsiasi server. E bisogna leggere l'apposita documentazione come per qualsiasi strumento complesso.

    Senza tenere conto che un server configurato in modo approssimativo da chi non sa farlo è molto pericoloso.

    Quindi il tuo discorso è completamente sballato, ed è quello che ha trasformato in questi anni milioni di macchine Windows e migliaia di server Windows e anche Linux/Unix in zombie, spara-spam e ponti per attacchi di ogni tipo su Internet.

    Ma siccome il mondo è pieno di cojoni, hai ragione tu, quel coso avrà successo tra questo genere di persone...
    non+autenticato
  • Guarda, assolutamente daccordo con te riguardo alla configurazione di un sistema server.

    A guardare l'Home Server l'idea è quella di avere un sistema che al primo avvio completa la configurazione in soli 7 passaggi.
    Teoricamente il resto del sistema (Windows Server 2003) dovrebbe essere già preconfigurato in quello che MS chiama "Secure by default" (poi uno può essere daccordo o meno con quanto MS intende con questo).
    Se l'Home Server rimane così, vale a dire con la possibilità di mettere mano ad altre aree del sistema allora, è vero, si possono fare bei casini (compreso lo sfondamento delle funzioni base dell'Home Server)... non è chiaro se alla fine MS metterà in lock-down tutto quello che non è previsto che l'Home Server non debba fare.

    Più in generale il concetto è lo stesso dello Small Business Server: pochi passaggi di configurazione al setup e vualà... la PMI è servita (Active Directory + Webbetto intranet + Server di Posta + Proxy/Firewall).

    A pensarci bene però non è che cambi poi molto avere un client admin o un server admin inconsapevole/incapace direttamente affacciato su internet. In quel caso il gap deve essere colmato dal sistema. La preconfigurazione (fatta bene) in questo scenario è buona cosa.
    non+autenticato
  • La posta è quella che mi preoccupa di più.

    Basta spuntare un flag che non si capisce nella configurazione per creare un relay aperto spara-spam.
    non+autenticato
  • qualcuno sa se c'è un software per avere tale funzionalità su un normale windows?

    sì, lo so che c'è VNC ma come performance non ci siamo proprio e il lo sharing del desktop remoto rimane più comodo (i dischi locali, le porte seriali e le stampanti possono essere montati sul PC remoto).

    io per ora ho risolto mettendo una VPN a casa tuttavia la performance ne risente...
    non+autenticato
  • Visto che l'articolo non ne fa cenno e le argomentazioni qua dentro hanno come sempre altissimo livello, butto lì qualche feature augurandomi che possano servire da spunto per qualche dscussione sensata:

    - WHS sarà distribuito preferenzialmente integrato con l'Hardware (il prototipo credo sia HP Media Server o Smart Server...)

    - Storage pool dinamica: WHS crea un volume di sistema da 80 GB e tutto il resto dello storage (anche aggiunto successivamente) viene integrato in uno starage pool ridondato per i dati da condividere attraverso la home network.

    - Distribuzione trasparente dei contenuti verso tutti i PC dei folder Music, Video, Picures e eventuali altri custom.

    - Failover dei dischi: sostituzione a caldo dei dischi rigidi che partecipano allo storage pool senza perdita dei dati.

    - Folder duplication: la possibilità di avere sul server i dati duplicati automaticamente su più dischi per salvare le informazioni anche in caso di hard failure di più drive dello storage pool.

    - Backup automatico giornaliero di tutti i PC della home network. Molto efficiente: riduce drasticamente le dimensioni dei backup perché non salva mai la stessa versione dello stesso file. Tutti i file sono backuppati una sola volta e dinamicamente assegnati alle diverse macchine per il restore attraverso i cataloghi.

    - Possibilità di raggiungere WHS da remoto attraverso il servizio Windows Live domains (non è necessario un IP fisso).

    - Terminal Server Gateway: da remoto posso anche loggarmi a qualsiasi macchina della rete domestica.

    Tutto pronto out-of-the-box ma eventualmente customizzabile.

    Per finire, WHS non è basato su Windows Server 2003 ma su Windows Small Business Server 2003 (anche se ovviamente, visto il target di utenza, non include Exchange, ISA e SQL).

    Capisco che trollare sia più divertete... ma si può parlare anche di queste cose?

    Ciao.
    non+autenticato
  • Ma quale trollare, ma che dici, un sistema server non serve a far circolare un paio di file per la casa, lo si usa per far circolare informazioni gestite tramite base di dati, appunto sql e similia. Ti metti un mostro in casa che non ti serve a niente.
    Mi parli di sistemi vhs, ma cosa ci fai a casa quando la media del backuppabile, se togli film mp3 e sistema operativo è di pochi mega, mi parli di cambio dischi a caldo, e che devi farci girare che non puoi riavviare?
    Ma guardiamoci in faccia, è, al massimo, un prodotto di nicchia.
    Ma come si può pensare di tenere un pc in casa solo per il mirroring, a consumare corrente per fare i backup, che stando alla media della popolazione italiana consiste in un paio di email alla settimana di cui una e spam

    Passo, lo vedo come un non-senso

    non+autenticato
  • Oppure è una strategia per fare fuori linux anche nelle aziende con basso budget.

    Quanti professionisti conosci che utilizzano XP Home per il loro lavoro (ma anche a ragione il più delle volte!)

    Vedremo quanto costa questo pacchetto

    Saluti
  • Ho letto che la possibilità di integrarci sql non è garantita, ne desummo che questo testing su larga scala sia una ricerca di marketing per valutare se indirizzare il pacchetto finale all'uso domestico o al piccolo ufficio, mi chiedo poi se non stiano cercando di far cassa con prodotti dalla dubbia utilità a causa del "mal'interpretato" esordio di vista, naturalmente è solo la mia opinione
    non+autenticato
  • Credo che sia semplicemente una maniera per poter proporre a quei piccoli uffici in cui un SBS è sprecato un minimo di "garanzia server" con le feature base per garantire una decente attività lavorativa documentale ed eventualmente accessi da remoto.
    Chi vivrà Vedrà
    non+autenticato
  • Questo ha senso
    non+autenticato
  • Anche se un dubbio mi rimane, perchè accontentarsi di un pacchetto ridotto all'osso quando, per meno, puoi avere tutto, o quasi, in versione full
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Anche se un dubbio mi rimane, perchè
    > accontentarsi di un pacchetto ridotto all'osso
    > quando, per meno, puoi avere tutto, o quasi, in
    > versione
    > full

    Il prezzo?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Anche se un dubbio mi rimane, perchè
    > > accontentarsi di un pacchetto ridotto all'osso
    > > quando, per meno, puoi avere tutto, o quasi, in
    > > versione
    > > full
    >
    > Il prezzo?

    Le versioni demo tendono a :
    avere funzioni limitate
    scadere nel tempo
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Credo che sia semplicemente una maniera per poter
    > proporre a quei piccoli uffici in cui un SBS è
    > sprecato un minimo di "garanzia server" con le
    > feature base per garantire una decente attività
    > lavorativa documentale ed eventualmente accessi
    > da
    > remoto.
    > Chi vivrà Vedrà

    Tanto varrebbe metterci un client e fargli fare da server allo stesso modo in cui viene oggi fatto da tanti piccoli uffici e studi professional particolarmente pulciari.

    Un sistema client ti costa anche meno...
    non+autenticato
  • Ma infatti a me quel coso non sembra nè più nè meno di un XP Pro con qualche utility preconfezionata.

    non+autenticato
  • Adesso viene tutto indicizzato sul server, ogni file della rete casalinga, backup di questa compreso, meno fatica per individuare le musichette che ti sei scaricato,e basterà sequestrare solo il server per dimostrare che sei un, a loro dire, reo.
    non+autenticato
  • Micro$oft ormai è culo e camicia con FBI ed NSA.

    Window$ ha così tante backdoor e funzioni spia da renderti l'abitante di una casa con pareti di cristallo.

    I più gettonati sono i file multimediali e le informazioni sui DVD e CD che guardi/ascolti.
    Questi già vengono raccolti perché rivenduti alle major a scopi statistici sui tuoi gusti multimediali.

    Ma questa mica è una cosa di adesso.
    Il progetto Magic Lantern risale ai tempi di Win95/98.

    Bisogna essere proprio cojoni per mettersi in casa una schifezza del genere...

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Bisogna essere proprio cojoni per mettersi in
    > casa una schifezza del
    > genere...

    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll
    TrollTrollTrollTroll

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Bisogna essere proprio cojoni per mettersi in
    > > casa una schifezza del
    > > genere...
    >
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    > TrollTrollTrollTroll
    >

    Ne dovevi mettere ancora di troll... non se ne puo' piu' di questi pseudo esperti di sicurezza che in realta' vogliono sono SO gratis, SW gratis, musica gratis etc...
    non+autenticato
  • No, vedi, il fatto è che sino a che ci sarà gente che compra qualsiasi cosa, senza badare al rapporto qualità/prezzo, ci saranno produttori di inutilità avvolta in preziosa carta luccicante
    non+autenticato
  • Direbbero alcuni amici miei hehe

    Certo, serviva questo nuovo SO,ne percepivamo l'assenza e ne sentivamo un inconscio bisogno.

    Oggi come oggi abbiamo tutti SQL installato sui nostri pc, giusto ieri sera mio nonno mi ha detto che voleva installare la nuova versione di Oracle, cosi da sistemare una volta per tutte il suo DB per la gestione delle lettiere dei suoi gatti. Ma glielo ho sconsigliato, dicendogli di aspettare la nuova versione di Windows Home Server, che ha tutti i presupposti per soddisfarlo...

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Direbbero alcuni amici miei hehe
    >
    > Certo, serviva questo nuovo SO,ne percepivamo
    > l'assenza e ne sentivamo un inconscio
    > bisogno.
    >
    > Oggi come oggi abbiamo tutti SQL installato sui
    > nostri pc, giusto ieri sera mio nonno mi ha detto
    > che voleva installare la nuova versione di
    > Oracle, cosi da sistemare una volta per tutte il
    > suo DB per la gestione delle lettiere dei suoi
    > gatti. Ma glielo ho sconsigliato, dicendogli di
    > aspettare la nuova versione di Windows Home
    > Server, che ha tutti i presupposti per
    > soddisfarlo...
    >

    direbbero alcuni amici miei hehe: ecco un altro che non ha capito un c.zzo. RTFA: leggere i fucking articoli prima di scrivere?
    non+autenticato
  • Infatti l'ho letto...
    Qual'è il tuo problema?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Infatti l'ho letto...
    > Qual'è il tuo problema?

    Grammatica Italiana: Qual è si scrive senza apostrofo, ignorante!
    non+autenticato
  • Non sarà certo la mia grammatica a fare di questo Windows Home Server un buon prodotto. Ma un refuso, per qualche cosa di scritto alle 03 del mattino, i gentili che mi hanno letto, forse, non lo hanno nemmeno notato.

    Non andare d'aceto, non ne vale la pena
    non+autenticato
  • ma a rigore non è l'abbreviazione di "Quale è"? Quindi resterebbe al posto dell'ultima e l'accento,no?

    Chiedo scusa sono francese ma studio italiano potreste rispondermi?
    Grazie...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ma a rigore non è l'abbreviazione di "Quale è"?

    Sì, lo è.

    > Quindi resterebbe al posto dell'ultima e
    > l'accento,no?

    Si distingue tra elisione (http://it.wikipedia.org/wiki/Elisione) e troncamento (http://it.wikipedia.org/wiki/Apocope).

    "qual è" deve essere scritto senza apostrofo (per via del fatto che la parola tronca "qual" compare davanti a consonante in espressioni come "un certo qual modo" o "qual buon vento") e così infatti affermano le principali grammatiche italiane (il Serianni e il Dardano-Trifone).

    Bruno Migliorini afferma ad esempio che la distinzione elisione-troncamento è artificiosa, ma visto che c'è deve essere rispettata. Altri, tuttavia, come Franco Fochi, affermano che l'uso troncato di "qual" è ormai arcaico e sopravvive soltanto in alcune "frasi fatte" ereditate dal passato (come quelle sopra citate), e quindi la forma apostrofata ha pieno diritto di esistenza.

    Alcuni scrittori, tra cui Federigo Tozzi, Mario Tobino, Tommaso Landolfi, Paolo Monelli, Bonaventura Tecchi, hanno comunque usato la forma apostrofata, effettivamente molto in uso al giorno d'oggi tuttavia considerata errore nella pratica scolastica dalla maggioranza dei professori.

    > Chiedo scusa sono francese ma studio italiano
    > potreste
    > rispondermi?

    Oh la la!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > ma a rigore non è l'abbreviazione di "Quale è"?
    >
    > Sì, lo è.
    >
    > > Quindi resterebbe al posto dell'ultima e
    > > l'accento,no?
    >
    > Si distingue tra elisione
    > (http://it.wikipedia.org/wiki/Elisione) e
    > troncamento
    > (http://it.wikipedia.org/wiki/Apocope).
    >
    > "qual è" deve essere scritto senza apostrofo (per
    > via del fatto che la parola tronca "qual" compare
    > davanti a consonante in espressioni come "un
    > certo qual modo" o "qual buon vento") e così
    > infatti affermano le principali grammatiche
    > italiane (il Serianni e il Dardano-Trifone).
    >
    >
    > Bruno Migliorini afferma ad esempio che la
    > distinzione elisione-troncamento è artificiosa,
    > ma visto che c'è deve essere rispettata. Altri,
    > tuttavia, come Franco Fochi, affermano che l'uso
    > troncato di "qual" è ormai arcaico e sopravvive
    > soltanto in alcune "frasi fatte" ereditate dal
    > passato (come quelle sopra citate), e quindi la
    > forma apostrofata ha pieno diritto di
    > esistenza.
    >
    > Alcuni scrittori, tra cui Federigo Tozzi, Mario
    > Tobino, Tommaso Landolfi, Paolo Monelli,
    > Bonaventura Tecchi, hanno comunque usato la forma
    > apostrofata, effettivamente molto in uso al
    > giorno d'oggi tuttavia considerata errore nella
    > pratica scolastica dalla maggioranza dei
    > professori.
    >
    > > Chiedo scusa sono francese ma studio italiano
    > > potreste
    > > rispondermi?
    >
    > Oh la la!

    Citazioni tratte dalla Trollopedia Troll
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > Citazioni tratte dalla Trollopedia Troll

    Non ti sfugge nulla, eh!


    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > ma a rigore non è l'abbreviazione di "Quale è"?
    >
    > Sì, lo è.
    >
    > > Quindi resterebbe al posto dell'ultima e
    > > l'accento,no?
    >
    > Si distingue tra elisione
    > (http://it.wikipedia.org/wiki/Elisione) e
    > troncamento
    > (http://it.wikipedia.org/wiki/Apocope).
    >
    > "qual è" deve essere scritto senza apostrofo (per
    > via del fatto che la parola tronca "qual" compare
    > davanti a consonante in espressioni come "un
    > certo qual modo" o "qual buon vento") e così
    > infatti affermano le principali grammatiche
    > italiane (il Serianni e il Dardano-Trifone).
    >
    >
    > Bruno Migliorini afferma ad esempio che la
    > distinzione elisione-troncamento è artificiosa,
    > ma visto che c'è deve essere rispettata. Altri,
    > tuttavia, come Franco Fochi, affermano che l'uso
    > troncato di "qual" è ormai arcaico e sopravvive
    > soltanto in alcune "frasi fatte" ereditate dal
    > passato (come quelle sopra citate), e quindi la
    > forma apostrofata ha pieno diritto di
    > esistenza.
    >
    > Alcuni scrittori, tra cui Federigo Tozzi, Mario
    > Tobino, Tommaso Landolfi, Paolo Monelli,
    > Bonaventura Tecchi, hanno comunque usato la forma
    > apostrofata, effettivamente molto in uso al
    > giorno d'oggi tuttavia considerata errore nella
    > pratica scolastica dalla maggioranza dei
    > professori.
    >
    > > Chiedo scusa sono francese ma studio italiano
    > > potreste
    > > rispondermi?
    >
    > Oh la la!

    Grazie mille per la risposta, sei stato esauriente e molto gentile.

    Oh la la!!! Rotola dal ridere

    Merci!
    non+autenticato

  • > Chiedo scusa sono francese ma studio italiano
    > potreste
    > rispondermi?
    > Grazie...

    Con l'italiano, caro mio cugino d'oltralpe, ci devi sbattere ben bene la testa ...........
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)