Ubuntu 7.04, il cerbiatto è nato

Come previsto, ieri è stata rilasciata la nuova release della famosa distribuzione Linux che si porta appresso due edizioni, desktop e server, e diverse varianti. Ecco tutte le principali novità

Londra - Puntuale con il suo tradizionale ciclo semestrale di sviluppo, ieri il team di Ubuntu ha lanciato la nuova release stabile della sua famosa distribuzione Linux. Ubuntu 7.04, chiamata in codice Feisty Fawn, è disponibile per il download qui insieme alle sue principali varianti: Kubuntu, basata sul desktop environment KDE; Xubuntu, che utilizza invece il desktop environment Xfce; e Edubuntu, rivolta al settore educativo.

Ubuntu 7.04 prende il posto della versione 6.10 "Edgy Eft" e, come quest'ultima, arriva nell'edizione desktop e server. Al suo cuore c'è il kernel di Linux 2.6.20 e le interfacce grafiche KDE 3.5.6, GNOME 2.18 e Xfce 4.4.

Le novità sono visibili fin dal processo di installazione, dove il partizionatore del disco Gparted è stato sostituito da Ubiquity e dove è possibile avvalersi del Migration Assistant, tool che permette di importare automaticamente da Windows i segnalibri di Internet Explorer o di Firefox, gli sfondi del Desktop e i contatti di alcuni diffusi instant messenger. Questo tool è soprattutto utile a chi desidera installare Ubuntu in dual-boot con Windows.
In fase di installazione è stato inoltre migliorato il riconoscimento dell'hardware, soprattutto per quanto riguarda i notebook.

Clicca per ingrandireIn Ubuntu 7.04 fa capolino l'Easy-to-install codec wizard, un programma grafico che semplifica l'installazione di codec multimediali aggiuntivi: nel caso in cui non si riesca a riprodurre un file, il tool suggerisce automaticamente il download del codec più adatto. Il tool Restricted Drivers manager permette invece di installare drive grafici o WiFi proprietari.

Tra i nuovi programmi c'è poi il Gnome Control Center, ereditato da SUSE, che contiene delle applet di configurazione per l'accessibilità, i font, la tastiera e il mouse, il tema del desktop, lo sfondo, il sonoro, l'interfaccia utente, la risoluzione dello schermo, e altri parametri; ntfs-config, che grazie ai driver open source ntfs-3g consente di configurare l'accesso in lettura/scrittura ai dischi con il file-system NTFS di Windows (in precedenza l'accesso, per default, era consentito solo in lettura); Tracker, un desktop search simile a Beagle e Google Desktop; e Avahi, una implementazione open source di ZeroConf che permette di rilevare automaticamente una rete wireless e condividere con altri sistemi della stessa rete musica, file, stampanti e altre risorse.

Gli sviluppatori di Ubuntu hanno poi migliorato l'Help Center, un sistema di aiuto centralizzato di cui è stata limata l'interfaccia e sono stati aggiunti molti argomenti. Il gruppo di volontari italiani che si occupa della traduzione di Ubuntu ha per altro già tradotto quasi tutta la nuova distribuzione.

Dal punto di vista grafico, Feisty Fawn include un tema ampiamente rivisitato e permette di attivare effetti 3D per il desktop.

Clicca per ingrandireIn Ubuntu 7.04 è stato infine incluso il modulo Kernel Virtual Machine (KVM), che permette di far girare più sistemi operativi sullo stesso PC, ed il supporto alle estensioni hardware Intel VT o AMD-V e a VMI, che ottimizza le performance di VMware. Al debutto anche Jetpipe, una nuova architettura per la stampa dedicata ai thin client.

Va segnalato come, nella giornata di ieri, i siti di Ubuntu siano stati a tratti irraggiungibili o molto lenti.

"Risulta impossibile connetersi al sito di ubuntu, sia nell'edizione curata dalla community italiana di ubuntu-it.org, sia in quella internazionale, ubuntu.com. Evidentemente le richieste di contatto sono davvero innumerevoli!!", ha scritto ieri pomeriggio alla redazione di Punto Informatico un lettore.

Lo staff di Ubuntu raccomanda agli utenti di scaricare le ISO di Ubuntu avvalendosi di BitTorrent.

Come noto Ubuntu è una distribuzione Linux basata su Debian nata nell'ottobre 2004 con il rilascio della versione 4.10 "Warty Warthog": i numeri di versione usano la cifra intera per indicare l'anno e quella decimale per indicare il mese di rilascio.

a cura di Simone Brunozzi e Alessandro Del Rosso
633 Commenti alla Notizia Ubuntu 7.04, il cerbiatto è nato
Ordina
  • Cari winari, io non ho niente contro voi che usate win; ma cavolo buttare tutta quella m..da a noi linari...
    Io uso ubuntu e come stabilità è MOLTO superiore a win, poi vedetela come volete.
    Ciao
    non+autenticato
  • Immagino, purtroppo, che tale post possa portare ad trollismo o flame battle.
    Beh quetq non e' l'intenzione, bensi' una semplice constatazione di una esperienza.
    Un amico, contento dzel suo nuovo acquisto, mi piomba in casa per rimuovere Vista ed installare un dual boot WindowsXP/Gnu-Linux.
    I motivi: mancanza di supporto/installazione di alcuni driver che gli servono [per dei touch screens] e curiosita' per gnu/linux [nulla più, per i maliziosi].
    Prima parte dell'installazione Windows XP [regolarmente licenziato].
    Dal sito Sony, nessuna facilities per accedere a driver per XP per quel modello di portatile. Solo driver per Vista.
    Beh poca paura. Cerchiamo all'interno del s.o. cosa non rioconosce e grazie alla documentazione online cerchiamo di trovare i driver per le periferiche non riconosciute.
    Purtroppo alcuni driver [chipset Intel] non son disponibili direttamente dal produttore.
    Ancora, poca paura. Abbiamo le specifiche del chipset, qualcuno ben lo avra' disponibile per il diffusissimo XP.
    Ed infatti, trovati i driver. Finalmente riconosciuta la scheda di rete [si di questo si trattava].
    Via dunque verso nuovi orizzonti: scheda video, scheda audio, wifi, ecc ecc.
    Ma, visto che nella vita ho altro da fare che correre dietro a queste noiose e faticose ricerche di compattibilita', si procede verso il dual boot.
    Scelgo di offrirgli Ubuntu 7.04, per il semplice motivo che anche io son curioso di vederla, perche' la OpenSuSE mi sembra in stallo da quando e' diventata "comunity" [vedi la distruzione parziale di YaST2] e perche' non mi piace la Mandriva o la FC. Dunque questione di gusti. Essendo poi Amministratore di Sistema principalmente per sistemi Debian [e SuSE ed anche W2003srv e famigliola client] il gioco sembra ovvio.
    Installazione veloce e diretta.
    Un po' di bloatware pero' va' bella spedita.
    E con grande sorpresa di entrambi, completo supporto immediato a tutto cio' che XP non aveva a disposizione. Dalla INVIDIA passando per Ethernet e poi via per la maledetta scheda audio che ancora in XP da' problemi di driver [posso esser smentito, ma voglio affermazioni concrete... ok, se possibile].

    Il neofita e' rimasto allibito, oltre che dal fatto che il suo bel portatile nuovo finalmente funzionva a pallino [si anche i driver per il touch screen, per i troll: e' esterno al portatile, e se serve ci sono delle cose strane chiamate adattatori...]
    anche dalla velocita' di accedere ai servizi che comunemente utilizzava [Photoshop CS e Indesign 2.0 in mulazione Wine: beh e' facile se non si deve crackare il programma, no?].

    Alla fine la frase che tanto mi ha fatto ridere [vai troll, e' servita su di un piatto d'argento]:
    "Ci voleva un Amministratore di sistema per installare XP"

    Buona serata
    ecc
    121
  • Si chiama CULO. Non tutti lo hanno. Io non l'ho mai avuto con "Linux".
    non+autenticato
  • eh eh eh
    dalla risposta la tua non sembra sfortuna
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Si chiama CULO. Non tutti lo hanno. Io non l'ho
    > mai avuto con
    > "Linux".

    Io si con il mio green 732, non e' che quella che hai tu si chiama SF1GA ???
    Che marca e modello ti ha deluso ?
    non+autenticato
  • Le polemiche di Debian contro Ubuntu, piuttosto che per una presunta scarsa collaborazione, non saranno invece per l'approccio più "soft" di Ubuntu verso i driver proprietari, ove siano indispensabili, e anche, o forse soprattutto, perché alla fine da Ubuntu si sono accorti di quanto fosse di lana caprina la questione e non hanno seguito Debian nella fork di Firefox e Thunderbird? Idea!Angioletto
    non+autenticato
  • Ubuntu ringrazia Debian.
    Ubuntu è comunque un' ottima distribuzione.
    Ma Debian è Debian.

    Certo, Ubuntu va benissimo per i drogati e alcolizzati provenienti dal mondo ms-winzozz; tipici individui farlocchi e imbranati che vanno assieme solo se c'è da uscire un attimo dal binario tracciato. Ubunto viene in soccorso a questi individui facilitando loro tutto il lavoro.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ubuntu ringrazia Debian.
    > Ubuntu è comunque un' ottima distribuzione.
    > Ma Debian è Debian.
    >
    > Certo, Ubuntu va benissimo per i drogati e
    > alcolizzati provenienti dal mondo ms-winzozz;
    > tipici individui farlocchi e imbranati che vanno
    > assieme solo se c'è da uscire un attimo dal
    > binario tracciato. Ubunto viene in soccorso a
    > questi individui facilitando loro tutto il
    > lavoro.

    http://www.ubuntu-it.org/index.php?page=Ubuntu_e_D...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Kirisuto
    > ...MS che fa?
    >
    > http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1963194&m_i
    > http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1963194&m_i


    Tieni conto che il mercato delle console e' stato sempre strano. I prodotti tecnologicamente migliori non hanno mai avuto un gran successo. Probabilmente perche' il bacino di pubblico e' in genere costituito da modaioli non particolarmente tecnici. In quel settore se sbagli la campagna di marketing perdi.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: Kirisuto
    > > ...MS che fa?
    > >
    > >
    > http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1963194&m_i
    > >
    > http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1963194&m_i
    >
    >
    > Tieni conto che il mercato delle console e' stato
    > sempre strano. I prodotti tecnologicamente
    > migliori non hanno mai avuto un gran successo.
    > Probabilmente perche' il bacino di pubblico e' in
    > genere costituito da modaioli non particolarmente
    > tecnici. In quel settore se sbagli la campagna di
    > marketing
    > perdi.

    Questo è vero, ma se ci aggiungi zune, i portali Live, il rincorrere Google, Youtube, Adobe, etc., il quadro che ne viene fuori è che MS cerca di diversificare con l'approccio "forza bruta", gettando nel piatto la forza dei suoi miliardi, ma dimostrando però di capire poco i mercati al di fuori del suo core business.
    Il caso XBox360, poi, è eclatante: partita in anticipo, ha prima sprecato il primo vantaggio con una partenza deludente, poi si è ripresa, accumulando nel corso del 2006 un vantaggio consistente e ora lo sta perdendo inesorabilmente, a vista d'occhio, con Wii che fa faville e perfino la deludente PS3 che dopo il lancio europeo adesso ha vendite settimanali maggiori, ora è arrivata pure la tegola che i principali analisti stanno rivedendo al ribasso le stime sulle reali vendite al dettaglio delle XBox360.

    L'accoglienza tiepida a Vista, i prezzi stellari delle versioni non basiche, le limitazioni poste dalla licenza d'uso e gli strumenti per imporle sempre più asfissianti, aggiungono anche l'impressione che stia perdendo un po' il contatto coi clienti dei suoi mercati principali.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 aprile 2007 19.15
    -----------------------------------------------------------
  • Era inevitabile che perdessero il contatto, qualsiasi cosa facciano è evidente che il loro sforzo principale è spremere più possibile i clienti.
    Certo, anche le altre aziende non fanno beneficenza, ma MS è veramente troppo sfacciata.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Successiva
(pagina 1/10 - 49 discussioni)