MySpace: fermi tutti, le news leggetele qui

Il portalone sociale sta per offrire una nuova facility agli spacer, che non dovranno d'ora in poi lasciare il sito per nessun motivo. Nemmeno per leggere - e votare - le news

Roma - La nuova trovata di News Corp. si chiama MySpace News, ed è il tentativo della società di Murdoch di calamitare ancora l'attenzione su uno dei siti che è già tra i più visitati di tutta Internet. Un po' aggregatore di news, un po' selezionatore di popolarità delle notizie, MySpace News avrà alla base la stessa community che ha finora decretato l'enorme successo e popolarità del portale. Con tanto di guadagnato se arrivano inserzionisti freschi a chiedere spazio.

Il nuovo servizio, che sarà attivato in questi giorni, fonde l'approccio di Google News nella raccolta delle fonti di informazione e quello di Digg.com per la classificazione e la presentazione basata sul giudizio degli utenti: MySpace ambisce a dire qualcosa di nuovo, basandosi sulla enorme forza delle società in mano a News Corp. e sulla altrettanto sostanziosa community - 106 milioni di account a settembre 2006 - che lo ha fatto diventare colosso del web.

Le fonti delle notizie, stando a quanto sostengono i dirigenti della società, verranno setacciate tra un numero ancora più vasto delle 4.500 attualmente impiegate da Google News, anche se non vengono forniti numeri specifici. Una volta raccolte, le news potranno essere valutate dagli spacer, che appiopperanno loro un voto da 1 a 5.
Le top stories verranno poi presentate in cima alla classifica delle categorie di appartenenza, trasformando MySpace News in una sorta di mezzo di comunicazione degli utenti per gli utenti. Parlando di categorie, TechCrunch ne cita 25, con 300 sottocategorie che includono sport, politica, style, tecnologia e quant'altro.

MySpace News non nasce dal nulla: alla base del meccanismo di aggregazione/catalogazione dei contenuti si trova la tecnologia di Newroo, il raccogli-notizie mai nato o, meglio, acquistato prima della nascita da MySpace per una cifra vicina ai 7 milioni di dollari. E proprio dai creatori di Newroo, Brian Norgard e Dan Gould - ora dipendenti MySpace/Fox - arrivano in queste ore le prime indiscrezioni sul servizio.

Indiscrezioni che si rivelano interessanti soprattutto sul versante advertising: "Molti pubblicitari hanno mostrato interesse per il servizio - ha dichiarato Norgard - che permetterà loro di focalizzare l'attenzione sulla community di MySpace in maniera più diretta". Interesse che, qualora si concretizzasse in veri e propri accordi, farebbe lievitare ancor di più gli attuali 500 milioni di dollari di entrate generate dalle attività telematiche di News Corp.

MySpace, ad ogni modo, potrebbe trovarsi ad affrontare qualche ostacolo inaspettato: come insegna la querelle legale tra Google e AFP, scatenata dalla distribuzione dei contenuti dell'agenzia di stampa transalpina su Google News e infine risoltasi con la capitolazione di BigG, la raccolta indiscriminata delle informazioni in rete può rivelarsi un'impresa tutta in salita.

Alfonso Maruccia
4 Commenti alla Notizia MySpace: fermi tutti, le news leggetele qui
Ordina
  • Ora manca solo che My Space venga trasformato in un mondo virtuale 3D, con in più tutti gli strumenti e servizi di prima, e ciao ciao a Second Life e a tutti i mondi virtuali "sociali" e non ludici.
    non+autenticato
  • io non voglio leggere quello che vota la MASSA ... voglio leggere quello che votano le persone che mi sono affini!!!!

    dato che profilano tutti, che la usino, 'sta caratteristica della profilazione.

    Io non voglio leggere quello che votano tutti... ma quello che votano coloro ceh sono profilati nella mia stessa categoria o sottocategoria...

    tutti a targetizzare ? Benissimo, allora facciamolo anche per non darmi da vedere cazzate di gossip irrilevante: per me la pertinenza è differente da quella di molti altri ... anzi di MOLTISSIMI ALTRI ... ma questi moltissimi non soddisfano me e molti altri.

    NOI MOLTI altri, vogliamo taggare e vedere nel nostro gruppo.

    io non so chi siano, loro non sanno chi io sia... ma se il sistema lo sa, se il sistema ci ha infilato in una categoria, che usi questo per farci del bene.

    Preghiamo.

    Amen.

    non+autenticato

  • Ora tutti scoprono che su Usenet ci sono i contenutini di qualita', e che questi si possono *succhiare* a gratis per farci i soldi.

    Sarebbe ora di creare una licenza collettiva per Usenet che eviti che qualcuno possa usare indiscriminatamente le cose che al gente pubblica.

    Percheì io voglio essere messo negli Archive di Usenet, quindi l'X-noarchive non e' la risposta.

    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > Ora tutti scoprono che su Usenet ci sono i
    > contenutini di qualita', e che questi si possono
    > *succhiare* a gratis per farci i
    > soldi.

    > Sarebbe ora di creare una licenza collettiva per
    > Usenet che eviti che qualcuno possa usare
    > indiscriminatamente le cose che al gente
    > pubblica.

    > Percheì io voglio essere messo negli Archive di
    > Usenet, quindi l'X-noarchive non e' la
    > risposta.


    Scusa mi puoi spiegare meglio da dove ricavi che hanno in programma di servirsi degli archivi usenet?