Transmeta lancia Mobile Linux

Sviluppato anche da Linus Torvalds, il nuovo sistema operativo punta ai device leggeri e non intende fare concorrenza alle distribuzioni Linux esistenti. Ma sarà una novità

Web (internet) - Non sarà una nuova versione di Linux per server ma una versione di Linux per computer leggeri, un "Mobile Linux": questi i progetti di Transmeta, l'impresa che negli scorsi giorni è finita su tutte le prime pagine per il lancio dei suoi nuovi processori Crusoe.

Transmeta, azienda il cui motore comprende anche il padre di Linux, Linus Torvalds, sta lavorando per adattare il sistema operativo open source ai device mobile, agli hand held e alle cosiddette info appliance dedicate anche alla connettività internet.

Stando ai dirigenti di Transmeta, che potranno contare proprio su Torvalds per catturare l'attenzione degli sviluppatori Linux, "noi non siamo in competizione con Red Hat o altri. Noi stiamo aiutando gli sviluppatori a lavorare su questo e ad assemblare il tutto".
Tra i risultati così ottenuti, spiegano in Transmeta, ci sono applicazioni che supportano i touch-screen, software che gestisce vere e proprie tastiere su touch screen e in grado di riconoscere la scrittura. Ma anche sistemi di compressione dei file e applicazioni per consentire a device leggeri di gestire via rete file che risiedono su server remoti.

Transmeta ha anche sottolineato che è propria intenzione rilasciare, come già sta avvenendo, le proprie realizzazioni attraverso la General Public License, un ambiente che richiede alle aziende che utilizzeranno quei codici, ad offrire gratuitamente i prodotti sviluppati partendo da lì.